Pascale: "Così ho conquistato Silvio"

Dal primo incontro alle telefonate fino all'intimità e alla sua nuova passione

"In privato lo chiamo Amore o B., a lui B. non piace, quindi da un po' lo chiamo solo Amore. In pubblico, presidente. Sono sempre al suo fianco, lo inseguo, lo assedio, lo controllo, non lo lascio mai. Adesso stiamo cercando una casa a Roma. Vorrei per noi una casa normale, luminosa, moderna e soprattutto separata dall’ufficio". Francesca Pascale, compagna di Silvio Berlusconi, racconta la sua storia d'amore con l'ex premier in un passaggio contenuto nel libro di Bruno Vespa (Italiani voltagabbana, Rai-Eri e Mondadori, nelle librerie dal 6 novembre).

Alcuni brani sono stati anticipati dal settimanale Oggi in edicola da domani. Ripercorrendo a ritroso la sua storia, la compagna dell’ex capo del governo rivela: "Furono anni molto difficili. Partecipai anch’io a qualcuna delle famose cene eleganti, che in effetti tali erano. Ho conosciuto quasi tutte le donne che assediavano il presidente e sono stata gelosissima di tutte. Come lo sono ancora, anche di una commessa che vuole farsi una foto con lui. In questo sono peggio di una siciliana. Noemi Letizia? È vero che siamo amiche. Alla festa dei suoi 18 anni c’ero anch’io. Dopo la serata il presidente mi disse: "Vedrai che riusciranno a dire qualcosa di negativo sulla mia partecipazione al compleanno di questa Noemi".

Il primo incontro con Berlusconi

La Pascale racconta poi come è riuscita a conquistare Berlusconi. "Ero ancora una ragazzina quando mi sono messa in testa di conoscerlo, ho iniziato ad amarlo in maniera ossessiva. Piano piano cominciai ad avvicinarmi a Forza Italia. Il 5 ottobre 2006 alle 13.50, arrivò la grande occasione. Con altre quattro pazze di "Silvio ci manchi" eravamo a Roma quando ci dissero che lui aveva una riunione al Duke Hotel dei Parioli. Ci precipitammo lì e arrivò lui: era davvero affascinante. Lo guardai come una deficiente: "Presidente", gli dissi "lei è bellissimo". Lui sorrise: "Ti senti bene?". Alla fine mi avvicinai di nuovo e con sfrontatezza gli chiesi: "Da azzurra ad azzurro possiamo darci del tu?". "Sì, certamente", rispose lui. "Questo è il mio numero", gli dissi allungandogli un pezzetto di carta: "Aspetto una tua telefonata, così mi annoto il numero". E lui: "Vai di fretta...". Qualche giorno dopo, a mezzanotte, squilla il mio cellulare. "Pronto, chi sono?". E io: "Dai Lello, non prendermi in giro...". "Davvero non mi riconosci?". Restammo al telefono per due ore filate".

La suoneria del cellulare

"Ogni tanto mi telefonava", racconta ancora la Pascale. "Avevo impostato nella suoneria del cellulare il suo numero alla canzone di Gianna Nannini Sei nell’anima. Non l’avevo detto a nessuno. Solo mia madre aveva capito che dietro quella suoneria c’era Berlusconi. Gli dicevo: "Tra noi ci sono quasi cinquant’anni di differenza, è vero, potrei esserti figlia e perfino nipote. Lo so che hai tantissime aspiranti fidanzate. Ma io sono innamorata di te e, prima o poi, tu ti innamorerai di me". Lui resisteva: "Devi ragionare. Io ti stimo e ti voglio bene ma non posso darti un futuro...". Questa storia del futuro continuò a ripetermela per molto tempo ed io ci soffrivo moltissimo. "Io ti voglio molto bene", mi diceva, "ma mezzo secolo di differenza tra noi è insuperabile". Ma io tenni ugualmente duro: "Si accorgerà che nessun’altra può arrivare ad amarlo come lo amo io".

La consacrazione in pubblico

E poi arrivò il momento. "Finalmente, il 16 dicembre 2012, nella trasmissione di Barbara D’Urso, lui, rispondendo a una inaspettata domanda di Barbara, si lasciò andare e dichiarò pubblicamente: "Francesca è la mia fidanzata, con lei mi sento bene...". Su come sia Berlusconi in privato, la Pascale rivela: "È tenerissimo, divertente, ironico, instancabile. I film che amo io, quelli romantici, i supereroi, i cartoni non gli piacciono. Non ricordo un film visto con lui. Legge, scrive, studia, pensa, telefona continuamente. Liti? Spesso e su ogni argomento: anche su come collocare un soprammobile su una mensola. Mi dà sempre torto. Ma pochi minuti dopo...".

L'altra passione, a parte Silvio

La Pascale parla poi della sua nuova passione. "Lui (Berlusconi, ndr) dice no, no, assolutamente no....". Quindi? "Mi sono comperata una Harley-Davidson Seventy-Two e non posso nemmeno portarla ad Arcore. Ho sempre avuto questa passione, ma da piccola a casa mia non mi consentivano nemmeno di andare in bicicletta. Quando potei decidere da sola, non avevo i soldi per comprarla. E quando li ho avuti, B. mi ha proibito di comperarla. Non ho obbedito e tengo la moto presso un concessionario Harley a Monza che è uno dei più importanti nel mondo. Sono loro che mi hanno presentato Alberto Ceccotti, pilota, che mi ha insegnato a guidare le due ruote". A quale velocità può arrivare la moto? "Duecento all'ora. Io non l'ho raggiunta mai. Gli eccessi mi spaventano. Casco integrale, guanti. Nessuno può riconoscermi". Lui l'ha vista? "Sì". Gli piace? "Non lo ammetterà mai. Cerca di dissuadermi ma sinora non c’è ancora riuscito".

Commenti

xgerico

Mar, 04/11/2014 - 17:22

Haaaaaaaaa stasera vado a dormire più sereno!

Ritratto di rapax

rapax

Mar, 04/11/2014 - 17:26

aa ecco la casa "normale" "luminosa" e "moderna" non era ancora nelle disponibilita' del Berlu..ma guarda un po..non si puo' avere tutto nella vita..a Pascali..

Mario Marcenaro

Mar, 04/11/2014 - 17:47

Ahi, ahi, ahi. Ma é mai possibile che certe persone, giornalisti ed editori compresi, non si rendano conto delle conseguenze alle quali può portare il mettere in piazza fatti, avvenimenti, incontri e sentimenti che sarebbe molto più elegante, questo si, e di buon gusto mantenere nell'ambito del privato? Oltre tutto il diritto alla riservatezza, cosiddetta anche privacy, dovrebbe servire anche e soprattutto per garantire la propria protezione e sicurezza da chi, scorrettamente, non vede l'ora di disporre di dati per recare danno a chiunque, magari facendosi con facilità anche un bel poco di soldi. Che lo facciano gli arrivisti a tutto spiano può essere comprensibile, comunque è in ogni caso scorretto, ma che lo facciano altri tipi di persone, magari in vista e con responsabilità verso gli elettori é da sconsiderati, per lo meno.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 04/11/2014 - 17:47

Sembra una favola dei fratelli Grimm!!!

Tobi

Mar, 04/11/2014 - 17:52

ho il leggero sospetto che questa l'abbiano mandata a B., pardon sf Amore, per fargli il lavaggio del cervello. Vedi il cambio di rotta improvviso di B. ... volevo dire Amore su certe questioni ... (civili?) soprattutto di amore".

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 04/11/2014 - 18:00

Certo che siete carogne voi de Il Giornale! Ma come... è uno dei periodi in cui il Berluska tutto sommato è abbastanza tranquillo, senza grosse responsabilità politiche, senza nuovi guai giudiziari, di che genere di persona si tratti oramai lo si è capito e non c'è più nulla da nascondere... e voi ve ne uscite con un articolo che lo mette in ridicolo? E poi saremmo noi "antiberlusconiani integralisti" ad avere una fissazione per lui? Fossi in lui vi licenzierei tutti...

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mar, 04/11/2014 - 18:02

con tutto il rispetto possibile...non me ne frega niente, soprattutto della Harley.

gigetto50

Mar, 04/11/2014 - 18:55

....francamente non capisco che razza di suggerimenti danno i PR a Berlusconi: secondo me prima si copriva di ridicolo con tutte quelle donne intorno ora si ricopre lo stesso di ridicolo con questa storia. Sopratutto se la mette in "piazza" A FI serve un signore sopratutto discreto e comunque che commisuri le sue esternazioni tenendo in conto anche l'eta'.. Tanto di cappello ai figli Pier Silvio e Marina....ma lui...

xgerico

Mar, 04/11/2014 - 19:00

Mi piacerebbe vederla, la Pascale, sull'Harley-Davidson mentre si ferma con la moto e poco poco si inclina di 10 gradi cosa è capace di fare.

moichiodi

Mar, 04/11/2014 - 19:18

ma va!

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Mar, 04/11/2014 - 19:20

Mario Marcenaro: ma scusi, tutto ciò che tutti potranno leggere su quel libro, lo ha scritto un giornalista che con il benestare della Signora Pascale, e Lei la Pascale, il benestare lo ha concesso perché vuole che, possibilmente, tutti nessuno escluso lo leggano e fregandosene delle eventuali conseguenze. La "Praivasi" non c'entra niente.

forbot

Mar, 04/11/2014 - 21:06

E se fosse che la maggior parte dei suoi denigratori fossero solo invidiosi che alla sua età riesce ancora a fare ciò che a tanti non è più possibile? Sia commercialmente operando che amante?

abe64

Mer, 05/11/2014 - 05:58

Questo si che è grande giornalismo.