Un partito vecchio mai diventato adulto

«C'è voluto del talento per riuscire ad invecchiare senza diventare adulti», cantava Jacques Brel nella Canzone dei vecchi amanti. I grillini hanno avuto il talento opposto: sono diventati vecchi senza mai essere stati adulti. Sono passati direttamente dalla fase infantile a quella senile. L'8 settembre del 2007 andava in scena il primo Vaffa Day, il movimento vero e proprio sarebbe nato due anni dopo, ma quello era l'atto fondativo della comunità che si sarebbe raccolta attorno al comico genovese. Dieci anni che sembrano mille. Dieci anni di un Movimento che ha smesso di essere in movimento, che era partito con come anti-partito ed è diventato un partito irregimentato e sclerotizzato.

Non volevano aprire le istituzioni come una scatoletta di tonno: volevano semplicemente entrarci. E ci sono riusciti alla grande. Dovevano essere «diversi» e invece ormai si mimetizzano con i divani e la carta da parati di Camera e Senato. La rivoluzione digitale si è arenata, azzoppata dal primo hacker che ha bucato il pallone della democrazia sul web. Rousseau, il prodigioso sistema operativo generato dai guru di Casaleggio, si è rivelato per quello che è: un catorcio inaffidabile, pieno di falle e facilmente manipolabile. E il programma «scritto dagli italiani» - la monumentale opera collettiva che avrebbe dovuto sfornare le risposte a tutti i problemi del Paese - è solo un'antologia male assemblata di copia e incolla di idee altrui e in conflitto tra loro. Certo, nel corso di questi anni, il M5s ha raggiunto insperati traguardi elettorali: da Parma a Livorno, da Torino a Roma. E alla prova dei fatti hanno dimostrato di essere come gli altri, se non peggio (vedi il disastro Raggi). In dieci anni le rughe del partitismo e della politica politicante hanno già invecchiato il volto dei non-giovani Cinque stelle.

Col senno di poi possiamo dire che quello storico «vaffanculo» era in realtà la richiesta di trovare una poltrona in Parlamento e magari farsi pagare pure uno sbiancamento dentale. È l'antipolitica, bellezza.

Commenti

mazzarò

Ven, 08/09/2017 - 17:50

Del Vigo come sempre dimentichi le cose vere e importanti: che in soli 10anni, nonostante abbia avuto tutti i giornali e le televisioni contro, nonostante non abbia preso un euro di finanziamento pubblico (a differenza tua vero?), è diventato il primo "partito" in Italia. Ah già dimenticavo che tu non fai informazione!

MOSTARDELLIS

Ven, 08/09/2017 - 18:05

Mi sembra che Mazzarò abbia ragione. L'articolo mi sembra eccessivamente ingeneroso con un movimento che comunque ha avuto un ruolo nella politica italiana. Ce ne vorrebbero di più di movimenti cosi... che lottano contro il sistema politico consolidato (al ribasso), che non gliene frega niente dei cittadini, che pensano solo a se stessi. E pensando a se stessi si sono coalizzati tutti contro il M5S. Basta guardare la povera Raggi, attaccata da tutte le parti, che, in fondo, non ha fatto peggio di Marino e quelli prima di Marino, altrimenti Roma oggi non si troverebbe nelle pessime condizioni in cui si trova.

sparviero51

Ven, 08/09/2017 - 18:39

LA POLITICA,PER QUANTO SPORCA, È UNA COSA SERIA .DECIDE I DESTINI DI UN POPOLO E DI INTERE GENERAZIONI. NON CI SI IMPROVVISA STATISTI SOLO URLANDO IN PIAZZA E NONOSTANTE ILE BUONE INTENZIONI . LA " POLITICA" E' STATA AMMAZZATA DAI TEMPI DI MANI PULITE DAI PRECURSORI DEI GRILLINI CON LA TOGA . DA ALLORA NON SI È PIÙ VISTO UN PARTITO PROPRIAMENTE DETTO CON UNA CLASSE POLITICA FORMATA E COMPETENTE .E LA STORIA CONTINUA !!!

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 08/09/2017 - 19:27

I grillini sono e non c'era da meravigliarsi, dei nullafacenti senza mèta né soluzioni dei problemi del Popolo; chi ha votato per loro non sapeva cosa fare ed ha messo la croce tanto per fare. Shalòm.

Gualtiero72

Ven, 08/09/2017 - 23:17

Caro Del Vigo, come al solito lei scrive di fantascienza. Lei può´scrivere quello che vuole. Ma le manca un po´di obiettività´e imparzialità´. E´risaputo che i 5 stelle non le piacciono, ma il modo in cui argomenta il suo dissenso e´più´figlio di antipatia che di giornalismo. Spiace vedere un bravo scrittore come lei che usa la penna solo per denigrare. Sarebbe stato un buon scrittore di romanzi ( sinceramente). Buona serata

no_balls

Sab, 09/09/2017 - 00:13

Del vigo in sicilia gli unici comizi visti sono quelli dei 5s..... tutti gli altri partiti scomparsi. Tralascio forza italia che oltre le balle su questo giornale non riesce a fare....... Riveda il concetto di antipolitica..... forza italia lo ritiene un partito???risateeeee

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Sab, 09/09/2017 - 06:51

Il partito di Grillo è cresciuto nei consensi perché affidargli il proprio voto è consolatorio e deresponsabilizza l'elettore. Consolatorio perché almeno quelli non rubano, almeno quelli non prendono soldi ed io che li voto non ho dunque responsabilità nella disastrosa situazione attuale. Sono incapaci o peggio inetti , pazienza, mi consolo nel pensare che almeno sono onesti. In politica cosi come nella vita bisogna essere pragmatici ed accettare qualche boccone di sterco che il partito che si è votato ogni tanto ci propina. La virtù in politica può essere una trappola e la salvezza invece venire da un uomo straordinario anche se corrotto come nel caso di G.J Danton. Il declino dei 5stelle è proporzionale al loro approdo dalla "rete" e dalla tastiera al mondo reale e al territorio, vedi i casi di Parma o di Roma. Il fallimento del Movimento Cinque Stelle è già scritto, eccolo: 04215320963, ovvero il numero di partita Iva della Casaleggio associati.

SENIOR_84

Sab, 09/09/2017 - 12:38

Caro mazzarò, saranno pure il primo partito, ma voglio vedere cosa succede alle prossime elezioni. Per mia esperienza, ho avuto a che fare con un'assessora del VI Municipio di Roma (ex VIII) talmente calata nel cliché del "nuovismo" da aver bocciato una proposta sensata semplicemente dicendo "dobbiamo dare un segnale di cambiamento" (era la parola d'ordine del periodo). Più CRETINA di così non si può. Quando alle ultime elezioni NON è stata eletta, in molti hanno tirato un sospiro di sollievo.

Valvo Vittorio

Sab, 09/09/2017 - 12:58

Molto rumore per nulla diceva W. S. C'è stato un cambiamento radicale della politica dopo l'avvento dei Grillini? Io asserisco solo irrilevante: Si diceva un tempo che la politica è l'arte del possibile, ma i veti incrociati e le ideologie fermano i cambiamenti. In Italia manca il pragmatismo e una visone comune del bene, pertanto scevro da ideologie comuniste, fasciste e fanatiche religiose che sono la pietra tombale del vivere civile.

clickexange

Sab, 09/09/2017 - 14:24

Premesso che non voto dal referendum sull'aborto mi pare chiaro che l'articolo sa di gelosia per quella vagonata di voti che prenderanno i grillini. Anche io pensavo che dopo il boom il movimento di sgonfiasse, mai hanno parlato di stipendi rinnovi contrattuali pensioni ecc ma solo dei soldi ai partiti e parlamentari eppure sono ancora li a giocarsi il primato di primo partito fra il 25 e 30 % che vuol dire doppieranno i forzisti almeno stando ai sondaggi quelli veri. Io non so se siano incapaci o meno ma penso che dopo che hanno governato Brrlusconi e Renzi tutti sono autorizzati a farlo compreso i 5s e Salvini che poi in definitiva mi pare l'unico chr sta con la povera gente...

gdisacco

Sab, 09/09/2017 - 21:25

M5S il nulla urlante

pilandi

Dom, 10/09/2017 - 02:34

Dal Vigo tagliati sti capelli non é il 1980

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 10/09/2017 - 10:44

Un partito inutile. Finchè esiste o non vince (mamma mia) creerà ancora più caos ed ingovernabilità. Con tre gruppi, più o meno alla pari, nessuno riuscirà a governare, tranne i soliti comunisti con l'aiuto di mille voltagabbana, come al solito.

clickexange

Dom, 10/09/2017 - 11:35

Secondo me usate la parola comunisti un po' a sproposito, non vedo un comunista in Italia dai tempi di Natta ma soloun accozzaglia di gente che si spaccia di essere di sinistra ma nemeno sa cosa vuol dire ma fa tendenza, invece una decina di fascisti sono rimasti e gli altri che dicono di essere di destra manco sanno cosa vuol dire essere di destra. Tute le varie associazioni (che ben conoscete e non faccio i nomi) di comunisti o fascisti sono gruppi di benestanti che non hanno mai fatto nulla nella loro vita se non del casino soprattutto negli stadi, devono passare il tempo, e poi che in Italia si stia ancora a parlare di destra e sinistra mi fa ridere visto che dal 1994 hanno i soliti programmi, ma si sa scagliarsi contro quello che si pensa sia dall'altra parte serve a scaricare le tensioni e le delusioni che da il lavoro la famiglia e la squadra del cuore.....