MILANO2015

C'è un angolo di Expo a un'ora di viaggio da Milano. È Fidenza Village, l'outlet di lusso firmato Value Retail, che durante i mesi dell'Esposizione Universale si è trasformato in ambasciata del made in Italy. Moda, cibo, design, arte, musica: tutto quello che i visitatori, soprattutto quelli internazionali, si aspettano dall'Italia. Un'esperienza che nel Villaggio è a portata di mano tutto l'anno, curiosando tra le oltre 100 boutique, assaggiando le specialità dei ristoranti tipici e godendo delle escursioni nel territorio, ma che in questi mesi si è arricchita di una serie di eventi irripetibili dedicati alle icone del Bel Paese,dall'Opera alla Dolce Vita.

Uno spettacolo pirotecnico arrivato al botto finale: Passione Italiana, ovvero moda e design, gli atout su cui Fidenza punta tutto nell'ultimo scorcio di Expo 2015. Tre storiche maison milanesi propongono le loro creazioni in esclusiva per gli ospiti del Villaggio, a cominciare da Etro che ha realizzato dei cuscini con un mix dei suoi inconfondibili tessuti. Il colore è la cifra di Missoni: la ritroviamo sulla t-shirt stampata con uno schizzo originale del grande Ottavio, un'opera esposta al Museo MaGa di Gallarate. E la stampa storica di Versace rivive nella camicia in seta chiusa da un bottone dorato a testa di Medusa.

Il bello qui è anche buono: Feed it!, il meglio del design italiano per un grande progetto di solidarietà promosso da Oxfam Italia e curato da Livia Peraldo Matton, responsabile di The Circle Italia Design, network di donne fondato da Annie Lennox. Nelle boutique di Fidenza sono in mostra le opere donate da aziende storiche come B&B Italia, Cassina, De Padova e Foscarini: special designer dell'allestimento l'archistar Benedetta Tagliabue.

Non solo shopping quindi per chi visita Fidenza, ma anche la possibilità, soprattutto per chi viene dall'estero, di scoprire le eccellenze locali e nazionali del made in Italy. Un binomio di successo: grazie agli ospiti internazionali, le vendite tax free dei marchi presenti nel Villaggio sono cresciute a doppia cifra dall'inizio di maggio rispetto allo stesso periodo 2014. I «big spender» sono, come sempre, i cinesi, con acquisti tax free cresciuti del 96% da maggio ad agosto 2015 rispetto allo stesso periodo del 2014. Lo conferma il presidente onorario della Camera della Moda italiana, Mario Borselli, che del progetto è ambasciatore: «Nel mio ruolo mi relaziono con i mercati “lontani”, soprattutto con la Cina che è particolarmente interessante perché è l'unico Paese a poter garantire un bacino enorme di potenziali futuri acquirenti. Sono quindi molto interessanti le iniziative realizzate da Fidenza Village per gli ospiti cinesi». Come la «Golden Week» che in questi giorni celebra la più importante festa nazionale di Pechino.