Pd in retromarcia sui vitalizi Grillini scatenati: fate schifo

No dei senatori dem all'approvazione d'urgenza della riforma Richetti. Bagarre M5s in Aula tra urla e insulti

Sui vitalizi si scatena l'ultima bagarre in Aula al Senato prima del rompete le righe. Il tema, d'altra parte, era di quelli delicati.

E l'asse Pd-M5S che aveva portato pochi giorni fa all'approvazione della proposta di legge Richetti sull'abolizione dei vitalizi ai parlamentari si è sciolto al primo sole d'agosto, trasformando gli avversari di sempre negli alleati di un giorno. Il casus belli è stata la proposta dei pentastellati di votare la procedura d'urgenza per calendarizzare il ddl in tempi più brevi, votata e bocciata dall'Aula, Pd compreso, con la sola eccezione della Lega.

A quel punto si è scatenato il caos, con i senatori Cinque Stelle che hanno cominciato a urlare «buffoni» ai colleghi dem. Nel mirino soprattutto il capogruppo Pd, Luigi Zanda, che nel suo intervento aveva bollato come un «bluff» e una mera mossa di «propaganda» la richiesta arrivata dai grillini. «La richiesta d'urgenza - ha spiegato il presidente dei senatori del Partito democratico - viene dal Movimento 5 stelle e arriva ad agosto, 24 ore prima della chiusura del Senato per le ferie. Se anche l'Aula dovesse accoglierla, il dibattito in Commissione non potrebbe iniziare prima di settembre». Insomma, per Zanda «presentare proprio ora, a poche ore dalla sospensione dei nostri lavori, una richiesta di urgenza» non farebbe che provare che «il Movimento 5 stelle continua a praticare una politica parlamentare tutta puntata sulla ricerca non di quel che è più urgente per risolvere i problemi dell'Italia, quanto su quel che può servirgli per battere la gran cassa della propaganda».

La dichiarazione di voto (contrario) di Zanda ha scaldato e molto gli animi pentastellati. Che, per nulla convinti dalla giustificazione del rinvio comunque inevitabile al prossimo autunno, hanno dato sfogo alla propria ira non solo in Aula ma anche sui social. Così il senatore M5s Nicola Morra, a proposito dell'«intervento con cui il capogruppo Pd in Senato, Luigi Zanda, annunciava che il suo gruppo si sarebbe opposto alla dichiarazione d'urgenza che noi abbiamo chiesto», ha pensato bene di definire in un post su Facebook le parole del collega dem «solo ipocrite e vomitevoli». Sufficienti, tra l'altro, a far dire a Morra che non vorrebbe «neanche morto» alleanze «con certa gente». Metafora emetica anche per la senatrice Paola Taverna, che sempre su Facebook pubblica, come commento a una foto del gruppo Pd in Aula al Senato, un attacco ad alzo zero: «Vomito Pd. Hanno fatto tutto lo schifo del mondo ma ora sull'abolizione dei vitalizi ci devono pensare bene. Per fregare gli italiani con le banche quanto ci avete pensato? Li dovete guardare bene e ricordarli uno per uno». Stesso social anche per l'esternazione sul tema di Alessandro Di Battista, che ironizza sulla «storia del Pd che vuole tagliare davvero i vitalizi» ma poi boccia la procedura d'urgenza: «Sapere che argomentazioni - ha ringhiato il deputato grillino - hanno tirato fuori questi cialtroncelli? Dobbiamo studiare bene la proposta».

All'attacco del Pd d'altra parte era andato già dal mattino il blog di Beppe Grillo, che del provvedimento anticasta intende fare una bandiera, tanto da aver previsto e anticipato il «clamoroso voltafaccia» in Senato del Pd, che «ha perso il pelo però il vitalizio non vuole perderlo». E al coro pentastellato si unisce, per una volta, anche Matteo Salvini, con il Carroccio unica altra forza politica che, come detto, ieri ha votato a favore della procedura d'urgenza. «Taglio dei vitalizi, in Senato il Pd ha rinviato l'approvazione della legge a dopo le vacanze. Vergogna! #renziacasa #andiamoagovernare», ha scritto il segretario della Lega.

A replicare per il Pd provvede il vicepresidente vicario dem a Palazzo Madama, Claudio Martini: «Le parole postate sui social dai senatori del M5s Morra e Taverna contro Zanda e i senatori Pd sono inqualificabili insulti, indegni di un'Aula parlamentare. Chiedere l'urgenza ad agosto sui vitalizi è solo un bluff demagogico, perché l'esame del provvedimento proposto dal Pd comincerebbe comunque a settembre. Solo demagogia, populismo e insulti, questo è il M5s».

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 02/08/2017 - 09:21

Hanno ragione i grillini. Quelli del PD dimostrano di avere un apparatto arraffa tutto, vitalizi compresi, anche se ingiusti, anche se avevano promesso di toglierli. Non li toglieranno mai, i soliti sinistri. Poi vanno in giro a parlare di equità, uguaglianza, morale. Pensano che tutti siano scemi. Beh, però ce ne sono abbastanza, visto quanti lo votano.

Blueray

Mer, 02/08/2017 - 09:44

A questo punto è legittimo chiedersi come si era formato l'asse Pd-5S perché sembra surreale un accordo che fallisce per una proposta di urgenza. Mah!

Fjr

Mer, 02/08/2017 - 09:44

Ladri ,punto e basta

Duka

Mer, 02/08/2017 - 09:46

FATE SCHIFO!!!! solo questo siete molto molto generosi.

salvofranco

Mer, 02/08/2017 - 10:18

Blueray 09:44 - Ma quale asse Pd-5S?! Insomma lo vogliamo capire o no che i 5stelle sono il peggior incubo per quei ladroni e traditori del piddielle e piddimenoelle? Altrimenti perchè verrebbero attaccati tutti i giorni da tutte le testate di cdx e csx? così per gioco? Serve Einstein per capirlo?! comunque tranquilli: al prossimo giro, se gli italiani non si sono fatti completamente rimbecillire da quei giuda, forse ce la facciamo a mandarli a casa...

donald2017

Mer, 02/08/2017 - 10:29

il corvo che dice al merlo come sei nero; buffoni nati e parassiti incalliti su entrambe le sponde

Marcello.508

Mer, 02/08/2017 - 10:51

Chissà, togliendo la retroattività (su cui la corte costituzionale potrebbe avere molto da ridire) e, a effetto domino, eventuali conseguenze su tutti i comuni cittadini, si sarebbe potuto raggiungere un accordo. Ma gnente, il lupo tale è e tale resta con buona pace dell'art. 3 della costituzione.

Alessio2012

Mer, 02/08/2017 - 11:20

SONO SOLO SCENEGGIATE. DE LUCA IN CAMPANIA HA INSERITO UNA NORMATIVA CHE PERMETTE, A CHI LO VUOLE, DI RINUNCIARE AI VITALIZI. NON C'E' UN GRILLINO CHE ABBIA RINUNCIATO!

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 02/08/2017 - 11:36

---il casus belli è la retroattività----le persone che riescono ad andare più a fondo della semplice e superficiale propaganda politica forse un giorno ringrazieranno il pd e forza italia per essersi impuntati sul decreto legge---fuori da ogni ipocrisia bisogna anche dire che forza italia non può prendere una posizione favorevole su una legge concepita con la retroattività per non invalidare la battaglia che sta sostenendo da tempo il suo capo---swag

Ritratto di Manigoldo55

Manigoldo55

Mer, 02/08/2017 - 12:02

MA CREDIAMO ANCORA A QUESTI SUPER IPOCRITI.... SI FANNO BELLI DAVANTI ALLA GENTE PER POI METTERCELO NEL..... GRAN BASTARDI E ANCOR DI PIU IL LORO RACCONTA FROTTOLE DEL SEGRETARIO PIU' VADO AVANTI PER CERTI VERSI NON VORREI ESSERE ITALIANO, MI VERGOGNO DI ESSERE RAPPRESENTATO DALLA CATEGORIA POLITICA CHE ABBIAMO. SIAMO SBERTUCCIATI DA TUTTI... ABBIAMO UNA CAPITALE IN BALIA DEGLI EVENTI SPORCA E MAL GOVERNATA, LE CITTA' IN GENERALE SONO IN PREDA A GENTE MALEDUCATA E MALVIVENTI E LORO SE NE VANNO IN FERIE... SONO DEI MALVAGI DA DESTRA A SINISTRA....

vinvince

Mer, 02/08/2017 - 12:22

Ipocrisia a parte dei 5 stelle ... ma se ne accorgono solo adesso ??? Svegli i ragazzotti !!!

PERCHE

Mer, 02/08/2017 - 13:01

Quando si richiede la messa in calendario per l'approvazione d'urgenza il giorno prima delle chiusura delle camere non è tutto un prendere per i fondelli per farsi campagna elettorale? Poi non capisco l'insistenza del giornale con questa notizia. Forza Italia come ha votat os eha votato? quello non se lo chiede?