Pd, Sala boccia l'ipotesi primarie. E critica Renzi: "Conferenza stampa ambigua"

Sala: "Ci siamo messi su un piedistallo e di questo si paga un prezzo. Ora è il momento di stare all’opposizione e ricostruire il Pd. Non alleiamoci con nessuno"

Il sindaco di Milano, Beppe Sala, si inserisce nel dibattito sul futuro del Partito democratico. Il succo del suo discorso è questo: no ad alleanze con altri partiti, bisogna stare all’opposizione e ricostruire il partito. In un'intervista su Radio Rai 1 Sala osserva che "è il momento di stare all’opposizione, non alleiamoci con nessuno". E chiarisce: "Non ho la tessera del Pd, ma sono un elettore". Andando nello specifico il primo cittadino di Milano prova ad analizzare la sconfitta: "Noi ci siamo messi su un piedistallo e di questo si paga un prezzo".

Sala osserva che "le primarie adesso sono un atto da egoriferiti. Non dobbiamo approfittare della pazienza degli elettori di sinistra. Gli elettori del Pd e della sinistra vogliono sapere qual è il programma e cosa si fa oggi". E riguardo all’ipotesi di primarie nel Pd, chiarisce: "Quali primarie e primarie, un’altra lotta tra galli?". Segue un'amara considerazione: "Il 19 % oggi è il valore giusto del Pd. Così dicono i numeri".

Con una sinistra che sembra ormai allo sbando Sala prova a dare la scossa: "Le chiacchiere stanno a zero e poteva anche essere peggio. Bisogna reagire velocemente e la reazione più sbagliata è mettersi a fare abusando della fiducia degli elettori".

Quanto a Matteo Renzi il sindco di Milano mette le mani avanti: "Ho sempre avuto un rapporto non facilissimo, mi scoccia anche, però, che le colpe siano buttate addosso a Renzi. Certamente ci sono tante cose non apprezzate, ad esempio non ho apprezzato la conferenza stampa ambigua del giorno dopo le elezioni". E quersta ambiguità non è piaciuta a tanti nel Pd, non solo a Sala.

Commenti

Tarantasio

Ven, 09/03/2018 - 14:15

''I sostituti Pg Vincenzo Calia e Massimo Gaballo hanno chiesto il rinvio a giudizio per il sindaco di Milano Giuseppe Sala in relazione alla fornitura di 6mila alberi per il sito di Expo...''

Ritratto di massacrato

massacrato

Ven, 09/03/2018 - 16:18

Meglio non ricostruire. Tutto inizia e finisce, il bene e il male. Poi mutano sembianza e non sempre migliorano, ma comunque evolvono e difficilmente tornano.