La Nato ha fallito, l'Europa non ha soldi: adesso andiamocene dall'Afghanistan

La Nato ha fallito, l'Europa non ha soldi e il terrorismo avanza indisturbato. È ora di far tornare a casa i nostri soldati

Andiamocene. Portiamo a casa i mille soldati italiani dimenticati tra Herat e quella caldissima provincia di Farah dove, da gennaio, 70 nostri uomini sono di nuovo in prima linea.

La risposta, dopo il tremendo attentato di Kabul, è purtroppo una sola. Non è una posizione di cui essere onorati e fieri, soprattutto ricordando gli oltre cinquanta soldati e civili italiani caduti da quelle parti. È l'unica, però, in grado di evitarci altri sprechi di vite e di denaro in un Paese dove, dal 2002 ad oggi, l'Italia ha speso da sola oltre 5 miliardi di euro. L'unica alternativa al ritiro sarebbe un'intesa con gli alleati della Nato per rimandare a Kabul e dintorni un contingente internazionale di 20mila uomini pronti a dar sostegno al malconcio esercito afghano. Ma è più un'illusione che una soluzione.

Sedici anni di presenza occidentale ci insegnano che in Afghanistan abbiamo rimediato soltanto costosi e sanguinosi fallimenti sia sul piano politico che su quello militare. In oltre 15 anni le varie operazioni americane e della Nato non sono riuscite né a sconfiggere i talebani, né a mettere in piedi un esercito afghano in grado di combattere, né a garantire al Paese una governabilità scevra da corruzione e nepotismo.

Ma se abbiamo fallito in anni segnati da un'apparente sintonia tra Stati Uniti ed Europa e da rapporti non troppo critici - almeno fino al secondo mandato Obama - con la Russia come potremmo riuscirci oggi? Illudiamoci pure che un miracolo consenta alla Nato di trovare un'intesa per rispedire sui campi di battaglia afghani ventimila uomini ed il corollario di mezzi aerei e terresti indispensabili per arginare le «debacle» di un esercito locale flagellato da inefficienza, diserzioni ed inettitudine.

La prima a non volerne pagare la maggior parte delle spese sarebbe l'America di Trump. Dunque chi mai metterebbe la differenza? Una Germania che per congenita micragna non adegua neppure quel disavanzo di bilancio con cui da anni azzoppa i suoi alleati? La Francia di Macron già costretta a dolorosi tagli economici? L'Inghilterra della Brexit? Per non parlare della nostra povera Italia, già condannata ad una manovra lacrime e sangue.

Ma ammettiamo pure che i soldi non siano un problema. Bisogna allora da chiedersi chi sia disposto a morire per Kabul mentre il terrorismo islamista avanza indisturbato nelle nostre città e mantiene vaste presenza in Libia, Siria, Irak ed Egitto. E, al caso, come ci garantiremmo l'indispensabile collaborazione di una Russia che in Afghanistan continua a gestire alleanze asimmetriche? Tutte incognite senza soluzione che giustificano l'unica scelta possibile. Ovvero un repentino addio.

Commenti
Ritratto di lucabilly

lucabilly

Sab, 03/06/2017 - 16:04

Sono d'accordissimo. Via da quel posto ingnobile. La vita dei nostri soldati ha molto piu' valore che la permanenza in attesa della morte. Gli afgani sono gente bruttissima. Nessun senso della famiglia. Nessun rispetto per donne e bambini. Non c'e` niente che ci colleghi in quanto a Occidente con quella gente. Via subito.

moichiodi

Sab, 03/06/2017 - 16:05

Non ho capito se Il giornale vuole la moglie ubriaca e la botte piena. Soldati a casa e terrorismo sconfitto

Maura S.

Sab, 03/06/2017 - 16:11

come detto in precedenza, bisogna distruggere i campi che producono la droga che aiuta questi innominabili a fornirsi di armi, ritirare la nostre truppe dal paese e lasciare che si ammazzino tra di loro.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 03/06/2017 - 16:17

Eh,sì! Come no! E il business delle forniture militari dove lo mettiamo? "Nulla è abbastanza per i nostri ragazzi!". Ricordate?

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Sab, 03/06/2017 - 16:38

il problema Afghanistan è stato creato da Bush figlio e proseguito dal duo Obama-Lady Clinton. L'UE e l'Italia dovevano star fuori. punto.

obiettore

Sab, 03/06/2017 - 17:07

Finalmente potranno tornare a casa i nostri ragazzi da quell'inferno appestato di uranio che i democratici USA hanno usato a dismisura. E inoltre sono stati pure stravaccinati con roba che si dice anche scaduta. Molti si sono ammalati di linfomi e altro e adesso combattono con lo stato per farsi riconoscere le cause di servizio, ma la vedo dura. Più facile che li mandino in strada.

Altobelli

Sab, 03/06/2017 - 17:07

Micalessin beva meno, mi creda, col caldo fa male..

LuPiFrance

Sab, 03/06/2017 - 17:32

Sarebbe anche il caso di ritirarli dal Libano dove la missione è fallita, infatti dovevano impedire a Hezbollah di riarmarsi di fatto hanno protetto se non foraggiato hezbollah così come voleva dalema. Anzi, non contenti, si sono pure fatti rubare una mitragliatrice.

Ritratto di hardcock

hardcock

Sab, 03/06/2017 - 17:34

Quei soldati e gli autoblindo sarebbero più utili in patria a circondare Montecitorio, Palazzo Madama e il Quirinale iniziando cosi' la vera liberazione d'Italia. Molice Linyi Shandong China

Massimo25

Sab, 03/06/2017 - 17:35

Micalessin ha fatto una disamina corretta.Da Bush in poi,che ha esportato la "Democrazia",e con lui Obama e la clinton é stato un fallimento totale,i talebani sono ancora li,i terroristi sono ancora li..e i morti aumentano...un fallimento totale.Di questo si deve occupare chi il terrorismo lo combatte sul serio...

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Sab, 03/06/2017 - 17:35

non avendo una linea politica ed una strategia per pacificare sul serio il paese, tanto vale lasciar perdere. risparmiamo vite e soldi

Abit

Sab, 03/06/2017 - 17:39

Cosi sarà contenta la Presidente anti-militarista Boldrini. Lucabilly: il posto è ignobile ma i nostri soldati sono volontari. Quanto ai suoi giudizi sulla (a) "bruttezza" degli afghani, (b) il loro non senso della famiglia ed (c) il non rispetto delle donne, una ragione in più per restare. Per altri che hanno scritto commenti : che ne facciamo di quelli che illegalmente sono entrati in Europa? Li mettiamo su un aereo con ritorno a Kabul?

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Sab, 03/06/2017 - 17:50

Fino a quando gli eserciti presenti continueranno ad essere depotenziati da quella cosa assurda che si chiama 'regole d'ingaggio', sarà impossibile vincere anche contro i beduini del deserto. Si eliminino le ridicole regole d'ingaggio: poi vedremo se gli eserciti occidentali non schiacceranno i talebani o chiunque sia. Per vincere le guerre è sempre necessario tenere presente tre principii fondamentali attraverso i quali si sono costruiti Imperi e Civiltà: il primo sancisce che non si fanno prigionieri (quanto meno ridurli al minimo), il secondo stabilisce che è lecito l'utilizzo della tortura per ottenere informazioni, il terzo sentenzia che il coinvolgimento - quindi il sacrificio - di molti civili è inevitabile. Ma gli occidentali continuano a trastullarsi con la solita litania: 'la vita è inviolabile e sacra'... Anche quella dei nemici. Come dire: preparare con gioia le nostre tombe.

swiller

Sab, 03/06/2017 - 17:54

Figura di merda.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 03/06/2017 - 17:55

C'è qualcuno che si meraviglia?

alox

Sab, 03/06/2017 - 18:01

Venire a casa o restare la NATO non ha fallito: Bin Laden e’ morto...poi diversi degli attacchi terroristici in casa occidentale avvengo da terroristi nati in Europa che si convertono alla jihad: la NATO e’ e rimane un alleanza che rappresenta i Vaolri di cui gente come Putin (che ODIA questa alleanza) e Trump disprezzano! Che poi Paesi come la Turchia (Italia) abbia preso la strada della dittatura...penso che i Valori Occidentali stanno stretti ai Turchi (e Italiani) piu’ che viceversa e la porta e’ aperta!

alox

Sab, 03/06/2017 - 18:05

Mi associo a moichiodi e Altobelli...conferma che la paga e' in Rubli!

Marcello.508

Sab, 03/06/2017 - 18:15

Non dovevamo proprio andarci: i nostri militari sarebbero stati più utili in patria, ad esempio sorvegliare i confini di terra che, specie nel nord est (confini che con osco bene), sono un vero e proprio colabrodo. il tutto ad economia di spese e di tempo ovviamente. E ritiriamo anche quelli che sono i Libano (rappresentanza fortemente voluta dal "comunista atlantico" Diliberto) a fare, più che altro e in realtà, i vigili urbani.

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Sab, 03/06/2017 - 18:25

Se chi comanda manda i militari in afghanistan è perché in qualche modo qualcuno ci guadagna per cui sarà difficile che li portino via.

Ritratto di bobirons

bobirons

Sab, 03/06/2017 - 18:26

E perché solo l'Afghanistan ? Il Libano, la Somalia, Mali, Irak e tutti gli altri teatri di "pace" per i quali si necessita un esercito ? Poi, con quale diritto andiamo a dire agli afghani, ai maliani, a tutti che devono comportarsi secondo il nostro metodo di valutazione ? Ma il colonialismo non sarebbe finito da almeno sessanta anni ? E quali vantaggi si traggono da mandare i nostri soldati e soldatesse altrove ? Il Mali ci paga forse con l'oro che i locali scavano a mano ? O l'Afghanistan con i lapislazzuli di cui è il maggior produttore mondiale ? Teniamoli a casa ed impieghiamoli a contrastare l'invasione che proviene dalla Libia, e non solo.

Keplero17

Sab, 03/06/2017 - 18:46

Nessuno è mai riuscito a piegare gli afgani. Neanche il potentissimo esercito inglese che dominava tutta l'India. Non c'è riuscita l'armata rossa. Per dominarli c'è un solo mezzo, pagarli in denaro in oro o in altro modo.

dakia

Sab, 03/06/2017 - 19:01

Anzi a me pare stiamo finanziando coloro che vendono armi, questa guerra è peggiore del vietnam e a questo punto è diabolico insistere: lasciamo che se la vedano da soli.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 03/06/2017 - 19:07

Ogni guerra fa testo a se e lascia un insegnamento alle generazioni a venire ... solo che ognuno vuole far quello che gli pare a dispetto dei moniti delle generazioni precedenti.

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Sab, 03/06/2017 - 21:46

mandare i soldati a fare i bersagli umani senza fornirli delle autorizzazioni e degli strumenti necessari per svolgere la loro missione è un crimine

rasna

Sab, 03/06/2017 - 22:18

Posto infame, guerra inutile. E' solo un grande fonte di oppio e poi di eroina. Se tutti ce ne andassimo tutta questa mercanzia potrebbe cambiare padrone. E non è il caso.

soldellavvenire

Sab, 03/06/2017 - 23:04

questo sì che è un articolo che umilia i nostri militari, mica la boldrini

carlottacharlie

Sab, 03/06/2017 - 23:30

Morire per Kabul? - ma che s'impicchino 'sti arabi-

uberalles

Dom, 04/06/2017 - 00:05

Idea: per compiacere alla boldrinoskaja, portiamo in Italia TUTTE le donne afgane, che, in tal modo, non saranno più oppresse da quegli omaccioni barbuti e ignoranti. In cambio manderemo in afghanistan TUTTI i migranti di sesso maschile approdati in Italia, per i gay decideremo poi...

Ritratto di luigin54

luigin54

Dom, 04/06/2017 - 04:52

Non ci saremmo mai dovuti andare. Invece dei militari avrei mandato volentieri quegli INVERTEBRATI dei ns POLITICANTI DA STRAPAZZO.

il sorpasso

Dom, 04/06/2017 - 07:13

Ottima operazione,è meglio che quei militari si occupino della sicurazza in Italia!

Aristide56

Dom, 04/06/2017 - 08:45

giusto tutti a casa nelle nostre strade ai confini . i nemici sono dentro casa