Ora lo Stato dovrà pagare per gli errori di de Magistris

Nel 2004 indagò e perquisì un magistrato di Cassazione. Oggi il tribunale di Salerno lo ha condannato: "Fin dall'inizio mancava qualsiasi elemento di sospetto"

Paghiamo noi per gli errori dell'ex pm Luigi De Magistris. Fortunatamente sarà l'ultima volta. Perché grazie alle nuove norme introdotte dal governo Renzi in materia di responsabilità civile dei magistrati toccherà alle toghe pagare per i propri orrori giudiziari. L'ultimo caso è appunto quello del sindaco di Napoli che nel 2004 indagò e fece perquisire Paolo Antonio Bruno, magistrato di Cassazione accusato ingiustamente di associazione mafiosa. Adesso Palazzo Chigi dovrà sborsare 22.400 euro che, con le rivalutazioni dell'Istat, salgono a 26mila euro.

Come racconta il Messaggero, il provvedimento venne firmato dall'allora procutratore capo di Catanzaro Mariano Lombardi, il pm Luigi De Magistris e l'aggiunto Mario Spagnuolo. A distanza di undici anni il tribunale di Salerno ha condannato la procura di Catanzaro perché "fin dall'inizio dell'inchiesta mancava qualsiasi elemento, sia pure di mero sospetto, idonea a sorreggere l'accusa come prospettata". Non solo. Il magistrato perquisito non è mai stato interrogato nonostante lo avesse chiesto per oltre un anno. E ancora: le indagini hanno avuto "una durata assolutamente irragionevole". Dietro a questi vergognosi errori si cela un stagione di guerre intestine alla magistratura. In questo conflitto, che portò De Magistris alla ribalta delle cronache nazionali, finì invischiato pure il giudice Paolo Antonio Bruno. La sua unica "colpa"? Essere nato a Reggio Calabria.

Secondo l'impianto accusatorio di De Magistris a Reggio Calabria ci sarebbe stato un comitato di affari che avrebbe caercato di condizionare i magistrati della Dda per fermare le inchieste in corso. Peccato che il filone fu chiuso con l'assoluzione in primo grado di tutti gli imputati. Per questa farsa Palazzo Chigi dovrà sborsare 26mila euro.

Commenti

unosolo

Lun, 02/03/2015 - 09:47

applicare la legge Severino con retroattività no è ? quella vale sono se sono contro il PD:

Accademico

Lun, 02/03/2015 - 09:58

Il Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura inquadri severamente i membri della stessa. Una corporazione allo sbando che continua a esercitare il potere esclusivamente pro domo sua.

Ritratto di bussirino

bussirino

Lun, 02/03/2015 - 10:03

Devono pagare direttamente e non attraverso lo Stato. Possibile che non si possa fare una legge seria contro gli abusi? In Italia fanno sempre una legge peggiore della prima.....anche Renzi é diventato un burocrate....

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Lun, 02/03/2015 - 10:05

Lo Stato??? Quindi NOI! A quando i prossimi aumenti di tasse su sigarette, benzina, diesel ecc ecc???

giovanni PERINCIOLO

Lun, 02/03/2015 - 10:47

Sequestro dei beni e della futura pensione e radiazione immediata per lui e per il suo collega beccaccia!

terzino

Lun, 02/03/2015 - 12:25

Chi sbaglia paga. Ora a Gigino non si può applicare la retroattività della Severino, bene allora lo si bandisca da ogni ruolo nel pubblico. Faccia l'avvocato in proprio se vuole campare o si scelga un altro lavoro ma sempre nel privato.

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Lun, 02/03/2015 - 12:44

COME VOLEVASI DIMOSTRARE

carpa1

Lun, 02/03/2015 - 13:25

Finalmente una legge sulla responsabilità dei magistrati. Sarà contento chi verrà risarcito (direttamente dallo stato, cioè noi) un po' meno noi. Infatti lo stato "potrà" rivalersi sul magistrato che ha sbagliato: ma quando mai? Chi ci crede batta un colpo per favore.

Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Lun, 02/03/2015 - 13:36

la magistratura continua a dire che è indipendente , allora cari lazzaroni perché non vi pagate le assicurazioni , come fanno tutti i professionisti ? comodo prendere i vostri stipendi senza fare niente , anzi qualcosa lo fate , adirate chi capita fra le vostre unghie .esempi ? tanti , troppi

moshe

Lun, 02/03/2015 - 13:51

Come sempre, le porcate dei magistrati le paghiamo noi!

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 02/03/2015 - 14:14

"Fin dall'inizio mancava qualsiasi elemento di sospetto". A me pare un tipico caso di malagiustizia. Perchè fare pagare a noi le maialate di questo buffoncello? Subito un bel processo e richiesta dei danni verso gli Italiani, questa sarebbe la vera giustizia!

Ritratto di Scassa

Scassa

Lun, 02/03/2015 - 14:19

scassa lunedì 2 marzo 2015 Tranquilli ,con la nuova legge varata dal parlamento,inerente la RESPONSABILITÀ' civile dei giudici ,gli errori da loro compiuti e passibili di risarcimento ,verranno ugualmente è come sempre ,finanziati e liquidati dallo stato ,cioè da noi,...poiché la legge non è retroattiva. Da ora in avanti ,certo come il sole,non sbaglieranno più !!!!!!!!!!!!!!!scassa.

ABC1935

Lun, 02/03/2015 - 14:36

Ma veramente c'è qualcuno che crede che i magistrati che sbagliano pagheranno i propri errori con soldi provenienti dalle loro tasche ??? - Ma sai quanti cavilli troveranno per evitare che ciò avvenga !!! Quella mica è una Casta di fessi !!!-Fessi resteremo sempre noi , purtroppo !!!!!!!!!!!!!!!

giovaneitalia

Lun, 02/03/2015 - 15:21

Credo che sia giusto che lo Stato si faccia garante e paghi le dovute spese a qualsiasi cittadino che privato o che violano la sua libertà personale senza alcun motivo, credo che quello di cui parla l´articolo sia l´esatto caso. Detto questo, credo che successivamente lo Stato, DEVE assolutamente, chiedere i danni al suo dipendente (il Giudice), che per una sua cattiva interpretazione della Legge, ha fatto un abuso di Ufficio e quindi oltre alla richiesta di 1 quinto dello stipendio, DEVE anche procedere contro quel Giudice per l´abuso di Ufficio. Vediamo se poi da li in avanti questi Giudici smettono di fare i prepotenti. Viva l´Italia sana.

Roberto Casnati

Lun, 02/03/2015 - 15:21

Spero bene che lo stato poi si rivalga sui beni del De Magistris!

Roberto Casnati

Lun, 02/03/2015 - 15:25

E' il caso di dire che De Magistris è finito nella spazzatura!

EFISIOPIRAS

Lun, 02/03/2015 - 15:41

Comunque, adesso ogni buon Napoletano può essere autorizzato non solo a lanciargli uova fradicie e pomodori maturi, ma anche prenderlo a calci in c..... per strada!! Dài, coraggio,Napoli!!

paci.augusto

Lun, 02/03/2015 - 15:52

Ed ora ci dicano i soloni di ANM, sindacato di SINISTRA dei magistrati, se la sacrosanta responsabilità dei magistrati è ' un attacco all'indipendenza della Magistratura ' ( sic???!!!)!! Certo, specialmente i vostri iscritti dovranno fare un pò più attenzione alle cause intentate, specialmente con motivazioni politiche!!

Triatec

Lun, 02/03/2015 - 15:52

Lo Stati italiano pagherà usando i nostri soldi!! Grazie De Magistris, magistrati come lui andrebbero mandati in Libia!

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 02/03/2015 - 16:37

Se fossimo una nazione civile dove regna la giustizia giggino manetta dovrebbe pagare i danni e verrebbe cacciato dalla magistratura. Qua lo fanno sindaco.....

Libertà75

Lun, 02/03/2015 - 16:55

La qualità professionale come magistrati è qui certificata. Ora capisco perché a sinistra si amano questi personaggi!

Ritratto di Antonio Granuzza

Antonio Granuzza

Lun, 02/03/2015 - 17:24

....e questo fa il paio con il suo amico e collega Henry Woodcock per l'operato del quale lo Stato - Repubblicano! - dovrà pagare 40000€ a Vittorio Emanuele di Savoia. Complimenti! andiamo avanti così con questi magistrati che non pagano MAI!....MAI!.....MAI!

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Lun, 02/03/2015 - 17:36

Se alla fine paga lo Stato mi chiedo che cosa sia cambiato rispetto a prima in quanto in un modo o nell'altro pagano sempre i cittadini. Nel caso specifico di De Magistris sarebbe opportuno destituirlo immediatamente da ogni pubblico incarico altrimenti è solo una farsa di facciata.

ferdinando,zambrano

Lun, 02/03/2015 - 18:10

Giggino "ci tiene molto" che il Suo cognome sia scritto - noblesse oblige - con la "d" minuscola. Così: Luigi de Magistris. Si racconta a Napoli che, fresco Sindaco, avesse fatto respingere al mittente un pacco - così alto - di lettere perché il suo cognome era rappresentatocon la D "maiuscola". Il proto di questa testata stia più attento. Più di una volta - come per questo articolo - c'è scappata la D maiuscola.

Ritratto di semovente

semovente

Lun, 02/03/2015 - 18:40

E che problema c'è? I soldi ci sono devono sole essere sperperati per sanare incompetenze altrui e danni provocati dai cosiddetti governanti di turno.

Ritratto di onollov35

onollov35

Gio, 09/04/2015 - 12:27

Ecco il motivo della riforma della Magistratura.Lo Stato non deve pagare per questo signore. Per il lauto stipendio che percepisce, può pagare i suoi errori.