Pensionati, in arrivo la quattordicesima per chi prende meno di mille euro

Decurtazione fra il 4,5 e il 5% per ogni anno di anticipo dell'uscita

Roma. L'estenuante dibattito sull'anticipo pensionistico (Ape), che per fortuna volge al termine, ha avuto un effetto imprevisto: ha determinato negli italiani una maggiore sfiducia nella previdenza pubblica. Poter evitare la trappola del lavoro fino a quasi 67 anni, come previsto dalla riforma Fornero, ma al prezzo di una penalizzazione sotto forma di interessi sul prestito pensionistico, ha reso ancor più interessante (e diremmo quasi necessario) concentrarsi anche sul secondo pilastro previdenziale: la pensione integrativa.

Insomma, non sono bastate le recenti rassicurazioni, ribadite ieri sera dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini, sulla detraibilità del 50% degli interessi pagati sul prestito pensionistico che dovrebbe ridurre gli oneri tra il 4,5 e il 5% per ogni anno di anticipo (il cosiddetto «Ape social» per le categorie svantaggiate sarà totalmente a carico dello Stato). L'economista renziano ha poi aggiunto che la quattordicesima aumenterà di 100-150 euro al mese per chi prende fino a 750 euro di pensione, mentre per i pensionati con assegni fino a mille euro, che oggi non la ricevono, si aggiungeranno tra i 330 e i 500 euro al mese.

La gente, tuttavia, vuole poter contare su un gruzzoletto aggiuntivo una volta lasciato il posto di lavoro. Secondo un'analisi del comparatore Internet Facile.it, a settembre le richieste di informazioni legate ai piani pensionistici individuali (Pip) sono triplicate se confrontate col medesimo periodo del 2015. Il maggiore interesse per i Pip è stato dimostrato dai dipendenti privati che, con il 53% del totale rappresentano la fetta maggiore dei lavoratori che hanno cominciato a raccogliere informazioni. Alle loro spalle ma molto distanziati si trovano i liberi professionisti (23,5%), mentre al terzo posto spuntano le casalinghe (14%). Il futuro pensionistico non è roseo per chi è già inserito nel mondo del lavoro, ma è probabile che sia ancora peggiore per gli studenti di oggi. Circa il 10% delle richieste è legato a prodotti dedicati agli studenti, ovviamente richiesti dai genitori.

Nel corso del primo trimestre 2016, ricorda Facile.it citando i dati Covip, l'adesione ai Pip è cresciuta del 4,6% e le risorse destinate a questo genere di previdenza complementare sono aumentate del 7,6%, arrivando ad un numero complessivo di iscritti pari a 2,714 milioni, per un totale del patrimonio accumulato pari a 21,6 miliardi di euro. Facile.it ha poi elaborato alcune simulazioni. Un lavoratore dipendente di 41 anni, 19 anni di anzianità lavorativa ed età presunta di pensione pari a 66 anni (e quindi un'ipotesi di contribuzione integrativa pari a 25 anni), al momento dell'uscita avrà un assegno inferiore del 15% rispetto all'ultimo reddito. Versando 100 euro al mese per 25 anni con un piano equamente diviso fra gestione separata e fondo azionario, riceverà ogni mese 144,5 euro. Che sono meglio di niente.

Commenti

unosolo

Ven, 14/10/2016 - 10:03

comunque questo dimostra incapacità gestionale , pur di galleggiare fanno incitamento ad evadere contributi , operai che hanno lavorato una vita che vengono sorpassati da chi non ha versato contributi , pensionati che tramite una sentenza dovevano essere risarciti e la perequazione saltata nonostante una sentenza , ladri , pur di galleggiare regalano i soldi rubati a chi ha veramente reso grande la Nazione , attenzione senza quei pensionati mai i parlamentari avrebbero avuto stipendi e diritti che si sono regalati , governo ladro e incita alla evasione fiscale regalando soldi a chi non ha prodotto PIL,quello sconosciuto a questo governo,.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Ven, 14/10/2016 - 10:05

Dalla "pasta a chi vota" alla quattordicesima a chi vota "si"...

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 14/10/2016 - 10:09

Prendendo l'esempio e facendo i conti della casalinga: verso per 25 anni un totale di E. 30.000,00 a 66 anni mi daranno E. 1734,00 annuali. Visto che la maggioranza non arriva vivo a 96 anni,se metto i soldi sotto la mattonella godrò come minimo di E.3.000,00 annui...

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 14/10/2016 - 10:12

P.s: O perlomeno con la stessa cifra di 1.734,per 17 anni con vita fino a 83 anni e senza pericolo di fallimento assicurazione e/o ente previdenziale

conviene

Ven, 14/10/2016 - 10:14

Anche questa la considerate una mancia referendaria?

linoalo1

Ven, 14/10/2016 - 10:52

Attenti,Italiani!!!Queste sono solo parole,o meglio,Promesse!!!Promesse prima di un Voto!!!E, ben sapete,che fine fanno le Promesse del Marinaio Renzi!!!!

unosolo

Ven, 14/10/2016 - 12:37

conviene,, è il furto effettuato ai lavoratori del PIL quelli veri , oggi pensionati e derubati di 1500 euro x anno e questo da tre anni in qua , saluti , tra ladri e parolai ve la sbattete la legalità , un pensionato che ha assegno di 1050 euro si vede sorpassato da chi non ha versato contributi , ladri e incompetenti che incitano a non versare contributi quelli che servono per avere servizi , ladri.

unosolo

Ven, 14/10/2016 - 12:40

come mai nessun PD o fiancheggiatore parla anche del TIKET appiopppato a persone anziane e malati che ne necessitano ? quello non lo dicono in quanto non è mancia ma un salasso proprio ai deboli , non è mancia è salasso e si nasconde.ladri