Battisti sarà espulso dal Brasile. "L'Italia pronta all'estradizione"

La magistratura brasiliana ha deciso per l'espulsione, ma l'Italia vorrebbe riavere il terrorista rosso

Cesare Battisti, di ieri la notizia, sarà espulso dal Brasile. La magistratura di Brasilia ha chiarito di essere pronta a una procedura di espulsione verso la Francia o il Messico, da dove transitò dopo essere fuggito dall'Italia e prima del suo arrivo nel Paese sudamericano. E ora si muove anche il ministero della Giustizia italiano.

L'ex uomo dei Proletari armati sarà espulso e per questo il ministro Orlando è pronto a "dar luogo a una richiesta di estradizione, che abbiamo già fatto da tempo". Per farlo bisognerà però attendere di capire i termini della sentenza, che come ha ricordato non è ancora definitiva.

"Il ministero ha attivato tutti i canali diplomatici", ha chiarito Orlando. Il problema è che la sentenza, per come è ora, consentirà un'espulsione e non un'estradizione. "Auspichiamo invece che il provvedimento consenta di dar luogo a una richiesta di estradizione che abbiamo fatto da tempo", ha concluso. In questo la richiesta sarebbe da fare non al Brasile, ma piuttosto "ad un altro Paese", quello che sarà destinatario dell'espulsione.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 04/03/2015 - 19:18

quando c'era berlusconi al governo, non volevano dare l'estradizione! ora si? come mai? :-)

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mer, 04/03/2015 - 20:30

In Italia avrà i compagni giusti che l'accoglieranno a braccia aperte. Tanto il potere è nelle loro luride mani rosse come le sue. E poi i sinistri hanno pure da ridire sul "fascismo". Ma rimirassero piuttosto il volto del loro fascismo.

External

Mer, 04/03/2015 - 22:00

Bhe, è finito il carnevale, non avevano niente di meglio da fare, così....

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 05/03/2015 - 00:26

Potremo vedere finalmente questo arrogante assassino entrare nella parte assegnatagli dalla giustizia? QUELLA DELL'ERGASTOLANO? Potremo sperare che quattro stolti intellettualoidi francesi APPOGGIATI DA ALTRETTANTI STOLTI INTELLETTUALOIDI ITALIANI NON LO PROTEGGANO DI NUOVO?

Ritratto di Geppa

Geppa

Gio, 05/03/2015 - 01:05

ma commentate a caso? tipo tifoseria? che senso hanno codesti commenti?

rigadritto

Gio, 05/03/2015 - 07:23

Non è mai troppo tardi. Le patrie galere aspettano questo omicida topo di fogna, sarà in buona compagnia.

FRANCOSANNA

Gio, 05/03/2015 - 08:27

ma mi spiegate perchè lo volete a tutti i costi in italia? per camparlo in "albergo" coi nostri soldi? deve marcire in galera, non importa dove, lo portassero a guantanamo, quello sarebbe il posto giusto per lui...

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 05/03/2015 - 09:17

La verità è che l’assassino terrorista Cesare Battisti, come già concordato, sarà estradato in Italia perchè è stato richiesto direttamente dal Sindaco di Roma Ignazio Marino, visto che il suo predecessore, il mitico "vuoto a perdere" Water Veltroni si avvalse della collaborazione della terrorista comunista Silvia Baraldini, anche Lui vuole al suo fianco un affermato e capace terrorista da mettere a capo della nuova Mafia Capitale in via di grande rinnovamento.

schiacciarayban

Gio, 05/03/2015 - 09:19

Battisti è la feccia della feccia, l'unica giustiza sarebbe darlo in mano all'isis per farlo bruciare in una gabbia a fuoco lento. Così finalmente l'Isis sarebbe utile a qualcosa!! Se arrivasse in Italia sarebbe accolto da eroe da Capanna e altri delinquenti vari travestiti da intellettuali.

blackbird

Gio, 05/03/2015 - 09:22

"Espulsione", non "estradizione". Battisti non piace al Brasile, ma visto che non ce lo vogliono restituire, l'Italia piace ancora meno!

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Gio, 05/03/2015 - 09:31

Se questo assassino verrà restituito alle italiche galere non potrà che farmi piacere ma mi chiedo perchè negli ultimi trent'anni i vari governi che si sono succeduti, compresi quelli di Cdx, non hanno perorato altrettanto veemente la possibilità di ricondurre in Italia terroristi dello spessore di Casimirri. Forse perchè quanto questi potrebbero rivelare aprirebbe nuovi scenari e nuova luce sui fatti di terrorismo degli anni '70 e '80.