Mezza Italia in coda verso spiagge e confini ma nessun problema a Bologna Casalecchio

Il traffico sarà intenso anche stamattina, poi si normalizzerà nel pomeriggio

Intenso, come da programma, il traffico nel weekend da bollino nero che anticipa il Ferragosto: da venerdì sera milioni di veicoli si sono messi in viaggio verso le località di villeggiatura, sul corridoio adriatico e tirrenico. La circolazione, più densa al mattino, è andata normalizzandosi nel pomeriggio.

La situazione resterà comunque da bollino rosso anche nella mattinata di oggi, per passare poi a intensa ma più fluida verso sera. I mezzi pesanti si sono fermati ieri dalle ore 8 fino alle 22 e oggi faranno lo stesso dalle 7 alle 22. La notte di venerdì è stata quella a maggior intensità di traffico dell'estate sul tratto della A4 gestito da Autovie, con volumi elevatissimi che hanno superato i 3mila veicoli l'ora in arrivo dal passante di Mestre in direzione Trieste: per la maggior parte turisti diretti verso le località dell'alto Adriatico, sia italiane che slovene e croate. Un cordone di auto, caravan e roulotte senza soluzione di continuità da Venezia fino a Trieste, per poi proseguire oltreconfine. Alla barriera di Trieste Lisert si è creata una coda di 3 chilometri, poi ridotta in serata; sul tratto di A4 tra Padova est e Venezia si sono toccate punte intorno ai 5mila veicoli l'ora. Disagi si sono registrati nei tratti tradizionalmente battuti dai vacanzieri come la A9, con coda di 5 km tra Como centro e Chiasso per l'attraversamento della dogana svizzera; sulla A10 in direzione Francia, con code fino a 6 km nel savonese e di 1 km tra Bordighera e il confine di Stato.

Sull'A2 «Autostrada del Mediterraneo», a causa delle difficoltà nelle operazioni di imbarco sullo Stretto di Messina, allo svincolo di Villa San Giovanni è stata decretata la fase di emergenza di terzo livello con la chiusura dello svincolo autostradale per i veicoli provenienti da nord. I tempi di attesa per i traghetti sono arrivati a toccare le tre ore e personale dell'Anas ha distribuito bottigliette d'acqua agli automobilisti per fronteggiare il caldo. Disagi anche al Traforo del Monte Bianco (attese di circa 2 ore in direzione della Francia). Non si sono verificate particolari criticità, invece, sul raccordo A1/A14 Bologna Casalecchio interessato dal grave incidente di lunedì scorso, grazie alle deviazioni del traffico sia sulla viabilità ordinaria sia sulla viabilità autostradale messe in campo già dalla mattina del 7 agosto.