Di Maio esulta per i risultati delle Comunali ma il M5S è in forte crisi

"Abbiamo la possibilità di triplicare i nostri sindaci rispetto al 2013", dice Luigi Di Maio. Che fa finta di non vedere il flop del M5S rispetto alle Politiche del 4 marzo

A bocce ferme il dato è chiaro. Il M5S arretra rispetto alle Politiche del 4 marzo, praticamente ovunque. Eppure Luigi Di Maio ha un modo tutto suo di confrontare i voti, guarda alle ultime amministrative, quelle del 2013. Dati importantissimi, per carità, però quattro o cinque anni sono un'era geologica, politicamente parlando. Basti pensare, ad esempio, che il Pd alle Europee del 2004 sfondò quota 40%, alle Politiche del 2018 ha fatto registrare il 18,72%. Ma torniamo a Di Maio e alla sua analisi del voto.

"Rispetto al 2013 - sottolinea il vicepremier - abbiamo la possibilità di triplicare i nostri sindaci e questo è il nostro obbiettivo per i ballottaggi del prossimo 24 giugno. Ringrazio tutti i candidati e tutti gli attivisti che grazie al loro impegno ogni giorno sul territorio hanno ottenuto questi importanti risultati e hanno dimostrato che Davide continua a vincere contro Golia". Poi ava avanti e spiega la difficoltà di questa sfida elettorale amministrativa: "Il Movimento 5 Stelle anche a questa tornata elettorale si è presentato da solo in tutti i comuni contro coalizioni di decine di liste. Ogni volta è un’impresa titanica. La nostra squadra di 20-30 candidati se la deve vedere in campo aperto contro corazzate che schierano centinaia di candidati e contro la logica clientelare che ancora resiste in molte zone d’Italia".

Elenca poi alcuni esempi virtuosi: "Nei Comuni che già amministravamo (Assemini con Sabrina Licheri, Pomezia con Adriano Zuccalà, Ragusa con Antonio Tringali) siamo nuovamente al ballottaggio, a conferma delle capacità di governo che abbiamo dimostrato nel territorio. Oltre a Ragusa, nei capoluoghi siamo al ballottaggio in tre città dove potremmo conseguire dei risultati storici: ad Avellino con Vincenzo Ciampi, a Terni con Thomas De Luca e a Imola con Manuela Sangiorgi. Affronteremo il secondo turno anche ad Acireale".

Di Maio assicura il suo impegno a testa bassa nella campagna elettorale: "Vi annuncio fin da ora che nei prossimi giorni andrò a dare una mano ai nostri candidati perché è importantissimo rispondere a queste esigenze di cambiamento. Al primo turno i nostri candidati hanno vinto a Crispiano in Puglia, a Ripacandida in Basilicata, a Pantelleria in Sicilia, a Castel Di Lama nelle Marche. Ogni volta che ci sono delle elezioni amministrative i media raccontano sempre la solita solfa, che siamo in affanno, che rispetto alle politiche è andata male e che quindi siamo prossimi alla scomparsa. È una lettura che continuano a riproporre da 5 anni a questa parte, che si è sempre rivelata falsa e che si rivelerà tale anche questa volta".

Insomma, Di Maio è convinto di essere andata bene alle amministrative. Scrivere che il M5S è in affanno è la "solita falsità dei media". Eppure ci sono diversi Comuni dopo i pentastellati arretrano, e non di poco. Uno di questi è Pisa, dove dal 23% del 4 marzo arretra al 9,92%. E poi, tanto per citarne un alro, c'è anche il Comune di Ivrea, che non sarà tra i più importanti (24mila abitanti) ma è la città di Gianroberto Casaleggio, l'uomo che con Beppe Grillo ha inventato il M5S. Il candidato grillino Massimo Fresc si è fermato al 13.54%. A sfidarsi per la poltrona più importante di Palazzo civico saranno il candidato del centrosinistra Maurizio Massimo Perinetti (35.79%) e Stefano Sertoli del centrodestra (30.74%).

Commenti

Duka

Lun, 11/06/2018 - 13:27

Perchè chiamarlo FLOP e non con il nome proprio di- IMBROGLIO o TRUFFA?

schiacciarayban

Lun, 11/06/2018 - 14:03

Di Maio campione di arrampicata sugli specchi. Per un partito che dice di essere il maggior partito nazionale, vincere a Crispiano in Puglia, a Ripacandida in Basilicata, a Pantelleria in Sicilia, a Castel Di Lama nelle Marche è un vero successone!!!

mcm3

Lun, 11/06/2018 - 14:06

Caro Binelli, ma Forza Italia ??

OttavioM.

Lun, 11/06/2018 - 14:08

Le elezioni politiche sono una cosa, le elezioni amministrative sono un'altra, il m5s rispetto alle comunali del 2013 e del 2017 ottiene più o meno gli stessi risultati di queste del 2018. Presentandosi da solo senza liste civiche ed essendo un movimento giovane ha più difficoltà rispetto alle politiche. La lega partendo dal 4% del 2013 poteva solo salire. FI perde voti a vantaggio della lega. Il Pd aveva fatto il pieno dal 2013 al 2015 ovviamente ha iniziato a calare anche per stanchezza. Ma non farei paragoni tra le politiche e le comunali perchè sono elezioni proprio diverse.

Ritratto di MaddyOk

MaddyOk

Lun, 11/06/2018 - 14:24

Di Maio non farti condizionare da nessuno, siete al governo con il 32% delle preferenze, i vostri sostenitori vi amano e hanno piena fiducia nel vostro operato, i media non riusciranno a scalfire la vostra popolarità!!! e i politici falliti rosicano in tutte le Tv.

titina

Lun, 11/06/2018 - 14:32

ha la testa fra le stelle, pardon fra le nuvole.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 11/06/2018 - 16:04

Gli hanno letto i numeri al contrario.

Magosirian

Lun, 11/06/2018 - 18:09

perchè non parlate di forza Italia che giorno dopo giorno sta scomparendo inghiottita da Salvini. Se continua questo andazzo alle prossime politiche Salvini va da solo.

Ritratto di Aulin

Aulin

Mar, 12/06/2018 - 14:39

Ma non dite cagate. I pentastellati hanno perso un punto. E Forza Italia che è inchiodata al 14%? Almeno raccontalela giusta no? Cosa volte che sia un punto?

Ritratto di Aulin

Aulin

Mar, 12/06/2018 - 14:39

Ma non dite cagate. I pentastellati hanno perso un punto. E Forza Italia che è inchiodata al 14%? Almeno raccontalela giusta no? Cosa volete che sia un punto?