Nebbia in Val Pd

Non si aspettavano un risultato del genere e non sanno che pesci prendere

Il giorno dopo il referendum sull'autonomia di Lombardia e Veneto, dalle parti del Pd cala una nebbia fitta, tanto per rimanere in Padania e Polesine. Non si aspettavano un risultato del genere e non sanno che pesci prendere. I colonnelli lombardi si scatenano sul quasi flop del voto elettronico, cosa vera ma del tutto marginale rispetto al problema. Il ministro Martina dice che di ridiscutere la spartizione del gettito fiscale non se ne parla neppure, Renzi che ha taciuto per tutta la campagna referendaria prova una generica e tardiva apertura alle istanze nordiste ma manda in tv il fidato Matteo Ricci, sindaco di Pesaro, a sostenere che voto o non voto nulla di importante potrà cambiare.

La realtà è che a sinistra sono letteralmente storditi dai cinque milioni e mezzo di cittadini che contro le loro aspettative sono corsi alle urne su una iniziativa targata centrodestra presa sottogamba un po' da tutto quel fronte.

Dopo quello sul referendum sulla riforma del Senato di un anno fa è una sberla che non ci voleva, non alla vigilia di una campagna elettorale che già appare tutta in salita e che lo sarà ancora di più tra quindici giorni dopo la probabile sconfitta così dicono tutti i sondaggi alle elezioni regionali siciliane. Da Nord a Sud per Renzi e compagni è tutta una Caporetto figlia di ordini e contrordini, di guerre nello stato maggiore, di disabitudine a governare con il consenso invece che con gli intrighi di palazzo.

Adesso partirà la campagna sul rischio secessione e sulla mancanza di solidarietà, che è un po' come buttare la palla in tribuna per allentare l'assedio e guadagnare un po' di tempo. Ma di tempo la sinistra ne ha ben poco. Ancora qualche settimana e la legislatura di fatto finirà. Saranno, di fatto, il prossimo Parlamento e il prossimo governo a trattare con Zaia e Maroni. E allora, con un po' di fortuna nelle urne delle politiche, c'è la possibilità che sia il centrodestra la controparte di Lombardia e Veneto. Altra storia, altra musica e magari anche altre regioni sedute a un tavolo che può davvero cambiare l'organizzazione dello Stato e la vita pratica dei cittadini. Di tutti, non soltanto di quelli del Nord che hanno fatto da apripista.

Commenti

VittorioMar

Mar, 24/10/2017 - 16:45

..QUANDO SI GOVERNA IN MODO DITTATORIALE,RESTANDO AL CHIUSO DEI PALAZZI,NON SI ASCOLTANO GLI UMORI DEL POPOLO..SI ATTUANO POLITICHE DI PREPOTENZA E DI ARROGANZA..DEL QUI' COMANDO IO ..QUANDO SI E' CIECHI E SORDI NELLA LORO IDEOLOGIA ..NELLA SUPERIORITA' MORALE(?)E INTELLETTUALE(?)...QUANDO IL POPOLO HA LA POSSIBILITA' DI ESPRIMERSI ..DI VOTARE..L'AMMUTINAMENTO E' IL MINIMO CHE POSSA CAPITARE..!!..CI FARANNO VOTARE VERAMENTE ??..MAH!!..LEI PENSA AGLI USA ITALIANO ?.E PERCHE' NO ?

Giorgio1952

Mar, 24/10/2017 - 17:00

Sallusti ma cosa scrive? Non si aspettavano un risultato del genere! Il referendum iniziativa del Cdx si quello unito. la Meloni non lo voleva, Salvini è stato indifferente, Berlusconi lo ha snobbato, all’indomani del voto Zaia vuole lo Statuto speciale ma Maroni lo stoppa: "Sbaglia", è scontro nella Lega.tra governatori, Zaia chiede al governo lo statuto speciale per il Veneto e Maroni lo gela: "Non ne sapevo niente". Sbandierate una vittoria con il 38% dei votanti in Lombardia, una lezione di democrazia a detta di Salvini, dopo aver minimizzato il 40% a livello nazionale di Renzi con il 65% di votanti del 4 dicembre, Renzi da solo contro tutti.

stefano.colussi

Mar, 24/10/2017 - 17:26

Nebbia in val Pdn(aaa)! Questa proprio non ci voleva! Non c'è niente da fare, caro Direttore Sallusti. Renzi è proprio stancato, stroncato, sfiancato & sfigato! Amen. Stefano Colussi di Movimento 4 dicembre.

leopard73

Mar, 24/10/2017 - 17:46

IL BISCHERO è ORMAI COTTO Più NESSUNA SPERANZA POLITICA PER LUI GRAZIE ALLA SUA ESUBERANTE ARROGANZA E PREPOTENZA NON POTEVA CHE FINIRE COSì, IN RIFERIMENTO AL REFERENDUM QUESTI SONO MILIONI DI VOTI REALI NON LE SUE PRIMARIE AL 40% VIRTUALE BUFFONE ORA DEVI SCENDERE DAL TRENO E PEDALARE FINO A CASA E SPARISCI.

Pigi

Mar, 24/10/2017 - 18:28

Il PD è in crisi perché non sa che pesci pigliare sull'immigrazione clandestina, non per i referendum. Nel 2006, il referendum del centro-destra sul federalismo fu vinto solo in due regioni: Lombardia e Veneto. Quello di ora, solo nel Veneto, perché in Lombardia i votanti sono stati la metà del normale, in una regione che in genere va a votare in modo massiccio. Quindi sembra che la causa del federalismo, autonomia, come la voleta chiamare, abbia perso tutte le regioni tranne il Veneto, bel successo. Il centro-destra sta tirando la volata a Grillo, purtroppo.

Ritratto di nestore55

nestore55

Mar, 24/10/2017 - 18:50

Giorgio1952 Mar, 24/10/2017 - 17:00...La difesa ad oltranza del pinocchio toscano e dei suoi adepti la identifica:zecca rossa a tutti i costi! Complimentoni! Quando si iscriverá all'anpi? E.A.

Nerone48

Mar, 24/10/2017 - 19:03

Con gli idioti non si ragiona coi pidioti ancora meno.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 24/10/2017 - 19:25

Giorgio1952 - non piangere, hai perso un'altra volta. per vincere devi cambiare squadra. Ma lo sfigato sei tu o quelli che voti?

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 24/10/2017 - 20:14

-2-Capiranno i lombardo-veneti ed i catalani -- nonostante gli starnazzi dei valligiani bergamaschi o pirenaici -che le loro heimat resteranno schiacciate ancor di più tra la potenza economica tedesca- o americana o cinese- della quale saranno maggiormente vassalle- e la potenza globale del capitale trans-nazionale libero di attraversare le loro frontiere come e quando gli aggrada per lucrarvi i propri profitti e lasciare quei territori quando la vacca sarà stata del tutto dissanguata--swag mi faccio una ganja del pò

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 24/10/2017 - 20:23

-3--detto proprio in soldoni per i nubbi e per quelli che indossano i glasses non perchè abbiano studiato ma perchè fa fico--il Divide et impera di luigi XI di Francia nel caso italico non ha bisogno neppure di essere massonicamente organizzato e messo in atto---ci pensano già i nostri campioni legaioli zaia e maroni a fare il grosso del lavoro--mentre la c-ul-ona se la ride--

porcorosso

Mar, 24/10/2017 - 21:11

E se il pd si presentasse come paladino dell'unità nazionale (volutamente a discapito dei 5 Stelle)...che tristezza.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 24/10/2017 - 21:40

pidioti = più che idioti.

Pigi

Mar, 24/10/2017 - 22:01

Ripeto: il fronte federalista, autonomista, chiamatelo come volete, ha perso uno degli ultimi due membri. Nel 2006 solo due regioni votarono per la riforma costituzionale federalista: Lombardia e Veneto, che ottennero percentuali intorno al 55% per il Sì. Solo un illuso non vede l'enorme differenza nel voto attuale: il 20% di votanti in meno in Lombardia rispetto al Veneto. Il referendum era consultivo, quindi serviva solo per mandare un segnale, e il segnale è stato chiarissimo: rimane solo il Veneto.

moichiodi

Mar, 24/10/2017 - 22:13

Interessante teorema: tra poco cambierà il governo, altri interlocutori, altra musica. Ma durante i precedenti governi di cd niente referendum?

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 24/10/2017 - 22:27

Con un "governo tecnico", stile regime pedissequamente nazi-sovietico, cosa vi aspettavate ... che vi portassero i voti nell'incavo delle orecchie? Abbiamo un governo centralista al pari della monarchica Spagna e della marxista Cina e parlare di autonomia sta bene a loro quando gli è di tornaconto. Se l'Italia ha la più bella Costituzione del mondo ne sappiano farne tesoro i cittadini elettori altrimenti chi è causa del suo mal ecc,

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 24/10/2017 - 22:32

Speriamo che l'apripista sia simile ad uno spazzaneve e faccia strada pulita di tutta la "monnezza" che si trova nelle pubbliche amministrazioni e nei palazzi di "regime".

Abraracourcix

Mar, 24/10/2017 - 23:20

Nebbia in Valle Lega, caro Sallusti. Cinque milioni sono i cittadini lombardi che hanno fatto una sonora pernacchia a Maroni, o non andando a votare, oppure, caso raro, votando no. La verità è che il 63,47% dei lombardi non gli ha dato retta. In Provincia di Varese, culla della Lega, il 62,29% degli elettori ha voltato le spalle all'istanza autonomista, e questa per la Lega è pesante. E' stata una scoppola storica per la Lega in Lombardia. E le reazioni scomposte di consiglieri regionali bergamaschi, sindaci varesotti e di Maroni stesso lo stanno dimostrando ampiamente. E i destri questo lo sanno benissimo, quindi adesso rosicano.

maria angela gobbi

Mer, 25/10/2017 - 00:47

vorrei sapere la media lombarda dei votanti,esclusa Milano- e poi i ragionamenti li farei su questa affluenza. E poi ragioneremo su Milano che vota sindaci di sinistra- Anche su Jus soli c'è da riflettere,scommetto che affluenza e voti somiglierebbero a questi.

parigiro

Mer, 25/10/2017 - 09:52

Parafrasando una frase di Nenni " sento tintinnar di sciabole" possiamo dire " sento fruscio di toghe"

Ritratto di adl

adl

Mer, 25/10/2017 - 11:15

"Non si aspettavano un risultato del genere e non sanno che pesci prendere" lei dice, direttore. Onestamente credo che il fiuto politico del Tosco da Rignano lo abbia preavvertito. Ha provato la boutade di Visco per recuperare credibilità almeno tra i risparmiatori del Veneto, ma lo hanno giustamente ignorato. Era il minimo che potessero fare. Il treno che distribuisce pentole bucate non si ferma. Destinazione: AFRICA IN ITALY. Sui pesci che prenderanno si hanno molte cetrtezze invece: PESCI IN FACCIA A VOLONTA' e siamo appena agli inizi. LA DEBACLE E' APPENA INIZIATA.

faman

Mer, 25/10/2017 - 15:21

e bravi Nerone 48 e Leonida55, che tristezza vedere che non avete altri argomenti che offendere

faman

Mer, 25/10/2017 - 15:25

i miolini di persone che votano PD sarebbere allora tutti idioti? e quelli che votano FI, Lega o 5 stelle sono tutti furbi? o sono tutti idioti secondo il punto di vista? TUTTI IDIOTI MENO CHE ME

Giorgio1952

Mer, 25/10/2017 - 17:15

faman Mer, 25/10/2017 - 15:21 condivido non meritano neppure una risposta.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 26/10/2017 - 09:59

Ma qui nessuno si ricorda che siamo ITALIANI. Il Risorgimento, la Grande Guerra, gli Eroi di El Alhamein. Nessuno più ricorda . Vergogna italiani di serie " C ". Che tristezza. Che senso di vuoto.

sibieski

Gio, 26/10/2017 - 10:43

a Milano ha votato solo il 26%, quindi l'andazzo va bene alla città. Mi aspetto però che la città si tenga le sue risorse e non ce li mandi da noi in Brianza..si sa che le risorse preferiscono le persone acculturate..e noi contadini e buzzurri di provincia non lo siamo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 26/10/2017 - 14:55

@faman e @Giorgio 1952 - che tristezza vedere che non avete altri argomenti da controbattere, se non offendere. Dando la colpa poi agli altri. Persone ignobili.

faman

Mar, 31/10/2017 - 22:07

@Leonida55, veramente chi offende sei tu con quello stupidello pidioti=più che idioti. Non riesci nemmeno a comprendere l'ironia di quello che ho scritto. se tutti fanno a gara ad offendere, siamo messi molto male.