Mercoledì i funerali di Stato per le vittime

MonzaPer le sue vittime ci saranno mercoledì i funerali di Stato. Lo ha comunicato ieri palazzo Chigi. Claudio Giardiello, l'autore della strage al tribunale di Milano, di quella mattinata di terrore non parla. Per lui è stata disposta la perizia psichiatrica. Ieri, davanti ai giudici che dovevano interrogarlo, ha avuto un altro malore. Si è chiuso in un apparente stato confusionale ed è finito ancora sotto cure mediche. Quando nel carcere di Monza, sono arrivati il pm e il gip si pensava che Giardiello avesse deciso di «collaborare». Lo aveva fatto intendere anche il suo legale, Nadia Savoca, dicendo «fisicamente sta bene, stiamo valutando se rispondere alle domande». Non è andata così. Da quanto racconta la stessa Savoca all'ora di pranzo, il suo cliente non ha nemmeno iniziato a parlare coi magistrati. L'uomo, dopo essere stato portato nella sala per l'interrogatorio di garanzia, si è spostato in un'altra stanza per conferire con il suo avvocato «Ho chiesto di poter parlare con lui per qualche minuto prima di iniziare – spiega la legale – poi è svenuto, praticamente subito. Quando i medici lo hanno portato in infermeria hanno deciso che non fosse in grado di sostenere l'interrogatorio». Sottoposto ad un elettrocardiogramma ed altri accertamenti, Giardiello è apparso confuso, incapace di parlare: «Non riconosce nessuno, nemmeno sua figlia». La convalida dell'arresto è quindi proceduta senza l'indagato, ma il fermo è stato comunque convalidato con le accuse di omicidio plurimo aggravato, tentato omicidio e porto abusivo di arma. Il Gip ha anche richiesto una perizia psichiatrica per valutare le condizioni di Giardiello. Non è stata contestata invece l'accusa di strage paventata nei giorni scorsi. Intanto mentre sulla sua famiglia di origine, una ex moglie e due figli residenti a Brugherio (Monza), vive il dramma di dover fare i conti con l'accaduto, meno si sa sulla attuale vita privata dell'omicida. La sua compagna filippina, Soleila Barrion, pare infatti non essere scomparsa nel nulla. . La donna, che viveva con Giardiello a Garbagnate, è stata vista per l'ultima volta uscire di casa la mattina di giovedì.

Commenti

ESILIATO

Dom, 12/04/2015 - 18:28

Per quale motivo devono avere i funerali di Stato? Una opportunita per "La Casta" di cercare di presentarsi come "vittima" . E' ora che gli Italiani si ribellino e rifiutino questa situazione di essere cittadini di seconda categoria.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Lun, 13/04/2015 - 07:49

la farsa italica continua. Retorica, demagogia opportunismo....sempre la solita sola. Ma quelli di Milano sono caduti per la Patria, hanno salvato vite umane, si sono immolati per nobili ideali? No! si trovavano per caso o per necessità di traverso a un pazzo armato. tutto qui!!