La Meloni: le Camere vanno sciolte pure se i giallorossi avranno la fiducia

La leader di Fdi invoca la piazza «contro il patto della poltrona»

Roma «Scenderemo in piazza per dire non in mio nome. Questo governo non è un golpe, ma una vergogna sì». Giorgia Meloni, accompagnata da Luca Ciriani e Tommaso Foti, lancia il suo appello alla piazza dalla Loggia alla Vetrata del Quirinale, appena uscita dal colloquio con Sergio Mattarella. Lo fa mettendo nel mirino «il patto della poltrona» e confermando la sua scelta di opposizione frontale al possibile nuovo governo M5s-Pd.

«Un governo fatto di forze politiche che si sono candidate dicendo agli italiani che avrebbero ciascuno combattuto l'una contro l'altra è un inganno verso gli elettori, la cosa più distante dall'idea di democrazia. Per noi l'unico sbocco possibile è lo scioglimento immediato delle Camere e il ritorno alle urne. Abbiamo chiesto a Mattarella di valutarlo anche nel caso in cui M5s e Pd confermassero la loro volontà di procedere verso il patto della poltrona. Mattarella sa bene di non aver alcun obbligo costituzionale a dare il via libera a qualunque maggioranza - prosegue la Meloni - l'articolo 1 della Costituzione, secondo il quale la sovranità appartiene al popolo, non sarebbe oggettivamente rispettato».

Esaurite le valutazioni sul ribaltone che si sta consumando in Parlamento e sul nuovo governo giallorosso, Giorgia Meloni annuncia l'intenzione di portare la protesta nelle piazze. «Non è stato oggetto del nostro colloquio con il presidente Mattarella ma approfitto della vostra pazienza per annunciare che scenderemo in piazza. Se questo governo dovesse nascere invitiamo già da ora gli italiani in piazza Montecitorio, il giorno della fiducia. Vogliamo dare voce agli italiani che capiscono l'inganno che si sta consumando». Un appello non limitato ai militanti del suo partito ma «a tutti i militanti delusi dei partiti che stanno facendo l'esatto contrario di quello che avevano dichiarato».

C'è spazio anche per un botta e risposta con la giornalista Claudia Fusani che chiede alla leader del partito erede della destra se non sia irrituale «chiamare» la piazza dall'interno delle mura del Quirinale. «Se io pensassi che si sta facendo una cosa costituzionalmente illegittima - replica Meloni - chiamerei il colpo di Stato, che è un'altra cosa. Dico che si sta facendo una cosa politicamente inopportuna e vergognosa in termini di rispetto dei cittadini. E la Costituzione prevede che si possa anche scendere in piazza per dire non in mio nome».

Commenti

Brutio63

Gio, 29/08/2019 - 10:41

È un governo contro l’Italia e gli italiani. I 5S hanno chiesto i voti nel 2018 come alternativi al PD Se vogliono governare insieme si candidassero insieme e si presentassero alle urne insieme a chiedere agli italiani se davvero vogliono un governo PD/5S Questa sarebbe democrazia ma PD e 5S sono democratici come lo era la DDR da cui viene frau Merkel a cui insieme hanno votato Ursula!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 29/08/2019 - 10:48

meloni gioca a fare la furba, ma se era furba, rimaneva con berlusconi, e se ne usciva, forse pestata, ma sicuramente rispettata! ora quelli che sono usciti pestati come il PD e il M5S, credete che verranno rispettati?:-) evidentemente la politica che voi fate è quella del sottobanco, degli accordi io ti do questo tu mi dai questo e chi se ne frega degli italiani....

Altoviti

Gio, 29/08/2019 - 10:51

Sciopero generale contro questo governo!

Altoviti

Gio, 29/08/2019 - 10:58

In Italia si chiama trasformismo ed è nella pura tradizione dei partiti di sinsitra che così hanno avuto il potere e distrutto sempre il paese quando governavano. Ora bisogna scendere in piazza far sciopero perché mai ci fu un tale attacco la popolo e non solo alla democrazia!

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 29/08/2019 - 12:15

Sono con e per Meloni. La voterò ancora, ma chissà quando? Andremo avanti per 3 anni abbondanti, con il governo degli ignoranti abbracciati ai comunisti!? Mala tempora currunt ed al Quirinale o si ignora o si sorvola: questa non é una democrazia, perché il Popolo non conta nulla, da sempre! Conta la politica con un Presidente concepito in modo sbagliato: una Costituzione da modificare.

lorenzovan

Gio, 29/08/2019 - 14:43

poveri pirlotti...ancora a pensare alle marcette di cent'anni fa...siamo nel XXI secolo..tutti hanno due o tre macchine e appartamenti..ipod e vacanze prenotate..sai che rivoluzioni...lololololol

rokko

Gio, 29/08/2019 - 15:19

Camere da sciogliere anche se ci fosse la fiducia al nuovo governo? Forse politiche che si sono presentate da avversari, come Lega e 5S? La Meloni ormai sta sbroccando.

Duka

Ven, 30/08/2019 - 17:16

Può essere ma non basterà certo invocare lo SPOT della piazza .Servono le palle tipo gilet gialli.Piazza pacifica ma ad oltranza