M5S, Roberto Fico ammette: "Su Marra e l'Alde abbiamo sbagliato"

Molti i temi toccati nell'intervista: dalle dimissioni di Verdelli dalla Rai, al cyberspionaggio, ai congiuntivi di Luigi Di Maio, fino alla vicenda dell'Alde

"Marra è stato un errore, un grave errore. Abbiamo sbagliato, quando si sbaglia bisogna dirlo in modo chiaro e trasparente", così il deputato del Movimento 5 Stelle Roberto Fico a L'intervista di Maria Latella su Skytg24, commenta la nomina di Raffaele Marra da parte di Virginia Raggi, sindaco di Roma.

Molti i temi trattati durante l'intervista sul canale all news. Dalle dimissioni di Verdelli dalla Rai, al cyberspionaggio, ai congiuntivi di Luigi Di Maio, fino alla vicenda dell'Alde. Partendo da quest'ultima questione, il presidente della commissione di vigilanza Rai ha dichiarato: "È una bugia che l'ingresso nell'Alde avrebbe aiutato economicamente la Casaleggio associati. Al massimo l'entrata nell'Alde avrebbe dato dei fondi aggiuntivi al gruppo parlamentare per aiutare delle leggi, non alla Casaleggio. La Casaleggio, in questo caso, non c'entra niente. Noi abbiamo Rousseau che è un'associazione e non agisce nella Casaleggio: è totalmente distinta e separata. È un'associazione no profit nella quale c'è Rousseau. Sono cose completamente scollegate e questa sarebbe una grande bufala".

Fico passa poi a parlare delle dimissioni di Carlo Verdelli, direttore dell'offerta informativa Rai: "Le dimissioni di Verdelli sono state un fallimento che attribuisco innanzi tutto a Renzi che ha voluto lui e Campo Dall'Orto. L'ex premier ha fatto una legge per cui una persona al comando, cioè Renzi, nomina l'ad della televisione pubblica. Noi non la volevamo, è un unicum in Europa: si passa dalla lottizzazione dei partiti al controllo del governo. Sono gli stessi consiglieri, voluti dal Pd, che hanno bocciato il piano di Verdelli. Hanno gestito la par condicio prima del referendum per cui si dovrebbero dimettere".

In risposta a Matteo Renzi, che ha definito il Movimento 5 Stelle un algoritmo, Fico ha replicato: "Noi un algoritmo? È una bugia, Renzi ha moltissimi problemi interni al Pd. Renzi cerca di buttare un po' di fango, meglio che guardi dentro casa sua, alle sue sconfitte".

In merito alle prossime elezioni, il deputato prende invece di mira Silvio Berlusconi: "Noi non facciamo alleanze né con la Lega né con il Pd. Se ci sarà il proporzionale puro speriamo di avere il 51%, così presenteremo il nostro programma e vedremo chi ci sta, confrontandoci sui temi. Berlusconi vuole solo andare più tardi possibile a elezioni. Aspetta il 2018 perché pensa di essere riammesso".

E infine una battuta sui problemi con il congiutivo di Luigi Di Maio: "Anch'io ogni tanto lotto con il congiuntivo".

Commenti
Ritratto di aquila

aquila

Dom, 15/01/2017 - 14:51

Fico se hai un minimo di onestà intellettuale e di dignità invece di sparare sentenze guarda a che cosa sai fare tu e cercati un lavoro onesto secondo le tue potenzialità. di parassiti politici ne abbiamo già troppi Quelli come te sono all'amo di uno pseudo tragicomico che vi permette di guadagnare ricche parcelle senza fare nulla, perché la vostra massima espressione di capacità sono la Raggi e la Appendino, in quanto ai congiuntivi se li sbagli anche tu vai a Scuola di Italiano!!!

angelo1951

Dom, 15/01/2017 - 14:56

La cosa giusta della raggi è stata dimostrare chi sono i grillini indebitando maggiormente il comune di Roma per ristrutturare un hotel per ficcarci in mantenimento gratuito i clandestini che continuano a sbarcare.