Comunali, così il centrodestra si è preso le roccaforti rosse

Il centrodestra, a trazione leghista, sfonda, il M5S vince al secondo turno mentre il Pd si rifugia nella costa adriatica. Questa la sintesi che emerge dall’analisi dei dati compiuta dall'Istituto Cattaneo

Il centrodestra sfonda, il M5S vince al secondo turno e il Pd si rifugia nella costa adriatica. È questa la sintesi che emerge dall’analisi dei dati compiuta dall'Istituto Cattaneo per quanto riguarda il secondo turno delle amministrative.

Il dato più evidente è il crollo del centrosinistra che amministrava 43 comuni su 76 (pari al 56,6%) e, ora, ne controlla soltanto 27 (pari al 35,5%) con un calo di 21,1 punti sul totale. Il centrodestra, a trazione leghista, passa 21 amministrazioni a 33, mentre le liste civiche o indipendenti, salgono da 7 a 11 Comuni.

Il M5S registra un sostanziale pareggio: 5 vittorie esattamente come nel 2013. Il Pd e il centrosinistra arrancano da Nord a Sud, ma soprattutto nelle (ormai ex) ‘Regioni Rosse’. Se da un lato il M5S si mostra una vera e propria "macchina da ballottaggio", la sinistra, secondo l'Istitituto di ricerche, non gode della stessa trasversalità. I pentastellati, una volta arrivati al secondo turno, riescono a conquistare i voti ottenuti dai candidati esclusi dopo il primo turno. Il problema è che i grillini vanno al ballottaggio solo in 7 comuni su 76 e ne conquistano 5, con un “tasso di vittoria” al secondo turno pari al 71,4%. A differenza del passato, però, il Movimento 5 stelle non riesce più ad attirare su di sé i consensi dell’elettorato di centrosinistra, complice, secondo l’Istituto Cattaneo, la sua entrata al governo in alleanza con Matteo Salvini. Ma questo 'disamoramento’ rimane al momento solo un'ipotesi tutta da verificare, e potrebbe un indizio che segnala una certa insoddisfazione dovuta all'alleanza con i leghisti. Complessivamente, le amministrazioni comunali hanno cambiato "colore" politico in 60 città su 111 e nella maggior parte dei casi (54%) ha perso la maggioranza uscente, ossia il centrosinistra che subisce 39 cambi di governo su 61 (pari al 64%).

"In tempi politicamente, socialmente ed economicamente turbolenti, più potere - osserva la ricerca - non implica soltanto più responsabilità, ma anche una più alta probabilità di essere scalzati dal governo". Gli esiti di questa tornata elettorale segnalano una migliore tenuta del centrosinistra nell'Adriatico (Ancona, Teramo e la Puglia). "Un indicatore dell'involontario mutamento che sta attraversando il Pd, non più dominante al Nord (al di fuori dei grandi centri urbani) e tendenzialmente più competitivo nelle zone dov'è meno radicato socialmente e non possiede una tradizionale storia di governo”, spiegano dall’Istituto Cattaneo. “

Dall'altra parte, il centrodestra – si legge ancora nell’analisi - sta mettendo solide radici nelle zone centrali del paese, a partire da quelle ex-rosse, confermando al contempo la sua diffusa presenza da Nord a Sud". Il "vento" del 4 marzo soffia soprattutto a favore della Lega,"rafforzando l'idea che non si tratta di un consenso episodico o fortuito, bensì radicato e diffuso nella società anche a livello locale". Il radicamento resta, invece, il tallone d'Achille per i grillini. La "perdurante disorganizzazione" periferica, conferma la natura di "partito d'opinione su scala nazionale" che "produce tensioni e incertezze nell'intero sistema politico, lacerato tra un faticoso tripolarismo nazionale e un più o meno imperfetto bipolarismo municipale".

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 25/06/2018 - 23:29

Non diamoli per morti. Di parassiti che votano i komunisti ce ne sono sempre troppi.

manuel7070

Lun, 25/06/2018 - 23:35

Finché continueranno a postare personaggi come Elkid, la vittoria del centrodestra diventa troppo facile! Ahahahahahahah

Ritratto di MaddyOk

MaddyOk

Lun, 25/06/2018 - 23:52

Leggere Giuliano Ferrara quanto rosica su "Il foglio" non ha prezzo!

Cosean

Mar, 26/06/2018 - 00:32

Quando le cose vanno bene si chiama "Centrodestra". Se qualcosa non convince si chiama "Lega". Come dire "Tutto merito di Silvio"

Reip

Mar, 26/06/2018 - 01:48

Non resta che spedire TUTTI i finti profughi clandestini in quei comuni che hanno votato sinistra! Anche se e’ palese la collusione del PD con le coop rosse e le ONG nel traffico e nel business di milioni di profughi, ci sono ancora italioti pdiidioti che votano sinistra! Volete l’uguaglianza, la comunanza, la condivisione dei beni, la solidarieta’? Bene! Iniziate a dividere la vostra casa, le vostre giovani mogliettine e le vostre bambine con nigeriani, ghanesi e senegalesi. Poi tra qualche mese quando vi sara’ capitato di trovarvi di notte in uno squallido pronto soccorso, a stringere la manina della vostra bambina stuprata, con il volto tumefatto e il sederino rotto da qualche gang bang nigeriana, vediamo se vorrete ancora gli africani in casa vostra! Tranquilli capitera’ l’occasione, il milione di clandestini che la sinistra ha fatto illegalmente entrare, non li caccera’ via piu’ nessuno!

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mar, 26/06/2018 - 04:36

Cosean ti brucia eccome se ti brucia. Prenditi un maalox.

mila

Mar, 26/06/2018 - 06:37

Si', ma il merito e' della Lega, non certo di Berlusconi (E' proibito scriverlo sul Giornale?)

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 26/06/2018 - 06:37

e con Salvini, il centro destra, ne prendera sempre di più! agli italiani piace l' arrivo sulla scena politica di questo novello impavido Colleoni!

Ritratto di LongJohn

LongJohn

Mar, 26/06/2018 - 06:46

X Cosean: ma x per quanti anni la lega era al 2-3% e FI al 30%? Allora andava bene Silvio? Beh su dai per una volta che siete avanti di qualche punto non fate i gradassi

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Mar, 26/06/2018 - 07:20

Mi vergogno per "Ancona", capoluogo di Marca. Qua i "Comunardi" resistono, nonostante i "terremoti italici" e la "mala-gestione" restano abbarbicati alle liane di una contrada vecchia, obsoleta, "provinciale", con la "bandiera rossa" ancora nascosta nel comodino. La paura del cambiamento fa 90 e nonostante "la maggioranza" del "fanno tutti schifo", poi la maggioranza risponde all'appello del Partito, manco fossimo ancora negli anni 50 di Peppone. Oggi "Peppona". - Il lungo letargo è proprio lungo da queste parti, ma solo qui, "a Angona". Per fortuna.

Assisi

Mar, 26/06/2018 - 07:28

La sinistra e i communisti hanno rovinato il paese, come in tutto il mondo.

maxtx

Mar, 26/06/2018 - 12:28

errore ideologico. Di fatto non è stato il cdx a prendersi le città rosse ma i candidati salviniani e il buon Matteo. Uno che negli ultimi anni si è consumato le scarpe in tutte le piazze e mercati d'Italia (specie molto sotto il Po) per incontrare la gente e capirne i problemi. Chi continua a screditare Matteo ipotizzando una qualche influenza berlusconiana forse non ha proprio idea della differenza le cifre da prefisso degli elettori FI (over70) e quelli da primo partito della Lega (molti giovani)