Nuovi guai per Renzi: un'altra senza laurea

Alessandra Poggiani, direttore dell'Agid, avrebbe un titolo non valido in Italia

Eccone un'altra. Sembra che in Italia non si possano raggiungere posti di rilievo senza barare sul curriculum. Dopo Oscar Giannino, Antonio Mastrapasqua e Guido Crosetto, ora al centro dello scandalo c'è Alessandra Poggiani, individuata come nuovo direttore dell'Agenzia per l'Italia digitale.

Questa volta, almeno nominalmente, una laurea c'è: la Poggiani sarebbe laureata con un corso triennale in Honours Communications and Cultural Studies a Londra. In quale ateneo non è dato saperlo: sul curriculum non è specificato, anche se, come rivela ItaliaOggi, si dichiara l'equipollenza con un corso di Scienze dell'Informazione o della Comunicazione del vecchio ordinamento, secondo una non meglio precisata delibera Consiglio Universitario Nazionale del 1997. Troppo poco per una posizione dirigenziale come quella per cui sarebbe destinata.

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Mar, 22/07/2014 - 11:19

Cosa vuoi che sia , oggi si comprano in tabaccheria o magari al supermercato.Prassi tutta comunistoide, attuale faccia italiana.POI se la laurea non cé ci sono le raccomandazioni che risolvono tutto.

lento

Mar, 22/07/2014 - 11:24

Se c'e' la laurea presa in Italia va tutto bene."Manco se in Italia non si comprassero le lauree" .....

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 22/07/2014 - 11:24

Eh già. Esiste ancora qualche piccola difficoltà nell'attribuire ad amici e parenti incarichi per i quali è ancora richiesto un titolo di studio certificante un determinato curriculum formativo nella disciplina in oggetto. Ecco perchè tanta foga nel perseguire l'abolizione del valore legale della laurea.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mar, 22/07/2014 - 11:38

alla sinistra è permesso di sistemare un asino in cima alla poltrona, figurarsi se mi dovessi scandalizzare per una persona che nonostante non abbia una Laurea, occupa un posto "fisso"; evidentemente Renzi e la Sinistra giudicano che siano persone buone brave e belle; le loro azioni sono sempre giustificate dal complesso d'inferiorità e dal migliorismo o dell'onestà perduta. Shalom

isolafelice

Mar, 22/07/2014 - 11:48

Cercarne uno/una con una laurea o anche solo diploma in informatica e curriculum di certa importanza no eh?

blackbird

Mar, 22/07/2014 - 11:51

Veramente un Honours Communications and Cultural Studies è un signor titolo, paragonabile ad una laurea del vecchio ordinamento. Comunque sia, è capace di fare il lavoro per il quale è stata assunta e viene pagata? E allora a cosa serve la laure italiana? Non fa mica l'avvocato, unico caso in cui la conoscenza del Diritto itlaliano sarebbe indispensabile. Si è laureata all'estero, e allora? Diciamo pure ai nostri giovani studiate l'inglese, studiate all'estero, questa lo ha fatto e adesso la criminalizziamo? Bravo Renzi, invece!

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Mar, 22/07/2014 - 11:51

E poi, dai... Volete mettere una misera laurea triennale in qualche non specificato ateneo anglosassone con una laurea a pieni voti (Trota e lode) conseguita nella prestigiosa università di Tirana?!?

giovauriem

Mar, 22/07/2014 - 11:52

ma in vece di soffermarci sui titoli di studio(che oggi si comprano in rete con quattro soldi)perché non ci interessiamo di sapere come è arrivata in quel posto e perchè

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mar, 22/07/2014 - 11:59

In un Paese dove c'è gente con 2 lauree che lavora nei call center tutto ciò è inaccettabile. Il buon esempio prima di tutto. Eliminiamola per favore!

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Mar, 22/07/2014 - 12:11

Vada al CEPU

rickard

Mar, 22/07/2014 - 12:22

Vado contro corrente. Marconi non aveva una laurea e tanti laureati sono dei perfetti idioti. Personalmente giudicherei le persone in base alle loro capacità e non al titolo. Considerando anche che purtroppo spesso le lauree vengono regalate e non solo in Italia. Ricordiamoci che Bill Gates e Steve Jobs non avevano uno straccio di laurea eppure sappiamo bene quello che hanno fatto.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mar, 22/07/2014 - 12:41

Basta con 'sta storia che i titoli di studio non servono a nulla. Stranamente lo dicono sempre e solo quelli che non ne hanno...

squalotigre

Mar, 22/07/2014 - 12:43

Memphis35 - abolire il valore legale ai titoli di studio è sacrosanto. Glielo dice uno che la laurea l'ha conseguita nel 1970 insieme a tre specializzazioni. E questo non per potere attribuire incarichi a chi non ha conoscenze specifiche nel campo ma solo perché le lauree conseguite in atenei diversi non hanno lo stesso valore e non garantiscono un uguale livello di preparazione. Io sono medico ed è evidente che per fare la mia professione occorre la laurea in medicina e chirurgia, solo che il titolo che ho conseguito nell'Università di Pavia non può essere equipollente ai fini della valutazione del punteggio in un eventuale concorso a quello conseguito in un altro ateneo nel quale vi sono docenti di minor valore e capacità di insegnamento. Quello che conta infatti non è il puro e semplice titolo accademico ma la capacità e le competenze di ciascun laureato. Nel mio ospedale ci sono medici provenienti da Università che non voglio specificare ai quali non affiderei nemmeno la cura del mio cane e che quando prendono il bisturi in mano dovrebbero essere prontamente denunciati alla Procura più vicina per tentato omicidio. Nelle assunzioni, ripeto, quello che si deve valutare è la capacità e la preparazione individuale. Tanto per spiegarmi meglio, non mi risulta che Michelangelo o Borromini fossero laureati in architettura, ma con tutta la stima per Fuskas o Piano mi pare che questi ultimi non siano degni neanche di allacciar loro i calzari.

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Mar, 22/07/2014 - 12:44

E poi si prende in giro "IL TROTA" !!!! VERGOGNA, TUTTI TROTA, ANZI SCORFANI !

pol

Mar, 22/07/2014 - 13:27

@blackbird: e' paragonabile a una triennale italiana. poi dipende in modo sostanziale dall'universita' in cui e' stata conseguita e su quali argomenti (si svaria da laurearsi imparando a fare presentazioni, a capire / gestire / sviluppare le interconnessioni tra media, societa', tecnologie, comunicazione)

cakecake

Mar, 22/07/2014 - 13:42

Sono una semplice diplomata, ho iniziato a lavorare 34 anni fa e portavo una seconda di reggiseno, oggi porto una sesta per quanti laureati ho dovuto svezzare, molti non sapevano nemmeno distinguere una fattura da un ddt e non scherzo.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Mar, 22/07/2014 - 14:06

@rickard Abbiamo capito che lei non è laureato. Ma in un mondo dove i lavori che richiedono muscoli non esistono più l'unico biglietto da visita ad inizio carriera è quello dell'attività culturale. Le piaccia o meno.

Massimo Bocci

Mar, 22/07/2014 - 14:23

L'importante è che abbia VALIDITÀ'..........COMUNISTA, poi secondo voi in un simile REGIME DI LADRI COMUNISTI!!! Dal 47,con padre fondatore Stalin, per RUBARE ci vuole una laurea VERA!!! Quando mai BASTA UNA TESSERA di appartenenza ..........COOP!!!!

Gioa

Mar, 22/07/2014 - 14:26

IL PROBLEMA NON E' LAUREA O NON LAUREA. SONO LE CAPACITA' CHE IN TANTI DIRIGENTI PUBBLICI (IN PARTICOLAR MODO) PUR LAUREATI (SI CAPISCE BENE COME ABBIANO FATTO A CONSEGUIRLE) NON ESISTONO CAPACITA' CHE POSSANO PERMETTERE ALL'ENTE PUBBLICO DI MIGLIORARSI. DI FATTO SE LE CAPACITA' CI FOSSERO NESSUNO ADREBBE A POLEMIZZARE SUL PER COME E PERCHE' DELLA LAUREA O NON LAUREA. IL PROBLEMA ANCORA PIU' SALIENTE E' CHE SE SI TRATTA DEL SOLITO SCHIERAMENTO POLITICO COMUNISTA E DI SINISTRA, ANCHE SE IL DIRIGENTE PUBBLICO FOSSE LAUREATO E INCAPACE, VA BENE COSI', E' "LA VIA" DA SEGUIRE CHE IN 50ANNI E' STATA MESSA IN ATTO E GUAI A FAR NOTARE LE DIFFERENZE, ANCHE TRA I NON LAUREATI. FORZA ITALIA NUOVA PER PREMIARE CON POSTI DI RILIEVO CHI E' CAPACE, A PRESCINDERE DALLA LAUREA O MENO, SENZA CHE LA SINISTRA RECLAMI..

Duka

Mar, 22/07/2014 - 14:36

Se il soggetto è all'altezza del compito assegnatole laurea o no può restare al suo posto. Meglio un non laureato capace di 100 laureati fannulloni e ladri.

paolonardi

Mar, 22/07/2014 - 14:37

Sarebba interessante conoscere il cursus studiorum del colono di Rignano. Dai rumors che corrono fra i suoi compagni di scuola parrebbe che il nostro fosse piu' impegnato nel far politica che nello studio. Almeno cosi' ho sentito dire

Ginoleo

Mar, 22/07/2014 - 14:47

Che palle con tutti sti titoli richiesti. Il risultato è che in Italia abbiamo tanti laureati pari al grado di incompetenza di ognuno di loro. Giannino non è laureato? E allora? Per fare i pubblicisti non serve. Crosetto? Non mi risulta che la laurea sia requisito essenziale per fare politica. Guardano tanto il titolo e poco i risultati

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mar, 22/07/2014 - 14:52

E pensare che qualche demente sinistronza vorrebbe Massimo D'Alemma come Ministro degli Esteri europeo, anche lui sprovvisto di Laurea, salvo non l'abbia acquistata sottobanco a qualche mercatino di Gallipoli!

giova58

Mar, 22/07/2014 - 14:54

E'brava,ha esperienza, è soprattutto targata PDS,DS,PD. Forse non è propriamente esperta di tecnologie mentre lo è di Comunicazione e Marketing, ma oggi è quello che conta, basta vedere Renzi.

onurb

Mar, 22/07/2014 - 15:14

La laurea in scienze della comunicazione e dell'informazione è il biglietto da visita che hanno in tasca migliaia di laureati: non serve a nessuno, tranne che ai raccomandati per accaparrarsi una poltrona.

Ritratto di Memphis35

Anonimo (non verificato)

Triatec

Mar, 22/07/2014 - 15:25

Ma quale laurea? Se nata e cresciuta nelle fila della sinistra, non solo è moralmente superiore ma anche culturalmente. In molti casi è sufficiente lo stato di appartenenza politica.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 22/07/2014 - 15:55

E quindi? In quale guaio si sarebbe cacciato Renzi???

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Mar, 22/07/2014 - 16:20

@Ginoleo Gasparri ? Non è laureato ? No. Infatti...

angelomaria

Mar, 22/07/2014 - 16:52

e vai che c'e' ne per tutti asini che volano!!!

angelomaria

Mar, 22/07/2014 - 16:53

se poi si cerca tra i grillini apriti cielo!!!

angelomaria

Mar, 22/07/2014 - 16:56

VUOLE DIRE CHI SIAMO COMANDATI DA ILLTERATI!!!!!!AH LA BELLA ITAIA!!!

roberto78

Mar, 22/07/2014 - 18:23

perfettamente d'accordo con l'articolo: basta ignoranti nelle cariche pubbliche, in parlamento e nei ruoli dirigenziali. fosse per me toglierei anche il diritto di voto ai non laureati o comunque farei valere il loro voto 1/10 di quello di chi invece ha studiato. (ps. scherzo, almeno in parte). Non mi convince invece la sua carriera: tantissimi posti dirigenziali, ma per la maggior parte incarichi e collaborazioni in enti-strutture-aziende pubbliche (o cmq dove l'appoggio politico conta tantissimo) o con l'università... avrei assolutamente preferito se avesse ricoperto ruoli meno altisonanti ma in aziende private e internazionali

Ritratto di pravda99

pravda99

Mar, 22/07/2014 - 18:40

Adriano Romaldi - Renzi e` quello che e` (un micro-berlusconi) pero' lei guardi anche agli asini messi in cima alla poltrona da Berlusconi stesso, Bossi, La Russa, Gelmini, Brambilla, Carfagna, Tajani, Frattini, mi viene nausea a rammentarli. Tutta gente che, laurea o no, hanno infangato le posizioni che ricoprivano per la loro incompetenza, e provocato imbarazzo per la loro mediocrita`. Slalom. Gigante.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 22/07/2014 - 19:39

solito metodo della sinistra: ingannare, imbrogliare, truffare.... e volevano fare la morale a noi? ipocriti!!!

gian65

Mar, 22/07/2014 - 20:10

abroghiamo il valore legale del titolo di studio; così non andiamo a pagare una laurea all'estero... tanto a che serve se vanno avanti solo i raccomandati? una giustizia esiste: le classifiche internazionali in cui l'Italia è curiosamente assimilata a paesi di "giovane" democrazia, o peggio

pilandi

Mer, 23/07/2014 - 00:38

dopo razzi senatore, anche un termosifone ministro della salute non fa più notizia, grazie maldestri, avete innalzato il livello dello schifo di uno step... questo é un piccolo passo per razzi, ma é una figura di merda colossale per l'italia... e voi guardate una laureata a londra...

Accademico

Mer, 23/07/2014 - 07:00

Leggo nel titolo, "nuovi" guai per Renzi e, in chiusura del pezzo, che l'Articolista liquida con "troppo poco" l'equipollenza, di un titolo di studio conseguito all'estero, sancita per delibera di nostro Consiglio universitario Nazionale. Mi domando dove sia il guasto. A scanso di gratuite interpretazioni, faccio sapere che non voto per Renzi e che non conosco la dottoressa Alessandra Poggiani.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mer, 23/07/2014 - 07:01

La generazione erasmus è tutta cosi ma sai, per gli sfigati esser stati a londra in quegli anni li vale una laurea. parliamo di quello sculaccianguille di renzi che con tutte le tope inglesi di firenze parla inglese come un ratto...macho internazionale non è. E cultural studies è studio del lesbicismo...forse un po di moda, un esamino e finisci.

pollicino46

Mer, 23/07/2014 - 10:32

Oggigiorno una laurea non la si nega a nessuno!

pollicino46

Mer, 23/07/2014 - 10:41

Questo e normale in un Paese dove appena uno raglia un po piu di un'altro viene identificato subito come Dottore con o senza laurea"