Al Quirinale non piace l'Italia troppo filotedesca

Mattarella "corregge" Palazzo Chigi: serve lungimiranza da parte di tutti

Roma - Sulla telefonata dell'altra sera con Palazzo Chigi, mentre risuonava nel Quirinale il festante «Oxi» della piazza ateniese diffuso dalla tivù, le bocche sono cucite. Eppure gli echi sono facilmente rintracciabili, e non soltanto in quell'avverbio («certamente») che conclude, dando un tono del tutto speciale, la nota diramata l'altra sera dal presidente Sergio Mattarella.

«Questi saranno certamente , nei prossimi giorni, i principi ispiratori dell'azione dell'Italia...» preconizza il capo dello Stato. Imprimendo al premier Matteo Renzi una linea alquanto diversa da quella finora seguita, accucciata sotto le protettive vesti di Frau Merkel. Se non si può parlare di «rottura», è tuttavia chiarissima la sensibilità del tutto differente che anima Mattarella. Mai come ora, rispetto a Renzi, padre cosciente della drammaticità del momento, e intenzionato a riequilibrare, nei limiti imposti dal ruolo, certe sbavature degli ultimi giorni. Quasi che il ricorso alla volontà del popolo fosse diventato reato di lesa maestà (germanica), quasi che concepire un modo diverso di costruire l'Europa non si potesse se non dando l'addio all'euro, come viene oggi gestito dai soloni di Bruxelles e Berlino. Quasi che si possa passar sopra con leggerezza alle sofferenze di un intero popolo, chiamato a rispondere per colpe non sue. Ecco quindi Mattarella sottolineare, in diversi passaggi della nota, che occorre «prendere atto con rispetto della decisione» presa dai cittadini greci; che «la Grecia fa parte dell'Europa», che «nei confronti del suo popolo non deve venir meno la solidarietà degli altri popoli dell'Unione». E che le regole si possono cambiare, eccome. Attraverso una discussione «collegiale» sì. Ma «tra pari».

Tutti richiami che affondano le radici certo nella cultura solidaristica cattolica del presidente, ma che sono ben distonanti da quel garrulo e superficiale «derby dracma-euro» di Renzi, ieri stigmatizzato anche dall'ex premier Romano Prodi. Per il capo dello Stato è il momento della responsabilità: se gli scenari sono «inediti» (termine neutro che riecheggia il «territorio sconosciuto» di Mario Draghi), è più che mai essenziale che ciascuno, dai rappresentanti greci ai partner europei, assuma non soltanto «senso di responsabilità», ma anche «lungimiranza e visione strategica». Quella che finora è mancata del tutto.

È proprio in tale ambito che la correzione di rotta del presidente della Repubblica fa trapelare una delle maggiori proccupazioni del Quirinale: quella sull'asse geo-strategico, in periodi di grave minaccia terroristica per giunta. Lasciare la Grecia in balia di se stessa, porta d'Europa e finestra sui Balcani, è un errore madornale che rischia di far crollare l'intera idea di un'Europa unita, le sue basi, l'intero sistema di sicurezza occidentale. Anche come capo delle Forze armate, e in sintonia con i moniti che vengono dagli Stati Uniti, la preoccupazione è massima. Altro che derby.

Commenti

Blueray

Mar, 07/07/2015 - 08:36

Bravo Mattarella, "tra pari", ma diglielo forte al ragazzotto lecchino!

abocca55

Mar, 07/07/2015 - 08:52

E chiaro, Mattarella si adegua al pensiero del Papa. Non siamo un popolo libero, perché siamo schiavi di noi stessi, delle nostre ideologie.

Accademico

Mar, 07/07/2015 - 08:53

Signori miei, ma io fo' così perchè l'Anghela mi ha promesso un regalino tutto mio. Non state a meravigliarvi, suvvia!

elgar

Mar, 07/07/2015 - 08:54

Ci sono arrivati finalmente. Alla buon'ora... Ci voleva il referendum greco per farglielo capire. Dove sono ora gli europeisti convinti? Cosa dicono? I vari Monti, Napolitano, Scalfari, MIeli, Mauro ecc. La stesssa Merkel mi pare un pugile suonato. Almeno così è apparsa sulle foto. Ci voleva tanto a capire che non si può opprimere un popolo con l'austerità così a lungo? E che lo stesso subisca senza poter dire niente? Che democrazia è se non si consente al popolo di dire la propria? Bastava, per capirlo, il semplice buon senso. Cosa che non possiede la Merkel e tanti euroburocrati. Che hanno pure la complicità di tanti yes men nostrani.

abocca55

Mar, 07/07/2015 - 08:54

Renzi non doveva scegliere un cattolico, ora io mi aspetto tutta una serie di limitazioni. Mattarella, essendo un cattolico, non è un uomo libero. Caro Renzi, anche tu ne hai fatto di errori.

swiller

Mar, 07/07/2015 - 09:00

Il n°1 dei parassiti a seguire tutti gli altri.

Aleramo

Mar, 07/07/2015 - 09:09

La Grecia verrà salvata, perché è necessaria per la sua posizione geo-strategica. L'unica incognita è da chi e a che prezzo. Per quanto riguarda il popolo che paga "per colpe non sue", diteci per favore chi è che ha truccato i bilanci greci per poter entrare nell'Euro...

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mar, 07/07/2015 - 09:11

S'è Sveiatoooooooo!!!!!!!

gian65

Mar, 07/07/2015 - 09:11

Difficile situazione per l'Italia: in assenza di leadership in grado di proporre le strategie dell'Europa mediterranea verso l'Europa del nord, battendo i pugni sul tavolo della merkel (in Germania ritenuta mediatrice) il governo si appiattisce sulle posizioni del supposto vincitore (la Germania). Che può fare il capo dello stato che avrà sicuramente ricevuto le forti preoccupazioni degli USA? Quello che ha fatto: tirare il guinzaglio ... Spiace che, con buona pace della legittimazione popolare tanto sbandierata, il governo non svolga il suo ruolo, e si faccia riprendere dal capo dello stato. O forse è un gioco delle parti per fare bella figura con i nostri amici tedeschi? Mah...

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mar, 07/07/2015 - 09:21

E allora perchè non congeda Renzipirla?

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Mar, 07/07/2015 - 09:23

Formaggino mio dice che "serve lungimiranza" e su questo postulato non si può certo contestarlo. Quando si afferma un'ovvietà anche gli imbecilli si sentono esperti.

Holmert

Mar, 07/07/2015 - 09:29

L'Italia,caro Mattarella, è costretta a fare la filotedesca,in caso contrario Renzi farebbe subito la fine di Berlusconi. Lo spread risalirebbe al massimo come la febbre quartana, i bond sarebbero carta straccia e gli investitori stranieri ,i pochi che ci sono rimasti, andrebbero altrove,in lidi più sicuri e remunerativi. Quando uno sta con la corda al collo e con i piedi ancora appoggiati ad una sedia che lo sostiene deve stare attento a che qualcuno non la sposti con un calcio. Così stano le cose caro Mattarella, le chiacchiere se le porta il vento. Le nazioni che hanno fatto le cicale sotto la spinta dei cattocomunisti sono giunte al redde rationem. Ed ora si agitano.Ma come dicono i cinesi? Più ti agiti e più lo prendi..

Luigi Farinelli

Mar, 07/07/2015 - 09:32

I discorsi e documenti politici ufficiali vanno analizzati parola per parola per estrapolarne poi il significato vero da far emergere dal puro linguaggio diplomatico. Però sarebbe incoraggiante sapere che il senso delle parole del Presidente vadano nella direzione prefigurata da questo articolo. E ciò mentre Napolitano, internazionalista, comunista non pentito e massone "militante", fino all'ultimo ha spinto per "cedere la sovranità all'Europa" (l'Europa delle élite e non dei popoli) per arrivare addirittura (ormai da senatore, poche settimane orsono) a fare propaganda al nuovo ordine mondiale, rivelando tutta la sua vera essenza politica e ideologica: abbattere gli Stati nazione e dare il governo ad una élite di non eletti, "illuminati" gestori del popolo "bue". Una riedizione dell'URSS in salsa ultra-mercantilista e ultra-laicista, già ben delineata da questa Europa a cui ormai, degli interessi e bisogni veri dei suoi cittadini importa ben poco.

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Mar, 07/07/2015 - 09:34

Mattarella ha la faccia da persona perbene, poi ama i gatti e per me questa è una garanzia, però...Presidente, lei esordì dicendo che si sarebbe occupato dell'Italia e degli italiani. Se ne accorge dopo il no della Grecia che bisogna ascoltare il popolo? Si dia un'occhiata intorno, li guardi gli italiani: sono alla disperazione, la gente si toglie la vita, c'è la fame, la speranza è finita, altro che solidarietà e accoglienza a migliaia di clandestini. Il suo governo sta trasformando il Paese nella terra di nessuno, ovunque degrado e delinquenza, è innegabile. Se lo Stato va gestito come una famiglia, lei ne è il padre. Sembra retorica, ma qui gli ospiti si stanno prendendo la casa, e la famiglia dorme in macchina o negli androni. Questa non è retorica.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mar, 07/07/2015 - 09:35

Meglio tardi che MAI. Presidente della Repubblica, lo ricordi giornalmente a RENZI e kompagni. Prima Hitler ora Merkel?? NON E' IL CASO!!

Ritratto di michageo

michageo

Mar, 07/07/2015 - 09:45

...ci ha lasciati un po' perplessi,però bisogna dire che ha fatto un bel discorso!!!

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mar, 07/07/2015 - 09:44

#gloriabiondi: eccellente commento che condivido in toto!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 07/07/2015 - 10:03

CARO; PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA MA DOVE ERA LEI QUANDO SILVIO BERLUSCONI 5 O 6 ANNI FÁ HA PRESENTATO BEN 41 RIFORME PER MIGLIORARE IL PAESE?!. QUESTE, RIFORME CARO PRESIDENTE ERANO UTILI AL PAESE PER RINNOVARE É RIMODERNARE LE INFRASTRUTTURE IN ITALIA;É CONTRASTARE COSI LA PREPOTENZA DELLA GERMANIA E DELLA MERKEL; É INVECE TUTTE QUESTE RIFORME SONO STATE BOCCIATE DA QUEL CSM DI CUI LEI ERA UN MEMBRO É DA QUEL PARTITO DI TRADITORI CHIAMATO PDPCI OPPURE "Partito Delinquente",É ADESSO LEI CI VIENE A DIRE CHE RENZI NON DEVE ESSERE FILOTEDESCO?É QUESTO DOPO CHE NAPOLITANO HA VENDUTO L;ITALIA ALLA GERMANIA?!. CERTO, CHE CI VUOLE UNO STOMACO BESTIALE PER DIGERIRE LE PORCHERIE FATTE DA KING GEORGE PER DANNEGGIARE L;ITALIA CARO MATTARELLA!.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Mar, 07/07/2015 - 10:18

Era ora che qualcuno si sveglia e da una piccola lezione al vendifumo! La miopia della politica italiana è evidente come la bella figura del pagliaccio che fà tutti giorni.

abocca55

Mar, 07/07/2015 - 10:18

Hanno creato un sentimento antitedesco pericoloso. Gli anti italiani sono per la grecia, e tutti i paesi che realmente ci fregano, e sono anche contro ogni tipo di rigore, per cui votano grillo e altri partiti filo anarchici. Vedere i Cittadini che si scaldano per l'orgoglio greco da una parte, e una critica distruttiva per l'Italia, si è presi da una grande tristezza.

mezzalunapiena

Mar, 07/07/2015 - 10:34

Ma Mattarella pensa che renzi sia preparato politicamente per reggere il confronto con la Germania e la Francia? Nessuno ci crede come ha più volte dimostrato.

buri

Mar, 07/07/2015 - 10:48

dei tempi di Monti, con la benedizione di Napolitano, siamo dobentati una cplonia tedesca, e non ci piace, ma quei governi ilegittimi, al potere senza essere stati eletti, proseguono e servire la Germania, incuranti dei nostri interessi, r Trnzi altro nn è che il continuatore do quello polirica, ma presto o tardi abke gli italiani diranno NO vome i Greci

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Mar, 07/07/2015 - 10:55

@abocca55 (08:52) Sono d'accordo con te solo parzialmente, quasi per niente. Non sono le ideologie a renderci schiavi. Le ideologie sono l strumento con cui la criminalità organizzata in partiti politici e in chiese ci rende schiavi. Libertà è essere liberi dai condizionamenti. Giù

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Mar, 07/07/2015 - 11:15

@abocca55 (08:52) Sono d'accordo con te solo parzialmente, quasi per niente. Non sono le ideologie a renderci schiavi. Le ideologie sono l strumento con cui la criminalità organizzata in partiti politici e in chiese ci rende schiavi. Libertà è essere liberi dai condizionamenti. Già abbiamo tanti condizionamenti naturali e inevitabili: fisici, psichici e sociali; perlomeno evitiamo quelli mentali ed esogeni

sacrivalori

Mar, 07/07/2015 - 11:16

Al Presidente Mattarella va tutta la mia AMMIRAZIONE per aver manifestato, senza alcun timore reverenziale, rispetto per quanto ha deciso il martoriato popolo greco, e soprattutto per aver richiamato alla DECENZA il barboncino fiorentino, esortandolo a non eccedere con le leccate alla sua teutonica padrona, sebbene debba a questa la sua nomina al Consiglio! Adesso spero solo che la fuhrer e lo stato maggiore della BCE-Reichsbank, indispettiti per la presa di posizione di Mattarella, non ne impongano l'abdicazione, per sostituirlo con un loro fido collaborazionista della stessa risma del reuccio Giorgio!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 07/07/2015 - 11:51

Fatti o parole? Per ora solo parole. Per un giudizio congruo stiamo in attesa che qualcuno decida di smontare la macchina Quirinale, che ne fa il capo di stato più costoso del mondo. Leggo di 366 milioni, ma non si sa mai la verità. Di certo ci sono le tre residenze reali a lui dedicate, di cui solo il Quirinale trova una giustificazione logica e storica. La tenuta di Castelporziano (6000 ettari, da Roma al mare) era la riserva di caccia del re e non è molto "democratica". Quanto a villa Rosebery, a Napoli, Mergellina, è un altro ingiustificabile privilegio "regale", di età borbonica. Napolitano si è goduto le tre regge. Il nuovo farà altrettanto?

Giorgio5819

Mar, 07/07/2015 - 11:59

Al Quirinale non frega assolutamente niente di quello che accade in Italia, diversamente si andrebbe alle urne entro un mese. Parole in libertà da parte di un nulla.

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Mar, 07/07/2015 - 17:20

@gloriabiondi-09,34- sottoscrivo, ottimo commento-

Duka

Mer, 08/07/2015 - 07:04

Fino a quando firmerà, senza battere ciglio, DL frutto di mille fiducie.......

Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Mer, 08/07/2015 - 08:03

Mi auguro che il Presidente Mattarella, che ha inaugurato il suo mandato con una significativa visita alle Fosse Ardeatine, faccia sentire chiaro e forte il suo monito anche sull'Anpi, che oggi più che ai valori del Secondo Risorgimento sembra richiamarsi a posizioni antisemitiche sulla tradizione dell'adesione araba alla strategia hitleriana anti ebraica, inneggiando alla cosiddetta "resistenza palestinese", fischiando ed estromettendo le Bandiere della Brigata Ebraica, costituita nel 1944, che combatté a fianco dei nostri militari del Sud la fase finale della Guerra di Liberazione, mentre nostri Patrioti nel Nord Est si battevano su due fronti contro i nazifascisti e contro i partigiani titini.

franco-a-trier-D

Mer, 08/07/2015 - 08:26

Al Bundestag e alla Europa intera non piace il Quirinale rosso.