Le due camere del Parlamento in balìa del caos gender di Boldrini

Nei documenti di Camera e Senato i vertici dei dicasteri sono chiamati con declinazioni di genere diverse: ministra per la Boldrini e ministro per Grasso

Ministra alla Camera dei Deputati, ministro al Senato. Ci manca poco e i vertici donna dei dicasteri del governo Gentiloni rischiano di soffrire di una crisi di identità non indifferente. Quando si presentano al cospetto di Laura Boldrini, infatti, devono abituarsi a sentirsi chiamare con l'appellativo al femminile, quando invece fanno una capatina dalle parti di Pietro Grasso i senatori si rivolgeranno a loro solo al maschile.

Non è uno scherzo. Nei documenti ufficiali della Camera, la Boldrini ha imposto vengano usati i titoli al femminile e non sente ragioni. I resoconti stenografici parlano chiaro e sono precisissimi, guai sgarrare dalle indicazioni presidenziali. Grasso, però, non ha fatto la stessa scelta e si è limitato a lasciare tutto com'era prima: ministri, sottosegretari, segretari e onorevoli solo al maschile. E così quando Laura Fedeli rilascia una dichiarazione alla Camera viene presentata come "ministra dell'Istruzione e della Ricerca". Mentre se deve rispodere ad una interrogazione parlamentare di fronte ai senatori, si alza dai banchi del governo solo quando Grasso dà la parola al "ministro dell'Istruzione e della Ricerca".

Ormai è noto anche ai gatti (e alle gatte) che la Boldrini ha dato il via alla sua crociata ponendo la questione di genere sopra ogni altra battaglia politica. Ad ognuno le sue priorità, certo. Non è bastato per dissuaderla nemmeno il monito di un uomo che la presidenta rispetta moltissimo, ovvero Giorgio Napolitano. A dicembre Re Giorgio disse di voler "reagire alla trasformazione di dignitosi vocaboli della lingua italiana nell’orribile appellativo di “ministra” o dell’abominevole appellativo di “sindaca”". Ma Boldrini non si tirò indietro e infatti va avanti come un Caterpillar. Al suo fianco peraltro può vantare un compagno d'armi (pardon, compagna) del calibro di Maria Elena Boschi, la quale dopo essere stata retrocessa al ruolo di sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, emanò una circolare per imporre a tutti di chiamarla sottosegretaria. Peccato dopo alcuni giorni si accorse che, in qualità di Segretario del Consiglio dei Ministri, gli onorevoli le avrebbero affibbiato il titolo di segretaria, sostantivo che deve averle fatto venire in mente tacchi a spillo, occhiali neri e fotocopie. Poco dignitoso per una della sua statura istituzionale. Tanto da spingerla a scrivere una nuova circolare in cui precisare che deve essere chiamata "sottosegretaria di Stato", ma "segretario del Consiglio".

Ecco. Dalle parti di piazza Montecitorio è scoppiato una sorta di caos di genere e la colpa, se così possiamo definirla, viene da lì. Dalla guerra femminista di Laura Boldrini. Mi sorge una domanda: se ne sentiva davvero il bisogno?

Commenti

agosvac

Mar, 17/01/2017 - 14:01

Il Presidente del Senato avrà anche i suoi difetti, come tutti, ma, almeno, conosce l'italiano. Purtroppo la signora boldrini di difetti ne ha tanti, il peggiore è quello di ignorare il corretto italiano!!! Di buono c'è che ormai ci vuole poco più di un anno e poi, con lo scioglimento del Parlamento, di lei non se ne sentirà più parlare.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mar, 17/01/2017 - 14:04

Effettivamente simili questioni hanno una portata epocale: niente a che vedere con le scemenze pratiche di cui parlano ogni giorno quei noiosi reazionari dei populisti.

gneo58

Mar, 17/01/2017 - 14:10

dio ci salvi dagli imbecilli

Silvio B Parodi

Mar, 17/01/2017 - 14:16

no , e la solita sinistra che fa confusion la Boldrina poi ce la mette tutta a fomentare il caos, e l'Italia va a rotoli.

maurizio50

Mar, 17/01/2017 - 14:17

E' impossibile che chi ha vissuto cinquant'anni con il cervello atrofizzato possa ora ridestarsi ed agire nella normalità. E' impossibile dunque pretendere che M.ma la Presidenta utilizzi il buon senso, perchè, prima di tutto, è necessario possederlo!!!

wizardofoz

Mar, 17/01/2017 - 14:44

La ministra si può dire, la presidentA no! E' un errore grammaticale. I nomi in ente si rendono al femminile con l'articolo: la presidente.

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Mar, 17/01/2017 - 14:48

La più grande iattura della politica Italiana è stata quella di fare entrare le donne nei palazzi del potere e questo lo dice una femmina non un maschio. Sono purtroppo tutte boriose,lagnose ed arroganti, soffrono di gravi complessi di inferiorità e per questo pretendono di essere chiamate presidenta, ministra, sindaca cosa che i maschi non farebbero mai.Cercano sempre urlando come delle oche di sovrastare i colleghi uomini e se vengono invitate ad un talk show politico in un attimo lo trasformano in un mercato gridando come delle pescivendole. Forse la Boldrini e le colleghe non hanno capito che il valore di una persona non sta nel sesso ma nelle sue capacità. E' chiaro che se sei uno ZERO puoi farti dare tutti i titoli che vuoi al femminile, ma resti comunque uno ZERO.

DuralexItalia

Mar, 17/01/2017 - 14:55

Spero, al massimo a giugno 2017, di non sentire annunciare più come presidente della camera dei deputati, l'On. Laura Boldrini. Politicamente parlando, il "niente" impersonato. Nulla di personale contro lei, ovvio, solo l'analisi delle sue proposte politiche: il nulla, appunto. Resteranno le parole presidenta, assessora e sindaca, dopo di lei? Può darsi, in epoca nella quale i giornali scrivono di "gelicidio" o del "guard-rail assassino..." tutto può essere.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 17/01/2017 - 15:22

Perché non vanno nelle zone terremotate a spiegare il problema di genere alle madri e padri che hanno i loro bambini ancora in tenda sotto la neve. VERGOGNA VERGOGNA e VERGOGNA

Giorgio5819

Mar, 17/01/2017 - 15:26

La demenza di questa parassita è seconda solo alla sua spocchia.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mar, 17/01/2017 - 15:27

I VERI PROBLEMI DI QUESTI ..... NON SI AVVICINANO NEMMENO LONTANAMENTE AI NOSTRI. MI VIENE IL VOMITO cantava un Grande.

emigrante

Mar, 17/01/2017 - 15:43

Come si dice in Veneto: "Se un l'è mona, l'è mona!". Come la mettiamo, con questo sostantivo femminile adattato all'articolo indeterminativo maschile "un"? Chiediamolo alla Crusca presente nel cranio dell'accademina Boldrini.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 17/01/2017 - 15:45

Questi per loro sono i temi prioratari per salvare il paese dall'abisso. Trascurando quelli veri, non si accorgono che lo stanno già portando nel baratro. Qunado si accorgeranno sarà troppo tardi. Incapaci e testardi.

manfredog

Mar, 17/01/2017 - 15:50

.va be', la 'Imboschina' non sarà più sottosegretaria ma segretaria, comunque una segretaria..sotto..!! mg.

MaxSelva

Mar, 17/01/2017 - 16:01

politici incapaci o elettori incapaci ?

Giorgio5819

Mar, 17/01/2017 - 16:29

@MaxSelva, condivido in pieno ! Centrato il problema.

dallebandenere

Mar, 17/01/2017 - 16:41

L ricostruzione post sisma? Il crollo(-75%,dati ANCE) delle gare di appalto per lavori pubblici? La tassazione reale che sfiora il 70%? L'immigrazione? I privilegi da voltastomaco dei dipendenti di Camera e Senato? I pronto soccorso degli Ospedali ridotti a lazzaretti? Ma no,la declinazione di genere,è questa la priorità delle priorità del Presidente della Camera.Il tempo però,seppur lentamente, sta scorrendo, e le elezioni si avvicinano...

Mobius

Mar, 17/01/2017 - 17:02

Ciascuno si assume i compiti e gi obiettivi che sente adeguati alle sue capacità.

Ritratto di Margherita Campanella

Margherita Camp...

Mar, 17/01/2017 - 17:07

Ogni popolo e Nazione hanno quel che si meritano. A noi sono toccate queste due forse, anzi, senza forse, perché entrambe sono il frutto di un'Italia marcia, destinata a scomparire per lasciare il posto ai Bello Figo africani e musulmani. Rivoluzione e non dalla tastiera!

Sabino GALLO

Mar, 17/01/2017 - 17:10

Il confronto con le marce che gli oppositori del Presidente eletto stanno preparando in USA, la posizione della nostra Presidenta di camera mette in evidenza la tendenza pacifica degli italiani alla commedia. Anche se ,spesso , non si capisce subito la volontà della regista (finalmente una parola con la "a" alla fine ,di crusca affermazione!). Negli ultimi tempi, gli italiani si sono incupiti e la Presidenta cerca di riportarli, giustamente, almeno a sorridere ! E' una persona gradevole e bisognerebbe giudicarla da altri punti di vista!

ziobeppe1951

Mar, 17/01/2017 - 17:18

Come diceva De Crescenzo....la stupidità, a volte, ci mette in contatto con le masse.Alcuni politici l'hanno capito e ne approfittano

baronemanfredri...

Mar, 17/01/2017 - 17:25

CARICHE ALTAMENTE BUFFONI

elio2

Mar, 17/01/2017 - 17:30

La classica vuota testa rossa, con sprazzi di ignoranza, il vuoto cosmico impersonato dal nulla.

montenotte

Mar, 17/01/2017 - 17:30

La madre degli imbecilli è sempre in cinta.

i-taglianibravagente

Mar, 17/01/2017 - 17:32

questa e' riuscita a mettersi contro persino napolitano. Di solito tali idioti si trovano sempre dalla stessa parte. Ma costei e' riuscita a sembrare cosi cretina che persino napolitano ha dovuto dissociarsi. Un'impresa titanica essere riuscita con la sua idiozia a far dire una cosa condivisibile a quell'orrendo figuro.

Folgore33

Mar, 17/01/2017 - 17:57

Il Presidente Boldrini conosce poco regole e grammatica della lingua italiana. Presidente è riferito all' incarico e non al genere della persona che lo interpreta. A meno che non abbia rimpianti per il culto della personalità di staliniana memoria.

settemillo

Mar, 17/01/2017 - 18:04

Ora non ho alcun dubbio; l'italietta è allo sbando perché invece di pensare come mandare avanti questa misera nazione, gli addetti ai lavori(LAVORO? ma quando MAI?) perdono il loro tempo per delle STUPIDATE che ci costano care. Pardon: ho scritto stupidate ma,sono solo KAZZATE. La buonanima di TOTO? era solito dire: ED IO PAGO! governanti senza pudore e senza vergogna. Fate solamente PENA! Fra non molto si comincerà a morire di fame! Grazie di vero cuore e che DIO vi maledica!

MOSTARDELLIS

Mar, 17/01/2017 - 18:06

E c'è qualcuno che vorrebbe proporre questa signora come prossimo Presidente (ops...Presidenta) del Consiglio. Cose da matti.

Ritratto di adl

adl

Mar, 17/01/2017 - 18:13

IL GENDERVOCABOLARIO PARLAMENTARE DELLE RETROVIE Culo s.m. (lat. culus) 1 La parte posteriore e più carnosa del corpo umano maschile indicata con termini eufemistici o più dotti o comunque meno crudi come sedere, didietro, deretano. CULA s.f. (lat. culus) La parte posteriore e più carnosa del corpo umano femminile ecc. ecc. ecc... indicata con termini eufemistici come SEDERA, DIDIETRA, DERETANA. Se come taluno sostiene Lo Speranzo ha la faccia come il culo un eventuale La Speranza avrà la faccia come LA CULA ???? Idem dicasi del Giacchetto il cui culo non può essere confuso con LA CULA o DERETANA che dir si voglia di Giacchetta. LE CULE DELLE DATTILOGRAFE ED I CULI DEGLI ELETTRICISTI DI M.CITORIO E PAL.MADAMA pagate/i come Obama nell'era Trump, quanto costano a Pantalone per fare SPROFONDARE LE LORO FLACCIDE DIDIETRE NEGLI SCRANNI DEL PARLAMENTO PER SIMILI SCEMPIAGGINI ??????

Rudik

Mar, 17/01/2017 - 18:15

In mancanza di vere idee nasce la voglia di burocratismo in puro stile politburo di stampo socialsovietico.

manente

Mar, 17/01/2017 - 18:33

La lingua italiana è talmente sottile che il termine "cxxxxxo" può da sempre essere declinato al femminile, ma queste finezze linguistiche alle "cxxxxxe", proprio in quanto tali, è ovvio che sfuggano !

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 17/01/2017 - 18:35

Caos gender? Ma cosa c'entra il gender con queste fesserie? Magari lo strisciante gender si limitasse a fesserie boldriniane come "ministro" o "ministra". Nel caso di specie è questione di intelligenza, però limitatamente al capire che cambiando la parola al femminile non cambia nulla di sostanziale! I problemi del paese sono ben altri! Per esempio diciamo: "Boldrini è una problema", al femminile naturalmente, e subito risplende il sol dell'avvenire.

uberalles

Mar, 17/01/2017 - 18:57

Vabbeh, per la Fedeli è meglio parlare al maschile...Mi pare più adatto...

Una-mattina-mi-...

Mar, 17/01/2017 - 19:07

LA BOLDRINI E' COSI': senza rendersene conto riesce a creare più problemi di quelli che crede di risolvere.

piazzapulita52

Mar, 17/01/2017 - 19:50

Ma veramente il popolo italiano è caduto così in basso?????

piazzapulita52

Mar, 17/01/2017 - 19:57

X agosvac. Tu sei troppo ottimista e comunque vada, anche se di quella la non ne sentiremo più parlare, continueremo comunque a sentir parlare e subire il danno enorme che, insieme ai suoi compari, ha fatto riempiendo l'Italia di clandestini vagabondi parassiti africani! Voglio proprio vedere chi riuscirà adesso a buttarli fuori dall'Italia e rispedirli da dove sono venuti insieme a chi li ha fatti sciaguratamente venire ad infettare la nostra terra!

ghorio

Mar, 17/01/2017 - 20:27

Ma basta con le ossessioni di genere della Boldrini.La lingua esisteva , prima di lei e non di cambia per i suoi desideri.

Ritratto di johnsmith

johnsmith

Mer, 18/01/2017 - 10:14

Gentile ContessaCV, voleva forse dire:....puoi farti dare tutti i titoli che vuoi al femminile, ma resti comunque una ZERA.