Le mani della Ue pure sulla Guardia Costiera

Arriva il regolamento: un corpo navale europeo potrà esautorare gli Stati

Roma - Gli Stati membri dell'Unione europea, Italia in testa, sono vicini a perdere un'altra fetta di sovranità nazionale. Il progetto di realizzare un corpo di guardia costiera europea ha appena fatto un passo in avanti: all'Europarlamento è stata presentata la bozza di regolamento della European border and coast guard agency. Dunque la rivoluzione nella difesa dei confini dell'Unione non è più solo un'ipotesi, ma comincia a essere circostanziata nei dettagli. Tra i quali ce n'è uno che dovrebbe suscitare dibattito, ma che invece al momento è completamente ignorato, almeno in Italia: la nuova Agenzia avrà il potere di sostituirsi nella difesa dei confini agli Stati membri «in situazioni urgenti che mettono a rischio il funzionamento dell'area Schengen - si legge nella relazione che propone l'istituzione dell'Agenzia - e quando gli Stati membri non hanno posto rimedi alle carenze». In casi simili, entra nel dettaglio la bozza di regolamento, sentita l'Agenzia, la Commissione potrà decidere di autorizzare l'intervento della guardia costiera, decisione che «richiederà allo Stato membro di cooperare con l'Agenzia». A quel punto, la guardia costiera stessa «determinerà quali siano le azioni necessarie ad attuare le misure indicate dalla Commissione».Tradotto dall'euroburocratese: se uno Stato non difende efficacemente i confini da flussi eccessivi di migranti, la guardia costiera europea scatterà al segnale di Bruxelles, e il Paese interessato dovrà adeguarsi e subire una sorta di commissariamento, perché le azioni pratiche verranno decise direttamente dall'Agenzia, quindi non da un organo politico, ma da un alto burocrate. Il movente della riforma è chiaro e rimanda direttamente al caos in cui è precipitato da mesi il sistema che ci garantisce la libertà di viaggiare senza barriere in Europa. I promotori dell'iniziativa, lo dicono esplicitamente: «Un'area unica di libero movimento senza frontiere è sostenibile solo se i confini esterni sono protetti in modo efficiente. Una catena è sempre forte quanto il suo anello più debole».Il copione della crisi europea dei migranti di questi mesi in effetti pare confermare questa tesi. Ma la conseguenza, il commissariamento di una caratteristica specifica della sovranità nazionale da parte di un organismo non eletto, può far sorgere qualche dubbio dal punto di vista democratico.Oltretutto, il riferimento agli «anelli deboli» si può tradurre abbastanza facilmente. Innanzitutto la Grecia, che gli altri Paesi d'Europa stanno progressivamente isolando e lasciando al proprio destino a fronte della marea di migranti che sono approdati sulle isole dell'Egeo. Ma anche all'Italia dovrebbero fischiare le orecchie, visto che siamo oggetto di una procedura di infrazione per non aver identificato i migranti sbarcati negli ultimi anni. Se passa il progetto di guardia costiera europea, un corpo multinazionale potrebbe intervenire ed esautorare le autorità italiane.Restano aperti i dubbi sull'efficacia di questo progetto, visto che finora le iniziative congiunte europee di pattugliamento dei mari, con la partecipazione di più forze navali (vedi Triton ed Eunavfor Med) non sono certamente servite a blindare i confini. La nascita della nuova agenzia prevede la soppressione dell'attuale, Frontex, e il reclutamento di 1.500 uomini, con la previsione di aggiungerne altri 600 per il 2020. L'agenzia si baserà anche sull'apporto delle guardie costiere nazionali. La spesa crescerà di altri 30 milioni, rispetto ai 254 di Frontex. Briciole rispetto a quanto spendono gli Usa. Curiosità: tra i relatori c'è Cecile Kyenge. Chissà cosa pensa dell'obiettivo di blindare i confini.

Annunci

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 02/03/2016 - 08:22

Ulteriore, imperdibile, occasione per ammassare qualche milionata di sedicenti profughi (e reali invasori) sul nostro territorio?

linoalo1

Mer, 02/03/2016 - 08:25

Inutile lamentarsi!!!Abbiamo voluto l'Europa???Adesso godiamocela!!!!

epc

Mer, 02/03/2016 - 08:35

E quindi effettuerà RESPINGIMENTI, tagliando via i vari Buzzi, Onlus, ONG eccetera che fanno business sui clandestini? Ben venga, allora, una simile guardia costiera europea!!!

Massimo Bocci

Mer, 02/03/2016 - 09:13

Fuori da questo regime CRiMINALE a padronato criminale Meticcio (la peggio feccia dell'onnumanita )unità in una congrega per la distruzione della democrazia vera e del l'occidente, nazisti-comunista-catto, ecc. miserabili e LADRI..coop,Onlus, gentaglia che trasformano tutto in mer...da, per speculazione e profitto, riprendiamoci la nostra sovranità e dignità di popolo sovrano oggi Asservito dalla feccia dei traditori, miserabili al soldo (libro paga) dello straniero colonizzatore, popolo Italiano riprendiamoci la nostra dignità e sovranità. Nazionale, viva l'Italia libera e decomunistata-catto!!!!

oicul44

Mer, 02/03/2016 - 09:20

kyenghe hin oder kyenghe her el'italia cosa fa?

blackbird

Mer, 02/03/2016 - 09:44

Era ora! Dopo il trattato di Schengen la Guardia Costiera e la Polizia di confine sarebbe dovuta dipendere dalla UE. Così l'Europa si sarebbe assunta le spese per la sorveglianza dei confini esterni con un'unica forza di polizia. Ovvio, a questo punto che anche la gestione di profughi, migranti, clandestini sarebbe dovuta essere posta a totale carico della UE, strutture di accoglienza e rimpatrio, verifiche e concessione dei "visti europei", espulsioni e rimpatrii compresi. Invece l'ignavia e la volontà degli stati di "mostrare i muscoli" hanno lasciato crescere uno sfacelo a cui sarà difficile porre rimedio.

nisei731

Mer, 02/03/2016 - 10:21

Questa nuova guardia costiera europea non potrà fare peggio di quella italiana, che li va a prendere a 10 miglia dalle coste africane e ce li porta tutti fino a casa, senza neanche distruggere i gommoni che vengono cosi riutilizzati dagli scafisti per il prossimo viaggio. Grazie Letta, grazie Renzi, grazie Bergoglio. Tutta l'Italia vi ringrazia per questa opera meritoria (ironico). Ce ne ricorderemo.

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Mer, 02/03/2016 - 10:45

@linoalo1: hai (senza saperlo) colto nel segno; nessuo ci ha chiesto se volessimo l'ue e/o l'euro on no; ce l'hanno spiattellato sotto il naso dalla sera alla mattina; io mi ricordo solo di due referendum popolari con esito negativo ler l'eu, poi hanno bloccato tutto. La tua reazione indica che il livello di indottrinamento propagandistico e' tale che sei convinto di aver voluto l'eu

vince50_19

Mer, 02/03/2016 - 10:47

blackbird - Bisognerebbe avere avuto il coraggio di adottare subito una costituzione europea vera (non quel casino di trattato di Lisbona firmato nottetempo dal nostro governo: 2.800 artt. e commi dove non si capisce un ca... e volutamente secondo Amato), non dare spazio ad una Ue di banchieri in fetore massonico e comandati a bacchetta da "altrove" (come ebbe candidamente a dire Von Rompuy il 30 aprile 2014), dove il "dio euro" è al centro di qualsiasi azione. In questo caso, canmcellate le costituzioni singole, avremmo avuto un nuovo status quo, non quello che ora avanza a seconda di chi ha le sue convenienze. Germania in testa, seguita dalla Francia. E lei dice "era ora"? Una casa si costruisce dalle fondamenta e se queste sono le fondamenta (esproprio graduale di sovranità non previsto dalla ns. costituzione) siamo nella ..... più maleodorante. Altroché!

antonio54

Mer, 02/03/2016 - 10:50

Speriamo lo facciano subito. L'Italia ha bisogno di essere tenuta a guinzaglio, non siamo capici a fare nulla.... meritiamo questo.

Fjr

Mer, 02/03/2016 - 10:57

Nisel 731, la nuova guardia costiera oltre ad andare a prenderli costruirà anche appositi pontili in modo da poterli imbarcare più agevolmente

buri

Mer, 02/03/2016 - 11:18

oramai il nostro destino è segnato, addio libertà e indipendenza, siamo terra di conquista. tutti dovranno sapere il tedesco e le altre lingue saranno relegate al rango di parlate kocali o

opinione-critica

Mer, 02/03/2016 - 11:22

Non si tratta di una grossa trovata. Adesso la marina italiana fa da taxista per i clandestini, poi il taxista lo farà la guardia costiera UE scaricandoli in Italia. Non illudiamoci che gli facciano fare dietro-front.

01Claude45

Mer, 02/03/2016 - 11:37

SE C'È LA KYENGE DI MEZZO AFFOSSARE SUBITO LA PROPOSTA CHE È GIÀ TROPPO TARDI. In aggiunta CONCORDO pienamente con blackbird.

Raoul Pontalti

Mer, 02/03/2016 - 14:51

Un'altra bufala come quella della cd gendarmeria europea....nessuna perdita di sovranità, semplicemente un aiuto quando le guardie costiere nazionali (o strutture equivalenti a presidio dei confini marittimi) risultano insufficienti. Lodevole iniziativa almeno sulla carta, vederemo se sarà adeguatamente implementata. Ricordo che non esistono forze armate o di polizia o di gendarmeria comunque denominate con targa UE, ogni Stato mantiene su queste forze la piena sovranità, pur "prestandole" per far fronte a determinate situazioni o ricevendone l'aiuto se necessario. Osservo infine che dare applicazione alle norme non è un fatto politico ma amministrativo, burocratico insomma.