Navi italiane andranno in Libia Dal governo l'ok alla missione

Dal Cdm arriva il via libera alla missione di supporto. Gentiloni: "La stabilizzazione della Libia è una nostra priorità". L'operazione servirà a fermare gli scafisti e "governare i flussi"

Il primo passo è mosso. Il Consiglio dei ministri ha dato il primo via libera alla missione di supporto in acque libiche per costrastare i trafficanti di uomini e fermare le carrette del mare cariche di clandestini che fanno rotta verso l'Italia. "Quello che abbiamo approvato è né più né meno quel che ci è stato richiesto dal governo di accordo nazionale libico", ha detto Paolo Gentiloni risponendo al premier Faye al Sarraj che questa mattina ha smentito, attraverso un comunicato, di volere le navi italiane in acque libiche. Per Gentiloni, ad ogni modo, il via libera di oggi, rappresenta "un passo in avanti nel controbuto italiano nelle capacità delle autorità libiche di condurre il contrasto agli scafisti".

La decisione, assunta dal Consiglio dei ministri oggi, arriva dopo il faccia a faccia di mercoledì scorso tra Gentiloni e Sarraj. Per il presidente del Consiglio si tratta di "una iniziativa importante" che "può dare un contributo significativo a rafforzare la sovranità libica non è certo una iniziativa che si prende contro la sovranità libica". Nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi, ha poi specificato che il governo ha "aderito" a una "richiesta di supporto alla Guardia costiera libica" che, in questo modo, può essere rafforzata dando "un contributo molto rilevante non solo per il contrasto dei mercanti di esseri umani ma anche a governare i flussi migratori che raggiungono il nostro Paese". L'operazione avrà anche l'obiettivo di "stabilizzare" la Libia. Un percorso che per il governo è "una priorità" anche se risulta "accidentato, non un'autostrada in discesa". "Senza enfasi - commenta il premier - sottolineo tuttavia che questa missione di supporto alla Guardia Costiera libica può essere un passaggio importante che può dare a questo percorso e ai riflessi sui flussi migratori, e quindi anche quelli sull'Italia, risultati rilevanti".

Adesso la palla passa al parlamento italiano. Il voto delle commissioni Esteri e Difesa del Senato e della Camera potrebbe avvenire già martedì "o, comunque, la prossima settimana". Gentiloni si augura che alle Camere ci possa essere "il consenso più largo" possibile. Ora, sottolinea durante la conferenza stampa, "è importante che il mondo dei media italiani ci aiuti a presentare l'iniziativa per quello che è". E cioè: "Un'iniziativa che ci aiuta a rafforzare la sovranità libica, non è certo un'iniziativa che si prende contro la sovranità libica. Sarebbe non rispecchiare la sostanza della decisione del governo presentarla come un enorme invio di grandi flotte e squadriglie aeree".

Commenti

giovanni951

Ven, 28/07/2017 - 13:53

saranno sicuramente disarmate e cosí pure i militari. Mica che per disgrazia amnazzino un clandestino.....i rossi ed i catto insorgerebbero subito bollandoli come fascisti.

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 28/07/2017 - 13:53

La domanda é: a bloccare le partenze o prenderli sul famoso "bagnasciuga" ?

rasna

Ven, 28/07/2017 - 13:56

Ma si è capito che tipo di missione è?. Dentro o fuori delle acque territoriali? Perchè se è fuori è inutile ed è un altro servizio taxi se è dentro rischiamo anche di prenderci le fucilate dei libici....

venco

Ven, 28/07/2017 - 13:57

Che governo ambiguo, fino adesso hanno mandato navi militari a prenderli, ora mandano navi militari a respingerli.

Marcello.508

Ven, 28/07/2017 - 13:57

"Senza enfasi - commenta il premier - sottolineo tuttavia che questa missione di supporto alla Guardia Costiera libica può essere un passaggio importante che può dare a questo percorso e ai riflessi sui flussi migratori, e quindi anche quelli sull'Italia, risultati rilevanti". Vediamo: va benissimo aiutare la guardia costiera libica a fermare gli scafisti. Con i migranti che si fa: li imbarchiamo direttamente sulle nostre navi o seguiranno gli scafisti? Sembra ironica e con risposta ovvia la mia domanda, però da questo governo c'è da aspettarsi di tutto..

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 28/07/2017 - 14:04

Ecco la conferma a ciò che ho scritto poco fa commentando l'articolo di Giannini. Se voi vi limitate a riportare le dichiarazioni ufficiali del governo, di Gentiloni, di Minniti, state facendo esattamente quello che fa l'Ufficio stampa di Palazzo Chigi. Queste dichiarazioni sono in netto contrasto con quanto affermato da Serraj che non consente l'ingresso di navi italiani in acque territoriali libiche (oppure anche quella era una bufala?). Cosa facciamo, le mandiamo lo stesso? Ed a fare cosa? Cosa significa "contrasto dei mercanti di esseri umani ma anche a governare i flussi migratori che raggiungono il nostro Paese"? Fermiamo i migranti o no? Blocchiamo i gommoni o no? Oppure facciamo un po' per volta; ora li fermiamo, ora no, ora sì, ora no...". Buffoni. Ma ci state davvero prendendo per i fondelli?

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 28/07/2017 - 14:05

quanto costa questa missione? quanto costa mantenere i finti profughi? quanto costano i rimpatri? quanto costa chiudere le frontiere e i porti....si risparmiano miliardi.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Ven, 28/07/2017 - 14:13

Già immagino le regole di ingaggio: avvicinare con estrema cortesia le imbarcazioni di "migranti", selezionare accuratamente donne, bambini, anziani e malati e farli salire a bordo, effettuare operazioni per la messa in sicurezza del barcone, accompagnare i "migranti" rimasti nuovamente verso le coste, ma solo dopo democratica votazione, se anche un solo "migrante" non fosse d'accordo, è d'obbligo non usare la forza o la coercizione psicologica (reato di tortura in agguato!), in questi casi, occorre depositare tutti sulle coste italiane per un'ulteriore esame delle commissioni competenti, dei mediatori culturali e delle associazioni di assistenza.

antonmessina

Ven, 28/07/2017 - 14:14

un nuovo modo per raccattare sulla spiaggia libica i clandestini ?

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 28/07/2017 - 14:16

1. Serraj o non Serraj adesso ci siamo stufati di essere infinocchiati. O i libici controllano le loro coste e i "barcaderos" e vietano le partenze di persone senza documenti e permessi legali dal loro territorio oppure le navi da guerra italiane impediscono ai natanti senza permesso e destinazione concordata di uscire dalle acque libiche con destinazione Italia. Finora abbiamo accettato tutto e di più, dato a questo Serraj aiuti, ai migranti assistenza e appoggio diplomatico e internazionale, ma abbiamo visto che qualcuno ci sta prendendo per i fondelli da troppo tempo. Le navi delle ONG hanno lo stesso discorso, altrimenti portano i migranti nei paesi di cui battono bandiera. L'ONU avrebbe dovuto da tempo farsi carico internazionale di questo andazzo prendendoseli in carico. Non l'ha fatto, è colpa sua e se ne assuma le sue responsabilità.

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 28/07/2017 - 14:17

2.Altro che essere pronta a far dichiarare guerra e interventi armati a questo e a quello stato per fini utili solo a determinati paesi che possono deciderlo impunemente perché sono nel Consiglio ! La seconda guerra mondiale è finita ormai da troppo tempo e quei sei stati stabili in quel consiglio hanno dimostrato ampiamente i loro limiti e i loro errori. L’ONU va aggiornato. Serraj o chi altri comanderà in Libia, ma chi deve entrare in Italia lo decide il governo Italiano, come hanno già fatto gli altri paesi europei per i loro.

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 28/07/2017 - 14:20

3.27 In questa situazione, come in tutte le altre prima che riguardano l'estero, è di stare uniti, anche al governo in carica. Dilaniarci tra di noi, mentre gli altri fanno i loro interessi,è la cosa più errata.

Tuthankamon

Ven, 28/07/2017 - 14:21

Si preannuncia un'altra missione inconcludente!

Ritratto di Civis

Civis

Ven, 28/07/2017 - 14:21

Gentiloni, ormai non ti crede nessuno, qualunque cosa tu dica.

pacche

Ven, 28/07/2017 - 14:28

Quella frase detta nel comunicato del governo e cioè" atta a governare i flussi migratori dalla Libia" cosa significa? Che faranno entrare solo i (per fortuna pochi) profughi veri, respingendo i clandestini o che faranno entrare tutti (come ora) ma in maniera più ordinata, senza sbarchi vistosi, che fanno perdere voti?

dakia

Ven, 28/07/2017 - 14:32

Loro al risparmio non ci tengono, c'è la Frau che tira denaro a tutto andare ma cosa significhi questa missione se il libico ha detto che non vuole navi italiane nel suo territorio, non si capisce dato che a far rialzare l'onore prizzilibico ci pensa il Mecron! E i così detti clandestini dove finiscono, sempre salvati come s'usa vantare in vanagloria, tutti in italy? Ah Gentilò fatte n'antro sonno ch'è mejo!

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 28/07/2017 - 14:33

4.Le nostre forze armate e le navi soprattutto si mettano in allarme perché dalla Francia di Macron c'è da aspettarsi di tutto. Forse sono esagerato ma essere prudenti conviene sempre.

effecal

Ven, 28/07/2017 - 14:42

il grande sonno del pd con Dormiglioni ed il bombetta di rignano sarà per il prestigio di cui godono che iniziano un lentissimo risveglio.

Ritratto di stufo

stufo

Ven, 28/07/2017 - 14:43

OK. Li raccatteremo noi direttamente rubando il lavoro agli scafisti. Tanto il nostro governo ha per missione il furto..

Antonio43

Ven, 28/07/2017 - 14:43

E' inutile sanno fare solo fumo, Giano questo povero nostro primo ministro doveva spiegare esattamente quello che lei dice, non ci si può girare intorno. Se si mandano le nostre navi dentro le acque libiche, devono fare una cosa sola, fermare il traffico dei clandestini. Oltretutto sembra che ci sia una smentita da parte del premier libico su questo accordo. Che brutto vizio quello dei nostri governanti, non dire mai la verità. Basta, sale violento il turpiloquio.

obiettivo75

Ven, 28/07/2017 - 14:52

@raperonzolo giallo - non so, io invece credo che questa volta qualcosa di più "strong" si farà. Magari non risolverà del tutto l'afflusso, ma credo che lo limiterà. Vedremo. Ormai anche all'interno del pd e ass., coop, chiesa, ecc., hanno capito che stanno sugli zebedei a tutti (fuorché a chi ci guadagna), non hanno nemmeno più la solidarietà dei "neutri" (basta vedere ai banchetti delle varie MSF, SAve children, ecc. non si avvicina più nessuno). Nei sondaggi veri, altro che 25/26%, sono sotto il 22%. Lo sanno e hanno poco tempo per recuperare. Magari mi sbaglio, ma spero di no. Saluti

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 28/07/2017 - 14:57

Secondo il trattato che regolamenta LE ACQUE TERRITORIALI (riconosciuto ed osservato da ogni Stato sovrano nel mondo) ad ogni Paese è concesso di recriminare come TERRITORIO PROPRIO le acque che dalle proprie coste si spingono fino a 12 miglia marine verso il largo; questo vale anche per la Libia; se quest'ultima autorizza navi militari battenti bandiera di un Paese che non è il SUO ad operare nelle proprie acque, dà l'esatta idea di cosa sia la Libia, un Paese che definire Stato di DIRITTO è alquanto alleatorio, privo di capacità a governare un problema che nasce dal suo territorio; e si dovrebbe scendere a patti con un paese simile? Molto discutibile. Personalmente rimango convinto che per fermare l'invasione in atto, occorra ben altra presa di coscienza, che manca totalmente a certa corrente di pensiero politica italiana. Proprio per questo, è auspicabile che le prossime elezioni politiche del 2018 cambino radicalmente la maggioranza attuale.

fenix1655

Ven, 28/07/2017 - 14:58

Purtroppo il problema più grosso da quattro governi è rappresentato dalla assoluta contrapposizione tra quello che si dice a quello che si pensa e soprattutto a quello che si fa. Questo evidenziano i fatti. Poi chiamatelo come volete!

nastagio

Ven, 28/07/2017 - 15:07

...fermare le carrette del mare... che ridere! Fermiamo piuttosto le navi ONG straniere, sequestriamole sine die se non lasciano il mediterraneo!!

Blueray

Ven, 28/07/2017 - 15:13

Tutti i dettagli e le storielle varie non ci interessano. Gli italiani vogliono sapere soltanto: dei clandestini che cosa ne sarà? Verranno riportati in Libia o verranno presi in carico sulla piazza principale di Zuara, Tripoli, Misurata, Sirte ecc per il trasporto in Italia?

bremen600

Ven, 28/07/2017 - 15:22

Chi sparerà per primo?

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Ven, 28/07/2017 - 15:25

...fermare gli scafisti e governare i flussi. Ci spieghi cosa significa signor gentilone che fa rima con... Tradotto dal politichese significa, a mio avviso: bloccheremo gli scafisti (come, speronandoli? mitraglianbdoli?) ed andremo a raccoglierli direttamente sulla spiaggia. ma che bei volpini !!!! Dritti come il manico della pala.

Marcolux

Ven, 28/07/2017 - 15:47

Sì, andranno a litigarsi i clandestini con le ONG. Sarà una gara a chi ne traghetta di più nel Paese dei balocchi! Ma in Italia c'è ancora qualcuno che crede a questo Governo di pagliacci? Se sì, l'Italia veramente non ha alcuna speranza!

Marcolux

Ven, 28/07/2017 - 15:52

Qualcuno di questo governicchio di venditori di fumo dovrebbe spiegare agli italioti qual è la missione di queste bagnarole? Impedire cosa? Che le ONG li portino in Italia? Già, forse le nostre sono navi delle COOP rosse o del Vaticano, che vogliono guadagnare anche sul traghetto! Ma ancora credete ad una sola parola di questi furfanti?

Marcello.508

Ven, 28/07/2017 - 16:23

Giano - In effetti ha ragione: gli articoli hanno orari differenti di poco più di mezzora. In questa mezzora cos'è cambiato sul serio? Direi niente, a meno che Gentiloni non abbia ricevuto in quel periodo per iscritto il "permesso" da Serraj. Cosa che francamente credo sia fasulla.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Ven, 28/07/2017 - 16:23

@obiettivo75, rispetto la sua opinione, ma non sono altrettanto ottimista. Che si siano accorti che stanno perdendo consensi e voti, è vero, ma che abbiano la spina dorsale per rialzare il piano inclinato non ci credo. Ripeto: per fermare le imbarcazioni e rimandarle indietro occorrono atti di forza. Non bastano le parole. Perché ci saranno certamente aggressioni, sommosse, scene di disperazione, tentativi di suicidio, migranti che si tuffano in mare, e altre scene del genere. Sono in grado i militari italiani di affrontare scene del genere con le regole di ingaggio dei nostri governanti, e rischiare morti in mare per farle rispettare? Io sono assolutamente certo di no, vedremo che succede. A mio parere, al primo naufragio ben trasmesso e ben pubblicizzato sulle reti nazionali, si torna al tutto come prima.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 28/07/2017 - 16:30

E, così facendo, si riuscirà ad avere la matematica certezza di traghettare anche i renitenti alla deportazione.

VittorioMar

Ven, 28/07/2017 - 16:31

...QUINDI TUTTI ORA DANNO RAGIONE A SALVINI : SI POTEVA FARE....SI PUO' FARE...UN GOVERNO DA MONTI IN POI :SBUGIARDATO...!!!..E ORA COSA DIRANNO LE ANIME BELLE ??...E I MAGISTRATI LO SANNO ...??....E LE COOP CHE DIRANNO...?...VEDREMO...!!

kinoman

Ven, 28/07/2017 - 16:56

Il conte Gentiloni di Filottrano, il cognome dice tutto, un poveraccio imbambolato che fa pena solo a vederlo, altro che andare in guerra! Silvio! Ecco chi sarebbe all'altezza di "mettere in un angolo" Macron, salvaci tu, anche se l'ultima mossa di allearsi con Alfano, con un cosi' velenoso traditore non ci si allea, Silvio! Vai a patti col diavolo...

investigator13

Ven, 28/07/2017 - 17:15

da subito usiamole in lungo e largo per fermare le Ong, il primo obiettivo da raggiungere. Man mano si capirà meglio come organizzarsi per fermare l'invasione. Decidiamo noi senza chiedere a nessuno, risolveremo finalmente questa folle invasione dovuta ai rossi abusivi incapace di governare. Finalmente uno spiraglio pper uscire dall'incubo islamico.

contravento

Ven, 28/07/2017 - 17:40

L'operazione deve servire per fermare gli scafisti e basta. Non dovete governare alcun flusso.

antipodo

Ven, 28/07/2017 - 17:45

Parole parole solo parole!!

PDIsla§

Ven, 28/07/2017 - 17:53

VOS PRUDENCIE SALPATA DA MALTA PER RECUPERO TONNI LIBICI CON CARICO DESTINAZIONE 370 TONNI/TONNINI PER LE COOP.

piazzapulita52

Ven, 28/07/2017 - 18:00

Si stanno avvicinando le elezioni politiche! Sanno, i traditori della Patria, che straperderanno e che saranno cacciati via dal popolo italiano! Cercano di salvare il salvabile, ma non ci riusciranno! Hanno rovinato la nostra Patria e pagheranno per ciò che hanno fatto!!!

paco51

Ven, 28/07/2017 - 18:16

chi vuol scommettere che ne perdiamo ... un paio di navi? Come sempre!

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Ven, 28/07/2017 - 18:24

Alora non era un'invenzione di Gentiloni. pensare prima di scrivere ???????????????????

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Ven, 28/07/2017 - 18:26

SE GENTILONI PACE E SONNO MANDA LE NOSTRE NAVI IN LIBIA SARA' SOLO PER AIUTARE LE ONG A TRASPORTARE BABBUINI IN ITALIA IMBARCANDO DIRETTAMENTE NEI PORTI LIBICI !!!

TitoPullo

Ven, 28/07/2017 - 18:32

QUALI SONO LE REGOLE DI INGAGGIO??SIATE CHIARI BADOGLIANI !!!

sakai389

Ven, 28/07/2017 - 18:35

Soluzione tipica italiana: di presenza. Se per caso ci scappa il morto....

mezzalunapiena

Ven, 28/07/2017 - 18:56

ecco come nascono le barzellette estive per quelle invernali ci ha pensato renzi

Ritratto di Roybean

Roybean

Ven, 28/07/2017 - 19:02

Sicuramente per incrementare il numero dei "salvati" da recapitare ai contribuenti italiani.

giangar

Ven, 28/07/2017 - 19:02

VittorioMar 16:31 - si può fare ora che la Libia lo ha richiesto. Prima non si poteva andare in acque libiche con navi da guerra, sarebbe stata una dichiarazione di guerra!

elpaso21

Ven, 28/07/2017 - 19:11

SI PARTE !!

acam

Ven, 28/07/2017 - 19:43

Sempre al momento sbagliato, fatto due anni fa avremmo mostrato palle e consapevolezza

giangar

Ven, 28/07/2017 - 20:01

acam 19:43 - ma quale momento sbagliato? solo ora la Libia ha richiesto supporto. Finora, portare navi da guerra in acque libiche sarebbe stata una dichiarazione di guerra!

Ritratto di cape code

cape code

Ven, 28/07/2017 - 20:27

Ahaha Ma perche' fino ad ora dove erano le navi italiane, cialtroni bastardi???

Doc47

Ven, 28/07/2017 - 21:00

raperonzolo giallo. Le regole di ingaggio per i nostri militari si attengono a moltissime limitazioni che di fatto vanificano il nostro intervento. Inoltre tre gg. fa è stata prorogata la missione SOPHIA fino a dicembre 2018 che ha di fatto scopi umanitari :in sostanza non cambierà nulla. Non entreremo nelle acque libiche e sicuramente qualche gommone verrà fatto affondare e qualcuno morirà così da far ripartire il coro boldriniano e seguiteranno ad arrivare. I nostri militari ancora umiliati non potendo difendere i nostri confini. Cercasi GENERALI O COLONNELLI DETERMINATI!!!

Reip

Ven, 28/07/2017 - 21:06

Troppo ridere! Succederà che i pirati libici riusciranno ad abbordare le nostre navi. Nel giro di qualche settimana questi buffoni di militari italiani, che già si fanno prendere a schiaffi dagli africani in Italia, dopo essere stati brutalmente sodomizzati da qualche centinaia di “bingo bongo” ganesi, rientreranno in italia con il cxxo rotto a bordo dei gommoni condotti dagli scafisti libici, i quali secondo la nostra ottima magistratura, sempre nemica del popolo italiano, compiono un lavoro onesto! Ovviamente le nostre inutili navi militari, che fino ad ora non sono servite a niente, dato che le coste italiane da anni non sono protette e i nostri porti sono aperti a chiunque trasporti dei clandestini, diveranno proprieta’ esclusiva dei pirati libici, che in accordo con questo schifo di governo mafioso e corrotto di sinistra, utilizzeranno le stesse unità per trasportare altre migliaia di delinquenti in casa nostra. Evviva il business dell’immigrazione!

RolfSteiner

Ven, 28/07/2017 - 21:08

Governare i flussi di emigranti? Chevvordi'? Immagino raccoglierli noi direttamente sulla spiaggia cosi' le ONG risparmieranno sul carburante.

giovanni951

Ven, 28/07/2017 - 21:10

tranquilli....andranno a fare una bella crociera a spese del contribuente....

angelovf

Ven, 28/07/2017 - 21:24

Solo la nostra sovranità non vale un cxxxo, quella dei libici si, e la pretendono, imparate da loro, pagliacci.

michettone

Ven, 28/07/2017 - 21:59

Finalmente, la paga dei marinai salira'! Le indennita' di navigazione ecc.ecc., compendieranno i sacrifici dei ragazzi imbarcati ed allora, tutti quelli destinati a terra, faranno a gara, per ottenere l'imbarco su quelle navi, destinate nelle acque territoriali Libiche. Perche' e' di questo che si tratta, dovendo i sacrifici essere compensati, allora si da una mano a quelli che li fanno e li faranno. Dei clanda, a nessuno frega nulla! Arriveranno egualmente, perche' le ONG sono sponsorizzate addirittura dall'ONU e quelli del Palazzo di vetro, si sa', non si devono toccare. D'altronde chi ci andrebbe a discutere? Mattarella? Gentiloni? Alfano? Italia mia come sei finita.....

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Ven, 28/07/2017 - 22:48

^°@°^ Suvvia, diamo atto a gentiloni che si è messo a 90° con Serraj con grande dignità, compostezza e senso istituzionale. Il tipo di missione che sta per intraprendere la nostra marina da circa guerra viene chiamata, in codice, alla PECO*INA.

mandorleto

Ven, 28/07/2017 - 23:02

Perchè le navi della marina militare italiana devono andare in Libia? L'unica cosa che dovrebbero fare è bloccare il traffico indesiderato sulle 12 miglia e fare il blocco navale ai porti italiani. il cammeliere non vuole navi straniere nelle sue acque territoriali? NEMMENO NOI !!!!!!!!!!

Luigi Farinelli

Ven, 28/07/2017 - 23:07

E' bene contribuire a rafforzare la sovranità libica ma altrettanto dovrebbe fare il governo per quella italiana oggi minacciata da tutti e tutto: Europa anti sovranista, Nobel "per la Pace e le Primavere", massoni della Repubblica Universale Luciferiana, finanzieri "creativi", banchieri del New World Order, "filantropi" della "Società Aperta" (apolidi e non), ex Presidenti della Repubblica con falce e martello ancora alla cintura, Presidentesse radical chic sponsors della Grande Madre che obblighi finalmente i maschi all'utero per essere coerenti col "gender" tutti uguali e contenti, bocconiani burattini, ex premiers toschi in cerca d'autore presso tutte le sedi massoniche Ue e USA, fans dei tg RAI (e Mediaset) capaci di un solo grido: "più Europa", "Meno Trump", "più immigrati", "più gender nelle scuole", "meno CO2 e, di conseguenza, meno nascituri se si vuole salvare il mondo" (se però i nascituri sono immigrati allora va bene).

onefirsttwo

Ven, 28/07/2017 - 23:45

Ah Gentilo' , troppi paroloni ! : me sa che tu non sta' a concludere niente neanche stavolta ! Ascolta a me : vuoi finirla na' volta per tutte ? : io te vendo il mio metodo , e nel giro di na' settimana se chiude tutto : capitooo Gentilo'o' ? : fa' presto se no' vendo ad altri .Yeahh .

acam

Sab, 29/07/2017 - 01:54

Segue a 28.7.2017 - 19:43 comunque avemmo risparmiato i miliardi andati alle coop, gli italiani ricorderanno

Duka

Sab, 29/07/2017 - 06:59

In meno di 24 ore siamo passati dalla magnificenza e vanagloria al coniglio bagnato e impaurito. Da 5 navi, aerei, elicotteri da combattimento a 1 massimo 2 navi di sola perlustrazione- E così andrà anche con la FINCANTIERI l'ultimo gioiello italiano gli altri se ne sono già andati o se ancora residenti in Italia già di proprietà straniera: Stanno terminando le scorte e poi faranno fagotto. vedi tutto il settore costruzione camper, la FIAT stessa, le acciaierie, una lunga fila di supermarket, le aziende di Prato, e via di questo passo. Quì rimarranno gli uffici statali e la miseria nera.

cgf

Sab, 29/07/2017 - 07:48

visto che NON potranno fare nulla, anzi meno, perché non lasciarle nei porti?