Via le pensioni agli ebrei vittime delle leggi razziali e ai perseguitati politici dal fascismo

Il decreto fiscale del governo prevede un taglio di 50 milioni al Fondo del ministero dell’Economia che, dal 1955, eroga circa 500 euro mensili ai perseguitati politici e agli ebrei nati prima del 1945. Ma il governo nega

Via le pensioni agli ebrei e agli oppositori politici vittime delle persecuzioni fasciste. Il decreto fiscale del governo prevede un taglio di 50 milioni al Fondo del ministero dell’Economia che, dal 1955, eroga circa 500 euro mensili ai perseguitati politici e agli ebrei nati prima del 1945.

Si tratta, come scrive La Stampa che riporta la notizia, di persone che ricevono questo vitalizio come “gesto riparatore” per aver perso il diritto al lavoro e all’istruzione dopo il 1938, o perché sono costretti a fuggire all'estero. Questa misura si inserisce all’interno di un’altra serie di tagli previsti dal decreto e che riguardano gli aiuti alle famiglie e alle imprese. Un modo per fare cassa ma che colpisce perché l'Unione delle comunità ebraiche italiane teme che si possa trattare della cancellazione tout-court del Fondo.

La legge, a firma del senatore comunista Umberto Terracini, risale al 1955 e fino al 1986 ha interessato perlopiù gli antifascisti perseguitati dal regime. Dal 1986, dopo un intervento della Corte costituzionale, hanno avuto accesso al fondo anche gli italiani di fede ebraica vittime del fascismo, i loro coniugi e gli orfani che hanno un reddito annuo inferiore ai 17mila euro. Noemi Di Segni, la presidente dell’Ucei, si è rivolta con una lettera al premier Giuseppe Conte, al ministro dell'Economia Giovanni Tria e al sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti (che ha la delega per i rapporti con le confessioni religiose) per chiedere di poter essere sentita dalla commissione Finanze del Senato che da oggi discuterà il decreto fiscale così da ottenere un ripensamento.

Pronta la replica del viceministro all'Economia, Laura Castelli, che attacca i giornali che hanno diffuso la notizia e poi dice: "Smentiamo in modo categorico che sia stato tolto anche solo un euro dall'assegno per le vittime delle leggi razziali e per i perseguitati dal fascismo per motivi politici. Si tratta di una notizia totalmente priva di fondamento ed è grave che un quotidiano nazionale come La Stampa, poi seguito da altri quotidiani, abbia pubblicato una fake news di questa portata. Il fondo per le pensioni c'è ed è capiente per tutto il 2019. Tutti i beneficiari riceveranno l'intero assegno". E ancora: "Riteniamo quanto fatto circolare sulla 'Stampa-sottolinea- un fatto gravissimo, oltretutto perché riguarda una questione delicata e sensibile quale quella delle vittime della persecuzione. Si tratta dell'ennesima squallida menzogna e ci dispiace che ad essere inconsapevolmente coinvolte in questo clamoroso errore siano persone a cui va tutto il nostro sostegno e la nostra comprensione". Per la Castelli si tratta solo di "falsità" volte solo ad "attaccare il governo" e "gli esponenti delle opposizioni che hanno rilanciato queste falsità, come l'onorevole Fiano, dovrebbero vergognarsi e chiedere scusa".

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 29/10/2018 - 11:41

Ma non lavorano e prendono la pensione come noi? O questo è un extra o reddito di cittadinanza? Dove stà l'uguaglianza?

stefi84

Lun, 29/10/2018 - 12:37

I cittadini italiani devono essere tutti trattati nello stesso modo, vabbè che per l'età ormai saranno in pochi a ricevere questo extra reddito, quindi tanto rumore per nulla.

corretta

Lun, 29/10/2018 - 13:36

Fascisti , nazisti. Le leggi raziali le abbiamo fatte noi o meglio i fascisti. Vergogna

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 29/10/2018 - 13:46

Probabilmente a suo tempo avevano dato questo "appannaggio" forse per farsi perdonare le leggi razziali istituite nel '38. Adesso però assume sempre più l'aspetto di una regalia..

01Claude45

Lun, 29/10/2018 - 14:39

Dopo 80 anni è bene che le AGEVOLAZIONI per risarcimento finiscano. Chi ne aveva diritto, è stato risarcito e/o è morto. Gli orfani e figli oramai sono maggiorenni con lavoro o sono pensionati pur sempre ricevendo il sussidio. Sono del parere che è ora di "metterci una pietra sopra" o dobbiamo "scusarci" per altri 1000 anni? Quanti ITALIANI hanno subito maltrattamenti prima, durante e dopo la guerra e si sono arrangiati senza "mancia" mensile? Molti milioni! Quindi FINIAMOLA di frignare per "farsi mantenere" da chi oggi NON ha colpe per quanto successo 80 anni fa.

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Lun, 29/10/2018 - 14:46

Tagliare tutto sono cose vecchie, tagliare anche le pensione ai clandestini e a tutti quelli che non hanno mai pagato un centesimo di tasse pur essendo benestanti.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Lun, 29/10/2018 - 15:21

ERA ORA. Le cosiddette vittime si sono rifatti alla grande vincendo - di fatto - la Seconda Guerra Mondiale.

Ritratto di Svevus

Svevus

Lun, 29/10/2018 - 18:11

...e basta !!!!!

colian

Lun, 29/10/2018 - 19:06

Non è il caso di toccare questo assegno istituito nel lontano 1955. Proprio perché dalle leggi razziali sono passati 80 anni, ormai si tratta di spiccioli per i pochi sopravvissuti. Sarebbe veramente di cattivo gusto sospendere improvvisamente questo pagamento. Magari c'è qualche 90enne che ci conta per poter pagare l'affitto. Non lo possiamo sapere.

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Lun, 29/10/2018 - 19:21

io sarei per eliminarle queste "pensioni". dopo la guerra e negli anni del boom economico, questi disadattati avranno pur trovato un lavoro. Sempre che l'abbiano poi cercato!

8

Lun, 29/10/2018 - 20:37

Sarebbe ora.

Una-mattina-mi-...

Lun, 29/10/2018 - 21:27

E AGLI ITALIANI PERSEGUITATI DALLE RISORSE A CAUSA DEI GOVERNI DI SINISTRA E ALLE LEGGI RAZZIALI DA LORO VOLUTE, QUALE RISARCIMENTO E' PREVISTO?