Dopo la passione cinese Di Maio vola tra gli emiri

Il vicepremier cambia destinazione e va in missione a Dubai per corteggiare le imprese

Forse sarà la mezza delusione per il reddito di cittadinanza che non ha sfondato in alcune aree del Sud, come ricostruito dal Giornale il 5 aprile. Più probabilmente la strategia rientra nella campagna elettorale continua in seno all'«alleanza competitiva» con la Lega di Matteo Salvini. Fatto sta che Luigi Di Maio, in partenza verso gli Emirati Arabi Uniti, è pronto a lanciare quella che lui chiama la «fase due». Abolita la povertà con un affaccio dal balcone di Palazzo Chigi, il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, ora punta alla crescita inserendo nell'agenda una serie di viaggi intercontinentali.

Dopo la traversata in Cina con biglietto economy e pernottamento all'Hotel Hilton, l'accordo della Via della Seta con il presidente cinese Xi Jinping in visita a Roma, ecco la missione a Dubai.

A poco più di un mese dall'importante appuntamento elettorale delle europee, Di Maio ieri è partito verso gli Emirati alla testa di una delegazione formata da 147 aziende, 8 associazioni di imprenditori e 7 banche. Con lui un altro grillino, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano.

Tra gli organizzatori della «missione di sistema» la Confindustria, l'Agenzia Ice (Istituto nazionale per il commercio estero) e l'Abi, associazione bancaria italiana. Per molti bene informati si tratta dell'ennesimo corteggiamento pentastellato nei confronti del mondo confindustriale, con cui pare essere scoppiato un insolito feeling. Ancora fanno discutere le parole pronunciate da Vincenzo Boccia, numero uno della confederazione degli imprenditori, che ha detto: «Di Maio sembra uno di noi». Frasi rispedite al mittente da Alessio Rossi, presidente dei giovani di Confindustria: «Luigi Di Maio? Non è uno di noi - ha spiegato dalla Puglia - anche se ultimamente vuole aggiustare la mira...».

L'ennesima metamorfosi del capo politico sta, appunto, nelle apparenze. In un continuum di piroette, a seconda del momento politico e dei consigli del suo chiuso e ristretto staff di fedelissimi. Seguire Di Maio è come stare su un ottovolante. In pochi mesi siamo passati dalle Ong «taxi del mare» alle virate a sinistra delle ultime settimane, smentite più di recente da toni melliflui da democristiano dell'Irpinia, complimenti alla Merkel e sussurri di Palazzo su un cambio di pelle «moderato». E la mutazione sarebbe in grado persino di sedurre un Mattarella spaventato dalle intemperanze di Salvini.

Nel primo pomeriggio di ieri, il vicepremier grillino ha concesso un'intervista al sito Affaritaliani.it. «La firma per la Via della Seta, il mio viaggio negli Stati Uniti e quello che mi appresto a compiere negli Emirati - ha detto Di Maio - hanno un filo conduttore che è legato, appunto, all'aumento dell'export. La missione negli Emirati ci consentirà di approfondire le opportunità di partenariato industriale, commerciale e di investimenti per le nostre imprese».

Se il core business del patto con i cinesi sono anche le arance, il viaggio arabo «avrà il suo focus nei settori Infrastrutture, Energia e Ambiente, Sanità e Farmaceutico, Agroindustria, Ict». Conclude Di Maio: «Il mio obiettivo è la crescita del nostro Paese». Almeno fino alla prossima mutazione genetica.

Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 15/04/2019 - 08:39

Attenzione di maio a non volare troppo in alto,ricordati di ICARO.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 15/04/2019 - 08:43

Di Maio al potere, ergo il "Trionfo dell'Ignoranza". Amen

Duka

Lun, 15/04/2019 - 08:46

Ha sopratutto la passione per i viaggi . Immagino che si porti la fidanzata; tanto è tutto gratis, paghiamo noi.

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 15/04/2019 - 08:46

SA ALMENO CIÒ CHE VUOLE QUESTO CIUCCIO??? DA COME AGISCE IN POLITICA, SEMBRA UN MISTO, TRA (Fiano E LA Boldrini) E DA BUON SUDDISTA, PRENDE SOLAMENTE VOTI AL SUD DAI SUOI COMPAESANI, CHE ANCORA ASPETTANO E SPERANO CHE CI SIA ANCORA GENTE ONESTA TRA LORO!!!

Soloistic69

Lun, 15/04/2019 - 09:05

Sarà difficile per questo inutile pischello montato sullo scranno ritornare allo stadio San Paolo tra poco a vendere le sue bibite

mcm3

Lun, 15/04/2019 - 09:17

Come al solito disinformazione, innanzi tutto non va a Dubai ma ad Abu Dhabi, capitale e sede economica degli Emirati, dovreste apprezzare il modo in cui si cerca di rilanciare il paese, prendendo accordi con la Cina, non l'ultima delle economie mondiali, ed ora con gli Emirati, qui invece solo critiche dettate dalla cpnsapevolezza di non aver saputo fare lo stesso, In quasi due anni, pur avendo contro tutti i vecchi Burocrati d'Europa e tutta la gente come voi, ancorati a vecchi sistemi ed impauriti all'idea di cambiare pagina, hanno fatto molto di piu' dei vari governi precedenti, Hanno abolito la da voi votatat Legge Fornero, sostituendola con Quota 100, hanno messo il reddito di cittadinanza che, una volta a regime, aiutera' tanta gente, hanno abolito vitalizie eprivilegi ti tutto il vecchiume che ha fatto politica, faranno la Flkat Tax, voi che avete fatto ?? che proponete oltre gli stuoidi proclami mai realizzati ?

un_infiltrato

Lun, 15/04/2019 - 09:27

“NON ESISTE VENTO FAVOREVOLE PER IL MARINAIO CHE NON SA DOVE ANDARE” (Lucio Annea Seneca)

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 15/04/2019 - 09:36

Prima di andare all'estero per rilanciare la nostra economia, sia fondamentale stimolare "intra moenia" agendo rapidamente su quelle leve che, riducendo le tasse e burocratizia, agevolano l'assunzione di personale per le eventuali commesse da onorare. Finora si è visto più che altro un notevole fiume di parole. Non vorrei che le elezioni europee rallentino volutamente certe attività che farebbero crescere la nostra economia, rendendole concrete poco prima delle elezioni stesse. Giochino deprecabile se le cose stessero in questi termini.

APG

Lun, 15/04/2019 - 10:10

Mi raccomando, insieme all’enorme business che porterai a casa, impegnati con loro per la costruzione di moschee in tutta Italia. Ne abbiamo proprio bisogno! E dato che sono loro assieme ad Arabia Saudita a finanziare la guerra in Libia, fai in modo che si impegnino loro a prendersi tutti i profughi e immigrati e clandestini che vogliono venire da noi! Non vedo perché questi dementi di arabi debbano scatenare guerre fratricide e poi, a pagarne le spese e farsi invadere da africani e musulmani, sia l'Italia !!!

DRAGONI

Lun, 15/04/2019 - 10:17

ANCORA NON CONOSCE GEOGRAFICAMENTE NAPOLI E L'HINTERLAND NAPOLETANO DA CUI PROVINE E NON NE RISOLVE I GRAVI E CENTENARI PROBLEMI MA FA L'INCONCLUDENTE E PERICOLOSO TURISTA INTERNAZIONALE A SPESE DEGLI ITALIANI!!

jaguar

Lun, 15/04/2019 - 10:26

Lo hanno mandato i piagnoni di Confindustria.

no_balls

Lun, 15/04/2019 - 10:41

ma ve lo ricordate l'ultimo ministro dello sviluppo economico dell'ultimo governo berlusconi ? tale romani.... Cosa ha fatto costui ? ricordate qualcosa ? Vi scoppia il fegato.... un 30enne vi sta facendo capire quanto eravate e siete inadeguati.Fatevene una ragione.... non e' piu' bravo , semplicemnte ha entusiamo e lavora... cosa difficile l'entourage berlusconiano.

Albius50

Lun, 15/04/2019 - 11:12

Spera anche lui come il precedente governo di mettersi un ROLEX al braccio.

cir

Lun, 15/04/2019 - 11:16

no_balls : mezzo mezzo hai ragione.