Le nuove case di Amatrice più care di quelle all'Aquila

Il costo di un modulo abitativo può superare i 90mila euro, contro i 68mila dell'Abruzzo. E i tempi slittano

Meno sfollati, ma con costi pro capite superiori. Tra le questioni in odore di polemica della ricostruzione post-sisma in Centro Italia c'è anche il prezzo delle casette in legno.

Le «Sae», soluzioni abitative d'emergenza, verranno fornite da un raggruppamento temporaneo d'imprese guidato dal colosso delle coop rosse Cns, il consorzio bolognese del quale faceva parte anche una cooperativa di Salvatore Buzzi, protagonista dell'inchiesta Mafia Capitale. La Rti di gusto emiliano, ricorda la protezione civile, ha vinto la gara Consip in tempi non sospetti rispetto al sisma e alla successiva nomina di Errani a commissario della ricostruzione: venne bandita già ad aprile 2014, quando Matteo Renzi era fresco premier.

Il dato che però salta agli occhi è che per quell'accordo le unità immobiliari, previste in tre dimensioni, da 40, 60 e 80 metri quadri, costano allo Stato 1.075 euro iva esclusa a metro quadro, un prezzo appena più basso della base d'asta (1.100 più iva). La Rti di cui fa parte Cns dovrà fornire al massimo 850 unità immobiliari: se ne servissero di più, precisa la Protezione civile, con un sistema a cascata verrà chiamata in causa la seconda classificata della gara, il Consorzio stabile Arcale legno, che ha sede a Impruneta, Firenze.

Il costo delle case che dovranno accogliere gli sfollati di Amatrice, Accumoli, Arquata e Pescara del Tronto, dunque, ammonterà a 44mila, 66mila o 88mila euro, a seconda delle dimensioni della «Sae», più l'iva. Mentre il dato delle «Map», le casette costruite all'Aquila dopo il terremoto del 2009 e al centro di infinite polemiche, parla di un costo per unità - secondo L'Espresso - di 68.599 euro, ma in quel caso l'iva era già inclusa. E i tempi di consegna più brevi. Ora si parla di circa sette mesi per consegnare le case agli sfollati. Eppure le Sae sono già in costruzione: il 21 settembre Errani, il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio e varie autorità regionali erano a Terni, sede della Cosp Tecnoservice, associata Cns, a visitare la Sae modello. La Cosp avrebbe una capacità produttiva di 10 moduli abitativi al giorno. Per farne 850, il massimo previsto dal bando per Cns, dovrebbero volerci meno di tre mesi, ai quali vanno aggiunti i tempi necessari ad allestirle sui terreni (ci vogliono sei giorni a unità, ma se ne possono montare più di una alla volta, naturalmente) individuati e urbanizzati dai comuni, ma certo la stima temporale, stando ai tempi di produzione e montaggio dichiarati il giorno della visita alla «casetta modello», sembra prudente.

Sul territorio colpito dal sisma di agosto c'è da registrare poi anche il malumore di alcune sigle sindacali, che temono che eventuali altri appalti nel business della ricostruzione non terranno conto delle realtà imprenditoriali locali, ma proprio i lavori per la preparazione di urbanizzazione dei suoli che ospiteranno le case (le verifiche sono già a buon punto, con diverse decine di sopralluoghi effettuati tra Lazio e Umbria) potrebbe essere una cartina di tornasole per valutare l'attenzione al tessuto economico locale.

Quanto ai costi e al confronto con il sisma aquilano, va segnalato anche il Contributo di autonoma sistemazione, ossia la somma fornita agli sfollati per affittarsi in proprio una casa in attesa di avere la Sae. All'Aquila arrivava a 400 euro per una famiglia di 4 o più persone. Per gli sfollati del 24 agosto sono 600 euro per famiglie da 3 persone in su, quando ad Amatrice il prezzo medio di locazione per una villa di 80 mq si ferma a 480 euro.

Commenti

gcf48

Dom, 02/10/2016 - 12:11

Giorgio1952 adesso legga bene l'articolo

conviene

Dom, 02/10/2016 - 12:13

Massimo Malpica,se ci sono stare irregolarità formali o sostanziali negli appalti, non scriva articoli sul giornale , ma ha il dovere civico di denunciare quanto a sua conoscenza ala Magistratura. Per quanto riguarda il sosto delle case ha fatto un esame della qualità tra le 2 strutture? Io posso acquistare qualunque prodotto con una differenza anche del 50%. Dipende dalla qualità. Ma nel suo articolo non si fa cenno. Poi non credo, che il governo regali soldi ai terremotati. Dica perchè ha fissato quella cifra, che lo sa benissimo. Fare polemiche per farle le si ritorcono solo contro

agosvac

Dom, 02/10/2016 - 12:17

Ma guarda un po'!!! Costano di più rispetto a quelle fatte dopo il terremoto dell'Aquila ed in minor tempo!!! Ma vuoi mettere? Queste le fanno le coop rosse, hanno pur diritto a guadagnare di più, in fondo sono parenti stretti del Governo.A proposito, qualcuno ha indagato se c'è di mezzo qualche parente o amico di errani??? Sembra abbia il vizietto di favorirli a scapito di altri aventi più diritti.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 02/10/2016 - 12:22

GIORGIO1952 e non dia la colpa alla destra,a berlusconi, o alla sfortuna! :-) non ci prendete in giro!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 02/10/2016 - 12:34

I conti si fanno alla fine. Vedremo dopo un anno come sta la faccenda. Ma tanto è inutile, ci sono sempre i kamikaze comunisti, che difendono l'impossibile, anche il marcio, a prescindere.

unosolo

Dom, 02/10/2016 - 12:37

vi pare che calava questo tipo che nella Emilia ha lasciato tutti in mezzo ai guai ,arrivasse ad Amatrice e dintorni a regalare amore e conforto ? questi vogliono solo soldi per questo si sono sbrigati a trovare chi è specializzato a raggirare e far quadrare conti a favore non certo del terremotato , i fatti antecedenti che loro nascondono e la RAI non da spazio dimostrano apertamente la sua inclinazione e come lascia nel disastro chi ne ha bisogno ,

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 02/10/2016 - 12:40

Non è una meraviglia, si sa che i compagni hanno le mani lunghe quando si tratta delle cose altrui, errani poi è stato messo li proprio per questo. Quel che fa specie sono i commenti dei sinistri che sembrano morsi dalla tarantola e si arrampicano sugli specchi. Come se la Magistratura fosse obiettiva ed i moduli delle Coop fossero d'oro. Dopo 100 anni di comunismo ancora non hanno capito una beata fava. Complimenti.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 02/10/2016 - 12:43

CONVIENE lei scrive un sacco di co...nate!! :-) la smetta, non si renda piu ridicolo di quanto già è diventato :-)

elio2

Dom, 02/10/2016 - 12:46

Ma è perfettamente logico, se ha vinto (si fa per dire) l'appalto una cooperativa rossa, qualunque sia il manufatto deve costare di più ed essere di qualità inferiore, altrimenti come fanno a speculare? Da che mondo e mondo è sempre stato così, e così sarà fino a quando tutte le finte coop e finte onlus, bianche rosse o verdi, non pagheranno il dovuto di tasse e non potranno contare di fare una concorrenza sleale a chi le tasse la paga per intero.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 02/10/2016 - 13:07

HA!HA!HA! Sta cominciando il calvario, molti faranno soldi a palate, mentre i poveri terremotati saranno lasciati per anni con i loro sogni!!! """SI RIPETE LA STORIA DELL`AQUILA, PERCHE A PAROLE, L`ERBA NON CRESCE, NE SI TAGLIA"""???

gcf48

Dom, 02/10/2016 - 13:08

conviene: esporre i fatti non significa andare dalla magistratura. Sarà la magistratura che leggendo l'articolo dovrà agire. Tra l'altro questi dati appaiono sull'espresso che non mi risulta abbia fatto alcun esposto. Sulla qualità è il tempo che ne stabilirà la bontà. per adesso contano solo i fatti. Una cosa importante è sapere quante sono state fatte in pochi mesi all'aquila e quante saranno fatte ora. Non trova?

Ritratto di Inhocsignovinces

Inhocsignovinces

Dom, 02/10/2016 - 13:09

gia' le gare d'appalto sono STATE AL RIBASSO (GUARDA CASO).irregolari POI ci saranno i subappalti e il lavoro lo daranno ad africani, bangladesh a 5 euro lordi l'ora FORSE!!COSTRUZIONI ANTISISMICHE ? VAI AVANTI TU CHE MI VIENE DA RIDERE!!!!

Ritratto di giangol

giangol

Dom, 02/10/2016 - 13:33

redazione per favore bannate sto cxxxxxxe rosso di conviene

igiulp

Dom, 02/10/2016 - 14:05

E' ripartito il mercato immobiliare?

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 02/10/2016 - 14:18

Terremoto dell'Irpinia ottima scuola di prevenzione disastri di bilancio. È per questo che del Friuli non ne parla nessuno ... è fuori dai parametri della cultura italiota.

giovanni PERINCIOLO

Dom, 02/10/2016 - 15:52

Mi sembra giusto, le coop e il partito devono pur vivere!

nem0

Dom, 02/10/2016 - 16:05

Ma da uno che si chiama Errani vi aspettate che non erri ?? Da buon comunista prioritario è che il lavoro arrivi ai loro. Riguardo al quando, al quanto ed al come... chi se ne frega! Se non fosse così non sarebbe un comunista...

giovanni PERINCIOLO

Dom, 02/10/2016 - 16:09

conviene. Il governo non regala soldi ai terremotati ma alle coop forse... Quanto alla denuncia chi ha l'obbligo dell'azione penale é il magistrato e non già il giornalista. Per il resto beva meno, l'alcool fa male!

opinione-critica

Lun, 03/10/2016 - 10:56

La sinistra è molto brava a trasformare le tragedie in businnes, ovviamente parlando di solidarietà, tasse di scopo ecc...

audionova

Sab, 05/11/2016 - 10:54

Errani e' una persona onesta,sciacquatevi la bocca prima di parlare di lui,fascisti.