Di Maio in pressing su Conte: "Conte chiederà le dimissioni"

Il vicepremier grillino mette nel mirino il premier: "Deve chiedere a Siri di lasciare". E riesplode ancora lo scontro col Carroccio

Lo scontro su Siri non si spegne. Ancora altissima tensione tra il Movimento Cinque Stelle e la Lega. Al centro dello scontro la richiesta da parte dei pentastellati delle dimissioni del sottosegretario del Carroccio indagato. Da un lato ci sono i 5 Stelle che vanno in pressing per ottenre un passo indietro dal sottosegretario, dall'altro c'è la Lega che lo blinda e che porva a respingere l'ondata di giustizialismo messa in campo dai ministri grillini. Da giorni Di Maio e Salvini litigano su questo tema e lo scontro potrebbe mettere a repentaglio la tenuta dello stesso esecutivo. E così Luigi Di maio decide di rincarare la dose e in un'intervista al Corriere della Sera mette nel mirino proprio il premier Conte che dovrà decidere sulle dimissioni del sottosegretario. I Cinque Stelle chiedono al premier la linea dura e Di Maio su questo punto non usa giri di parole: "Questo attaccamento alla poltrona non lo capisco. Gli abbiamo chiesto un passo indietro. Continui a fare il senatore, non va mica per strada. Parliamo tanto di lotta ai delinquenti e quando un politico è indagato per corruzione stiamo zitti? Eh no, non funziona così. Dove è la coerenza? Certo che Conte dovrebbe spingerlo alle dimissioni. E lo farà, ne sono sicuro".

Insomma dal Movimento è scattato l'ordine su Conte: "Fai dimettere Siri". Il premier molto probabilmente inconterrà lo stesso Siri e solo dopo un colloquio prenderà una decisione. Una decisione che però rischia di far saltare il banco. I rapporti tra Lega e Cinque Stelle sono tesissimi e non si esclude nemmeno un ritorno alle urne. Di Maio poi torna ancora sull'indagine e chiede informazioni al Carroccio sui rapporti con Paolo Arata: "Di Salvini mi fido, meno di chi gli sta intorno. Mi riferisco a questo Paolo Arata che avrebbe scritto il programma sull’energia della Lega, che lo propose alla guida dell’Autorità Arera e che, per le inchieste, è il faccendiere di Vito Nicastri, vicino alla mafia. Credo che la Lega debba prendere le distanze da lui e chiarire il suo ruolo, visto che il figlio è stato assunto da Giorgetti". Infine manda un messaggio a Salvini: "Secondo il vicepremier sulla vicenda deve rispondere ai cittadini, non a noi. Noi abbiamo fatto quello che dovevamo, togliendo le deleghe a Siri". Insomma lo scontro adesso è aperto. Conte è sotto pressione e gli esiti di questo braccio di ferro potrebbero essere imprevedibili...

Commenti

Andrea_Berna

Ven, 26/04/2019 - 10:29

I pentastellati scoprono che gli investimenti "verdi" che tanto gli piacciono, beneficiano in ultima istanza le ecomafie del Sud. Bella scoperta, complimenti, ce ne hanno messo ma ci sono arrivati anche loro. E allora facciamo cosi': niente trivelle, niente petrolio, niente eolico, niente solare, torniamo all'eta' della pietra cosi' non beneficia nessuno. L'intero fonramento di questa storia e' assurdo: una normale attivita' di lobby legata al territorio viene usata per dare patenti di associazione mafiosa per conoscenze trasversali di terzo grado. Chiunque puo' essere accusato di mafia con un teorema del genere. Se poi si considera che le gole profonde di questa inchiesta sono in giornali vicini all'open society di soros, il quadro e' completo. Vogliono un governo dei peggiori PD-5stelle per portare avanti l'agenda sorosiana in italia e farci fallire in stile Grecia. Che Dio ce la mandi buona.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 26/04/2019 - 10:32

Forse è bene che si dimetta tutto il governo. Così ognuno si farà rivotare, grillini compresi. Sempre se ce la faranno.

Totonno58

Ven, 26/04/2019 - 10:34

Salvini fa tanto il difensore della giustizia finchè non toccano qualcuno dei suoi, anche rendendosi ridicolo..."non c'è in giro alcuna intercettazione su Siri!"...e meno male che non c'è una copia di quella che hanno in mano i pm!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 26/04/2019 - 10:36

vedremo che questa alleanza porta a dei risultati ampiamente prevedibili e persino scontati! ma si sa, se c'è certa gente stupida in giro, non c'è da stupirsi se l'italia è in condizioni pietose....

mzee3

Ven, 26/04/2019 - 10:48

Questa volta Giggggino ha detto una cosa giusta. Inutile andare a fare propaganda e a tagliare un nastro, non si fermano le mafie con un taglio di un tricolore. Ad OGGI, SALVINI NON HA EMANATO ALCUN PROVVEDIMENTO VOTATO DAL PARLAMENTO CHE DICA COME FERMARE LE MAFIE CHE HANNO OCCUPATO TUTTA L'ITALIA DAL PIEMONTE ALLA SICILIA. Lui, felpini, ha fatto il pieno di selfie ma il vuoto legislativo in merito alle mafie. Le procure stanno facendo il loro lavoro indipendentemente da felpini.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 26/04/2019 - 10:54

Andrea_Berna - 10:29 Ha, purtroppo, ragione al 100%. Le regole previste dalla costituzione valgono se non cozzano con quelle dello statuto di M5s! É bene specificare che il vero bersaglio di Di Maio non è Siri ma Giorgetti, oltre una certa allusione con vari "consorsi estyerni" fra opi8nionisti, giorrnalisti etc. con cui voler appioppare alla Lega l'etichetta di collusi con mafiosi. Solo che se seguisse questa via (Giorgetti) il governo cadrebbe un secondo dopo.

Trefebbraio

Ven, 26/04/2019 - 11:03

Siri si deve dimettere. A torto o a ragione deve fare un passo indietro. Chi viene associato a certe cose, fatti, persone, deve mollare tutto e difendersi da cittadino.

VittorioMar

Ven, 26/04/2019 - 11:06

...e per un "GIURISTA" sarebbe un TRAGICO ERRORE...PROFESSIONALE E POLITICO !!

Andrea_Berna

Ven, 26/04/2019 - 11:07

Eh gia', adesso mzee e i suoi amici grillini di rito sorosiano scoprono che ci sono le mafie. Sicuramente nate nell'ultimo anno di governo. La mafia piu' intraprendente e in crescita e' quella nigeriana e Salvini la sta combattendo chiudendo i rubinetti dell'immigrazione, PER PRIMO, dopo anni di silenzi e di inazione da parte dei precedenti governi. I nomignoli sorosiani con cui storpi il nome del ministro dell'interno su questo e su altri forum servono solo a qualificarti per il troll che sei.

acam

Ven, 26/04/2019 - 11:20

Di mai o non sa argomentare o ha la posizione di bimbo di Sei anni che vuole la caramella primin di pranzo e la mamma non gliela da perché seno poi non mangia. fuori siri dentro siri e po siri fa tutto daccapo.

Ritratto di mailaico

mailaico

Ven, 26/04/2019 - 11:26

Trefebbraio sei un grullino!

Ritratto di jasper

jasper

Ven, 26/04/2019 - 12:18

Benissimo così ci liberemo di questi cialtroni di Grillini una volta per tutte. Salvini non deve cedere di un millimetro se non vuol perdere le prossime elezioni. Ormai gli Italiani benpensanti hanno ben capito come sono i Grillini: veri cailtroni simili ai PiDioti. Nè più nè meno.

mzee3

Ven, 26/04/2019 - 12:21

Andrea_Berna ### Ricordo anche che Maroni si arrabbiò tantissimo e parlò in una trasmissione popolare in tv asserendo che in Lombardia non c'è la mafia. Quindi sciacquati la bocca prima di parlare a chi la mafia la contrasta. Felpini faccia qualche legge e mangi meno nutella che già ha mangiato troppo dei soldi degli italiani senza lavorare.

Ritratto di malatesta

malatesta

Ven, 26/04/2019 - 14:19

Di Maio e' infantile...bambino dell'asilo..che va comunque protetto...

gabriel maria

Ven, 26/04/2019 - 14:30

Si deve dimettere solo se vi sono prove......ma si dimetterà non preoccupatevi....dopo bigino attaccherà Giorgetti...che si dimetterà......dopo attaccherà Salvini.....che essendo ormai solo si dimetterà.......Bravi....se questa è la Giustizia italiana...ma vi siete dimenticati di Enzo Tortora.....in Italia comanda la magistratura...non dovremmo neanche più andare a votare ...tanto loro fanno e disfano come gli pare...non è vero presidente Mattarella...eeee Lei deve la sua elezione. ai compagni....eee,...