Le mani di Renzi sulla ricostruzione: arriva la De Micheli

I dem affidano alla sottosegretaria il ruolo di commissario post sisma coperto da Errani

Roma - Matteo Renzi mette le mani sulla ricostruzione. Al posto di Vasco Errani, che ha lasciato l'incarico di commissario del governo per la ricostruzione nelle aree del Centro Italia colpite dal terremoto, sbarca Paola De Micheli: la nomina sarà ufficializzata venerdì 8 settembre nel corso del Consiglio dei ministri. Con la nomina della De Micheli non si ferma l'ascesa al potere dei renziani.

Il giglio magico non è morto dopo il referendum ma punta ad estendere il proprio raggio d'azione. Il ruolo chiave affidato a Maria Elena Boschi è stato un segnale dell'influenza renziana nel governo. Chi è la De Micheli? Attualmente, il neocommissario ricopre l'incarico di sottosegretario all'Economia. Prima di un'inaspettata conversione lungo la strada del renzismo, Paola De Micheli è stata esponente della minoranza dem del Pd vicina all'ex premier Enrico Letta. La sua voce è stata tra le più dure contro Renzi. Soprattutto dopo la scalata dell'ex sindaco di Firenze a Palazzo Chigi che costò la poltrona a Letta. Poi alle ultime primarie, la De Micheli ha scelto di appoggiare Renzi nella sfida contro Andrea Orlando e Michele Emiliano per la guida del Partito. Cinque mesi dopo, l'appoggio a Renzi è stato ripagato con l'incarico di commissario straordinario per la ricostruzione: una poltrona che in passato, con la scelta di Vasco Errani, l'ex governatore dell'Emilia Romagna era un uomo di Pier Luigi Bersani, servì al segretario del Pd Matteo Renzi per accontentare la minoranza interna dei democratici.

Cambia la strategia del rottamatore. Anche in previsione dell'appuntamento elettorale: l'ex premier punta a occupare tutte le poltrone. E in quest'ultimo caso un aiuto decisivo arriva dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Anche se la De Micheli si è avvicinata negli ultimi mesi all'area del ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina, numero due del Pd. Renzi punta a blindare la propria leadership a colpi di nomine: i ministri Dario Franceschini e Andrea Orlando che speravano di aver voce in capitolo nella nomina del commissario restano a mani vuote. Con la scelta della De Micheli, il segretario dei dem proverà a compattare tutta l'area lettiana nel Pd ma soprattutto a far sentire tutto il proprio peso politico sull'esecutivo.

Commenti

paolonardi

Gio, 07/09/2017 - 08:49

C'e' un bellissimo titolo sul Vernacoliere: "Aiutiamo Renzi a casa sua cosi smette di rompere a casa nostra".

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Gio, 07/09/2017 - 09:14

Il giusto percorso. Ci dicano però a questo punto quali competenze può vantare in queste situazioni, in che modo intende dare un cambio di passo ad una burocrazia lenta e pasticciona. Non cambierà nulla, sarà solo un altro modo per far girare i soldi nella direzione giusta. Squallido.

Ritratto di aleone059

aleone059

Gio, 07/09/2017 - 09:17

Complimenti a Vasco errani, dopo il disastro dimostrato come Governatore in emilia per il terremoto del 2012, l'assoluta inettitudine del terremoto in Abruzzo come commissario. Vogliamo sapere cos'ha combinato e quanti soldi ha preso per non aver risolto nulla e aver perso oltre un anno di tempo. E' ora di portare questa gente davanti ad un tribunale popolare, incluso Renzi che lo ha nominato.

leopard73

Gio, 07/09/2017 - 09:24

DEVI SMETTERLA DI INTERFERIRE OVUNQUE NON SEI Più NESSUNO BISCHERO!! I TERREMOTATI HANNO BISOGNO DI BEN ALTRO NON DI UN CIALTRONE E BUGIARDO COME TE.

Tarantasio

Gio, 07/09/2017 - 09:59

e voi credete che gentiloni, uomo dalla mascella quadrata capace di ribaltare il tavolo e far volare sedie, si farà umiliare da un rottamato mai eletto ? hahaha

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 07/09/2017 - 10:12

Il prossimo governo dovrà, celermente, porre mano allo spoiling system. Pena il disastro globale del paese.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 07/09/2017 - 10:13

Come al solito il PD mettono i sottomessi del partito, mai un esperto in materia. Difatti si vedono come vanno le cose. Tutto fermo. Come loro. Devono solo apparire. Sistemare le cose? Boh?

buri

Gio, 07/09/2017 - 11:03

era da prevedere Renzi non poteca lascoare èerdere una possobilitò così attraente

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 07/09/2017 - 11:34

Ma non hanno nessun tecnico, che almeno se ne intende, da nominare al posto dei soliti politicanti, tante chiacchere nulla di fatto? Non è bastato l'anno di immobilismo finora? Si deve continuare?

Fjr

Gio, 07/09/2017 - 12:44

Esponente della minoranza Dem vendutasi all'acerrimo nemico Renzi che al mercato per due euro mio padre comprò,perché la cosa non mi stupisce, la solita solfa basta far soldi anche sulla pelle di chi dopo quasi due anni dorme ancora nelle tende e l'inverno si avvicina

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 08/09/2017 - 07:29

fra qualche tempo ci verrà detto che per entrare al MPS sara necessario il tesserino degli staccanovisti renziani: tessera speciale riservata ai democomunisti di ferrea dottrina stalinista in grado di dare prova di indubbia capacità nel dolce non far niente!