"Non paghiamo un centesimo di tasse". ​Ecco dove fuggono i nostri pensionati

In Portogallo le esenzioni esentasse portano di fatto a zero il prelievo fiscale sugli emolumenti. E i nostri pensionati si fiondano lì. La proposta di Fdi per attrarli nel Sud Italia

"Vogliamo fare del Sud la Florida italiana". La proposta di Fratelli d'Italia guarda al Portogallo per ridare un po' di respiro ai pensionati italiani. Perché è là, a ridosso delle acque fredde dell'Oceano Atlantico, che i nostri ultra 65enni stanno fuggendo per garantirsi una pensione più che dignitosa. Presentando in sala stampa alla Camera la proposta di legge (già incardinata in commissione Finanze a palazzo Madama), Giorgia Meloni ha subito messo in chiaro che bisogna fare qualcosa per attrarre con un regime fiscale favorevole i pensionati europei nel nostro Sud per aiutare il pil a crescere, come in Portogallo, dov'è aumentato dell'1,2%. "Una proposta immediatamente applicabile - spiega - a costo zero, e in grado di produrre ricchezza in Sicilia, Calabria, Puglia e Campania".

Negli ultimi anni il pil del Portogallo è aumentato dell'1,2%. E sempre più pensionati, italiani e non solo, stanno decidendo di trasferirsi lungo la costa portoghese. Tutto merito delle politiche economiche decise dal governo di Lisbona che, come spiega il Corriere della Sera in una inchiesta pubblicata oggi, ha iniziato a offrire ai pensionati "agevolazioni esentasse" che possono essere "spalmate su un periodo di dieci anni, portando di fatto a zero il prelievo fiscale sugli emolumenti". All'anziano è richiesto unicamente di risiedere in Portogallo almeno sei mesi e un giorno all'anno. Per il momento la misura durerà fino alla fine del 2019, ma è possibile che il governo possa decidere di prorogarla. Nel frattempo si è già registrato un balzo del 50 per cento dei pensionati italiani che spostano la residenza in Portogallo.

L'impianto della proposta di Frateklli d'Italia ricalca proprio quello del Portogallo, dove sono circa 100mila i pensionati provenienti dall'Unione europea che hanno trasferito la residenza in cambio della tassazione agevolata. A prescindere dai redditi percepiti, la misura punta a far versare un'imposta sostitutiva di 6.000 euro per ciascun periodo di imposta (per complessivi dieci periodi d'imposta). "Il Sud - ha sottolineato Francesco Lollobrigida - può doventare la nostra Florida, con questa proposta che porta ricchezza a costo zero". Nell'inchiesta del Corriere della Sera appare, infatti, molto chiaro come i nostri anziani decidano di trasferirsi in Portogallo perché la pensione, già di per sé troppo bassa per portare avanti una vita dignitosa, viene decimata dall'eccessiva pressione fiscale. "Con le agevolazioni - spiega Dino Montanari, 81enne di Ferrara che oggi vive a Caparica - ho 800 euro in più al mese...". In più, la vita in Portogallo costa meno: per affittare un appartamento di 80 metri quadri paga 400 euro al mese, mentre il caffè al bar gli costa 60 centesimi. "E quando non ho voglia di cucinare un panino con la bistecca, il prego come si chiama qui, tre euro". E, poi, ha il mare a pochi metri.

Commenti

lampujalfa2

Mer, 12/09/2018 - 09:20

Chi vuole rischiare di trasferirsi al sud dove i servizi sanitari e non solo sono inefficienti?

IVANKA

Mer, 12/09/2018 - 09:27

Lavoro part-time e percepisco €1000 nette al mese. Pago €3100 di tasse all'anno. Quindi per i pensionati "normali" non cambierebbe niente. Mettere un prelievo di €6000 all'anno indipendente dal reddito vuol dire agevolare solo i Paperoni. Grazie! ma non prendeteci per i fondelli!

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mer, 12/09/2018 - 09:50

Da quando la proposta di Salvini di creare in Italia varie zone di esenzione fiscale o "no tax area" a favore dei pensionati italiani è diventata una proposta di FdI?

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 12/09/2018 - 09:57

La pensione dovrebbe essere sempre e comunque esentasse, in tutta italia. Coloro che hanno effettuato i versamenti previdenziali , lavorato una vita e pagato le tasse , perchè devono pagar le tasse ancora sul risparmio previdenziale accumulato? Hai lavorato una vita oberato e vessato da tasse spropositate? Incasserai una pensione esentasse. Alla fine , a causa delle imposte indirette o di patrimoniali sotto mentite spoglie, anche un pensionato pagherà sepre qualcosa. Ad esempio il pizzo del 22% Iva sull'acquisto di beni di consumo. Meno tasse, più risparmio, più benessere per tutti.

Ritratto di Muk

Muk

Mer, 12/09/2018 - 10:20

No la Meloni no!

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Mer, 12/09/2018 - 10:23

Proposta logica, utile e onorevole; ma siccome a pensar male non e' educato ma probabilmente ci si azzecca (diceva il cotale...?) si finira' a decurtare la pensione a chi decide di sistemarsi all'estero, scommettiamo?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 12/09/2018 - 11:26

Montanari aspetta che il Portogallo si adegui anche lui alla Europa tariffe europee poi ti vedremo ritornare in Italia.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mer, 12/09/2018 - 12:25

Se avete soldi andate altrove,se sei stato un operaio,vai in opedale che mangi gratis pero' per poco, ci sono infermieri con la mania di farti la festa con una siringa di varecchina.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 12/09/2018 - 12:47

---perchè il sud si dovrebbe accollare sti vecchiacci claudicanti e sputacchiosi?--andate in "patania" dove i servizi sono efficienti -i treni arrivano in orario ed il sistema sanitario di maroni mei coiotes funziona alla grande swag--

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 12/09/2018 - 14:11

Continuate con articoli come questo a fingere di NON capire. Non e il Portogallo che fa arrivare ai pensionati Italiani la pensione LORDA!!! E l'Italia ( con i suoi vari governi che ha deciso anche con altri 88 paesi oltre che con il Portogallo) che se un pensionato Italiano va a vivere in uno di questi, GLI VIENE ELIMINATA la trattenuta IRPEF e ADDIZIONALE sulla sua pensione e quindi RICEVE un'importo molto piu elevato, di quello che riceve se rimane in Italia o va a vivere in uno degli altri 112 paesi NON CONVENZIONATI!!! Se l'Italia NON facesse le trattenute IRPEF sulla pensione, nessun Italiano andrebbe in Portogallo o in uno dei paesi convenzionati, perche riceverebbe l'intera pensione LORDA rimanendosene in Italia!!! CHISSA SE SI CAPIRA LA DIFFERENZA!!! AMEN.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 12/09/2018 - 16:02

In Portogallo non si paga tasse perchè il detto "il portoghese" scansa di pagare.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 12/09/2018 - 16:10

....se non ho voglia di cucinare!!!Ecco chi sono quelli che non ce la fanno ad arrivare a fine mese.Sono i fannulloni, quelli del, voglia di lavorare portami via. Ma che hai fatto nella vita per poi percepire 800 euro di pensione. Te la sei goduta da giovane?

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 12/09/2018 - 16:15

l'italia l'hanno distrutto i 7 anni di un governo abusivo della sinistra. italia piena di delinquenti clandestini, e tra poco sarà anche rischioso uscire la mattina per recarsi al lavoro. io sicuro lascerò questo paese. auguri ai vostri figli

massmil

Mer, 12/09/2018 - 16:31

Ma come si fa a lanciare una proposta simile? Primo dopo tante rassicurazioni tornerebbero ad essere spremuti come limoni, secondo i servizi del sud fanno ridere gli africani, terzo la delinquenza li metterebbe a rischio sempre e se si difendono li sbatterebbero in galera ecc ecc

massmil

Mer, 12/09/2018 - 16:32

Ho letto commento di Contenextus troppo vero e giusto. GRANDE

ziobeppe1951

Mer, 12/09/2018 - 17:11

do-ut-des..16.10...ti prego..non offendere PETOMIX-OBELIX

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 12/09/2018 - 17:33

Un momento. Si parla dei pensioonati INPS perché i pensionati INDAP pagheranno sempre le tasse in Italia anche se vanno all'estero per sempre salvo in pochissimi paesi come la Tunisia. E non ditemi che ben gli sta agli statali avendo goduto di agevolazioni durante la vita lavorativa perché si dimentica che hanno accettato degli stipendi molto più bassi rispetto alle loro mansioni salvo gli amici degli amici beninteso.

Robertin

Mer, 12/09/2018 - 18:28

massmil ha perfettamente ragione: siccome a quanto pare in italia le leggi possono essere retroattive dopo qualche anno che i pensionati del nord si sono trasferiti al sud lo stato italiano tornerebbe indietro e li tasserebbe più di prima

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 12/09/2018 - 19:17

Cara venividi 17e33, anche i pensionati INPS che vivono all'estero, nei paesi con i quali L'Italia NON ha voluto fare convenzioni, si vedono trattenere l'IRPEF e ADDIZIONALE dalle loro pensioni. A me ad esempio continuano ad essere trattenuti qualcosa come 20 mila €uroo anno. Anche se essendo iscritto all'AIRE NON ho piu diritto al servizio sanitario del medico di base in Italia!!! Servizio che PAGO con l'addizionale IRPEF piu alta d'Italia, quelle di Roma e Lazio, anche se prima di andarmene abitavo a Giussano. Queste sono le schifezze che hanno fatto quelli che ci hanno S/governato finora. Saludos.

audionova

Mer, 12/09/2018 - 23:49

cominciamo col dire che solo i pensionati privati possono andare in un altro paese e non pagare piu' la tasse in italia,mentre i pensionati pubblici devono comunque pagare le tasse in italia anche se vanno fuori,anche se ci sono le leggi sulle tasse firmate dai due paesi che dicono che si pagano in un solo paese,ed ecco qui che se uno si trasferisce le tasse le paga solo in portogallo.quindi i p. pubblici non possono farlo,perche' pagano le tasse sempre in italia(alla faccia dell'eguaglianza).poi tutti ce l'hanno con i pensionati pubblici perche' dicono che non hanno pagato i contributi,balle,e' lo stato che non ha pagato i contributi,il dipendente quello che doveva pagare lo ha pagato.ora unpensionato pubblico va in pensione con 43 anni come gli altri e lo stato non versa i contributi.alla faccia dell'equita' e naturalmente per molti italiani bigotti a dare contro al dipendente pubblico.

audionova

Mer, 12/09/2018 - 23:51

elvisso,lo sei o lo fai?

audionova

Mer, 12/09/2018 - 23:54

ma la volete capire che la pensione lorda la danno solo ai pensionati privati e non ai pensionati pubblici,questi ultimi pagano le tasse in italia anche se vanno in quei 88 paesi che hanno firmato l'accordo.