In pensione prima del tempo ma con gli interessi da pagare

Chi ha 63 anni di età e 20 di contributi potrà chiedere un prestito bancario per lasciare il lavoro in anticipo

Nessun regalo. L'anticipo della pensione fino a 3 anni e 7 mesi si dovrà pagare per intero, interessi compresi, per venti anni. Il decreto varato ieri dal Consiglio dei ministri regola infatti l'Ape volontaria, diversa dalla versione «sociale», approvata dal governo a maggio, che è totalmente gratuita per i pensionandi e quindi a carico della fiscalità generale.

I CASI

Il conto dell'anticipo pensionistico lo pagano i diretti interessati. In cambio di tre anni e sette mesi di libertà dal lavoro, un pensionato da 3.000 euro lordi al mese (circa 2.100 netti), avrà un assegno anticipato di poco superiore ai 1.600 euro. Poi, una volta maturati i requisiti per la pensione regolare, dovrà restituire 330 euro al mese. Il suo assegno sarà di 1.780, tra il 13 e il 15% in meno di quanto avrebbe percepito senza anticipo. In tutto, sui 20 anni, sono circa 86 mila euro, a fronte di un prestito di 57.600 euro. Con una pensione che al momento della domanda è di 4.000 euro lordi al mese (2.700 netti), il trattamento anticipato sarà intorno ai 2.000 euro. La rata mensile da restituire al termine dei tre anni, 2.200 euro al mese, con una trattenuta di 421 euro. Con una pensione netta di 1.500 euro, sempre per 36 mesi, di potrà ottenere 1.170 euro al mese e poi una pensione definitiva di 1.300 euro al mese, decurtata per 20 anni per circa 240 euro.

A CHI SPETTA

L'Ape volontaria, a differenza di quella social che è riservata a determinate categorie di lavoratori disagiati o precoci, riguarda tutti i lavoratori. Pubblici, privati, autonomi e iscritti alla gestione separata Inps. Non chi aderisce a casse autonome. Potranno richiedere un anticipo della pensione da sei fino a massimi 43 mesi grazie a un prestito concesso dalle banche, che dovranno restituire una volta maturato il diritto alla pensione di vecchiaia.

I REQUISITI

Sono quelli dell'età, cioè l'avere compiuto 63 anni entro il 31 dicembre del 2017 e avere maturato almeno 20 anni di contributi. Devono mancare alla pensione al massimo 3 anni e sette mesi, con una certa flessibilità dovuta agli eventuali aumenti dell'età pensionabile dovuta alle speranze di vita. Quando, nel 2019, l'età pensionabile andrà a 67 anni tondi, chi chiederà l'Ape volontaria potrà eventualmente anticipare fino a 3 anni e 10 mesi. Chiaramente pagando un costo più alto. Altri paletti: non essere titolari di altre pensioni e avere diritto a un assegno che non sia inferiore a 1,4 volte il minimo (oggi 702 euro).

A QUANTO AMMONTA L'APE

Il dato base è la pensione maturata quando si presenta la domanda. Quindi dal maggio 2017 (il decreto approvato ieri prevede che la norma sia retroattiva e rispetti le date fissate dalla legge di Stabilità). Il massimo che si potrà ottenere è il 90% del netto, se l'anticipo non supera i 12 mesi. La percentuale scende all'85% se è fino a 24 mesi, 80% fino a 36 e 75% da fino a 43 mesi.

QUANTO COSTA

L'anticipo non è gratis e non solo perché l'assegno ponte che porterà il lavoratore alla pensione piena sarà totalmente restituito in 260 rate per 20 anni mediante una trattenuta Inps. Ci sono commissioni e interessi. Nello specifico, una commissione per accedere al fondo di garanzia dell'1,6%. È una assicurazione che copre le banche nel caso in cui il pensionato muoia prima dei 20 anni. Poi il tasso di interesse. L'accordo tra il governo e l'Abi, l'associazione delle banche, non è ancora stato siglato, ma un possibile tasso di interesse è già stato ipotizzato ed è al 2,8%. In sostanza il prestito ha un costo del 4,4%. Anche se gli oneri del prestito potranno essere detraibili per il 50%. La pensione anticipata volontaria è calcolata al netto anche perché si tratta di un prestito ed è quindi esentasse. Al termine dei 20 anni, l'assegno previdenziale tornerà intero. Non si dovranno più pagare né la rata né gli interessi, né l'assicurazione.

Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mar, 05/09/2017 - 08:26

allora,sfatiam oun mito:non è che l'inps regali qualcosa..chi va in pensione,politici esclusi,è perchè ha VERSATO dei bei soldi alle casse per almeno 40anni..quindi,nessun regalo,ma un DIRITTO!! chje la fornero,il saccente eurpista,manovrati dall'emerito lkomunista con 4 pensioni d'oro,ha promulgato sulle spalle dei contribuenti onesti

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 05/09/2017 - 08:31

Ma che bello,questo vale anche per i tanto ONOREVOLI deputati e senatori e giudici e boiardi di stato????

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 05/09/2017 - 08:36

fanno solo calcoli, non sanno fare altro. Allora fatemi questo calcolo, se uno non ha mai versato un contributo(questo non vuol dire che non ha mai lavorato) per quale motivo dovrà percepire una pensione minima? Se moltiplichiamo zero(contributi) per gli anni sarà sempre zero. Allora se volete dare una pensione a tutti ma che calcoli fate, dategli quello che spetta e senza far perdere tempo. Ti do, poi sottraiamo, poi moltiplichiamo, dopo aggiungiamo, poi dividiamo.... ma chi volete prendere in giro, chi ha portato avanti veramente sul groppone l'economia italiana? L'operaio 30 anni di servizio e via a casa con la sua meritata oensione e via le pensioni sociali, dovevano darsi da fare prima o dovevate obbligarli lavorare, la guerra èfinita da mo', quindiniente scuse. Maqui si regalano soldi a tutti meno chi li ha versati, ma vi rendete conto?

gneo58

Mar, 05/09/2017 - 08:39

Gran casino. E ditemi, chi percepisce 1200 euro al mese e ha gia' 39-40 anni di contributi alle spalle ? come la mettiamo ?

Ritratto di italiota

italiota

Mar, 05/09/2017 - 08:51

della serie: vuoi andare in pensione ? paga !!

jaguar

Mar, 05/09/2017 - 09:00

Da lavoratore precoce e disoccupato, posso dire tranquillamente che negli ultimi anni siamo stati governati da delinquenti, e lo stesso si può dire dei sindacati.

dare 54

Mar, 05/09/2017 - 09:04

Nessun regalo ai pensionandi. Ma, dopo l'eterno deficit pubblico che ci costa fior di interessi per le banche, ecco un altro regalino. Sempre alle banche! Ed anche alle Assicurazioni.

semelor

Mar, 05/09/2017 - 09:13

Sempre peggio, pensare che li paghiamo pure questi emeriti deficienti per aver queste trovate, invece sono dei furboni siamo noi cittadini che dobbiamo coprire gli enormi sprechi di questo paese mentre i boiaridi di stato nuotano nel letame dei loro diritti acquisiti. La speranza è un bene indispensabile per la vita, quando l'aria che si respira, siamo molto arrabbiati e vogliamo votare!

i-taglianibravagente

Mar, 05/09/2017 - 09:25

espatriate finche' potete.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mar, 05/09/2017 - 09:40

Grande FAVORE della politica di Stato a Banche e Assicurazioni (il richiedente dovrà sottoscrivere anche una clausola assicurativa che ricadrà sugli eredi : a quell'età, nei 20anni successivi possono accadere "molto cose"...) e se ne comprende il motivo : con i RENDIMENTI DI QUALSIASI TIPO DI INVESTIMENTO precipitati a zero negli ultimi anni a causa delle politiche monetarie delle banche centrali, per banche e assicurazioni potere contare su rendimenti in media del 5% (a tanto corrisponde l'interesse sull'APE che il sottoscrittore dovrà corrispondere) È TUTTO GRASSO CHE COLA. Se poi i sottoscrittori saranno in TANTI (così ha immaginato il governo italiano per favorire banche e assicurazioni) meglio ancora.

guardiano

Mar, 05/09/2017 - 09:42

Hai capito i ladri rossi al governo, prima ti aumentano l'età pensionabile in barba ai tanto sbandierati diritti acquisiti (quando fa comodo a loro) poi magnanimi ti fanno un regalo, vai in pensione all'età che era concordata ma paghi gli interessi, stiamo attenti che questi politici in combutta con la comunità europea ne stanno pensando un'altra, quella delle banche che grosso modo dice, se una banca va in crisi e tu vuoi ritirare i tuoi soldi non puoi più ma devi aspettare i tempi che decideranno loro, vuoi vedere che stanno pensando di applicare la stessa prassi delle pensioni, puoi prelevare i tuoi soldi subito ma devi pagarmi gli interessi per un tot di anni, che saranno decisi con mgnanimità sempre da loro, se questi non si chiamano furti ditemi come li dobbiamo chiamare.

Ritratto di rebecca

rebecca

Mar, 05/09/2017 - 09:48

un altro regalo alle banche e alle assicurazioni

Ritratto di bgtony

bgtony

Mar, 05/09/2017 - 10:50

Ladri

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 05/09/2017 - 11:00

ma parlate di pensioni favolose 1600, 1700 2000 e 3000 al mese siete tutti ricchi in Italia.

Tarantasio

Mar, 05/09/2017 - 11:52

date ai pensionati 35 euro al giorno, telefono e pasti gratis, benefit vari, esenzione trasporti e sia finita...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 05/09/2017 - 12:02

Ma guarda se per 1 anno di pensione, poi decurtata, devo pagare per 20 anni, magari lasciando il debito ai nipoti. Grande truffa. Serve solo per dire che il lavoro aumenta (perchè forse verranno sostituiti) per far numero, ingrtossando le fila dei pensionati e la spesa che va nel debito, che aumenta vertiginosamente (da paura negli ultimi 6 anni) tanto lo pagheranno i soliti pistola, cioè tutti noi. Grazie, fregate qualcun altro.

VittorioMar

Mar, 05/09/2017 - 12:41

..L'INPS E' NATO NEL 1933!!...PER QUANTO TEMPO ANCORA POTRA' RESISTERE ??..PAGANDO PENSIONI A CHI NON HA DIRITTO ??...PER RICONGIUNGIMENTI FASULLI ??...PER SPRECHI DI STIPENDI A MANAGER ??...PER PAGARE SINDACATI..CAF.E ALTRE SOTTO MARCHETTE ??...PREPARIAMOCI AL FALLIMENTO DELL'ISTITUTO !!..SI DEVE SPERARE DI NO ...MA !!!

nerinaneri

Mar, 05/09/2017 - 12:47

...buono per me...

gonggong

Mar, 05/09/2017 - 13:41

dov'e' il sindacato PAPPONE E DELINQUENTE E PARASSITA??? loro a casa con 10 anni di legislazione con stipendi da favola,il popolo (per chi ci arriva) dopo 40/41/42/43 anni BISOGNA VOTARE SALVINI,BISOGNA CANCELLARE QUESTO OBBROBRIO DELLA FORNERO E DEL PD...SPERIAMO CHE VINCA SALVINI

Italiano_medio

Mar, 05/09/2017 - 16:13

MA QUALE PRESTITO BANCARIO Dopo 20 anni di contributi e aarrivato a 63 anni ho già versato tanti di quei soldi che la pensione mi spetta già. Altro che prestito e favore alle banche.

Giovanni53

Mar, 05/09/2017 - 21:22

Cerchiamo di capirci. Anche se pochi lo sanno con 63 anni e 7 mesi e con il contributivo si va già in pensione, ERGO l'APE è una trappola per polli. Il problema Italiano è l'ignoranza e la disinformazione. Ma del resto i Parlamentari li votiamo noi non si eleggono da soli...o mi sbaglio...?

ziobeppe1951

Mar, 05/09/2017 - 21:38

nerinaneri...voi dell'ANPI siete già sistemati

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 06/09/2017 - 08:24

@nerinari - solita masochista, che pur di far danno agli altri, si fa male da sola?

Ritratto di ohm

ohm

Mer, 06/09/2017 - 08:45

Il nostro caro governo ha fatto un'altra bastadata nei confronti dei pensionati prendendoli per la gola. Ha aumentato l'età pensionabile a 67 e 7 mesi ben sapendo che è un traguardo assurdo, adesso te la reduce e devi pagare fino a 87 anni e 7 mesi per mantenere le banche e le assicurazioni ( notoriamente denominato gruppo di ladri legalizzti)pur sapendo che le prospettive di vita sono 85 per le donne e 82 per gli uomni....e anche qui c'è da discutere visto che misono divertito ad annotare tutti I morti delle mia città metropolitan e facendo la media dell'età mi risulta che la prospettiva di vita, se tutto va bene , è 70 anni............quindi ci stanno prendendo per il sedere.