Miss massacrata di botte Otto anni all'ex convivente

Antonio Caliendo, di 28 anni, è stato condannato con il rito abbreviato a 8 anni di carcere dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta). Il ragazzo era finito alla «sbarra» per avere picchiato la sua ex fidanzata, Rosaria Aprea, la miss di Macerata Campania di 21 anni di cui era gelosissimo. Caliendo è stato condannato per lesioni gravissime. Rosatria Aprea era presente in aula al momento della lettura della sentenza mentre l'uomo, agli arresti domiciliari, a preferito restare a casa. Il 12 maggio dello scorso anno la miss era stata aggredita dal convivente con pugni e calci. Un pestaggio che le provocò lo spappolamento della milza. Il 19 aprile di quest'anno era stato nuovamente arrestato dopo avere trascorso sei mesi in carcere. Una volta tornato in libertà, nonostante il processo in corso, avrebbe continuato a perseguitare la sua ex. Che all'inizio l'aveva persino perdonato. Adesso a Rosaria è tornato il sorriso: ha sfilato di nuovo in passerella e ha vinto un corcorso.