"Noi agenti sbeffeggiati dai rom Donne e bimbi usati come scudi"

Patrizia Bolognani, assistente capo del reparto anticrimine di Padova e sindacalista del Coisp: "Quando entriamo nei campi nomadi abbiamo le mani legate. E le aggressioni sono la regola"

«Certo che ho visto il video delle ragazzine nomadi che rubano a Roma, e non capisco lo scandalo. Hanno capito bene come funzionano le cose in Italia. Negli altri Paesi anche se sei minore vai in carcere. Da noi due così devi riaffidarle ai genitori, anche se spesso padre e madre hanno precedenti dello stesso tipo, se non peggiori». Non trasuda ottimismo Patrizia Bolognani, assistente capo del reparto prevenzione anticrimine di Padova e sindacalista del Coisp. Che spiega come e perché «la polizia quando ha a che fare con i rom, spesso ha le mani legate».

Bolognani, per quasi 30 anni in servizio in strada, racconta la situazione di «grande svantaggio» in cui si trovano gli agenti quando devono entrare in azione nei campi nomadi, dove si è passati dalla specializzazione in «furti e truffe» alla criminalità organizzata. «Andiamo lì soprattutto per controlli su persone ai domiciliari o per eseguire arresti o perquisizioni su ordine dell'autorità giudiziaria. Ma prima troviamo la resistenza di associazioni che li tutelano e poi sono gli stessi nomadi a dimostrare di essere disposti a tutto per rallentarci». Lo scopo? Dare il tempo agli interessati di darsela a gambe. «Le aggressioni verbali e gli insulti sono la norma - prosegue la rappresentante del Coisp di Padova - e quelle fisiche tutt'altro che rare. Poi ci troviamo davanti bambini e donne incinte usati come scudi per ostacolarci». A quel punto i margini di azione, spiega Bolognani, sono ristretti. Non per le nuove «regole di ingaggio», che «sono rimaste una boutade mediatica». «Vorremmo le stesse regole di ingaggio e lo stesso armamento - sospira la poliziotta - dei nostri colleghi di Strasburgo, quelli di guardia al tribunale che dice che torturiamo. Che poi è lo stesso che dell'Italia censura anche la mancata tutela dei minori o i campi nomadi, argomenti che appassionano meno il partito dell'antipolizia».

A «legare le mani» agli agenti, invece, è la consapevolezza d'essere «disarmati» in una situazione di tensione e ostilità. «Noi - continua la rappresentante sindacale - non abbiamo tutela legale. Siamo esposti alle denunce, il dipartimento ci scarica e ci tocca arrangiarci. Da anni chiediamo almeno un'assicurazione, ma le compagnie - a differenza di medici e magistrati - ci ritengono inassicurabili». E a queste condizioni anche solo cercare nel campo la persona ai domiciliari da controllare diventa una lotteria. «Tu cammini tra insulti e ostacoli e magari una donna incinta dice che l'hai spinta a terra facendola cadere. E rischi di passare guai per qualcosa che non hai nemmeno fatto. Eppure noi non andiamo mica nei campi nomadi perché ci va, ma perché ci viene ordinato», o perché i cittadini chiamano per segnalare «incendi di copertoni, o gare d'auto, peraltro condotte spesso da minori». Insomma, se «sono tutti santi, perché ci tocca andare a trovarli così spesso?». E perché «una volta lì difficilmente riusciamo a entrare?». E anche entrando, lo stato d'animo non è dei migliori. «Metti le manette a qualcuno e speri che non abbia l'osteoporosi, casomai gli si spezzi un braccio. O lo insegui pregando che non sia cardiopatico, o lo immobilizzi augurandoti che non abbia problemi di anossia. Se poi la persona scappa, beh, almeno non rischi di finire tu sotto processo».

Così, per dirla con un paradosso, Bolognani ribadisce: «Per l'agente medio le ragazzine rom orgogliose di rubare, fanno bene. Tanto sono minorenni: anche se le prendi in flagranza, prima fingono di non capire la tua lingua, e poi tirano fuori il “poker d'assi”, i biglietti da visita degli avvocati». Infine vanno riaccompagnate a casa, come dice la legge, e possono tornare a rubare mille euro al giorno. «Il problema è che viviamo in una società dove il senso civico è evaporato. E le leggi non si sono adeguate. Sicurezza non vuol dire fascismo. Vuol dire libertà».

Commenti

hectorre

Ven, 10/04/2015 - 08:41

se dovessi fare la decima parte di quello che combina uno ZINGARO qualsiasi, mi processerebbero per direttissima e andrei in galera per anni.....dovrebbero creare una task force, entrare in tutti campi nomadi,schedarli,prendere le impronte digitali ed espellere gli irregolari....un database con tutti questi bravi ragazzi che non rubano e guadagnano onestamente ogni singolo euro.....con quale lavoro non è dato a sapersi.......

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Ven, 10/04/2015 - 08:49

Anche questi sono messaggi di ALLARME che la Politica DEVE ascoltare. Bisogna cambiare immediatamente le Leggi ed adeguarle ai tempi. Sono vecchie e NON ADEGUATE. Le ascolteranno o aspettiamo altra strage per incriminare le Forze dell'Ordine?????

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 10/04/2015 - 09:13

basta con la solita demagogia delle sinistre: fra poco nutriremo più vergogna per le parole di una signora Boldrini che per i furti perpetrati giornalmente dai ROM in tutte le nostre città: demagogia, stupida ed assurda demagogia quotidiana!: sarebbe utile qualche riflessione in più prima di esprimere con parole stupide opinioni sicuramente degne di ixxxxxxxe

Altaj

Ven, 10/04/2015 - 09:17

Quando nel governo e nelle istituzioni ci sono dei vermi, leccapiedi come Alfano, Renzi, la Boldrini & affini , questi delinquenti la fanno da padroni.

onurb

Ven, 10/04/2015 - 09:19

Ecco, sarebbe bene che Santoro, prima di sparare stupidaggini (volevo dire s......te) nella sua trasmissione, facesse un giretto per i campi rom, giusto per farsi un'idea realistica di cosa combinano questi signori e di come addestrano i figlioli. Ma perché questi comunisti devono essere così stupidi da negare l'evidenza?

scarface

Ven, 10/04/2015 - 09:22

In un paese governato dalla mafia, camorra, ndrangheta e popolato da sinistrati con malinconie di comunismo le parole ordine, giustizia e dovere non sono è previste. Le forze dell'ordine e l'esercito sono solo carne da macello usate da questi infami politicanti e sprecate per la tutela di questo indegno popolino italiano. A quando uno sciopero totale a tempo indeterminato delle forze dell'ordine ? A quando una sospensione definitiva dei servizi di scorta a tutela delle stesse toghe rosse che vanificano sistematicamente il loro operato ? Ma forse un paese senza più alcun controllo è quello che tutti sperano... dalle zecche rom, i clandestini, i centri sociali, le cooperative, ..., sino ai politicanti. Governare gli italiani non impossibile, è inutile !!

fedeverità

Ven, 10/04/2015 - 09:24

MA CHE VERGOGNA! Ora voglio vedere il Presidente del consiglio se fa finta di niente!! Ma veramente dobbiamo risolvere questo problema ROM! Non esiste che loro possano vivere nel NOSTRO PAESE in questo modo!

Libertà75

Ven, 10/04/2015 - 09:29

L'ennesimo atto di razzismo perpetuato dai zingari nei confronti della minoranza delle forze dell'ordine! STOP al razzismo!

maricap

Ven, 10/04/2015 - 09:36

Tutto ciò che è raccontato dall'operatore di Polizia, è il frutto del disfattismo di sinistra, e della massa di cogli oni che ancora lo vota. Il cambio di nome, fatto più volte da PCI, a quest'ultimi, non ha fatto capire nulla, e niente hanno capito del fallimento dei regimi dittatoriali comunisti nel mondo, dopo decenni di miseria, disperazione e milioni di decine di morti, da essi sempre elargito a piene mani. Ma la colpa, è anche di quella parte del popolino, che vive di speranza, si quella che le brutte avventure tocchino sempre e solo agli altri. Ormai la cosa è talmente deteriorata, che democraticamente si può andare, solo e sempre peggio. Però, per quale motivo le forze dell'ordine, non s'impongono, a chi permette ai delinquenti di sbeffeggiarli? Non sono mica loro, che forniscono a quella gente l'incolumità, con la scorta armata? In una resa dei conti, non saranno certo lasciate sole.

michetta

Ven, 10/04/2015 - 09:46

Le mani legate? Appunto! E noi che andiamo predicando da sempre? Occorre RADERLI AL SUOLO! I CAMPI NOMADI non devono esistere! Gli ZINGARISSIMI ZINGARI, devono andarsene dall'Italia! NON CE LI VOGLIAMO! SE LA SBRIGASSERO GLI ALTRI PAESI COSIDDETTI EUROPEI! Non vediamo l'ora di andare a votare! Certo che con gli opportunisti boldrineschi-renziani-alfaniani-d'alemiani-grilliani-berlusconiani, in Parlamento, sara' difficile andarci prima della scadenza della legislatura voluta da Sua Maesta' il Re Napolitano, ma il giorno arrivera', ah se arrivera'! GO SALVINI, GO !!!!!!!

clamajo

Ven, 10/04/2015 - 10:07

Buonanno non ha tutti i torti....

Ritratto di Aulin

Aulin

Ven, 10/04/2015 - 10:15

Bisognerebbe asfaltare non i campi nomadi, ma tutti gli italioti di sinistra che li difendono. Il male è sempre lì, gli zombies comunisti, sempre e solo loro.

Ritratto di Lady Bird

Lady Bird

Ven, 10/04/2015 - 10:16

i vigili urbani sono delle capre inutili, in ogni città. sanno solamente tirar fuori il blocchetto delle contravvenzioni, per il resto le prendono di santa ragione da chiunque gli si pari difronte. andassero a lavorare sotto padrone e sudarsi lo stipendio sti scansafatiche mantenuti!

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Ven, 10/04/2015 - 10:28

Cari lettori indignati, chi protegge il malaffare non è che "non capisca": "non VUOLE capire". Ha i suoi sporchi vantaggi in situazioni del genere: il "tanto peggio, tanto meglio" l'ha coniato la sinistra, e sappiamo bene il perchè. E noi, speranzosi di serena civiltà, siamo sotto il giogo dell' armata rossa. E' tutto qui.

beowulfagate

Ven, 10/04/2015 - 10:36

Libertà75.Ancora una volta d'accordo con lei.Il razzismo in Italia esiste,eccome se esiste:contro gli italiani.E possiamo vederlo tutti i giorni.I dubbiosi possono trovare migliaia di prove nei cimiteri di tutto il paese.

gneo58

Ven, 10/04/2015 - 10:38

per MICHETTA - purtroppo temo che non sarà più sufficiente andare a votare, come vede si fa presto a ribaltare tutto per piazzare gente di comodo dove serve - ci vuole altro ma non si può dire ! - purtroppo tra un po' arriveremo alla guerra civile che ci si voglia credere o no perché quando tutti i diritti della gente onesta sono calpestati qualsiasi altra soluzione non e' possibile. Saluti

19gig50

Ven, 10/04/2015 - 10:43

Questi luridi si sentono protetti dalle istituzioni parassitarie che governano questo Stato e insultano e aggrediscono le Forze dell'Ordine che si recano in quei letamai per controlli. Ripeto la colpa è dei sinistri che favoriscono certi comportamenti, pwer questo ha ragione Salvini. radere al suolo tutti i campi e cacciare quegli individui dall'Italia.

vince50

Ven, 10/04/2015 - 10:49

"Sicurezza non vuol dire fascismo. Vuol dire libertà».Si evoca il termine Fascismo quasi con il terrore,all'insegna del negativismo imposto dai comunistoidi nostrani.Anche il Fascismo ha avuto e avrebbe alcuni aspetti magari non condivisibili,ma certamente farebbe evaporare tutto il marciume nauseabondo che ci ritroviamo.Sono certo che rivisto e corretto in funzione dei tempi attuali,ci ridarebbe dignità e rispetto ormai annegate nel mare dell'ipocrisia comunista.

maricap

Ven, 10/04/2015 - 10:58

Tutti scioperano, se ritengono di avere diritti non rispettati, Lo facciano anche le forze dell'ordine, e non mi si venga a parlare di legalità, in un paese dove essa è ormai morta e sepolta da decenni, per causa di pusillanimi, che poi si fanno scortare da Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, per salvaguardare la propria incolumità, in un paese, dove la delinquenza ormai dilaga. Magari questi fighetti, cretini come sono,chiederebbero di arrestare le forze dell'ordine in sciopero, ma credo che dovrebbero provvedere loro alla bisogna. Personalmente. Ahahaha. Perdio, Basta farsi divorare dai pidocchi

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 10/04/2015 - 10:58

Ma quelli che propugnano che "camminante è bello" perché non vanno ad abitare nei "campi di soggiorno" e sollevare le "sofferenze" di questi nostri fratelli?

hectorre

Ven, 10/04/2015 - 11:20

e comunque se si chiamano nomadi, dovrebbero fermarsi solo pochi mesi "ospiti" delle "nostre" città...non decenni!!!!!...e ad ogni spostamento, fare richiesta di spazi pubblici e consegnare l'elenco delle persone presenti,pagando l'occupazione del suolo,luce,gas e tassa rifiuti....ed eventualmente spiegare come si "guadagnano" da vivere!!!!!......ma legalità,tasse e doveri sono obblighi solo per noi fessi!!!!!!

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Ven, 10/04/2015 - 11:32

Tutto questo buonismo adesso ha rotto veramente. Governanti pagliacci e buffoni

buri

Ven, 10/04/2015 - 11:50

Abbiamo quello che vogliamo. o meglio quello che vuole la Boldrini e tutte le anime pie buomiste, un giorno o l'altro l fente si stancherà e succederà il guai, un pogrom con la caccia al rom, cosa non auspicabile, tutto per colpa di troppo lassismo e tolleranza

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Ven, 10/04/2015 - 13:29

Se vogliamo veramente cambiare qualcosa, alle prossime elezione al posto di PD votate LEGA. In caso contrario è fiato sprecato.

killkoms

Ven, 10/04/2015 - 14:05

e il compagno man koni cosa dice in merito?

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Ven, 10/04/2015 - 14:31

Io trovo inquietanti le affermazioni della Boldrini,in contrasto con l'articolo 21 della Costituzione Italiana. La presidente della Camera non può non sapere che la parola rom significa uomo, marito, e che il termine zingari è lecito in quanto non offende, ma indica l'insieme di diverse etnie in principio nomadi, ora anche stanziali. Signora, proprio lei che vuole abolire il linguaggio sessista, discrimina le donne zingare, ora che lo sa, faccia attenzione.

elpaso21

Ven, 10/04/2015 - 14:40

Mi chiedo chi sia il responsabile di tanto sfascio e disorganizzazione. E noi paghiamo le tasse per finanziare tali servizi così inefficienti e insensati. Se i poliziotti non hanno tutele giuridiche e/o strumenti per fare interventi seri e professionali, dovrebbero prendere "a sberle" i loro superiori, e questi ultimi dovrebbero farlo con i propri a salire, e dovrebbero anche rifiutarsi di intervenire. Se non si applica la regola della "tolleranza zero", sappiamo già come va a finire, cioè a "tarallucci e vino".

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Ven, 10/04/2015 - 15:49

E' reato la constatazione dei fatti? Le forze dell'ordine che vanno a controllare, non per curiosità, gli insediamenti degli zingari(termine lecito che indica le diverse etnie) non sempre sono gradite, la dimostrazione è nei fatti, insulti e aggressioni. Non è raro che gli zingari detengano merce rubata, droga, armi clandestine, è un fatto. In diverse riprese documentate alcuni zingari, minorenni, dichiarano di rubare vantandosi dei loro guadagni illeciti e dimostrano totale assenza di scrupoli, assistenti sociali e giudici non intervengono, è un fatto. I furti negli appartamenti sono il più delle volta compiuti da zingari minorenni, è un fatto. Parlare di odio razziale è da cretini, anche questo è un fatto, solo Boldrini e compagni lo affermano.