Pd, Marco Zambuto si dimette per l'incontro con Berlusconi

L'ex sindaco di Agrigento, con un passato nel Pdl, si dimette da presidente del Pd siciliano

Alla fine Marco Zambuto si è arreso. Il presidente del Pd siciliano non ha retto alle pressioni proveniente dagli esponenti locali e nazionali che ne chiedevano le dimissioni dopo l’incontro con Silvio Berlusconi avuto a Palazzo Grazioli. Stamane Lorenzo Guerini, e il siciliano Davide Faraone, hanno chiamato Zambuto per chiedergli un passo indietro, dopo anche il segretario regionale Fausto Raciti si era mostrato infuriato per le mosse dell’esponente dem.

Il quarantenne Zambuto è considerato il maggiore sponsor di Silvio Alessi, l’imprenditore vicino a Forza Italia che ha vinto le primarie del Pd per le amministrative a sindaco di Agrigento, città in precedenza già governata dallo stesso Zambuto. L’ormai ex presidente del Pd siciliano ha, infatti alle spalle una lunga carriera politica, iniziata nella Democrazia cristiana, e proseguita nell’Udc prima della sua elezione a sindaco avvenuta nel 2007 col centrosinistra. Dopo solo un anno il vulcanico Zambuto azzera la sua giunta e annuncia il suo ingresso nel Pdl berlusconiano. Con l’avvento del renzismo passa col Pd ma è rimasto intatto il rapporto d’amicizia con il deputato forzista Riccardo Gallo Afflitto (l’altro sponsor della candidatura di Alessi).

"Sono andato a Palazzo Grazioli per una questione umana: - spiega Zambuto - Gallo Afflitto era in difficoltà perché alcuni media avevano rilanciato le dichiarazioni di un pentito secondo il quale il deputato nel 1988 avrebbe concorso a un omicidio di mafia. Mi ha chiesto lui, insomma, di testimoniare davanti a Berlusconi sulla sua onestà. E lo ha chiesto a me proprio perché, da avversario, potevo risultare credibile". "Nessuno, se non in malafede – aggiunge Zambuto - può mettere in dubbio la mia linearità politica nei confronti del Pd. Pur tuttavia considerando i tempi di barbarie che stiamo vivendo sotto l'aspetto civile e politico, che non permettono di distinguere i gesti, al fine di non volere recare danno al Pd, sono pronto a fare un passo indietro ". Ora, conoscendo il personaggio, la domanda nasce spontanea: quale sarà il prossimo approdo politico dell’istrionico Zambuto?

Commenti

Roberto Casnati

Mar, 31/03/2015 - 16:04

Il PD somiglia tanto, ma proprio tanto alla Santa Inquisizione.

rosa52

Mar, 31/03/2015 - 16:46

70 anni di bolscevismo dovranno pure dire qualcosa no?

FRANZJOSEFF

Mar, 31/03/2015 - 16:58

VOGLIO VEDERE QUANTI INDAGATI DEL PD O COOP SI DIMETTERANNO

Ritratto di perigo

perigo

Mar, 31/03/2015 - 17:23

Non si può mica fare l'altalena tra destra e sinistra come fa questo qui!

cast49

Mer, 01/04/2015 - 08:30

FRANZJOSEFF, nessuno, tutti onesti...