Pd, è il momento della frattura: la minoranza diserta la direzione

Riunisce riunisce la direzione piddì, ma molti big disertano. Bersani: "Discutere sul serio". E Guerini: "Eccesso di polemica inutile". Il Pd va in frantumi

Matteo Renzi riunisce il partito, ma si trova col cerino in mano. Coi compagni di partito vuole mettere sul tavolo le riforme del 2015. C'è da discutere di scuola, Rai, ambiente e Fisco. Ma in platea non c'è il gran pienone di un tempo. La direzione del Pd è monca: la minoranza dem ha deciso di disertare l'appuntamento perché fortemente critica con le modalità di gestione del parlamento da parte del premier. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il varo del Jobs Act. E ora Renzi si trova con un partito in frantumi.

L'assenza più assordante è sicuramente quella di Pier Luigi Bersani. Ieri ha annunciato con parole molto dure che avrebbe disertato le quattro ore di confronto organizzate da Renzi al Nazareno su Rai, fisco, scuola e ambiente. "Rubricare tutto in una logica di potere è un insulto. Esistono le idee, combattere anche solo per le idee - ha messo in chiaro Bersani - bisogna che questa nuova generazione se lo metta in testa questo piccolo particolare". Con lui mancano tanti altri esponenti della minoranza piddì che, soprattutto dopo il voto sul Jobs act, dichiarano di sentirsi "presi in giro" dal segretario. "Polemiche sterili e ingiustificate", replica con altrettanta nettezza Renzi, "stupito" dall'aventino della minoranza. Il premier dichiara di non comprendere "chi gioca la carta della polemica interna" a fronte del suo invito al confronto. "Tutte le principali decisioni di questi 15 mesi - sottolinea - sono state discusse e votate negli organismi di partito". E rivendica di essersi sempre misurato su tutti i temi con un metodo "aperto e inclusivo", tutt’altra cosa rispetto ai "caminetti ristretti del Pd vecchia maniera".

Renzi non sembra convincere i malpancisti del Pd. Chi ha deciso di declinare l’invito, lo fa a titolo personale. "Nessun ordine di scuderia", assicurano i bersaniani. Ma di fatto tanti parlamentari di Area riformista e di sinistra dem, oltre ai civatiani, hanno deciso di non partecipare. Gianni Cuperlo, leader di Sinistra Dem, scrive a Renzi per motivare l’assenza dell'area. "Sul jobs act il governo ha ignorato esattamente suggerimenti e linee votati dalla direzione, sulla riforma costituzionale non avete tenuto conto neppure di un voto - sostiene - le idee non ci mancano, le sottoporremo ai gruppi. Il problema è se uno le ascolta". La misura, insomma è colma. "L'appuntamento di oggi? Non mi sembra una formula utile e seria", dice Alfredo D’Attorre. La frattura è consumata.

"Mi pare ci sia stato un eccesso di polemica, che a mio parere non è utile, ma rispetto le opinioni di tutti, anche quelle che non condivido", commenta il vice segretario Pd Roberto Guerini che non ha affatto gradito le dichiarazioni di Bersani ad Avvenire. A polemizzare con Renzi, però, non ci sono solo le teste calde della sinistra dem. Anche la base è in fermento, come dimostrano gli studenti che durante la direzione hanno protestato davanti al Nazareno.

Commenti
Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 27/02/2015 - 16:42

Molti dei "loro" finalmente capiscono che buffone hanno a capo del partito. Chissà se proprio Bersani Gargamella sbiancherà il pinocchietto tuttofare. Ah ah ah ah.

Giovanmario

Ven, 27/02/2015 - 16:56

ma sì.. ci sarà un pò di maretta ma poi.. è chiaro che nessuno di loro vuol tornare a casa... ad aspettare l'agognata pensione

acam

Ven, 27/02/2015 - 17:11

er coso spento a gia discusso tanto che nel discutere sie dimenticato che l'italia stava affondando

jeanlage

Ven, 27/02/2015 - 17:12

Siccome è ora di discutere, lascio il tavolo della discussione. Luminoso esempio della coerenza e dell'intelligenza bersaniana. Sua e di quel 25% di Italiani che lo hanno votato.

Libertà75

Ven, 27/02/2015 - 17:12

il PD vuole avere piena maggioranza e piena opposizione... pregasi tutti gli altri uscire, si fa tutto in casa PD

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Ven, 27/02/2015 - 17:13

Il ragazzotto di Firenze proprio non la vuol capire. E' più facile che il cammello passi attraverso la cruna dell'ago che un comunista diventi socialdemocratico. Si dice così?

unosolo

Ven, 27/02/2015 - 17:45

forse riuscirà a rovinare il PD come ha fatto con l'incarico di formare il governo, l'uomo del no a prescindere come l'Epifani , sempre contro il governo di CDX ma mai contro il loro governo , oggi si scanzano per non essere in condizioni di votare contro , questo dimostra che sono d'accordo col PCM ma non vuole che la base lo capisca . no ! si deve avere il coraggio di affrontarsi e dire no ! ma in faccia e davanti ai componenti del governo .

Ritratto di ...sognoitagliano.

...sognoitagliano.

Ven, 27/02/2015 - 17:49

nel cosiddetto partito cosiddetto democratico è ormai lotta tra bande, come è logico che sia

apostata

Ven, 27/02/2015 - 17:52

Siamo alla guerra per bande: da una parte il famoso pettinatore di bambole, alimentatore d’odio rottamato in pectore che, nella tradizione comunista, contro le decisioni della maggioranza, cerca disperatamente di salvare il salvabile della sua poltrona e di quelle, oggi vuote, dei suoi sodali a cominciare dalla rosi, dall’altra c’è un giovane al quale non si può non dare atto di aver preso coscienza della necessità di rapportarsi col bacino potenziale di 10 milioni di voti di centro destra.

agosvac

Ven, 27/02/2015 - 18:00

Questi del PD sono proprio incomprensibili. Non che io voglia difendere Renzi che di cxxxxxe ne sta facendo anche più del necessario, ma se la minoranza PD non lo vuole più perché non fanno cadere il suo Governo votando NO in uno dei tanti voti di fiducia??? In questo modo fanno capire che tengono di più alla loro carica di "onorevoli" che alla loro dignità!!! Che la smettano di fare opposizione interna, facciano in modo che si vada a nuove elezioni così si possono contare. Del resto credo che in Italia ci sia la necessità assoluta di vederci chiaro: sapere quali siano le reali forze politiche in campo. Lo hanno fatto in Spagna addirittura nel pieno della crisi economica ed ora è una delle poche nazioni che ha una crescita più che positiva, molto maggiore di quella di cruccolandia!!!

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 27/02/2015 - 18:11

Sono arrivati ai materassi...

odifrep

Ven, 27/02/2015 - 18:23

La direzione del Pd è monca: si è disciolta l'aliquota pecocaproide. Adesso è chiaro il perché qualche volta ho usato il termine moncopecocaproide? E' una sinastria molto in voga negli ambienti dei sinistrati.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Ven, 27/02/2015 - 18:54

CHI LA FA L'ASPETTI. FONZI NON ANDAVA ALLE DIREZIONI NAZIONALI DI BERSANI KE ORA LO RIPAGA DI EGUAL MONETA RITENENDOLE A SUA VOLTA INUTILI. CMQ CARO BERSANI E CARO D'ALEMA KI E' CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO. QUESTO CxxxxxxE CELO AVETE MESSO VOI ALLA SEGRETERIA E A PALAZZO CHIGI E ORA PURTROPPO CELO DOBBIAMO PUPPARE A LUNGO.

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 27/02/2015 - 18:54

Certo, nei nostri desiderata sarebbe bellissimo un pd frantumato, pronto a cadere sotto i nostri deboli colpi. Ma non è così! E' meglio rassegnarsi e trovare altre forme, oltre a quella di mettere zizzania, per combattere il nemico di sempre... sempre che anche il Cav. lo consideri tale, cosa tutta da dimostrare. Loro, e con "loro" intendo i rossi, nel momento del bisogno, quando realmente c'è da decidere se tener sù o far cadere il governo, loro si troveranno sempre d'accordo, ricordatevelo! C'è il potere a tenerli insieme, perchè se è vero che dal 2011 Forza Italia è piombata dal 38 al 14% (secondo me anche meno) dei consensi, è altrettanto vero che se cade il parolaio fiorentino trascina con sè il suo partito in un baratro di cui è difficile vedere il fondo. E loro avranno anche tre narici, non saranno molto intelligenti, ma sono furbetti, e non hanno la benchè minima intenzione di suicidarsi come ha fatto l'uomo di Arcore. Experientia docet!

mifra77

Ven, 27/02/2015 - 18:59

Renzi e la sua congrega non si stancano di sparare idiozie, vendendole per lampi di genio!

mifra77

Ven, 27/02/2015 - 19:10

Bersani e PD non volendo allearsi con Berlusconi, hanno provato a costruirsene uno per conto loro in casa! Devono riconoscere di aver proprio sbagliato tutto; hanno fatto un fantoccio peggio dell'originale ed adesso non sanno come tagliare i fili.

unosolo

Ven, 27/02/2015 - 19:13

sono falsi , quando non si presentano non hanno dignità , praticamente come nelle votazioni nei due rami del parlamento escono per dar modo che le leggi passano cosi lo fanno nelle riunioni in cui devono parlare alla base , disertando alla base dicono una cosa mentre nella riunione passa la linea del capo , sottomessi ma non lo dicono per non pedere consensi , non ci crederete ma la base pensa come vogliono i loro piccoli liderini.

RawPower75

Ven, 27/02/2015 - 21:46

Che finalmente qualcuno nel PD stia cominciando a ragionare? Magari si sono accorti che i diktat di Renzi hanno proprio poco "di sinistra"...

acam

Ven, 27/02/2015 - 22:08

jeanlage Ven, 27/02/2015 - 17:12 eccellente osservazione

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 28/02/2015 - 00:17

State sereni: non si separeranno mai! Troppe ricche poltrone li uniscono.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 28/02/2015 - 00:40

Si decidano a dividersi e la finiscano con questa manfrina. Arriveremo finalmente alla fine di questa carnevalata di NEODEMOCRISTIANI TRAVESTITI DA COMUNISTI SOLO PER RIPRENDERSI LE FORCHETTE CHE GLI ERANO STATE TOLTE DI MANO DALLE TOGHE ROSSE.

mariobaffo

Sab, 28/02/2015 - 01:49

L' Italia è piena di gente che discute e basta.Renzi appena puoi fatti il tuo partito,e lascia questi rompicxxxi

Iacobellig

Sab, 28/02/2015 - 07:31

Bene, è il momento di fermare il bullo e la sua squadra attaccata solo alla poltrona, Il bullo ha fatto fin'ora tutto quello che è servito alla sua campagna elettorale. Un incompetente che fa deridere il paese Italia all'estero!

unosolo

Sab, 28/02/2015 - 07:50

sono falsi è vero , controllano tutto da qualche anno , esempio ? il PIL , ogni tanto dicono " sale " confrontando i giorni di lavoro reali tra il governo di CDX e quello di SX esiste una differenza enorme , con il CDX al governo i sindacati scioperavano quasi tutti i giorni mentre con i governo di sx sono rintanati , vuoi vedere che era un piano studiato e ci hanno fregato miliardi e abbiamo perso diverse fabbriche per la pressione elevata delle tasse sia per industrie che sulla busta paga oltre quelle sulla casa.ci stanno togliendo quei pochi soldi che prendiamo di stipendio , .