Marino se ne lava le mani:"Offeso dalla relazione di Cantone"

L'ex sindaco molto duro con il presidente dell'Anac: "Non sono un dietrologo e mi rifiuto di credere che la relazione arrivi adesso per ragioni politiche. Certo Cantone o è uno smemorato o dovrebbe rivolgersi all'Accademia della Crusca per ripassare la differenza tra continuità e discontinuità"

"Sono offeso e sconcertato dalle dichiarazioni di Cantone sugli appalti del Comune di Roma. Dire che c'è stata continuità tra la giunta Alemanno e la mia è un giudizio politico gravemente infondato, non un'analisi basata su fatti e numeri". Lo dice in un colloquio con La Stampa l'ex sindaco Ignazio Marino che nei prossimi giorni deciderà se ricandidarsi oppure no.

"I fatti sono che io avevo ereditato una mela avvelenata", dice lavandosi le mani da ogni tipo di responsabilità. "Il Comune era stato lasciato senza bilancio, anche per questo non potevo fare le gare d'appalto e un raffinato magistrato come Cantone – attacca l’ex sindaco - dovrebbe riconoscerlo, a meno di peccare di disonestà intellettuale”. Marino ricorda di aver fatto una riforma degli appalti che fu molto apprezzata dal presidente dell’Anac a cui chiese di monitorare proprio tutti gli appalti. “Se non è totale discontinuità questa, cosa lo è?", chiede Marino rivendicando il suo lavoro e tralasciando che, anche le inchieste di Mafia Capitale, hanno evidenziato come per i primi due anni non si sia accorto di nulla. E per nulla si intende che il suo ex assessore alla casa e il presidente del municipio erano a libro paga di Buzzi e Carminati. Mica roba da poco.

Eppure per Marino il lavoro svolto con l'allora assessore alla legalità Alfonso Sabella ha consentito di ridurre “gli appalti a trattativa privata per somma urgenza da 100 milioni a 3”. “Il 97% in meno le sottrazioni si imparano in prima elementare, no?”, dice Marino che rivendica di aver operato in modo speculare per quanto riguarda gli appalti dell'Atac, l'azienda di trasporti urbani, assegnava gran parte degli appalti in proroga. Ma l’attacco al magistrato che presiede l’Anac non si ferma qui. “Non sono un dietrologo e mi rifiuto di credere che la relazione arrivi adesso per ragioni politiche. Certo Cantone o è uno smemorato o dovrebbe rivolgersi all'Accademia della Crusca per ripassare la differenza tra continuità e discontinuità", conclude l’ex sindaco che parla ancora come se fosse stato il miglior sindaco di Roma. Ma la drammatica realtà della Capitale dimostra che non è così.

Commenti

Happy1937

Gio, 17/03/2016 - 11:26

E sulla mela avvelenata ha bevuto allegramente bottiglie di quello buono a spese del Comune di Roma!

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 17/03/2016 - 11:41

Avrà anche ereditato una mela avvelenata,come dice lui,ma lui l'ha portata alla putrefazione.Ipocrita ladro e kkommunista.

claudioarmc

Gio, 17/03/2016 - 12:02

Questo ha la faccia di tolla di parlare? La sinistra è maestra di bugi,e inganni trasformismo ma arrivare a fare la mammmola proprio mentre emerge altra mxxxa di loro produzione come l' affittopoli della provincia di Roma è da spudorati, anche questa è colpa di Alemanno: LADRI

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 17/03/2016 - 12:11

considerate solo questo: entrambi sono di nomina politica del PD! ed infatti, gli effetti si vedono.... delinquenti, gli uni e gli altri!!

J.S.Mill

Gio, 17/03/2016 - 12:13

"..discontinuità..?". Dài Marino, ven giò da la pianta. Roma cloaca maxima era e cloaca maxima è, anche dopo di te. Te la facevano sotto gli occhi, talmente avevi le fette di salame sopra. La mafia romana ha appoggiato la tua elezione perchè era sicura di continuare il banchetto. Adesso basta, torna a fare il medic. Manda il curriculum ai compagni degl'ospedali emiliani, che ti risponderanno picche come in passato.

grazia2202

Gio, 17/03/2016 - 12:28

a marino candidati e portace a cena pure a noi che te stamo ancora a paga. ma vai a lavorare

pupism

Gio, 17/03/2016 - 12:39

Il medico chirurgo è uno e trino come le tre scimiette. Non vedeva, non sentiva e non parlava.... per chiedere però i soldi al governo parlava eccome....

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Gio, 17/03/2016 - 12:52

Marino ... basta ... torna a fare il medico perché la tua "avventura" politica - per i risultati ottenuti - è finita!

Duka

Gio, 17/03/2016 - 13:12

CONTINUERA' A MAGNA' COME HA SEMPRE FATTO. Oh pardon; sa fare anche il subacqueo a spese degli altri naturalmente.

agosvac

Gio, 17/03/2016 - 13:26

Questo marino non è ancora in galera perché ci sono magistrati che invece di agire fanno relazioni!!! Se alcuni magistrati facessero il loro dovere di leali servitori dello Stato invece che di leali servitori del Governo, le cose, in Italia, andrebbero meglio, molto, molto meglio!!! Purtroppo in Italia vige il "do ut des" e questa è una vera rovina.

milope.47

Gio, 17/03/2016 - 13:37

...Marino se ne lava le mani !. Ma tu guarda quanti Ponzio Pilato ci sono in giro . Non era sufficiente Don Bergoglio ????????????.

Ritratto di Svevus

Svevus

Gio, 17/03/2016 - 14:08

I lettori possono informarsi su qualche precedente dell' ill.mo dr. Marino, già sindaco di Roma leggendo "la lettera di allontanamento dall' Università di Piitsburgh del dr. Marino".

Ritratto di Rames

Rames

Gio, 17/03/2016 - 14:41

Marino,se ne vada nel Molise o nel valdostano, apra un enoteca con annessa trattoria.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Gio, 17/03/2016 - 14:46

ignazio, ricordati sempre cosa diceva Lincoln: Meglio tacere e passare per idiota che parlare e dissipare ogni dubbio.

Massimo Bocci

Gio, 17/03/2016 - 15:32

Il Ponzio, amarone è indignato, e sbotta...come villico di Rignano si compra gli Aerobus vip ultimo modello con SPA incorporata, con doccia,ideò massaggio e scannatoi e a lui per tre bottiglie di Amarone viene mesi alla berlina,un po' come per le mutande verdi del leghista, la fate tanto lunga per quattro (buche??Voragini) per le strade,senza tener conto del costo ci vuole per farle così, a lui son (per quella di bilancio già voragineVeltroni, e cloaca Rutelli,ampliata Alemanno, a lui scienziato... Segue....

Massimo Bocci

Gio, 17/03/2016 - 15:33

...segue....gli bastati pochi mesi per ampliarla a e portarla alla categoria Max di fosso macinante,(appunto dove si macinano,spariscono i soldi degli Italioti,ma sempre lui scienziato del bisturi??? (dato che non poteva addebitare tutto alle USL)del bisturi lo aveva detto...., Roma una cloaca,coop Buzzi,salviamo perlomeno isampietrini e facciamo una bella colata di cemento, modello mafia,oggi se gli avessero dato retta il panorama sarebbe diverso, pochi veri Romani sopravvissuti, un esercito di PD per spolverare quello che non è stato sommerso e si son magnato prima , vedi quelle tre o quattro bottiglie di Amarone, (che gli addebitano impropriamente)!e poi tutti giulivi (come Nerone) a cantare, ma che c' è frega ma che c'è importa noi ci scoliamo l'Amarone che il bue istituzionale pagherà,za,za!!!

FVIT

Gio, 04/08/2016 - 15:08

Mi sbaglio o Cantone è quello che ha detto che negli scandali che stanno emergendo per l'EXPO milanese lui non c'entra nulla perché il suo compito non era quello del controllo sui subappalti??!! Ma di cosa stiamo parlando...! E poi stiamo a sentire un signore toscano, il più alto Dirigente dell'AMA, che scarica su una consulente le colpe della sua gestione demenziale? Roma non ha mai avuto alcun problema con i suoi rifiuti, ha sempre pagato molto meno che tutto il resto del Paese e non è neppure vera la mancanza di impianti di trattamento.