Nomine, Verdini a bocca asciutta. Zanetti si dimette da viceministro

L'ex montiano ora Ala: "Preferisco tornare a far politica"

Roma - Il nuovo governo perde un'Ala. I rumors sempre più insistenti alla vigilia del Consiglio dei ministri che oggi porterà alla nomina dei sottosegretari (per la definizione delle deleghe si aspetterà fino a Capodanno) indicano con buona certezza che la truppa dei verdiniani resterà a secco di poltrone. Niente ingresso nell'esecutivo almeno per il manipolo di Denis Verdini, nemmeno dalla porta secondaria, con la cristallizzazione della stessa formazione di sottosegretari del governo Renzi, a parte pochi ritocchi, e la conferma, semmai, di chi era già al governo ma in quota Scelta civica.

I malumori e le esplicite richieste di «attenzione» da parte dell'ala verdiniana di Ala, dunque, con conseguente inserimenti di qualche nome nella squadra di governo, anche come riconoscimento per l'appoggio garantito al governo di Matteo Renzi , cadrebbero nel vuoto. Per sciogliere ogni riserva, però, tocca aspettare il Cdm di oggi. La sensazione, netta, è che si arriverà allo strappo, nonostante i tentativi di tessitura di Verdini, prima con il dimissionario Renzi e poi con il nuovo premier, Gentiloni, e a onta della corsa al ribasso delle richieste, da 4-5 poltrone a 2-3 appena. Sembrava destinato alla conferma, invece, Enrico Zanetti di Ala, quota Sc (ne è segretario), già sottosegretario e poi viceministro dell'Economia con Renzi a Palazzo Chigi. Ma ieri sera lui stesso ha annunciato il «passo indietro» come segno polemico di discontinuità verso «l'antipolitica delle conferme in blocco a prescindere», ossia il motivo opposto dal governo alla richiesta di Ala, spiega Zanetti, «di un chiarimento politico sulla nostra piena partecipazione alla maggioranza». Anche l'altra esponente di Sc, l'ex campionessa di scherma Valentina Vezzali, s'era vista frustrare le ambizioni da sottosegretario allo Sport con l'ascesa delle quotazioni dell'ex campionessa italiana paralimpica di atletica Laura Coccia, in quota Pd. Tra i confermati dati per certi ci sono Sandro Gozi per gli affari europei, Gennaro Migliore (Giustizia), Riccardo Nencini (Infrastrutture), Enzo Amendola (Esteri), Antonello Giacomelli (Comunicazioni). Nonostante le ultime polemiche e l'ennesima gaffe, non è invece sicuro il «commissariamento» del ministro del Welfare Giuliano Poletti, che nei giorni scorsi si immaginava affiancato al dicastero dall'economista dem Tommaso Nannicini, già consigliere economico di Renzi e poi sottosegretario alla presidenza del consiglio. Ma proprio Renzi preferirebbe tenerselo stretto per affidargli il coordinamento del programma del «suo» Pd in vista della futura chiamata alle urne. Quanto al punto più delicato, insieme alla questione Ala-Verdini, ossia la delega ai servizi segreti, sembrano tramontare rapidamente tanto le quotazioni del neoministro allo Sport Luca Lotti (che manterrebbe quella al Cipe) che quelle dell'ex componente del Copasir e presidente della commissione Affari costituzionali a Montecitorio Emanuele Fiano, che potrebbe saltare anche come sottosegretario all'Interno in pectore. Dovrebbe lasciare l'Istruzione Davide Faraone, diretto al Mit o alla Coesione e sostituito da Manuela Ghizzoni, e l'altro outsider dell'ultim'ora potrebbe essere l'ex Sel Dario Stefàno, che ha mollato Vendola per Tabacci e ha votato la fiducia a Gentiloni. Per suggellare il rientro in maggioranza, Stefano potrebbe ritrovarsi sottosegretario all'Agricoltura.

MMO

Commenti

pupism

Gio, 29/12/2016 - 09:23

Tutto già previsto. Silvio lo aveva mandato di là per salvare renzi. Ora che non serve più ritorna a casa.....

kallen1

Gio, 29/12/2016 - 09:34

In altre parole: il classico mercato delle vacche.......

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 29/12/2016 - 09:37

Nemmeno i 30 denari gli hanno dato.

frank173

Gio, 29/12/2016 - 10:00

Gran bella notizia.

un_infiltrato

Gio, 29/12/2016 - 10:02

Non conosco Gentiloni. Non so chi sia, nel senso che ignoro la sua storia politica. Però vedo... che, almeno in ambito selezione uomini di contorno, ci vede... bene.

unosolo

Gio, 29/12/2016 - 10:19

rendiamoci conto che la democrazia è sparita da quando sono arrivati al potere , nessuna sediola per le opposizioni , poltrone a compagni e fiancheggiatori del regime stretto, accordi e baratti sotto banco , incroci di ondate di lavori senza appalti e senza controlli , strano ma le coop sono state sempre pagate mentre altre aziende non pagate sono fallite o sono molto indebitate per mancanza di pagamenti dalle amministrazioni , ladri al potere rovinano le Nazioni , "ITALIA , REPUBBLICA FONDATA SUL LAVORO " ? forse prima ma da cinque anni sul solo parassitario l espedienti a togliere soldi al popolo e galleggiare , baratto continuo e spese pazze come l'aereo , ladri e senza responsabilità pensano solo ai loro interessi privati e politici , smentitemi !

senzasperanza

Gio, 29/12/2016 - 10:52

tutti mercenari.Siamo pieni di problemi,poverta,bance,emigrazzione incontrolabile.E questi pensano solo ad una poltrona. Italiani,quando torneremo a votare(se torneremo)ricordatevi i nomi di questi parassiti.Votiamo solo persone seri... Sembra facile..............

guerrinofe

Gio, 29/12/2016 - 11:42

LA FARA' PAGARE A TEMPO DEBITO!

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 29/12/2016 - 11:48

a verdini non importa rimenere a bocca asciutta , a lui interesse avere le tasche "bagnate" .

Ritratto di aldolibero

aldolibero

Gio, 29/12/2016 - 12:00

Tutto concordato con renzi per far mancare i voti e fare votare come da desiderata al piu' presto, prima che le cose peggiorino, ....per loro. saranno ricompensati dopo. grazie mille

paolonardi

Gio, 29/12/2016 - 13:14

Bravo Denis cosi' impari a tradire il mio voto!

killkoms

Gio, 29/12/2016 - 13:16

solo un "utile idiota"!

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 29/12/2016 - 13:23

Se mi date una poltrona appoggio il governo, altrimenti no. Diceva Woody Allen: "L'etica dei politici è una tacca sotto quella dei pedofili". Avete presente quando li sentite parlare in Tv e dicono che fanno politica "per passione, per spirito di servizio, per il bene del Paese"? Tutte queste fregnacce astratte si possono dire con una parola sola: poltrone. Fate schifo.

giosafat

Gio, 29/12/2016 - 14:01

Lì, quando entri nel giro non lo molli più. Poi combinare tutti i disastri di questo mondo ma, male che vada, alla successiva tornata ti assegnano un qualche altro posto in cui poter continuare l'opera interrotta. Nel privato sarebbero già tutti a mendicare agli angoli delle vie. Non male l'idea 'via Verdini=si va al voto' ma il rischio, per Renzi, è quello di consegnarsi anima e piedi ai voleri e ai capricci di FI/B. #gentilonipuòstaresereno.

il Pungiglione

Gio, 29/12/2016 - 14:09

CHE CAVOLO PRETENDEVI DAL PD SVEGLIATI!!!!! USA E GETTA. MOTTO PD

luciano32

Gio, 29/12/2016 - 14:14

E la lista si allunga: Dalema, FINI Casini, Fitto Veltroni Ochetto qunti hanno combattuto o tradito Berluwconi tutti wcomparsi nella nebbia che pietiscno per una intervista a Rocvcacianchetta o una comparsata in TV.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 29/12/2016 - 14:28

Giusta ricompensa per infingardi e traditori!!

Lucaferro

Gio, 29/12/2016 - 15:01

L'unico posto ove può approdare Zanetti è a scrivere qualche cosa per Eutekne: punto da cui è partito in sostituzione di altri. E' una nullità e nel nulla deve tornare.

unosolo

Gio, 29/12/2016 - 15:30

bene , il governo attuale ha una mina in casa , questo vuol dire che passato il santo ci sarà la festa , praticamente l'ex adopererà il governo tramite il Verdini e lo farà arrivare pari pari per controllare le prossime elezioni quando e come vuole ,. una mina insomma tarata per usarla al momento giusto .

onurb

Gio, 29/12/2016 - 15:33

Verdini: il traditore tradito. Un'altra vittima della nemesi.