Mattarella vero arbitro Così il Colle archivia il metodo Napolitano

Ha gestito la crisi in modo neutrale e deciso Re Giorgio invece indirizzava e ammoniva

Gli ha dato i compiti: e al primo posto c'è la legge elettorale, da «favorire» con «neutralità». Ma poi ci sono le banche da mettere in sicurezza, i conti pubblici da contenere, il rapporto con l'Europa da ricucire, il G7 del 2017 da organizzare, i terremotati da soccorrere. Gli ha messo fretta: oggi la lista dei ministri, domani la fiducia, mercoledì il decreto per salvare Monte Paschi, giovedì il Consiglio europeo. Gli ha dato pure qualche dritta: non è il caso, gli ha spiegato il capo dello Stato, che mantenga l'interim della Farnesina. Ma le pressioni finiscono qua perché, per la prima volta dopo anni, quello che è nato non è un governo del presidente.

Giorgio Napolitano infatti non abita più qui, al suo posto c'è un notaio, un «arbitro» che da quando è al Colle interpreta il ruolo in modo opposto. King George indirizzava e ammoniva, lanciava in pista e faceva muro, Sergio Mattarella invece ha soprattutto «ascoltato». Durante la crisi l'unico braccio di ferro che ha ingaggiato, con Matteo Renzi, l'ha vinto. Non si può votare subito con questi due sistemi scoordinati, ha detto all'inizio, e infatti non si voterà prima della sentenza della Consulta e di una nuova legge. Per il resto ha lasciato il gioco nelle mani del partito più rappresentato, il Pd, spingendolo a fare in fretta e controllando se attorno al nome indicato, Paolo Gentiloni, c'erano consenso interno e una maggioranza in Parlamento.

Mattarella è «soddisfatto». La crisi era difficile ed è stata risulta in una settimana, prima della riapertura dei mercati finanziari. Non è il governo del presidente, ma nemmeno il governo contro il presidente. L'incontro tra i due, oltre le formalità di rito dell'incarico, è stato «caloroso». Il capo dello Stato, raccontano, apprezza infatti «la capacità di dialogo, il curriculum di lungo corso nelle istituzioni e la conoscenza dei meccanismi» della Repubblica dell'incaricato. Sulle riforme «ci si attende» che l'esecutivo passi la mano alle Camere e in questo senso sono state molto ben accolte le prime parole di Gentiloni, che ha dichiarato di voler «accompagnare e favorire» la legge elettorale. Insomma, Mattarella si aspetta che il governo non si inserisca in prima persona e che mantenga una posizione di «maggior neutralità rispetto al passato», con una volontà di aiutare favorendo il dialogo e svelenendo il clima.

Quanto alla durata, il Quirinale non può certo autorizzare la nascita di un esecutivo a tempo, perché i governi non sono yogurt con la data di scadenza. Qualunque presidente della Repubblica è perciò chiamato dalla natura del mandato a fare di tutto per tutelare la legislatura. Però, una volta approvata la legge elettorale, Mattarella non praticherebbe l'accanimento terapeutico e, se Pd e Cinque Stelle, più Lega e Fdi, insistessero a chiedere il voto subito, difficilmente potrebbe evitate lo scioglimento anticipato. Resta da capire che significa subito: Consulta, più decreto attuativo, più presidenza del G7, più scatto dell'indennità per i parlamentari, più Finanziaria dell'anno prossimo, ed ecco che gran parte del 2017 rischia di essere coperta dal nuovo esecutivo. Quando un treno parte...

Commenti

giovauriem

Lun, 12/12/2016 - 08:49

massimiliano scafi , ma lei crede a quello che scrive o ci fa ? secondo lei uno come mattarella, (esempio limpido di arredamento istutuzionale)decide chi quando e con chi fare un governo ? in italia i politici non comandano e non decidono nulla fin dall'avvento del 1° governo "napolitano" del 2011 e a sua volta napolitano prendeva ordini da politici e lobby straniere , in italia non abbiamo un solo uomo che è in grado di "dirigrre"

AH1A

Lun, 12/12/2016 - 09:30

...ma Mattarella non era il nemico pure lui prima?

Ritratto di libertà o cara

libertà o cara

Lun, 12/12/2016 - 09:49

x per dott. Massimiliano gentile dottore perdoni la domanda: ma è proprio vero? Dal "gattopardo" quanti insegnamenti di valor sublime! ... Libertà o cara ... VOTO SUBITO

linoalo1

Lun, 12/12/2016 - 10:01

Vedete???Malgrado i Danni Miliardari che ha causato,il Pericolosissimo Sinistrato NAPOLITANO,senza alcun Ritegno,ha ancora il coraggio di farsi vedere in pubblico!Cosa vuol dire???Semplicemente che,ne lui,causa l'età,e nemmeno i Sinistrati,si sono resi conto degli effetti e dei danni,causati del Colpo di Stato del 2011!!!!

conviene

Lun, 12/12/2016 - 10:36

Berlusconi lo riteneva un pericolo pubblico, un nemico. Per lui ha fatto saltare il banco delle riforme scritte da lui e Renzi. Lo ammetterà l'errore? scommetto 1.000.000 a 1 no.

Giulio42

Lun, 12/12/2016 - 10:36

Non mi sembra che abbia fatto niente di così eclatante. Ha confermato un Governo non eletto che è stato sfiduciato dal voto popolare. In questo caso, il popolo non è sovrano ma suddito.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 12/12/2016 - 10:40

linoalo1 danni causati... a chi??? Loro, in prima persona, e il partito che rappresentano hanno avuto solo vantaggi dal colpo di stato del 2011. Gli altri... quali altri? Il Popolo Italiano? Cos'è? Lei pensa proprio che a loro possa fregare qualcosa della sorte del Paese?

cameo44

Lun, 12/12/2016 - 10:42

Io sulla neutralità di Mattarella ho tanti dubi l'incarico a Gentiloni è frutto di un accordo con Renzi il quale è stato l'artefice della nomina di Mattarella a Capo dello Stato. Gentiloni è stato costretto a confermare la maggiorparte dei Ministri del Governo Renzi per volere dello stesso Renzi così facendo ha creato i presupposti del rifiuto delle opposizioni di partecipare alle consultazioni nessuna discontinuità col Governo Renzi tanto valeva fare un Renzi Bis siamo alle comiche cosa deve succedere in Italia per ridare la parola ai cittadini

conviene

Lun, 12/12/2016 - 10:58

@riprovo. Ma Mattarella non era il vostro nemico? A causa sua Berlusconi ha fatto saltare il banco delle riforme scritte da lui con Renzi. Ora è neutrale e deciso. Chiederà scusa il vostro? Scommetto 1.000.000 a 1 NO. Ormai lui usa solo questo refrain

Trinky

Lun, 12/12/2016 - 10:58

toh, è tornata la professoressa conviene.......già finiti i corsi per i clandestini?

maurizio50

Lun, 12/12/2016 - 11:00

Non condivido tanto entusiasmo per Mozzarella!. Ha fatto il minimo che doveva fare chiunque, al di fuori del pessimo Napolitano, nel ruolo di PdR. In ogni caso è un personaggio amorfo, che si rifiuta di vedere il dissesto economico del Paese, procurato dalla Sinistra in combutta con i tromboni dell'Unione Europea. E sopratutto si rifiuta di vedere che con la continua invasione di centinaia di migliaia di africani sul territorio nazionale, la Nazione Italiana è destinata a sparire. Ciò con la connivenza di chi ha gestito il Paese dal 2012 in poi!!!!!!

giovanni PERINCIOLO

Lun, 12/12/2016 - 11:04

...."Sulle riforme «ci si attende» che l'esecutivo passi la mano alle Camere"... Finalmente, dopo oscar e re giorgio, sempre dodicesimo giocatore in campo, Mattarella onora il suo mandato e, dopo averlo tanto criticato, oggi ne prendo atto e gli rendo merito.

gpl_srl@yahoo.it

Lun, 12/12/2016 - 11:25

abbiamo a disposizione sei mesi per vedere se come il lupo cambia il pelo ma non il vizio! l' uomo di Renzi quando è stato eletto ha giurato di voler essere il presidente di tutti gli italiani: stiamo a vedere se intende onorare la propria parola!

Ritratto di kikina69

kikina69

Lun, 12/12/2016 - 11:26

Questo articolo è stato scritto da Berlusconi in persona...non ci posso credere che osannate il presidente Mattarella come arbitro quando si è "disinteressato" del volere del popolo italiano..non ho parole.

Duka

Lun, 12/12/2016 - 11:27

Ma il risultato NON è cambiato sempre un gran PASTROCCHIO è-

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 12/12/2016 - 11:40

Può essere ma il risultato non cambia. Il vero cambiamento di passo sarebbero state le elezioni a brevissimo termine.

Fjr

Lun, 12/12/2016 - 11:53

Da KingGeorge a Naftarella uno meglio dell'altro, ma d'altronde questo è ciò che passa il convento DC e PCI

wotan58

Lun, 12/12/2016 - 11:55

Non vedo nessuna diversità tra l'ex (ex?) democristiano e l'ex comunista, quindi non capisco perchè incensare Mattarella. Secondo prassi (e costituzione), come avviene in Italia da 68 anni, ha ascoltato i gruppi parlamentari per verificarne l'opinione, quindi ha dato l'incarico di formare un governo ad un personaggio che presumibilmente avrà il sostegno della maggioranza e riscuoterà la fiducia dalle camere elette dal Popolo Italiano.

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Lun, 12/12/2016 - 12:09

Pur mantenendo le mie riserve su Mattarella, la mia valutazione per come ha gestito questa crisi di governo è positiva, in perfetta sintonia con Massimiliano Scafi.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 12/12/2016 - 12:38

A me pare che mummiarella abbia semplicemente fatto quanto "suggeritogli" da Napolitano... E l'articolo mi puzza tanto di lecchinaggio politico. Con un paese i cui cittadini si sono espressi per un cambio di rotta DRASTICO E RAPIDO, qui siamo ancora ai "rituali democratici" che ormai di democratico non hanno piu` nulla.BAH! Scommetto che il 18/12 in piazza Forza Italia trovera` il modo di non andare. Tanto peggio, ci vuole chiarezza prima dello scontro, e saper BENE su chi contare e chi no.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 12/12/2016 - 13:09

Napolitano aveva un grave conflitto d'interessi con due figli che "lavorano" in Bankitalia.

Una-mattina-mi-...

Lun, 12/12/2016 - 13:20

NON diciamo scemenze: il dato reale è l'impossibilità pratica del popolo di esprimersi, e il perdurare del colpo di stato bianco.

rokko

Lun, 12/12/2016 - 20:42

Mattarella ha fatto ciò che un Pdr deve fare: ascoltare i gruppi parlamentari e provare a dare l'incarico a qualcuno con buona probabilità di ottenere la fiducia. Anche Napolitano, vi piaccia o no, faceva la stessa cosa. Non si va al voto anticipatamente se c'è una maggioranza sufficientemente forte in parlamento, mettetevelo bene in testa.