Maradona contro Bersani: ​"Mortifica dignità innocenti"

Bersani: "Lo Stato non può perdere la sua dignità di fronte a casi come quello di Maradona". La dura replica del Pibe de Oro

Rischiano di avere un seguito giudiziario le parole che il quotidiano La Repubblica ha attribuito a Pier Luigi Bersani, il quale, auspicando una lotta più serrata all'evasione fiscale, ha detto che "lo Stato non può perdere la sua dignità di fronte a casi come quello di Maradona che ha un debito di 40 milioni più 35 per il lungo contenzioso. Ma come si fa ad abbonargli i 35?". Dicono che Diego Armando non abbia gradito l'intervento dell'esponente della minoranza Pd e che sia pronto a sporgere una denuncia.

Nel frattempo, l'ex numero 10 del Napoli, tramite il suo difensore, l'avvocato Angelo Pisani, replica così al politico: "Sarà sempre minoranza se non dice la verità e non studia le carte prima di parlare e mortificare la dignità degli innocenti".

"Bersani - spiega il legale dell'ex Pibe de Oro - non conosce neanche i numeri e neppure il calvario subito da Maradona il quale non è perseguitato per i 40 + 35 milioni di euro ma, nonostante l'inesistenza della presunta violazione fiscale del 1985 addirittura già condonata nel 2003 dalla società calcio Napoli, per una cartella di 40 milioni di cui circa 6 milioni di tributi e altri 34 di interessi e sanzioni non dovuti e, allo stato, annullati da una sentenza del 2015 emessa dai giudici tributari in nome del popolo italiano. Tanto è vero che Equitalia ha proposto appello". Secondo l'avvocato Pisani, Diego "non ha chiesto sconti né condoni, e neppure ha avuto favori come tanti vip e privilegiati dalla mala politica. Si è invece dignitosamente difeso davanti alla giustizia e adesso davanti al tribunale farà i conti con chiunque intenda sfruttare e offendere il suo nome. Strumentalmente e per fare notizia si vuol far credere che Maradona sia favorito da una riforma diversa da un condono che nel suo caso fu pagato ingiustamente dal suo datore di lavoro che solo dopo ebbe giustizia sull'ipotizzata evasione fiscale annullata dai giudici in sede penale e tributaria. Falso ed illogico dunque - è il ragionamento del legale dell'ex stella del calcio - parlare di evasione nel caso di Maradona, essendo stato solo un lavoratore dipendente che percepisce lo stipendio e qualunque altra indennità sempre al netto delle relative tasse. Bersani, quindi, guardi che cosa significa dignità prima di offendere Maradona e ricordi anche a se stesso la Costituzione che all'articolo 24, secondo comma, dice che "... il diritto di difesa è un diritto inviolabile, in qualsiasi stato e grado del procedimento". E Maradona, da sempre assolto nel merito, oggi è ancora in attesa del giudicato definitivo contro le ingiuste pretese".

Commenti
Ritratto di ohm

ohm

Sab, 22/10/2016 - 15:53

una cosa è certa : maradona mi è antipatico......adirittura il Papa che lo abbraccia ...pazzesco!

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 22/10/2016 - 16:08

Maradona una schifezza umana che si permette pure di alzare la voce. E' proprio vero più sono delinquenti e più sbaitano. Paghi le tasse questo miserabile e dimentichi l'Italia.

jeanlage

Sab, 22/10/2016 - 16:15

Maradona e Bersani, ognuno a suo modo, hanno fatto cose importanti. Maradona, con il suo genio calcistico ha portato il Napoli allo scudeto. Bersani, con la sua inesistenza intellettuale ha portato il PD alla distruzione. Grazie Pierluigi.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 22/10/2016 - 16:36

Due ladri, uno non paga le tasse l' altro deruba i cittadini con aumenti di tasse.

cgf

Sab, 22/10/2016 - 16:50

Bersani, anche se ammette sempre il contrario, passa il suo tempo a pettinare le bambole e perde dei colpi.

fifaus

Sab, 22/10/2016 - 16:50

Basta con gli argentini! ne abbiamo l'anima piena..

lupo1963

Sab, 22/10/2016 - 16:55

Mica si e' fatto tatuare che guevara sul portafoglio....

Ritratto di Lupry

Lupry

Sab, 22/10/2016 - 16:58

Maradona chi?! Quello che ha giocato l'80 % delle partite strafatto di cocaina, l'amico dei camorristi che segnava gol con le mani....LOL

ermeio

Sab, 22/10/2016 - 17:17

X lupry, sì proprio quello, e allora? gli altri, secondo te cosa fanno? sono tutti strafatti di coca, e a napoli se non sei amico dei camorristi, uno famoso come il grande Diego, non campava. pizzo, mai sentito parlarne? leghista gnurant!!!!!!!!!

Ritratto di lettore57

lettore57

Sab, 22/10/2016 - 17:35

Uno che la dignità l'ha perduta da piccolo come fa ad essersi difeso con quella?

Ritratto di Sarudy

Sarudy

Sab, 22/10/2016 - 18:12

.... MARADONA il più GRANDE di tutti i grandi. Merita ammirazione e quantomeno rispetto e certa gente prima di sparlare di lui dovrebbe sciacquarsi la bocca. Vero Lupry stenos Anna 17 e ohm ??? Ciao grande DIEGO ohm

donyk

Sab, 22/10/2016 - 18:17

[ VISTI DA FUORI] due punti: IGNORANTE!

moshe

Sab, 22/10/2016 - 18:36

a certi idioti bisognerebbe togliere il bene della parola

Massimo25

Sab, 22/10/2016 - 23:16

Maradona grande giocatore..come uomo - di 0

Ritratto di pulicit

pulicit

Dom, 23/10/2016 - 06:13

E lo lasciano ancora venire in Italia...per di più lo intervistano,va dal Papa. Che nazione delle banane siamo diventati. Regards

ermeio

Dom, 23/10/2016 - 06:33

D'accordissimo con Sarudy!

Ritratto di thunder

thunder

Dom, 23/10/2016 - 08:44

Sarudy,lei e'uno dei tanti imbambolati che spendevano e spendono soldi per andare a vedere dei ricconi a dare due calci a una palla.GRANDE! sarebbe piu'saggio usare quei soldi per comprare da mangiare ai propri figli. Inoltre sicuramente lei e'uno di quelli che ha esultato ai mondiali quando l'Italia perse proprio con l'Argentina.

apostata

Dom, 23/10/2016 - 09:14

Sono due esemplari mirabili di quaquaraquà. Due cultori del nulla, uno celebrato come semidio perché dava calci al pallone nel gioco più cxxxxxo del mondo. L’altro, rottamato, incapace di costruire, concepisce la politica come esercitazione di odio verso l’avversario sia esso l’opposizione o dello stesso partito, ha capito che l’unica possibilità di tornare a far danni (assieme ad altri squallidi personaggi da d’alema, a monti), è nel fallimento di renzi.