Migranti, il piano del Viminale per accelerare tutti i rimpatri

Carlo Sibilia, sottosegretario al ministero dell'Interno, ha spiegato le prissime mosse del Viminale. E Salvini sui rimpatri: "Riunione tecnica con la Tunisia"

Foto di repertorio

Il Viminale è pronto a sfornare i due decreti più attesi della gestione Salvini. Oggi il ministro dell’interno ha pubblicato uno scatto dal suo studio per informare i suoi follower di essere al lavoro per limare gli ultimi dettagli degli interventi legislativi che sta preparando. Anche e soprattutto sul piano dei rimpatri.

Intanto alla Camera dei Deputati era il sottosegretario Carlo Sibilia a rispondere ad una interrogazione parlamentare presentata da Galeazzo Bignami, deputato bolognese di Forza Italia. L’onorevole azzurro aveva domandato al governo quali iniziative l’esecutivo abbia in serbo per "accelerare le procedure di riconoscimento o diniego della protezione internazionale e/o dello status di rifugiato e per perseguire un’efficace politica di rimpatrio per coloro che non hanno diritto all’accoglienza".

La risposta del Viminale è un anticipo di quello che, con ogni probabilità, ci sarà da attendersi nei dl Immigrazione e Sicurezza che – ha detto Sibilia - “nelle prossime settimane potrebbe essere varato da Consiglio dei ministri”. E sarà “un provvedimento varato nell’ottica del rispetto del contratto di governo che, al punto 12, sancisce nel titolo ’per quanto riguarda l’immigrazione, si lavora su rimpatri e stop al business dell’immigrazione”.

Nella pratica – ha spiegato il sottosegretario - “è intenzione del ministero dell’Interno destinare ulteriori risorse finanziarie per i rimpatri di coloro che non hanno diritto all’accoglienza”. Ieri sera poi il ministro Salvini aveva vergato un lungo post per spiegare cosa sta davvero avvenendo sul lato rimpatri, dopo le polemiche per quei tunisini “liberati” col foglio di via dopo il guasto al volo charter che avrebbe dovuto portarli nel loro Paese. "Questa mattina - aveva spiegato il leghista - con volo da Palermo, 40 tunisini irregolari arrivati coi “barchini” qualche giorno fa. Il resto del gruppo partirà con i prossimi charter, a partire da quello di questo giovedì”. Inoltre aveva ricordato che oggi al Viminale ci sarà una “riunione tecnica con i rappresentanti del loro governo per rendere più veloci e numerose le espulsioni: l’accordo fatto dal PD è del tutto insufficiente e stiamo cercando di rimediare”.

Commenti

maurizio50

Mar, 18/09/2018 - 13:24

Lo ripeto da settimane. Ci vorranno dieci anni per riportare il Paese ad una situazione di vivibilità come esisteva prima dei governi sciagurati dei catto comunisti. Ditelo ai capoccia del cosiddetto Partito sedicente Democratico!!!!!

VittorioMar

Mar, 18/09/2018 - 13:27

..con aerei tunisini o italiani ??..meglio quelli tunisini !!

19gig50

Mar, 18/09/2018 - 14:55

Portateli via al più presto, chi vi ha votato comincia a stancarsi di questa inerzia da parte vostra.

Ritratto di pravda99

pravda99

Mar, 18/09/2018 - 14:56

Salvini proporra` un ponte sul Canale di Sicilia. Sulla cartina sono pochi cm, o no?

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Mar, 18/09/2018 - 15:00

Quante sono le prestazioni che molti avvocati italiani eseguono per ritardare l'espulsione o annullarla, o far ottenere il permesso di soggiorno attraverso l'istituto del patrocinio gratuito, ad extracomunitari colpiti da arresto o foglio di via che si dichiarano nullatenenti? 500.000? E ogni prestazione dell'avvocato (pagata dallo Stato cioè da noi, perché il patrocinio gratuito é a carico dello Stato) quanto costa alla fine del ricorso? 3.000 euro? Fa 1 miliardo e cinquecentomila euro!!!!! Secondo voi gli avvocati potrebbero rinunciare a questa manna caduta dal cielo? Perché nessuno parla di questo fenomeno legato all'immigrazione?

aleppiu

Mar, 18/09/2018 - 15:45

ma a proposito felpino e a voi tutti suoi seguaci, parlando di rimpatri non piu' tardi di aprile l'uomo di palta diceva questo, come mai ora che sono al governo non sono ancora a casa??? E tutti gli indignati che sparavano sulla mancata liberazione com'e' che ora fanno tutti silenzio???? Maro': Salvini, con noi sarebbero a casa (ANSA) - ROMA, 7 APR - "Dopo 3 anni e 3 diversi governi, ancora niente di fatto per i 2 Marò. Monti, Letta e Renzi: a Bruxelles e a livello internazionale non contate niente! Con la Lega al governo, i due Marò sarebbero già a casa. Renzi, stiamo arrivando!". Così, su Facebook, il leader della Lega Matteo Salvini.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 18/09/2018 - 15:56

Ecco cosa significa trovarsi coi pozzi avvelenati...E qualcuno, a suo tempo, ci si è messo proprio d'impegno.

inventocolori

Mar, 18/09/2018 - 16:10

--l'aereo è guasto--ma...qualcuno vuole spiegare ad un " italiano medio " perchè non hanno preso un'altro aereo...invece di lasciargli quel foglio di via che è come carta straccia??

JoBanana

Mar, 18/09/2018 - 21:19

Nessuna importanza. Chiusa la via tunisina, un'altra si aprirà. Cessiamo di gesticolare. Dobbiamo portare attenzione alle cause delle migrazioni. E trovare soluzioni adeguate.