"Macché legge elettorale La vera emergenza i giovani senza lavoro"

L'ex ministro: "Fi è forza di governo, deve dare soluzioni. Con regole del voto non si mangia"

Roma Onorevole Mariastella Gelmini, qual è il suo bilancio dell'esperienza di Renzi al governo?

«I mille giorni di governo Renzi lasciano un'eredità estremamente modesta. Le sue riforme istituzionali sono state cancellate dagli italiani, il Jobs Act non ha dato i risultati sperati, tra abuso dei voucher, riduzione degli occupati a tempo indeterminato e aumento della precarietà, così come è stata bocciata la legge Madia sulla Pubblica Amministrazione».

Da dove bisogna ripartire?

«L'emergenza è l'occupazione giovanile. La speranza è che il 2017 non trascorra in un dibattito su alleanze e legge elettorale, perché gli italiani non mangiano con la legge elettorale».

Di fronte ai problemi del Pd e al fallimento amministrativo del M5S il centrodestra è pronto a giocare le sue carte?

«Abbiamo il dovere di tornare protagonisti. Per questo Forza Italia che ha da sempre una vocazione riformista non può non avanzare soluzioni rispetto all'emergenza occupazione. L'Istat ci dice che 6 giovani su 10 vivono con i genitori, tanti sognano di espatriare, la disoccupazione giovanile è oltre il 40%. Rischiamo di perdere una generazione».

Il Jobs Act non ha smosso il mercato del lavoro. Quale la ricetta alternativa?

«Regione Lombardia è sicuramente un modello, qui sono stati individuati strumenti come la dote lavoro, l'alternanza scuola-lavoro, l'apprendistato duale. Ci sono opportunità derivanti dal Piano Industria 4.0 del ministro Calenda. Fondamentale è accelerare i tempi di ingresso e quelli di passaggio da un lavoro all'altro».

Ci sono spazi per iniziative serie senza essere accusati di nostalgia del Nazareno?

«Forza Italia non deve cavalcare le paure ma ricercare soluzioni. Faremo una opposizione senza sconti, ma noi ci candidiamo a essere forza di governo».

Qual è la prima mossa che avete in mente?

«Il 9 gennaio a Palazzo Marino abbiamo in programma il Forum del Lavoro, un incontro con tutti i sindacati, Cgil, Cisl e Uil e Ugl, così come Assolombarda, Confapi, Confartigianato, Assocooperative, Afol, con l'assessore Valentina Aprea. Metteremo in campo proposte per il riordino delle politiche attive. Bisogna dare strumenti ai ragazzi per farli diventare imprenditori della propria occupabilità. Inoltre dobbiamo confrontarci su come garantire a questa generazione una prospettiva previdenziale altrimenti avrà pensioni che saranno il 50% degli stipendi da fame di oggi».

In una stagione di tweet e slides non teme la difficoltà di comunicare tematiche come queste?

«Berlusconi è stato l'ultimo che ha aumentato le pensioni minime, ha introdotto la social card e gli ammortizzatori in deroga. È nel solco della nostra cultura. Bisogna spiegare che la flessibilità non si può tradurre nell'offrire ai giovani lavori in un call-center a 500 euro al mese».

Dove trovare le risorse?

«Dobbiamo osservare la realtà. Il 50% di chi si rivolge a strutture caritative è italiano. Nove milioni sono in stato di povertà e 6 milioni in povertà assoluta. Sono andata in Via Vittor Pisani a dare generi di conforto ai senzatetto e mi sono trovata di fronte a tanti italiani. Se lo Stato spende 35 euro al giorno per un immigrato, qual è la cifra che destina per gli italiani? C'è un problema di distribuzione delle risorse».

Confindustria si è schierata con decisione per «Sì». Come sono i vostri rapporti oggi?

«Non ci rivolgiamo all'establishment, vogliamo parlare a professionisti, artigiani, pmi, alle partite Iva tartassate dalle tasse. È un blocco sociale che abbiamo sempre rappresentato, alcuni avevano concesso una apertura di credito a Renzi, ma si è tradotta in delusione».

È stato giusto votare il salvataggio di Montepaschi?

«Sì, ma serve una commissione di inchiesta, perché questo è il fallimento della gestione partitica in capo a una banca. Così come sarebbe altrettanto giusto salvare i giovani di Almaviva. L'Italia riparte se è in grado di accendere la fiducia nei giovani offrendo serie prospettive di occupazione».

Commenti
Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Lun, 02/01/2017 - 09:15

Grazie Mariastella Nostra condottiera di Forza Italia le sue parole mi trovano concorde nell'affiancarmi, per quanto è nelle mie piccole possibilità, alla sua visione reale della vita; nessuno che si volge indietro, dice il Signore, è degno di me; così andiamo avanti con fiducia. Shalòm.

venco

Lun, 02/01/2017 - 09:22

E per risolvere il problema del lavoro bisogna accogliere immigrati e aumentare le tasse.

audionova

Lun, 02/01/2017 - 09:31

allora dite agli imprenditori di assumere,perche' come avete visto con gli incentivi hanno assunto,senza non lo hanno fatto.volete capirlo che anche gli imprenditori sono italiani e hanno tutti bisogno dell'incentivo statale,non regalano niente a nessuno e non fanno sforzi se non gli viene in tasca niente.ricordatevi il cambio lira euro,i commercianti,non il governo che aveva fatto mettere il controvalore in lire del prezzo,hanno fatto raddoppiare il cambio.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 02/01/2017 - 09:59

Gli italiani hanno perso un occasione con il referendum, adesso la voglia di inciuci è alla luce del sole, spudorata.Le elezioni si allontanano.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 02/01/2017 - 10:22

Ma a loro non interessa! L'importante è galleggiare, mantenere la cadrega e lo stipendio, deve passare quest' anno almeno. Se così non fosse, in 15 giorni si fa la legge e si sarebbe andati a votare subito. Ma l'80 % dei politici non vuole, ergo, volete che si interessino di voi? Credete alle favole?

montenotte

Lun, 02/01/2017 - 10:22

No, On. Gelmini, non è stato giusto salvare MPS se prima non si inquisiscono i responsabili che hanno portato a ciò sequestrando tutti i loro averi come si sarebbe dovuto fare per le altre quattro Banche tra cui la mitica Etruria. Ma il PD per le "sue" Banche non vorrà mai una Commissione d'inchiesta.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 02/01/2017 - 10:31

@Agrippina, mi stupisce in negativo se lei sostiene che il lavoro manca perchè ha perso il suo referendum. Governavate prima di esso (mettendo le basi del disastro) e siete lì ancora adesso, usurpando un potere che il popolo vi ha ribadito che non avete. Perchè date la colpa agli altri, come sempre? Ve la cantate e ve la suonate da soli. Dice che le elezioni si allontanano. Guardi che noi lo avevamo capito e detto da subito, che avreste tirato alla lunga fino al 2018, rilegga i miei postati. Solo lei ha il prosciutto sugli occhi. Continui a difenderli, ne sarà responsabile anche lei dei disastri futuri, non dia sempre la colpa agli altri, a quelli che sostenevano il contrario. Sempre più faziosi siete e per questo insopportabili.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 02/01/2017 - 10:32

On Gelmini, lei mi è sempre piaciuta come politico, ma quando dice che "Fi è forza di governo, ...", che farete "...una opposizione senza sconti...", beh allora mi sento preso in giro, come tanti altri ex-elettori di FI. Il guaio è che, pieni di traditori e di opportunisti qual è FI, non portate più avanti le nostre aspettative già dal lontano 2011, da quando vi è piaciuto confondere le idealità di FI, le nostre idealità, con quelle spregevoli della sinistra. In questo Berlusconi è stato un grande artefice distruggendo così tutto ciò per cui era nato come politico. E per questi suoi atti non c’è giustificazione alcuna, come è suo solito fare. Ora è... (1 di 2)

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 02/01/2017 - 10:33

...inutile usare frasi ad effetto, come quelle che usa lei in quest'intervista, perché per voi e per la cosa che è adesso FI non c'è più futuro, in considerazione anche del fatto che in questi anni avete distrutto il nostro di futuro e delle nostre generazioni nella vostra santa alleanza con il PD, nel PD, per il PD. Ed è anche per questo che voi nel centrodestra non avrete più voce in capitolo per quanti sforzi facciate, perché ormai siete solo auto-referenziali. Noi elettori ci siamo già da tempo ripresi i nostri voti. Non ci rappresentate più e non ci rappresenterete più con il vostro Berlusca leader, ma "de che?" dicono a Roma, magari di un guscio vuoto che vi ostinate a chiamare ancora FI. (2 di 2)

Lucaferro

Lun, 02/01/2017 - 10:48

On. Gelmini, la smetta di dire cose impossibili e di nascondere la verità. Avete inciuciato con Renzi e ne avete combinate di cotte e di crude al popolo italiano. Avete contribuito ad approvare leggi che hanno distrutto l'economia e massacrato i contribuenti: l'ultimo il salvataggio di MPS. HA ragione Bruxelles: bail in! Alle prossime elezioni prenderete voti da prefisso telefonico milanese e lei, finalmente, potrà, se capace, aprire uno studiolo legale nel basso Garda.

antipifferaio

Lun, 02/01/2017 - 10:57

..."Con regole del voto non si mangia"...Egr. Gelmini, questo lo dica al Gran Capo di FI che a quanto pare mette per primo in tavola, oltre alle aragoste, le proprietà di famiglia. Oramai c'è gente che come unica proprietà ha quella di respirare e di regionare (credo ancora per poco...). Se Lei la pensa diversamente si sfili da questo partito morente e si faccia promotrice, magari insieme alla Carfagna ed ad altri, di un nuovo Movimento di destra escludendo la parte "inservibile e oltretutto incapace". Buon lavoro...

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 02/01/2017 - 11:04

PER FAVORIRE IL RICAMBIO GENERAZIONALE OCCORRE MANDARE IN PENSIONE CHI HA GIA' 40 ANNI DI LAVORO E SOSTITUIRLI CON I GIOVANI. TROVO ASSURDO CHE I MAGISTRATI LAVORINO A 70 ANNI E OLTRE. QUESTI PRIVILEGI DEVONO FINIRE. A CASA ANCHE LORO BASTA DISEGUAGLIANZE.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 02/01/2017 - 11:08

...E quell'"establishment" che voi a parole aborrite, nei fatti lo coccolate votando, per esempio, anche a favore del salvataggio di MPS, feudo PD da sempre e non è il solo, insieme all'"establishment" quale che sia. Politico in questo caso. Il vostro voto a favore dell'"establishment", mascherato sempre da una finta motivazone sociale e per il sociale, è sempre contro la giustizia, la volontà popolare e soprattutto la volontà dei vostri ex-elettori, che si sentono ancora una volta turlupinati.

unosolo

Lun, 02/01/2017 - 12:35

primo pensiero è solo incentivare al lavoro , sconosciuto a questi ultimi quattro governi dal Monti in poi , solo parassitario e non rende ma crea debito ovviamente , i giovani vanno incentivati a crearsi lavoro per i fini della pensione altrimenti si ferma un sistema che funzionava bene , da tre anni le pensioni sono scese di moltissimo per incapacità dei governi , governo che non ha rispettato la sentenza sulla legge Fornero ha dato una botta di stop alla intera economia Nazionale , l'aereo è la conferma dei sprechi effettuati in tre anni passati ,

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 02/01/2017 - 12:39

Cara e simpatica Gelmini: sono due cose diverse. La situazione dei giovani è drammatica e serve ad un certo potere per far diminuire il costo del lavoro, magari inserendo meno pretenziosi immigrati, possibilmente musulmani. Ma anche la legge elettorale non è cosa di poco conto e non si vede perché si voglia ancora una legge proporzionale, utile essenzialmente alla sopravvivenza dei partiti inutili. Ci vorrebbe un sistema alla francese, naturalmente, non la risibile legge elettorale in stile renziano, che con il 40% si vince tutto: un poco incostituzionale, ma per farci conoscere il parere sovrano siamo ancora in attesa, non essendo bastati 8 mesi.

Gianca59

Lun, 02/01/2017 - 13:10

,ma va ? Ma questa dov è stata finora ? Ci metterei anche una onesta e puntuale paga......al cuore di tutto il problema fondamentale sono le tasse,

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 02/01/2017 - 13:17

Visto che lavoro non se ne crea con le tasse pd a livelli inaccettabili e avete bloccato il ricambio generazionale con una legge pensionistica folle adesso posti di lavoro zero. Dopo 40 di contributi si deve andare in pensione e liberare posti di lavoro. Non ci vuole un genio per capirlo.

elpaso21

Lun, 02/01/2017 - 13:25

Ma quale legge elettorale, noi abbiamo bisogno solo di un buon governicchio per gestire l'ordinario, con Forza Italia alleata col PD, "per senso di responsabilità".

elpaso21

Lun, 02/01/2017 - 13:29

La legge elettorale? Ma non l'avevamo già fatta??

giovinap

Lun, 02/01/2017 - 13:30

ma che legge elettorale e lavoro , la vera emergenza siete voi politici , e qualcuno si drovrà occupare di voi .

Keplero17

Lun, 02/01/2017 - 13:52

Nel paese dei vaucher l'emergenza non è il lavoro, è l'immigrazione che drena risorse da destinare ai lavoratori messi in ginocchio dalla concorrenza globalizzatrice e dall'europeismo di Ventotene.