Il Novara allunga a più 8 sul Siena. I sondaggi segreti si danno al calcio

L'ultima trovata per aggirare il divieto: un campionato a due

Roma - Sul web è scoppiata una nuova moda. Una moda che rende le conversazioni nei salotti e al bar più appassionate. Stiamo parlando dei sondaggi «clandestini». Quei sondaggi sul referendum (dal 18 novembre è scattato il divieto di diffusione di ogni forma di radiografia dell'intenzione di voto) che danno il polso degli ultimi «smottamenti» negli umori dell'elettorato ma che vengono però mascherati da notizie (alquanto improbabili) oppure da sondaggi di altra natura. Abbiamo già avuto modo di parlare del sito che ha appassionato tutti i fan di cose vaticane (da Dan Brown a Sorrentino) dove trova spazio la cronaca di un poco conosciuto conclave che vede San Simplicio e San Norberto contendersi il soglio di Pietro. A tutt'oggi San Norberto sembra avere qualche grande elettore in più del rivale. I porporati che scelgono il primo sono aumentati (ora 48) mentre quelli che designerebbero San Norberto (facilmente identificabile come fronte del No) al momento sono ancora in vantaggio (con 52 grandi elettori). La fantasia dei sondaggisti pirati ovviamente non ha limiti.

Non poteva mancare ovviamente anche uno strano campionato calcistico nell'elenco. Alla vetta della classifica, però, non troviamo Napoli, Milan o Juventus. A contendersi il primato ci sono il NOvara (attualmente al comando con 54 punti) seguito dal SIena (a 46 punti). A rilanciare questa speciale cronaca sportiva è il sito del Comitato per No, dove un articolo si dilunga anche sull'inutile campagna acquisti del patron del SIena, ovviamente con toni tra l'ironico e il beffardo. Sul sito The Right Nation, poi, ci si esalta con le corse dei cavalli. E un resoconto quotidiano nasconde cifre e dati puntuali ma sottolinea con maestria il trend e i vantaggi. Alla corsa partecipano «Fan Faròn» in sella a Truie Blessée (che ricorda puntualmente l'appellativo di «scrofa ferita» con cui Grillo indicava il Fronte del Sì) e Assemblage Hétéroclite (facilmente riconducibile alla somma dei vari comitati per il No). Ogni giorno il sito riporta colorite cronache dall'ippodromo. Nell'ultima si parla di un vantaggio di Assemblage Hétéroclite di qualche lunghezza. Nella fantasia dei «sondaggisti mascherati» entra pure il mercato dell'auto. E le vendite del «nuovo modello» si attestano - a quanto riporta addirittura il sito sul meteo Centrometoitaliano.it - al 47,6% mentre il vecchio modello è ancora il preferito dai consumatori con il 52, 4% della quota di mercato.

Insomma i «drogati» di demoscopia riescono sempre a trovare pane per i loro denti, anche durante il periodo di black-out pre-elettorale.

Commenti

nerinaneri

Gio, 01/12/2016 - 08:48

...bravi!... ci avete messo un po'...

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Gio, 01/12/2016 - 09:03

Il no non fa solo questo. Strappa i manifesti del si e tappezza la città comprese le vetrine, di notte, abusivamente e illegalmente. Sto parlando di Bergamo ma mi dicono che è così ovunque. Altro che lettera di Renzi.

Marcello.508

Gio, 01/12/2016 - 11:18

Questa campagna pro SI del noto logorroico toscano, presagisce proprio quel risultato. Ma lui .. gnente: ci da dentro, gira come una trottola anche su elicotteri del VVFF, di qua e di là come un ossesso per tentare di convincere con bonus, voucher e altre menate gli indecisi. Dopo la 58ª fiducia è sempre più disperato. Oramai ho la netta sensazione che gli italiani credano sempre meno nel nominato dei (finti) miracoli. Detto questo rispetterò qualsiasi risultato, a meno che non vengano provati brogli consistenti (com'è avvenuto in Austria) e allora sarà la magistratura a dover dirimere la questione.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 01/12/2016 - 13:27

@riflessiva - questal'hai inventata stanotte. Noi non siamo bufaloni, non abbocchiamo e quindi non ci crediamo. Ma alle 9:03 ancora non sei a scuola? Sempre in malattia?

lavieenrose

Gio, 01/12/2016 - 13:41

Senta riflessiva non racconti palle. A Bergamo non lo so, ma "ovunque" come dice lei è il contrario. Venga a vedere a Milano e si ricrederà rapidamente, anche se non credo avendo capito il suo fenpotipo.... Ma come si fa ad essere così platealmente in mala fede, è oltre l'umana decenza.

lavieenrose

Gio, 01/12/2016 - 13:44

Ma come si fa a dare credito ad un presidente del consiglio che non rispetta gli italiani? Lui dovrebbe essere il presidente di tutti e rispettare siani si sia i no e quindi astenersi dalle sue quotidiane pagliacciate e acquisto di voti con mancette elettorali a gogo.

Raoul Pontalti

Gio, 01/12/2016 - 14:07

Premesso che sono pienamente d'accordo con le considerazioni sulla perniciosità del divieto di divulgazione dei sondaggi nei 15 gg precedenti il voto esposte dal Sommo Direttore Alessandro Sallusti in altro articolo, osservo che i sondaggi clandestini sono illegali per un motivo sostanziale prima che formale: non vi è garanzia sul metodo di rilevamento! Come l'esperienza ha dimostrato questi sondaggi clandestini sono fasulli, fatti nella migliore delle ipotesi nelle osterie e per lo più invece consistono in elaborazioni fantastiche senza alcun oggettivo riscontro operate dagli autori dopo assunzione di congrua dose di grappa. Per convincersene basta confrontare i sondaggi "ippici" effettuati dalle medesime agenzie che oggi propinano i sondaggi referendari nei 15 giorni antecedenti il voto delle politiche del 2013: nessun risultato azzeccato!

cangurino

Gio, 01/12/2016 - 14:31

speriamo che i sondaggi sbaglino clamorosamente. Dovesse vincere il no con solo qualche punto percentuale di vantaggio, Renzi e giglio magico avrebbe la scusa per continuare a mandare l'Italia in malora. Spero stiano sotto il 40%. Purtroppo sento tante persone che votano senza aver approfondito pro e contro, ma semplicemente in base a qualche spot del vip di turno o per una trasmissione telecomandata.

cangurino

Gio, 01/12/2016 - 14:34

la vittoria del si non la prendo in considerazione, perchè ci sarebbe veramente da prepararsi all'espatrio. Un 26% di voti raccolti da un gruppo compatto e "motivato" (le camice nere dovrebbero averci insegnato qualche cosa, invece ....) avrebbe la maggioranza assoluta e potrebbe fare di tutto e di più per parecchi anni (almeno un ventennio ...), senza che nessuno possa metterci una pezza (senato varrebbe zero, presidente della repubblica vale zero, nulla, potere assoluto).

Pensobene

Gio, 01/12/2016 - 15:00

Tranquilli dopo il 4 dicembre la Costituzione non sarà cambiata se gli italiani andranno tutti a votare NO. Dovremo invece modificare il canto XXXIII dell' Inferno di Dante: "del bel paese là dove 'l NO suona" Ricordate che votare NO è bello quasi "come pagare le tasse".