"Nel Pd l'aria è irrespirabile". Va via l'uomo di Franceschini

Passa a Mdp Piero Martino, lo storico portavoce del ministro della Cultura. Il tesoriere: ci deve 78mila euro

Roma - «Basta, me ne vado, nel Pd l'aria è irrespirabile». A parlare è l'ex portavoce di Dario Franceschini, poi da lui messo in lista ed eletto deputato nelle liste Pd: Piero Martino. Ex giornalista del Popolo e di Europa, primi passi nella Dc, poi a lungo addetto alla comunicazione del partito e franceschiniano di ferro, ieri Piero Martino ha annunciato l'addio al Pd e l'approdo sui lidi di Mdp, il partitino scissionista di D'Alema e Bersani: «Mi iscrivo al loro gruppo. E aggiungo che trovo davvero bizzarri i toni che in molti usano verso quel partito. Neanche fossero Berlusconi, Grillo o una setta di estremisti». Quanto all'uscita dal Pd, racconta di averla maturata «dopo l'ultima direzione, durante la quale il segretario in sostanza ha detto: chi non è d'accordo con me, se ne vada. È evidente non ci sono più i margini per fare politica dentro il Pd di Renzi perché sta diventando, o è già diventato, una cosa diversa rispetto a quando è nato».

A fare effetto non è tanto il nome, sconosciuto ai più anche se ben noto a tutti i giornalisti che si occupano di politica, e che Martino ha abilmente pilotato per anni, quanto la sua appartenenza alla corrente franceschiniana, colonna della maggioranza renziana in questi ultimi anni.

Finora, i fuoriusciti erano praticamente tutti di provenienza Pci, nostalgici della Ditta e di Peppone, odiatori di Renzi della prima ora. Lui, invece, arriva in teoria dalle file filo-renziane. In teoria. Perché in verità lo «strappo» di Martino non ha destato alcuna sorpresa, nel Pd. Se lo aspettavano un po' tutti. I più cinici lo attribuiscono ad una semplice realtà della politica: «Sapeva che non sarebbe mai stato ricandidato, magari in Mdp lo mettono in lista», taglia corto un parlamentare dem. Il tesoriere Pd Francesco Bonifazi poi vorrebbe evitare che si trattasse di una scissione per morosità: «Auguriamo buon lavoro a Martino, ma gli ricordiamo ci deve 78mila euro (i contributi richiesti agli eletti Pd, ndr) e lo invitiamo a saldare il corrispettivo alla Tesoreria nazionale, se non altro per rispetto ai dipendenti in cassa integrazione». Lui però sostiene di avere una motivazione politica per i mancati versamenti: «Ho sospeso il versamento al Pd quando fu scelto di lasciar morire Europa per salvare, mi dissero, l'Unità», spiega.

Ma i più romantici attribuiscono la scelta ad una ragione più di affetti che di politique politicienne: «Da quando se ne è andata dal Pd Elisa Simoni, abbiamo cominciato il conto alla rovescia per Piero Martino», racconta una dirigente. Elisa Simoni è quella deputata toscana, eletta nel Pd, che raccontava (smentita dalla famiglia del segretario Pd) di essere cugina di Renzi, e che qualche settimana fa ha lasciato il partito del (non) cugino per approdare in Mdp. Ed è legata da forte amicizia politica a Piero Martino. I due sono inseparabili, come sanno i frequentatori di Montecitorio che li vedono sempre seduti sullo stesso divanetto, intenti a fumare i loro amati sigari toscani e a discutere di politica. Da quando lei si è scissa dal Pd ed è entrata in Mdp (accolta dagli altolà dei toscani, che sanno che i posti saranno pochi: «Se spera di essere messa in lista si sbaglia»), le discussioni sul divanetto si devono essere fatte più drammatiche: partire, restare, che fare? Alla fine però la linea Simoni ha prevalso: «Basta, me ne vado, nel Pd l'aria è irrespirabile». Non a caso, quando l'account Twitter di Articolo Uno - Movimento democratico e progressista (sarebbero D'Alema e Bersani, ndr) ha dato il solenne annuncio dell'arruolamento con uno squillante «Ben arrivato Piero Martino», la prima a retwittare la notizia è stata proprio Elisa Simoni. Dal divanetto.

Commenti

accanove

Mar, 01/08/2017 - 09:54

hanno stravolto i fondamenti del partito litigando tra loro per governare, hanno ottenuto una non maggioranza e dovuto governare con opportunisti eletti a destra, hanno conservato il governo per 4 anni pur non avendone i numeri sempre grazie a concessioni di settori della destra, hanno ottenuto un fiasco globale sugli interventi fatti, conti pubblici, Job act, immigrati, si son venduti l Italia ai clandestini per governare inimicandosi non solo gli elettori rivali ma anche i propri ed oggi.... probabilmente prenderanno una sonora bastonata alle elezioni. Ovvio che vi sia aria irrespirabile, più fallimenti di così....

frank173

Mar, 01/08/2017 - 10:20

Crisi di coscienza molto tardiva o sistema per lasciare un buco di 78.000 euro. Che ente, sia che restino sia che se ne vadano, brutta brutta gente.

frank173

Mar, 01/08/2017 - 10:20

Crisi di coscienza molto tardiva o sistema per lasciare un buco di 78.000 euro. Che gente, sia che restino sia che se ne vadano, brutta brutta gente.

compitese

Mar, 01/08/2017 - 11:21

Cari Piddini Martino vi ha fatto il "rigatimo" ( vedi "amici miei")

maurizio50

Mar, 01/08/2017 - 12:07

Sicuramente non sarà rimpianto da nessuno di coloro che sono contro Renzi, contro gli imbroglioni, contro i voltagabbana, contro la sinistra che è il riassunto di tutte le prerogative citate!!!!

nerinaneri

Mar, 01/08/2017 - 12:46

...meteorismo?...

Pensobene

Mar, 01/08/2017 - 13:06

«Basta, me ne vado, nel Pd l'aria è irrespirabile». Evidentemente c'è qualcuno con problemi intestinali che ne molla delle grosse.

Franco40

Mer, 02/08/2017 - 05:09

Ma dove vai. Non ti accorgi che in Italia esiste un enorme imbroglio causato dalle leggi elettorali che nessuno in parlamento vuol cambiare lasciando il Paese nel disordine completo?.