Mattarella gioca d'anticipo contro l'allarme elezioni

Il capo dello Stato teme il pressing di Renzi sul voto e convoca Grasso e Boldrini: "Legge elettorale urgente"

Ora basta. Sono passati quattro mesi di chiacchiere e l'uomo del Colle ha detto stop: «Il Parlamento provveda sollecitamente al compimento di due importanti adempimenti istituzionali, la nuova normativa elettorale per Senato e Camera e l'elezione di un giudice della Corte Costituzionale». Per la Consulta problema risolto, pare: il 4 e il 5 seduta comune. Per la riforma del sistema di voto invece, la questione per Mattarella politicamente più «urgente», Montecitorio inizierà l'esame a fine maggio, il 29. Non c'è più tempo infatti per trastullarsi tra Italicum, Consultellum e Legalicum, domenica sera il Pd avrà di nuovo un segretario e Matteo Renzi - questa è la preoccupazione del Quirinale - potrebbe essere tentato di andare alle urne in autunno, prima della manovra lacrime e sangue che ci chiede la Ue. Ma il presidente, come ha detto più volte, non vuole mandare il Paese ai seggi con delle leggi «disomogenee». Serve un vincitore, uno solo, non due o nessuno.

Da qui, raccontano sul Colle, la scelta di «un atto forte però rispettoso delle prerogative del Parlamento», cioè la convocazione formale in mattinata di Piero Grasso e Laura Boldrini per mettere, «attraverso loro che li rappresentano», deputati e senatori di fronte alle loro responsabilità. Il prossimo passo potrebbe essere un messaggio alle Camere. Insomma, bisogna fare in fretta, ha spiegato Sergio Mattarella ai presidenti delle Camere, la legislatura ha al massimo un anno di vita e il congresso del Pd potrebbe accelerare le cose. Perciò, si legge nel comunicato diffuso al termine dell'incontro, il capo dello Stato «ha chiesto ai presidenti del Senato e della Camera di rappresentare ai rispettivi gruppi parlamentari l'urgenza che rivestono entrambe le questioni per il funzionamento del nostro sistema istituzionale».

La situazione era in effetti da tempo bloccata, pietrificata, congelata in attesa dell'Evento, la riconsacrazione di Matteo II. E non era nemmeno previsto un intervento presidenziale adesso, alla vigilia del congresso del Pd. Probabilmente Mattarella ha deciso di giocare d'anticipo per non farsi dettare l'agenda e mettere sotto pressione da Renzi. Magari anche il Colle dà già per scontato il risultato delle primarie democratiche di domenica. E siccome nel fine settimana lui sarà impegnato a Palermo, il presidente ha voluto mettere agli atti la sua posizione adesso, prima della reinvestitura di Renzi.

Ma c'è pure un altro particolare non secondario, come sottolineano al Quirinale. E cioè, che Mattarella già a metà dicembre, durante lo scambio di auguri natalizi con le altre cariche della Repubblica, aveva chiesto alle Camere di muoversi per dare all'Italia una legge elettorale degna di questo nome. Da allora sono passati più di quattro mesi, c'era la neve e ora si va al mare, e in questo periodo il Parlamento ha prodotto solo decine di proposte e centinaia di polemiche. Tanto fumo, fatti zero.

Oppure, il capo dello Stato si è mosso perché ha saputo che il vento sta cambiando e un'intesa sembra più vicina. La settimana scorsa il Pd ha reso noto che il Mattarellum non è più un dogma e ha aperto ad alcune richieste di Forza Italia. E dopo il richiamo quirinalizio è giunto l'obbedisco. I partiti sono tutti d'accordo e il presidente della commissione Affari Costituzionali Andrea Mazziotti, dà le cose per fatte: «Sto preparando un testo base da presentare nei prossimi giorni». A maggio si comincia.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 27/04/2017 - 10:22

CI VOLEVA IL CAPO DELLO STATO?! Sta di fatto che di tutto si parla meno che delle elezioni. Per questo nessuno vuole che sia varata una legge elettorale decente, almeno fino a quando non sarà acquisito il diritto al "maturando" vitalizio....

cameo44

Gio, 27/04/2017 - 10:27

Mattarella ha avuto bisogno di molto tempo per chiedere una legge elettorale del resto è stato molto impegnato nel dire che dobbiamo accogliere tutti di stare in questa Europa che non va ma si è guarda to bene ad indignarsi innanzi alla tante violenze subite dai tanti anziani nelle loro case ed avvolte anche uccisi per pochi euro ma non è il solo a non indignarsi lo sono tutte le Istituzioni che ci parlano di immigrati di Rom tranne dei tanti problemi che assillano gli Italiani

19gig50

Gio, 27/04/2017 - 11:21

Si sta muovendo, avranno cambiato le pile.

Ritratto di giordano49

giordano49

Gio, 27/04/2017 - 11:35

Mattarella gioca d'anticipo contro l'allarme elezioni! era un SUO DOVERE come garante la Costituzione, dare ascolto al POPOLO che aveva espresso il proprio parere, legittimamente e legalmente....! NON PRENDERE " TEMPO " ! Disatteso " volutamente " l'art.1 della NOSTRA COSTITUZIONE " LA SACRALITA' DELLA " SOVRANITA' " DEL POPOLO..! solo ora se ne stà rendendo conto.....! Mortificante per il POPOLO ITALIANO...!

unosolo

Gio, 27/04/2017 - 13:14

finito le gite si sveglia o forse qualche importante personaggio lo ha rinsavito ? il prioritario era la legge elettorale , ma i dem hanno ostacolato sempre in attesa del ritorno o che il popolo si scordi dei danni causati dall'ex PCM, quindi sperando che il popolo si sia scordato e le primarie sono arrivate, da una scossa o il segnale del ritorno per l'ex

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 27/04/2017 - 17:33

Come puo un parlamento cosi SCARSO fare una legge elettorale, secondo me fara la solita legge SCARSA. La legge elettorale la dovrebbero fare gli Italiani, votando un referendum dove ogni PARTITO propone la propria legge elettorale e chi otterra piu voti dagli Italiani sara quello che fara sua la proposta di LEGGE !!! AMEN.