Novità al Tg4: Cecchi Paone condurrà l'edizione di punta

Al Tg4 sta per arrivare una rivoluzione. Il telegiornale di Rete4 ha avuto il suo grande successo grazie a un anchorman fisso in conduzione come Emilio Fede, il quale riusciva a fidelizzare e far abituare il pubblico a un certo stile. Dopo di lui il Tg4 ha perso molto e nonostante le novità del bravissimo Mario Giordano, purtroppo non è riuscito ancora a risalire del tutto la china degli ascolti. C'è bisogno di una scossa. E la scossa sarà Alessandro Cecchi Paone (nella foto), il quale dal primo lunedì di aprile condurrà l'edizione serale del Tg4 sette giorni su sette. Mission: fidelizzare un pubblico «distratto» e portare nuovi telespettatori al suo telegiornale.

Commenti

buri

Dom, 13/03/2016 - 11:04

Auguri

buri

Dom, 13/03/2016 - 11:32

Auguri sinceri

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Dom, 13/03/2016 - 11:47

Li prendiamo proprio tutti , basta che respirino.

odifrep

Dom, 13/03/2016 - 14:28

Un grande in bocca al lupo. Lo merita Alessandro Cecchi Paone.

FRANZJOSEFVONOS...

Dom, 13/03/2016 - 14:54

E' SOSTIENE CHE DIO NON ESISTE PER QUESTI I MIRACOLI AVVENGONO.

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 13/03/2016 - 15:00

Ho capito, non guarderò più il TG4 nemmeno per sbaglio. Ma vi rendete conto di quello che sta succedendo? Ma come si fa a scrivere articoloni sul Giornale criticando il pensiero unico, le unioni civili, le lezioni di sesso trans e teorie gender nelle scuole, e poi si affida il TG4 ad Alessandro Cecchi Paone, il testimonial più in vista della lobby gay, quello che vediamo a tutte le ore e su tutti i canali come ospite fisso e autorevole opinionista a difendere a spada tratta l’universo gay e tutto ciò che rientra nel pensiero unico laicista, anticlericale, e di sinistra? Ed alle previsioni meteo ci mettono Luxuria o Malgioglio? Mi meraviglio che Giordano, che è una persona seria, possa aver pensato una caxxata simile, oppure, se la cosa è imposta dall’alto, possa accettare questa soluzione. Ma ormai non mi meraviglio più di niente. Auguri.

greg

Dom, 13/03/2016 - 15:27

Beh! basta smettere di vedere il TG4. Io certamente non mi metterò davanti alla TV ad ascoltare questo tizio come giornalista, perché se si parlerà di un omosessuale che ha fatto qualche cosa di riprovevole, lui troverà il modo di farlo apparire come un martire dell'omofobia ed un apostolo del vero amore. Sarà un direttore molto parziale e a senso unico, solo per il suo interesse. Ricorderò Emilio Fede con nostalgia!!

milope.47

Dom, 13/03/2016 - 16:43

xGiano. Mamma mia. Dopo aver letto il tuo commento, ti voglio bene. Però non vale rubare il pensiero altrui. Sottoscrivo- parola per parola - tutto ciò che hai detto. Un caro saluto.

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 13/03/2016 - 17:34

(3 e passatelo) Ho l’impressione che i media in genere, Giornale compreso (anche il TG4 che quando fa servizi sui migranti usa lo stesso tono pietoso del TG3; cambia poco), forse inconsapevolmente, si stiano adeguando a quel pensiero unico che (alcuni) dicono di combattere. E’ l’effetto della propaganda continua, assillante, pervasiva, della cultura dominante che controlla i media e, giorno dopo giorno, modella le menti secondo il nuovo verbo della sinistra. Lo si capisce dal tono e dalla terminologia usata in certi articoli e servizi TV, quando si parla di gay o immigrati clandestini: ormai sono tutti omologati al linguaggio boldriniano. Avete appena lanciato la serie “Fuori dal coro”, con l’allegato “Come sopravvivere al politicamente corretto” di Mascheroni (che ho letto). E poi vediamo Paone al TG4! Come dire, predicare bene e razzolare male.

massmil

Dom, 13/03/2016 - 18:14

Evviva la coerenza anche per Mediaset!!! Che delusione...

ziobeppe1951

Dom, 13/03/2016 - 19:29

Marino Biroccio....si però anche noi (voi) avevamo un certo Sandro Curzi

CIGNOBIANCO03

Dom, 13/03/2016 - 20:25

Perdonate il ritardo:# GIANO totalmente in sintonia, col suo pensiero.Gradisca i miei più vivi,COMPLIMENTIII!!!

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 13/03/2016 - 20:35

(4) Ho l’impressione che i media in genere, Giornale compreso (anche il TG4 che quando fa servizi sui migranti usa lo stesso tono pietoso del TG3; cambia poco), forse inconsapevolmente, si stiano adeguando a quel pensiero unico che (alcuni) dicono di combattere. E’ l’effetto della propaganda continua, assillante, pervasiva, della cultura dominante che controlla i media e, giorno dopo giorno, modella le menti secondo il nuovo verbo della sinistra. Lo si capisce dal tono e dalla terminologia usata in certi articoli e servizi TV, quando si parla di gay o immigrati clandestini: ormai sono tutti omologati al linguaggio boldriniano. Avete appena lanciato la serie “Fuori dal coro”, con l’allegato “Come sopravvivere al politicamente corretto” di Mascheroni (che ho letto). E poi vediamo Paone al TG4! Come dire, predicare bene e razzolare male.

WOLF63

Dom, 13/03/2016 - 22:37

La verità è che l'editore di riferimento è per le unioni civili e incivili...

CIGNOBIANCO03

Dom, 13/03/2016 - 23:09

E....consentite una postilla, al mio post a favore del Signor Giano,(dal post eccellente) in consiglio al signor oldifrep....o come caspita si chiama: basta: con gli omo, tutelati dai media, che si riscoprono omo....a tarda età, si faccia una domanda e si dia una risposta. Se ha problemi di identità personale e sessuale sia lui,pavone che odifrep...li risolvano, consultando un bravo psichiatra,ps Naturalmente niente contro i gay, ma quando è troppo e troppo, persino per retequattro. Ultimo commento da CIGNOBIANCO.Ormai alla nausea. ore 23.o6. thank you.

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 14/03/2016 - 13:20

@Melope, Cignobianco, grazie. Mi auguro che ci ripensino e si rendano conto della stupidità di una simile decisione. E vedo che non sono il solo a pensarla così. Se qualcuno legge questi commenti dovrebbe tenerne conto.

odifrep

Lun, 14/03/2016 - 15:49

CIGNOBIANCO03 (23:09) - noto che dopo una certa ora non riesce neanche a copiare un nick. Quindi, devo dedurre che dovrebbe essere già a letto, o sbaglio. Ad ogni buon fine (con la speranza che legga anche l'utente Giano), ricordo che ognuno può amare come vuole, basti che stia lontano dal mio fondo schiena, almeno di un palmo da cm.30. In generale, la cultura non ha nulla a che vedere con le opinioni personali. Saluti.