Oneri su Iva e crediti fiscali: la manovra stronca la ripresa

Penalizzati i professionisti fornitori della Pa, stretta sulle compensazioni tributarie. E la crescita rallenta

La manovre di quest'anno e in misura ancora maggiore per il prossimo, rischiano di vanificare i timidi spifferi di ripresa che sfiorano l'Italia.

Ieri il Fondo monetario nazionale ha corretto le stime di crescita per l'Italia per il 2017. Lo 0,8 per cento. Un punto decimale in più rispetto alle previsioni di gennaio. Per il 2018, invece, il Fmi conferma una proiezione al +0,8%. Impietoso il confronto con il resto del mondo. Cresciamo la metà della Germania, tre volte meno della Spagna e cinque volte in meno rispetto alla media mondiale. D'altro canto le previsioni sul Pil dello stesso governo non sono ottimistiche. Crescita dell'1,1% quest'anno, poi un calo all'1% nel 2018, quindi stabile per un po' all'1,1%. Se l'Italia non aggancia la ripresa è anche colpa degli effetti della manovra di quest'anno e di quelle che seguiranno, ha ammesso il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan presentando il Def. Quindi, le politiche del governo sono destinate a frenare una crescita che è già bassissima.

Un saggio del come, emerge dai dettagli della manovra prossima alla pubblicazione. Nella correzione da 3,4 miliardi chiesta dall'Europa ci saranno più di due miliardi di stretta fiscale. Non aumenti di tasse in senso classico, ma un aggravio per le imprese e i professionisti. Dallo split payment, il pagamento dell'Iva direttamente all'erario da parte di uffici pubblici, partecipate e società quotate. A rimetterci saranno i fornitori di beni e servizi. E la manovra ha incluso anche i professionisti. Loro e le imprese non potranno compensare crediti e debiti con il fisco. Anche per effetto di un'altra stretta che abbassa la soglia oltre la quale servono garanzie extra. Il conto in questo caso è di 900 milioni.

Uno scenario che non piace alle imprese. Ieri sono sfilate alle commissioni Bilancio di Camera e Senato i rappresentanti delle associazioni datoriali e dei sindacati per le audizioni sul Def. Le imprese sono preoccupate. Per tutte le misure messe in campo dal governo non sono sufficienti. Valutazioni diverse sull'aumento dell'Iva. Ieri Renzi lo ha di nuovo escluso, sostenendo che il premier Paolo Gentiloni è sulla stessa linea e che non si farà nemmeno «in futuro».

Una risposta all'intervista di Padoan, nella quale non ha escluso l'aumento per coprire altre misure. Ieri Confindustria ha fatto lo stesso ragionamento del ministro. «Tutte le simulazioni che abbiamo fatto in questi anni su Iva versus cuneo fiscale danno un risultato di forte stimolo alla crescita economica, anche in queste situazioni di debolezza dei consumi», ha detto il direttore del centro studi Luca Paolazzi. Per Confcommercio «Non è rassicurante il ritorno di ipotesi di scambio tra imposte. Il punto da tenere è quello di una riduzione complessiva del carico fiscale su famiglie e imprese senza rincorrere pericolose congetture di migrazione di gettito tra tributi».

Il presidente di Rete Imprese Italia (Confartigianato, Cna, Confcommercio e Confesercenti) Giorgio Merletti, ha criticato alla radice lo split payment, perché toglie liquidità alle imprese. Si limitano le compensazioni in un Paese dove rimborsi Iva non avvengono entro i previsti tre mesi. L'evasione dell'Iva non si fa caricando le imprese di nuovi costi. Giudizio negativo anche da Confedilizia. Il presidente Giorgio Spaziani Testa ha criticato «l'assenza di qualsiasi azione finalizzata a ridurre un carico di tassazione» sulla casa, che oggi è una patrimoniale vera e propria da «50 miliardi di euro». Il Cnel ha rilevato come in Italia il 40% del reddito delle famiglie venga speso in tasse: di un budget annuo complessivo di 40.000 euro quota destinata ai tributi raggiunge in media la cifra 16.000 euro, ha rilevato il presidente facente funzioni Delio Napoleone. No anche dagli enti locali, che battono cassa per 2,7 miliardi e dubbi dai sindacati.

Commenti
Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Mer, 19/04/2017 - 16:26

resistono ostinatamente al taglio vero dei costi, ossia il drastico taglio del personale della PA che contrariamente ad ogni logica con l'avvento dei computer non ha accennato a diminuire anzi (numero oltrettutto farlocco, perchè avendo diminuito i dipendenti delle forze armate, hanno in realtà aumentato quello del personale d'ufficio). Se poi chiudessero la camera dei deputati e diminuissero i senatori, saremmo a posto x un po'.

fifaus

Mer, 19/04/2017 - 16:26

se ne devono andare tutti. Voglio VOTARE!!

Royfree

Mer, 19/04/2017 - 16:40

Quale ripresa?? Gli unici in ripresa sono le coop che accolgono i migranti.

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 19/04/2017 - 16:54

l'europa ci chiede 3,4 miliardi? Basta non mantenere le risorse per 4,2 miliardi (sono molto di più) e rimaniamo in attivo di 800,000,000 milioni!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 19/04/2017 - 17:08

Classico sistema comunista. Quello che uccide e ha ucciso tutte le economie in cui ha governato.

Sabino GALLO

Mer, 19/04/2017 - 18:18

Forse c'è una Italia troppo generosa ? No! Tutto è stato rigorosamente programmato, perché un giorno "tutti gli italiani buoni", volenti o nolenti seduti su morbide nuvole bianche nell'azzurro cielo, possano godere e sorridere, limitandosi a fare la pubblicità di buon caffè solo nostro per i miserabili che ci guarderanno dalla terra. Ma, per ottenere un tale premio, " eterno e collettivo " , almeno il sacrificio che ci viene sollecitato ogni giorno, bisogna farlo! il caffè si paga comunque!

glasnost

Mer, 19/04/2017 - 18:26

@leonida55 : dici bene : TUTTE, non se ne può citare una che abbia avuto successo. Non parlo del Brasile, Venezuela o Argentina, né della URSS o altri paesi oltre cortina... Basta confrontare i risultati della Spagna sotto Aznar e sotto Zapatero. Ora sotto Raioy si prevede una crescita del 3% contro il nostro misero 0,8%

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Mer, 19/04/2017 - 19:37

RIVOLUZIONE GENERALE E FORCHE IN TUTTE LE PIAZZE

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Mer, 19/04/2017 - 19:38

BASTA CON I CAZZONI. FORCHE DAPPERTUTTO

Giorgio5819

Mer, 19/04/2017 - 20:04

La verità è che siamo governati da un'ideologia bastarda e fallita come quella comunista.E' tutto studiato per distruggere la media impresa, il piccolo artigiano, le partite iva, le persone che scommettono su se stessi e che rischiano del loro per tenere in piedi questo stato di bolliti. Ogni manovra è rivolta a statali, politici coop e marmaglia varia.