Orrore nel Viterbese: settantunenne uccisa e nascosta in un surgelatore

Foto d'archivio

Giallo a Ronciglione, in provincia di Viterbo. Una donna di 75 anni, Rossana Bramante, è stata trovata morta congelata, ieri pomeriggio, nel suo appartamento in via dell'Ex Ospedale. Un omicidio efferato, stando alle prime notizie. Il corpo della poveretta giaceva - secondo le prime analisi da almeno un anno - all'interno di un frigorifero a pozzetto, chiuso in un sacco di plastica nero di quelli usati per la spazzatura. Ad avvertire gli inquirenti, sebra siano stati alcuni parenti che hanno chiamato i carabinieri della stazione locale. In base ai rilievi e al primo esame del medico legale la donna sarebbe stata uccisa da tempo.

Solo l'autopsia sarà in grado stabilire tempi e modalità dell'assassinio. La salma è stata trasportata in serata all'Istituto di Medicina Legale dell'ospedale Belcolle di Viterbo. Secondo indiscrezioni le indagini punterebbero a una sfera familiare o, comunque, a persone che ben conoscevano la vittima.