Mai in fabbrica. Però guida la Fiom

C'è qualcosa di difficile da capire e, va ammesso, perfino un po' fastidioso nel fatto che l'ultimo baluardo del sindacalismo classista, ossia la Fiom, sia oggi guidata da una dirigente (Francesca Re David) che non ha mai lavorato in fabbrica. Il segnale è chiaro e ci dice che, una volta per tutte, quello del sindacalista è ormai divenuto un mestiere tra gli altri: un lavoro che si impara negli uffici di tali organizzazioni e che non implica in alcun modo la condivisione di una storia e di un'esperienza di vita.

In passato, in effetti, il sindacato metalmeccanico era rappresentato da un operaio che, grazie a una delega proveniente dai propri colleghi, si proponeva di «rappresentare» gli altri lavoratori. Poiché il padrone non poteva confrontarsi al tempo stesso con migliaia di dipendenti, questi ultimi selezionavano al loro interno qualcuno che grazie ai propri valori e alle proprie capacità era giudicato in grado di tutelarne i diritti, condurre la lotta e sostenerne le richieste.

In seguito, abbiamo però assistito a un progressivo sganciamento dei rappresentati dai rappresentanti, aggravato dal fatto che questi ultimi hanno un poco alla volta utilizzato il loro ruolo per costruire posizione di potere e privilegio. Se oggi i sindacalisti sono spesso percepiti, anche dopo una lunga serie di scandali e abusi, una componente tra le altre di quel ceto dirigente parassitario che ha rovinato la società italiana (un tempo florida e ricca di prospettive), questo si deve anche a una «professionalizzazione» della rappresentanza che ha deluso operai e impiegati, oggi sempre meno disposti a iscriversi al sindacato e ancor meno a dedicare a tale organizzazione una parte del proprio tempo.

Nessuno intende dire che la dottoressa Re David non sarà in grado di guidare i metalmeccanici, ma c'è da domandarsi se non ci fosse proprio nessuno tra quanti in fabbrica ci sono stati per anni che avesse le qualità umane, l'esperienza, le capacità, la saggezza e le conoscenze che sono necessarie a un segretario della Fiom.

Sotto certi aspetti, è un po' come se alla guida di Arcidonna fosse messo un maschio o alla testa di Arcigay un eterosessuale. E la sensazione è che il parlamentino della Fiom abbia ritenuto che sia meglio che a parlare degli operai non sia uno di loro. Intellettuali, politici di professione e tecnocrati già da tempo monopolizzano la sinistra. Con questa scelta della Fiom c'è davvero da domandarsi cosa resti di quel mondo operaio che, per decenni, ha dominato la retorica comunista e post-comunista. Forse, ormai, Cipputi è emigrato altrove.

Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Dom, 16/07/2017 - 09:36

i sindacati sono ormai autoreferenziali e, se gli conviene, vendono tranquillamente le chiappe dei loro rappresentati (che però cominciano a rendersene conto...). comunque alla CGIL se togliamo i pensionati non ci resta molto

Ritratto di calzolari loernzo

calzolari loernzo

Dom, 16/07/2017 - 09:51

è ormai lapalissiano che da decenni che l'attività sindacale, ad alti livelli, svolta nella sinistra e nell'estrema sinistra sia il percorso per raggiungere il "paradiso" del Parlamento, indipendentemente da quanto di buono si sia fatto per i lavoratori, ma per quanti voti si siano procurati all'allora PCI e ora alle varie componenti della "sinistra" ammucchiata. Lama=presidente del senato, Marini =presidente del senato; Bertinotti= presidente della camera; Benvenuto=ministro delle finanze e chi ha più memoria continui l'elenco.

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 16/07/2017 - 09:51

Ma le sindacaliste della cgil(minuscolo), sono tutte così brutte?

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 16/07/2017 - 10:31

Questo è il grosso problema di quello che viene chiamato """GOVERNO ITALIANO""". SOLAMENTE GLI INCAPACI, MA AMICI DEGLI AMICI, GENTE CHE NON HA MAI FATTO UN`ESPERIENZA LAVORATIVA IN ALCUN SETTORE, MA CON LA TESSERA DEL PARTITO COMUNISTA, """POSSONO ESSERE NOMINATI TRA LE ALTE CARICHE DIRETTIVE, STIPENDIATE DALLO STATO (TAGLIANO) ITALIANO"""!!!

brunicione

Dom, 16/07/2017 - 10:33

Tutti coloro che entrano in politica e nei sindacati, sono persone che non avendo capacità alcuna, trovano il modo di essere mantenuti a vita e ne approfittano solamente per fare soldi

il sorpasso

Dom, 16/07/2017 - 10:35

Persona giusta al posto giusto ah ah ah - sono semplicemente ridicoli ma nella sinistra non è la prima volta che accade: vedi Fedeli che non ha nessuna laurea ed è il ministro dell'istruzione ed ecc.ecc.

VittorioMar

Dom, 16/07/2017 - 10:40

...L'ULTIMA GRANDE E IMPORTANTE INDUSTRIA RIMASTA NEL PAESE E' L'INVASIONE...QUINDI ASPETTIAMOCI :SCIOPERI...CORTEI..FIACCOLATE...ESPROPRI PROLETARI...MARCE....TAVOLI E COMMISSIONI...TANTO TUTTE LE LE TUTELE DEI LAVORATORI SONO STATE DISTRUTTE COMPRESO LA RETRIBUZIONE ORARIA ....PEGGIO NON POTREBBE FARE....!"!!TE LA SEI VOLUTA...ITALIA...!!

Italiano-

Dom, 16/07/2017 - 11:08

Ma l'opposizione c'è? Sveglia!

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 16/07/2017 - 11:17

Mai in fabbrica. Però guida la Fiom...che vuol dire??Anche i ministri dell'ultimo sgoverno non hanno mai espletato l'attività per cui sono stati nominati,tipo padoan,fedeli,madia,al fano,boschi etc etc.. e sui vedono le tragiche conseguenze!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 16/07/2017 - 11:22

sicuramente è comunista, solo loro possono permettersi questo e altro! ecco perchè berlusconi miete consensi, proprio perchè è l'opposto della sinistra comunista e mafiosa!!!!

leopard73

Dom, 16/07/2017 - 11:27

Che dire loro sanno tutto e possono sapere tutto invece un artigiano che lo fa da 30 anni deve andare a scuola per montare un trabattello o come si sale su una scala tutta questa gente si credono sapientoni ma e solo gente impreparata su tutto ma molto preparata sulle loro poltrone. cialtroni e ladri.

sparviero51

Dom, 16/07/2017 - 11:48

FORSE È UNA ESPERTA DI RECLUTAMENTO DI CLANDESTINI PER RISOLLEVARE LE SORTI DEL SINDACATO POPOLATO PER LO PIÙ DA PENSIONATI !!!

Ritratto di pravda99

pravda99

Dom, 16/07/2017 - 12:05

Vale anche per i politici. E` ironico, ma Berlusconi e` uno dei pochi politici di livello che possa vantare una vita di lavoro prima dell'entrata in politica (poi si puo` discutere del modo in cui ha sprecato questo vantaggio, ma questo e` un altro discorso). E siccome il sindacato e` politica, non e` strano che segua la stessa strada. La domanda da farsi e` come conciliare la NECESSITA` di un'organizzazione che difenda i diritti dei lavoratori, con il DOVERE per quest'organizzazione di creare un valore reale per il Paese, anziche' essere sorgente di tensioni e disagio per interessi di bottega.

Cheyenne

Dom, 16/07/2017 - 12:24

normale la fedeli non e' mai stata a scuola e guida la pubblica istruzione. I comunisti sono fatti così.

Cheyenne

Dom, 16/07/2017 - 12:26

rispondo a tomari : si la più bella è la canuzzo

scimmietta

Dom, 16/07/2017 - 12:44

X il sorpasso: ".... vedi la fedeli ..." niente di più sbagliato, la "ministra" è al posto giustssimo per l'attuale governo renzi-gentiloni e per la buona riuscita elettorale del pd. Una sindacalista che si preccupa del "postificio" che è la buonas(q)uola, non certo che pensa a chi la frquenta e alla necessità che hanno i nostri giovani di "imparare a leggere e far di conto".

Martinico

Dom, 16/07/2017 - 12:46

Tutte queste sigle ... Troppe... Tutti vogliono dire come è cosa ma di lavorare non sanno neppure cosa significhi e alla fine è proprio chi realmente lavora che viene penalizzato. Si fanno sempre i loro interessi e se li fanno a tavolino.

jaguar

Dom, 16/07/2017 - 12:50

In generale, chi guida i sindacati non ha mai lavorato, poi come facciano ad avere posti da dirigente nessuno lo sa. Possiamo dire che in Italia chi meno lavora, più posti di prestigio occupa.

TitoPullo

Dom, 16/07/2017 - 12:59

E QUANDO MAI I SINDACULISTI HANNO LAVORATO??!!! CONVENTICOLA DI CARRIERISTI SENZA ARTE NE PARTE!! REGNO DEI DEQUALIFICATI IN CERCA DI UNA POLTRONA LAUTAMENTE RETRIBUITA!!!!

buri

Dom, 16/07/2017 - 13:02

come la maggior parte dei sindacalisti di professione che non hanno mai visto uno stabilimento industriale dall'interno in funzione

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 16/07/2017 - 13:14

Ahahahah! Perchè, forse, la Fedeli ha mai lavorato in una "squola"?

istituto

Dom, 16/07/2017 - 13:17

Dilettanti allo sbaraglio ma ben pagate....dai lavoratori....contenti loro....e soprattutto menati per il naso....

maurizio50

Dom, 16/07/2017 - 13:30

E vi meravigliate?? L'on. Fedeli, il cui unico merito è la carriera nella CGIL, è andata a scuola conseguendo il diploma di maestra d'asilo. E l'hanno messa a fare il Ministro della Pubblica Istruzione. La sinistra non si smentisce mai: il più incompetente sempre nel ruolo più preminente!!!!!

Una-mattina-mi-...

Dom, 16/07/2017 - 13:37

MINISTRI DELL'ISTRUZIONE CHE HANNO STUDIATO POCO, SINDACALISTI MAI STATI OPERAI... AVANTI COSI'!

manfredog

Dom, 16/07/2017 - 13:47

..be', operaia di concetto..!! mg.

Duka

Dom, 16/07/2017 - 13:56

E' il nuovo genio : vedrete che finirà a palazzo , i "GENI" finiscono tutti li.

Antenna54

Dom, 16/07/2017 - 14:08

Al peggio non c'è mai fine! Sicuramente la Red David avrà delle virtù molto nascoste che qualcuno ha saputo apprezzare.

Anticomunista75

Dom, 16/07/2017 - 14:19

la solita storia...questo paese è talmente "maschilista" che ormai sbatte rappresentanti del "gentil sesso" in ogni dove solo per il fatto di essere donne.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 16/07/2017 - 14:19

Vi stupite ancora ? Questi sono solo fantocci. Non decidono nulla. Prendono ordini. Ai fantocci non è richiesto di aver competenze, capacità, qualità. Più ignoranti sono, meglio è per il puparo.

nopolcorrect

Dom, 16/07/2017 - 14:32

Embè, e allora? La Fedeli con SUBLIME faccia tosta insiste nel poggiare il culo sulla poltrona che fu del grande matematico Luigi Cremona, poco dopo l'unità d'Italia e, successivamente di Benedetto Croce e di Giovanni Gentile. E un caro amico sindacalista della CGIL con un libretto universitario pieno di 18 e di "respinto" diventò capo di un importante Centro di Ricerche del CNR...Col sindacato di sinistra si fa un carrierone, è una cosa nuova? Per favore scendete dal pero...

Ritratto di makko55

makko55

Dom, 16/07/2017 - 15:25

Come tutti i komunisti radical chic che parlano dei diritti degli operai ma non ne toccherebbero uno neanche con la canna da pesca !!

Ritratto di bobirons

bobirons

Dom, 16/07/2017 - 15:34

Prova provata che il sindacato non é più un rappresentante di classe ma un partito politico.

Triatec

Dom, 16/07/2017 - 15:51

Vale più una tessera (CGIL) in tasca che una laurea, sempre la stessa tessera vale molto più che un'esperienza maturata in fabbrica a rivendicare i diritti dei dipendenti. Una tessera, una garanzia, poco lavoro ben remunerato. Giovani abbandonate gli studi, questo è il futuro.

nova

Dom, 16/07/2017 - 16:15

Il suo merito è presumibilmente di essere una kapò appartenente al piccolo popolo !?

uberalles

Dom, 16/07/2017 - 16:39

In primis c'è il cognome sbagliato: per essere politically correct dovrebbe chiamarsi "ReginA DavidA"; infine, una un po' meno brutta non l'avevano? Dopo la Fedeli...

killkoms

Dom, 16/07/2017 - 16:40

comunisti!partito/movimento di presunti lavoratori che si fanno rappresentare da chi non ha mai lavorato!

Ritratto di orione1950

orione1950

Dom, 16/07/2017 - 17:31

In verità, i sindacalisti non hanno mai lavorato!!!

agosvac

Dom, 16/07/2017 - 17:47

Chiedo scusa, ma c'è , forse, un dirigente sindacale che abbia MAI lavorato?????

Cesare46

Dom, 16/07/2017 - 18:55

Tutto normale come sempre, bertinotti, lama, carniti, benvenuto, ecc ecc vedrete che questo Landini e pure la Camusso li troveremo in lista per le prossime elezioni. ci scommetto gli zebedei.

Anonimo (non verificato)

wrights

Dom, 16/07/2017 - 19:34

Segue: La 57enne che adesso guida la Fiom è laureata in Storia con una tesi sul Pci e la Comunità europea di difesa. Penso che non ci sia altro da dire.

paolonardi

Dom, 16/07/2017 - 20:10

I sondacati sono stati la rovina dell'Italia e dei lavoratori. Affossando la prima e tradendo i secondi rimanendo la cinghia di trasmissione delle esigenze politica del partito comunista ed affini. Quel che e' triste e' che i lavoratori, quelli veri e non gli innumerevoli parassisti, non si siano resi conto dell'inganno e tuttora sperino in questi demagoghi a cui non interessano i loro veri problemi.

nunavut

Dom, 16/07/2017 - 20:14

@Pravda 12:05 eh no ! il sindacato diventa politica solo quando é un sindacato della pubblica amministrazione e ancora.Sono stato un presidente sindacale di 300 operai nel privato,il mio interesse ERA DIFENDERE I BUONI OPERAI E NON I FANNULLONI,AUN CERTO MOMENTO MI SONO DIMESSO PERCHÉ MI RIFIUTAI DI DIFENDERE UNO CHE GIOCAVA CON IL SISTEMA SINDACALE PER FARE I SUOI COMODI.Per me che sono un socialista (purtroppo con manie utopistiche)il sindacato potrebbe solo fare campagna contro una proposta di legge che toglie le giuste richieste dei lavoratori,non é una questione di partiti politici,almeno secondo me,poi ad ognuno le proprie opinioni.Un proverbio in francese ; Voler il latte della mucca,il burro et en plus le"cul de la fermière".Un saluto alla verità (in russo).

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 16/07/2017 - 22:53

Un tempo si diceva che la "classe operaia va in Paradiso", certo ... dopo aver passato tutto l'Inferno qui sulla Terra.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 16/07/2017 - 22:59

@nunavut20e14: purtroppo in Italia l'onestà d'animo non paga e si fa la figura del traditore degli interessi reconditi altrui. Ossequi.

Ritratto di pulicit

pulicit

Lun, 17/07/2017 - 02:16

Un altra mangia pane a tradimento.Regards

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 17/07/2017 - 07:42

Questo è il paese dove l'ignorante sa molto, l'intelligente sta zitto, il saggio sa niente e il deficiente sa tutto e comanda.