La "prima" di Mattarella dal salotto di casa

Economia, terrorismo e crac banche nel discorso di Capodanno in diretta tv

Roma Sergio, uno di noi? Mattarella parlerà poco, «meno di venti minuti». Parlerà seduto in poltrona, dal salotto di casa sua: niente scrivanie, computer, pennacchi, stanze dei bottoni. Parlerà cercando di rivolgersi alla gente. «Voglio entrare in punta di piedi nelle case degli italiani», ha spiegato ai suoi collaboratori e, per «trovare la giusta sintonia», ha deciso di non usare gli uffici della Palazzina e di restare nei suoi alloggi privati. Parlerà, raccontano, «di problemi e speranze» e non di politica, perché il discorso sullo stato del Paese l'ha già fatto il 21 dicembre. Ma le banche, parlerà pure delle banche?

Profilo basso, parole misurate, toni conviviali. Sergio, uno di noi? L'idea di fondo è questa, un presidente che cerca un contatto diretto con i cittadini più che con il Palazzo, che del resto è in linea con il nuovo stile defilato e non interventista che ha impresso al Quirinale. Defilato, non assente. E infatti, dopo oltre dieci mesi di silenzio totale, negli ultimi dieci giorni Mattarella si è improvvisamente messo a fare politica. Ha, se non favorito, apprezzato l'accordo tra Pd e Cinque stelle sulla nomina dei tre giudici della Consulta, bloccata da mesi di veti incrociati. Ha creato uno scudo di protezione attorno a Bankitalia e Consob, evitando che finissero nel gorgo dello scandalo dei derivati delle quattro banche locali salvate dal crac. Ha costretto Renzi a non abbandonare gli investitori truffati. «Sono episodi gravi, le responsabilità vanno accertate e il risparmio tutelato». Ha graziato due 007 della Cia coinvolti del rapimento di Abu Omar: un favore agli americani che possono ora darci una mano con l'India per riportare a casa i marò.

C'è quindi una certa curiosità per l'esordio del nuovo presidente. Il discorso, si prevede, avrà un tono colloquiale, da famiglia, dovrà trasmettere vicinanza da parte delle istituzioni e avrà un taglio piuttosto sociale. Mattarella ci ha lavorato dall'inizio della settimana, rileggendo alcune delle centinaia di lettere che ogni giorno arrivano sul Colle, riguardando i filmati delle udienze, rileggendo gli appunti che ha preso durante gli incontri con le comunità, le associazione, gli organismi di volontariato. Da qui prenderà spunto per fare un bilancio sul 2015, sulle paure, le angosce e guai di un anno ancora difficile nonostante qualche segno di ripresa, e le prospettive per il 2016.Il terrorismo, innanzitutto, che dopo i fatti di Parigi è tornato a popolare i nostri incubi: serve una reazione a livello europeo, ma chiudere le frontiere non può essere l'unica risposta. Quindi, altro tema strettamente connesso, l'immigrazione. «Sbarrare le porte di fronte a masse di essere umani che fuggono dalla guerra e fame - ha detto più volte - significa cancellare anni di diritti civili».

Poi, i problemi italiani. In primo piano la crisi economica che, al di là di alcuni miglioramenti dei parametri, si sente ancora. Soprattutto nel settore del lavoro: Mattarella è preoccupato per la disoccupazione giovanile e per il sud. Entrando nelle case dei cittadini durante il cenone, il capo dello Stato inviterà a rimboccarsi le maniche per «ritrovare l'orgoglio» di una nazione, superando le divisioni strutturali del Paese. Per uscire dalle secche serve dunque uno scatto collettivo, smetterla di litigare e cominciare una buona volta a fare «squadra».

Annunci
Commenti

Fjr

Gio, 31/12/2015 - 09:24

Rimboccarci le maniche, frase che gli italiani applicano ogni santo giorno per cercare di sopravvivere nonostante il marcio rappresentato dai politici, caro Presidente ci dica qualcosa che ancora non abbiamo sentito dall'inizio del suo mandato, e faccia ammenda per ciò che si poteva fare ma volutamente non è stato fatto , forse così potrà' almeno per poco avvicinarsi agli italiani, ossequi da uno dei tanti italiani che è' stanco di continuare a sentire raccontar balle

VittorioMar

Gio, 31/12/2015 - 10:08

...aspettiamo una Sua decisione e che il Paese ritorni ad una vera DEMOCRAZIA ELETTIVA E RAPPRESENTATIVA.....Grazie Presidente e AUGURI DI BUON LAVORO..si ha necessità di credere ed avere FIDUCIA IN QUALCUNO..purtroppo in questo momento qualunque cosa si tocchi escono "EFFLUVI MALEODORANTI DI MARCIO PUTRIDO" ...e non siamo in Danimarca..

LP

Gio, 31/12/2015 - 10:09

Provo molta tristezza per gli Italiani.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Gio, 31/12/2015 - 11:03

Ma quale 'basso profilo' e 'punta di piedi'! Un tizio che parla a reti unificate nell'ora di massimo ascolto dal 'salotto' di casa è sempre il 'nocciolo' del potere! Papi e Presidenti si possono vestire di stracci ma rimangono quello che sono! Una capoccia paternalistica e moralistica circondata da utili idioti! Già sanno tutti quello che dirà!

Ritratto di Lupry

Lupry

Gio, 31/12/2015 - 11:32

Imperativo cambiare canale!

Ritratto di suorClarissaDelleBeateVergini

suorClarissaDel...

Gio, 31/12/2015 - 12:01

dal salotto di casa? ...ma allora si è SVEGLIATO?

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 31/12/2015 - 12:48

Non vedo l'ora che stasera parli, cosi non lo ascolto, come non ho mai ascoltato i suoi predecessori. Papocchi pieni di balle e retorica. I suoi predecesori erano traditori golpisti al di sotto delle parti. Questo l'hanno messo li perche' e' nullo. Inesistente. Deve solo firmare tutto quello che gli passa frottolo.

giovanni PERINCIOLO

Gio, 31/12/2015 - 12:49

"Profilo basso, parole misurate, toni conviviali. Sergio, uno di noi?" Non direi proprio. Dal dopo guerra ad oggi é la prima volta che nella Consulta non é rappresentata la destra e lui non ha nulla da dire. La magistratura é in uno stato pietoso e lui non trova nulla da ridire. Abbiamo un "italicum" che é a tutti gli effetti una scorciatoia verso una possibile dittatura e tutto va bene madama la marchesa. Auguri presidente di una parte degli italiani!

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Gio, 31/12/2015 - 13:13

NO NON VEDRO MATTARELLA A SENTIRLO PARLARE e COME PRENDERE UN SONNIFERO TI ADDORMENTI SUBITO.

Ritratto di bracco

bracco

Gio, 31/12/2015 - 13:19

Cambierò sicuramente canale per non sentire la solita demagogica predicozza improntata sull'accoglienza dello straniero e quanto siano buoni gli italiani che pagano fior di tasse, meglio cotechino e lenticchie che le solite chiacchere di circostanza !!

simonetta della...

Gio, 31/12/2015 - 13:41

Vedrò "I tartassati" sulla 7,tanto per essere in tema.

istituto

Gio, 31/12/2015 - 13:55

Dirà: 1)Siamo un grande paese e ne usciremo fuori..... 2)Bisogna essere ottimisti,no al disfattismo..... 3)ACCOGLIENZA,ACCOGLIENZA,ACCOGLIENZA,ACCOGLIENZA,ACCOGLIENZA... 4)Non bisogna erigere muri(=INVASIONE) 5)INTEGRAZIONE,INTEGRAZIONE,INTEGRAZIONE,INTEGRAZIONE(=CONCEDERE TUTTO AI MIGRANTI) Il Presidente vuole "entrare in punta di piedi nelle case degli italiani". Ed in punta di piedi ed in silenzio decine di migliaia di italiani stanno lasciando il Paese. Dirà qualcosa su di loro Sig. Presidente oppure non interessano ed esistono solo i "migranti" ?

Duka

Gio, 31/12/2015 - 13:55

Va bene ma che non sia lo STILE del momento che sia una regola per tutti. BASTA presidenti vetero........

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 31/12/2015 - 14:25

Si consiglia a chi ha intenzione di uscire per festeggiare il Capodanno fuori casa di evitare di ascoltare Mattarella, potrebbe cadere in un sonno profondo dopo due minuti, svegliarsi il giorno dopo e perdere cenone e festeggiamenti. Vi risulta che i discorsi presidenziali di Capodanno abbiano mai detto qualcosa di concreto ed avuto qualche effetto pratico nella vita reale? E così tutti gli altri discorsi ufficiali tenuti dalle alte cariche dello Stato nel corso di centinaia di cerimonie pubbliche? Fumo, solo parole di circostanza e fumo. Ma la gente vive di riti, di cerimonie, di apparenze, di simboli, di discorsi ufficiali, così si illude di vivere in una società seria: cibo di scarto per gente di bocca buona, pillole di mediocrità per gente mediocre. Concordo in pieno con Francalanza e con gli altri commentatori: discorso completamente inutile.

ammazzalupi

Gio, 31/12/2015 - 14:36

Entrerà in punta di piedi...? NON entrerai a casa mia! Primo... perché NON ho televisore! Secondo... perché non sprecherò 10 minuti della mia vita per sentire le solite baggianate! Terzo... perché, cari signori Presidenti, con la VOSTRA COMPLICITA' avete tolto ai cittadini la LIBERTA'. Quindi... andate tutti aff....ooooo!!!!!

giovauriem

Gio, 31/12/2015 - 14:46

Simonetta della... il film che ha scelto è ottimo e con due grandi attori (quelli veri) ma la7 è sconsigliabile .

Iacobellig

Gio, 31/12/2015 - 15:26

ELETTO DA UN GOVERNO NON LEGITTIMATO DAL POPOLO ITALIANO.

autorotisserie@...

Gio, 31/12/2015 - 15:28

RONF RONF RONF ROMNF ROOOOOOOOOOOOOOOOOONNNNNNNNNNFFFFFF, NON SVEGLIATE CHI DORME , BLABLABLA BLAAAAAAAA, LA SOLITA TIRITERA , MAI A FAVORE DEGLI ITALIANI, NON HO MAI ASCOLTATO UN DISCORSO DI NESSUN PRESIDENTE PER NON ROVINARMI LE SANTE FESTE.

flip

Gio, 31/12/2015 - 15:45

il sig. Mattarella non è il mio presidente. è il presidente di renzi. se lo ascoltasse lui.

HappyFuture

Gio, 31/12/2015 - 15:58

Sarà un "basso profilo", ma il 2015 mi ha fatto capire di quanta "ipocrisia" è intrisa la politica Italiana. E NON accetto gli auguri di "anno nuovo" dal presidente, che NON mi ha fatto gli auguri di Buon Natale. La Regina d'Inghilterra fa gli auguri ai "tutti i suoi sudditti" (Mussulmani, Induisti, Buddisti, Ebrei e Cristiani) citando il Vangelo di Giovanni. I nostri parlamentari ignorano la Nascita di N.S.G.C., e festeggiano ascoltando O' surdato Nnammurato da Massino Raineri. Puah!

baio57

Gio, 31/12/2015 - 16:00

I discorsi del (p)residente sono una squallida litania che possono ascoltare solo gli aficionados cocomeriotas più incalliti,per intenderci quelli che guardano Rai3 dalla mattina alla sera .

Libero1

Gio, 31/12/2015 - 16:13

Come se non bastasse essere preso per il.....ieri dal burattino non eletto dagli italiani che voleva far credere di aver visto l'asino che camminava sui tetti,oggi ci tocca sentire la "predica" del presidente della repubblica anche lui eletto da un governo non eletto dagli italiani. Tutto orchestrato da uno dei peggiori komunisti DOC ancora in circolazione.

Ritratto di illuso

illuso

Gio, 31/12/2015 - 17:12

Quando gli italioti potranno eleggersi "Il Presidente" allora sarà il mio presidente, se eletto dalla casta parlamentare NO. Buon 2016

Cheyenne

Gio, 31/12/2015 - 17:20

il vero populismo è questo: pigliare per il culo i cittadini facendo credfere di essere uno di loro e non il CAPO della CASTA (in quanto stato in italia non ne esiste più)

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Gio, 31/12/2015 - 18:02

Non ascoltatelo, porta male e già siamo messi male!

simonetta della...

Gio, 31/12/2015 - 18:17

Giovauriem, la 7 solo per qualche film.

Gasparesesto

Gio, 31/12/2015 - 19:38

Mi auguro che codesto saluto di fine anno dell'Uomo del Colle " finto Arbitro Istituzionale " sia il primo ed ultimo da parte di un Presidente di parte che ha avvallato con il suo mutismo gravi compotamenti in palese contrasto col Dettato Costituzionale, accaduti nelle Aule Parlamentari da parte dei Due Presidenti e da parte della Maggioranza che rappresenta il Governo !