Perché a Palazzo Chigi conviene duellare col Carroccio

La sensazione è che il premier voglia provare a raccogliere i consensi di chi nel centrodestra non è troppo convinto dai toni di Salvini

Archiviata l'estate, ci sono davvero pochi dubbi sul fatto che la politica sia già entrata in modalità campagna elettorale. In primavera, infatti, si voterà per le Amministrative, una tornata importante - per certi versi fondamentale - visto che andranno alle urne città del peso di Milano, Napoli, Torino e Bologna. E Matteo Renzi ha deciso di iniziare la sua lunga volata la scorsa settimana, quando ha annunciato l'abolizione di Tasi e Imu. Concetto ribadito ieri a Porta a Porta e su cui tornerà ogni volta che ne avrà l'occasione di qui a maggio del 2016. Ma la vera strambata comunicativa è di 48 ore fa, quando sull'immigrazione il premier ha deciso di puntare il dito contro «le bestie» delle destre che «strumentalizzano» la tragedia dei profughi. Immancabile la replica di Matteo Salvini. Domenica, a caldo, su Facebook , ieri alle telecamere di Mattino5 dove ha definito Renzi «un verme».

Un affondo che non deve essere troppo dispiaciuto al leader del Pd che in queste ultime settimane pare aver individuato in Salvini il suo competitor . Nonostante il clima da campagna elettorale, infatti, il premier si sta guardando bene dall'attaccare Silvio Berlusconi, tanto che la cosa più forte che è riuscito a dire è stata che «venti anni di berlusconismo e antiberlusconismo hanno bloccato l'Italia». Non una parola di più sull'ex premier, segno che Renzi non ha interesse ad incrociare i guantoni con il leader di Forza Italia, magari perché al suo elettorato guarda con un certo interesse.

Di qui la sensazione che Renzi stia cercando di polarizzare lo scontro politico su lui e Salvini, così da provare a raccogliere i consensi di chi nel centrodestra non è troppo convinto dai toni piuttosto decisi del leader leghista. In un momento, peraltro, in cui in Europa il vento sull'immigrazione sembra per alcuni versi cambiare e con il Papa che in materia è sempre più aperturista.

Se la partita si giocasse sui due Mattei, insomma, è probabile che sia quello di Firenze a vincere, magari conquistando qualche metro al centro del campo. È questo lo scenario su cui pare ragionare il premier, non solo in prospettiva amministrative ma, soprattutto, in vista delle politiche. Che siano elezioni anticipate o che arrivino nel 2018, come da fine naturale della legislatura. Uno scenario nel quale ci sono però due incognite: la prima è Berlusconi e la sua tenuta sull'elettorato moderato, la seconda il M5S che i sondaggi continuano a dare in salita.

Commenti
Ritratto di .nottiTaglia..

.nottiTaglia..

Mar, 08/09/2015 - 09:01

la lega nerd è l'altra feccia del sistema della casta, come hanno dimostratp in tutti questi anni sono interni a questo sistema di potere di cui si servono e che servono...chi ne fa parte come la la lega non può essere una reale alternativa al partito unico

Ritratto di dlux

dlux

Mar, 08/09/2015 - 09:16

Caro Adalberto, chi è di centrodestra non può non essere d'accordo con Salvini sia per ciò che riguarda i temi (escluso pochissime cose...), sia per ciò che riguarda i toni. Sono quelli di centrodestra che non condividono che si professano di centrodestra indebitamente ed immeritatamente... Si arruolino al PD, di cui finora hanno fatto il gioco.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mar, 08/09/2015 - 09:28

Di solito nella società, è uso comune ATTACCARE sempre un'altro quando NON si hanno idee quando NON si ha professionalità o quando i FATTI NON sono evidenti e/o MANCANO. RENZI e kompagni, non sono da meno!!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mar, 08/09/2015 - 09:42

ma bensvegliati,finalmente ci siete arrivati alla piu ovvia e logica delle conclusioni ed il bello e' che proprio voi de il Giornale state facendo il suo gioco.

fiorerosso

Mar, 08/09/2015 - 10:55

non si può non essere d'accordo con Salvini! Alla fine tutti arrivano a concordare su quanto da lui affermato! Sia sul versante della gestione dei profughi, aia su quello dei clandestini, sia su come affrontare la situazione nella sua globalità: isis e migranti economici. Lui è realista. Chi non concorda con lui può farlo solo per ipocrisia!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 08/09/2015 - 11:18

Il nemico più temibile per Salvini non è il Fregnaccia di Rignano sull'Arno, bensì l'opposizione responsabile.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mar, 08/09/2015 - 11:21

E' vero può essere una strategia e può anche essere vero che Renzi approfitti di testate come Il Giornale per il suo gioco, ma è anche vero che tanta gente non crede più alla retorica della politica complicata, fatta di incontri, commissioni, rapporti, studi... la gente (e tanta!) ha bisogno di fatti concreti e il clamore di Salvini ad oggi è l'unica offerta sulla piazza. Conosco più di una persona che in passato votava sinistra e oggi vota Lega.

Bolinastretta

Mar, 08/09/2015 - 12:01

Se il fesso pifferaio duella con Salvini è perché lo teme!! se no da supponente quale è lo snobberebbe come fa con tutti gli altri... compresi quelli del SUO partito!! Bene salvini continua così...

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 08/09/2015 - 12:12

Tanto che la cosa più forte che è riuscito a dire è stata che «venti anni di berlusconismo e antiberlusconismo hanno bloccato l'Italia», per voi è poco? Oddio, mi sembra invece una mazzata galattica.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mar, 08/09/2015 - 12:19

Renzi e Salvini in guerra: il Bello e la Bestia!

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mar, 08/09/2015 - 12:22

Renzi e Salvini: il Bello e la Bestia!

Miraldo

Mar, 08/09/2015 - 12:32

è evidente che Renzi se la prende con Salvini e la Lega. Sa benissimo che questi alle prossime elezioni gli faranno le scarpe. E non certo Berlusconi che politicamente è morto, oppure quelli del M5s che ormai stanno sparendo, basta guardare le ultime regionali dove il partito di Grillo lascia sul campo oltre un milione e mezzo di voti in solo 7 regioni.

Ritratto di ForzaSilvio1

ForzaSilvio1

Mar, 08/09/2015 - 12:51

"Non una parola di più sull'ex premier, segno che Renzi non ha interesse ad incrociare i guantoni con il leader di Forza Italia". Ma è chiaro: il Renzino ha una FIFA VERDE di sfidare il Cavaliere (forever!). Sa bene che perderebbe alla grande! ASFALTATO!!! Tutti i sondaggi lo certificano ormai: Forza Italia è ritornata ad essere il primo partito. Il nostro Sommo Lider ruggisce ancora come un tempo, e sta scalpitando per tornare finalmente alle libere elezioni. Italiani, preparatevi al riscatto! Berlusconi prossimo Premier è ormai cosa praticamente fatta!!! ...con buona pace dei due Mattei, uno più Matto dell'altro, che si beccano come i polli di Renzo (...appunto!) - Ripr.Riserv.-

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 08/09/2015 - 13:20

#ForzaSilvio1 "Forza Italia è ritornata ad essere il primo partito". LSD?

Filippo_M.

Mar, 08/09/2015 - 14:39

E scemi saranno gli elettori di cdx che voteranno il parolaio di Renzi invece di salvini

Atlantico

Mar, 08/09/2015 - 14:41

Da molto mesi i legaioli sono fermi al 15% nei sondaggi ( cosa ben diversa dai voti in senso stretto ). D'altronde, non puoi gridare sempre "al lupo, al lupo" perchè inevitabilmente la gente finisce per considerarti una macchietta con una sola ossessione in testa. Questo è il pericolo che incombe su Salvini che già a vederlo appare più uno sfaccendato da bar di origine irachena che come uno 'statista'. D'altronde, lo stesso Berlusconi ( che se ne intende non poco ) lo ha lasciato intelligentemente rosolare sotto il sole dell'estate. Non a caso i primi sondaggi di settembre lo danno in calo tra il meno 0,4% ed il meno 0,7%. Se poi si considerano i cambiamenti epocali che i rifugiati stanno determinando nelle linee politiche dei più grandi paesi europei si può presumere fondatamente che il momento d'oro salviniano si avvia alla conclusione o quanto meno alla solita posizione leghista: tante urla, molti insulti, nessuna rilevanza.