Perquisirono stranieri: vigili urbani a processo

Secondo il pm l'operazione era "un manifesto alla legge sul reato di clandestinità"

Meritano sette anni. Perché quel blitz con cui nel 2009 controllarono gli appartamenti di alcuni extracomunitari per motivi di sicurezza, fu violazione di domicilio, oltre che un gesto di «pura propaganda a favore della legge sul reato di clandestinità appena entrata in vigore».

A tanto ammonta, complessivamente, la richiesta di condanna nei confronti di tre vigili urbani e un assessore comunale accusati di aver perquisito senza autorizzazione le abitazioni di quattro africani residenti a Camposampiero (Padova). Nel Veneto alle prese con una percentuale crescente di richiedenti asilo e un'integrazione difficile, costellata da decreti di espulsione contro migranti senza permesso, si celebra il processo contro tre agenti, tra cui l'allora comandante della municipale, finiti alla sbarra per un sopralluogo finalizzato ad accertare la sospettata presenza di migranti irregolari nelle abitazioni.

Respinta la richiesta di archiviazione per i due agenti - a sporgere denuncia per l'accaduto era stata la Cgil, alla quale poi il tribunale ha impedito di costituirsi parte civile, come hanno fatto invece le quattro «vittime» - la Procura aveva riaperto il caso e richiesto il rinvio a giudizio. Fino ad arrivare oggi a sostenere che quelli non furono affatto controlli amministrativi e di sicurezza, come erano stati presentati, ma assimilabili a una perquisizione in piena regola, svolta «senza autorizzazione del magistrato». Meritano, dunque, per concorso di tentata violazione di domicilio e violazione di domicilio - quella negli appartamenti dove non riuscirono a entrare - da parte di pubblico ufficiale due anni a testa l'ex assessore alla Sicurezza di Camposampiero Salvatore Scirè e l'allora comandante Gianni Tosatto. Un anno e sei mesi invece gli agenti della municipale Giulio Zen e Alberto Zilio.

«È da escludere che si trattasse di semplici controlli, come sono stati camuffati poi - è la tesi del pm Maria D'Arpa - Quell'operazione è stata solo propaganda per la legge sulla clandestinità, entrata in vigore nell'agosto dello stesso anno». Ancora: «È stato dato uno schiaffo a fine propagandistico a persone che avevano come unica colpa quella di essere extracomunitari». Secondo il magistrato, un'intervista con cui l'allora assessore annunciava la stretta sulle verifiche sugli irregolari, non era che «il manifesto programmatico della nuova giunta insediata a giugno».

Ecco l'oscuro motivo di quel blitz, ora svelato dalla procura, «sponsorizzare in modo plateale la legge sul reato di clandestinità».

Commenti

veromario

Mar, 19/04/2016 - 08:45

chi occupa gli appartamenti di anziani assenti per cure o altro non li processa nessuno anzi di li non se ne vanno più quello non è violazione di domicilio,mentre per i vigili si,vorrei sapere con esattezza che requisiti vengono richiesti per diventare magistrato.

maurizio50

Mar, 19/04/2016 - 08:59

Un processo messo in piedi da giudici comunisti secondo dettami comunisti: questa è l'Italia del 2016 in mano al PD e associati!!!

GB01

Mar, 19/04/2016 - 09:06

Si sa...della sicurezza di questo paese non interessa a nessuno...basta non fare la figura del "razzista"!

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 19/04/2016 - 09:12

Mi pare giusto, le Forze di Polizia dovrebbero dedicarsi alla "raccolta dei funghi". Quando qualcuno "perquisisce" per furti e rapine creando anche gravi danni, se catturati, generalmente vengono rimessi in libertà il giorno stesso. Grande governo.

franco-a-trier-D

Mar, 19/04/2016 - 09:20

proprio un paese di Pulcinella anche per questi la Europa ride di voi.

franco-a-trier-D

Mar, 19/04/2016 - 09:20

proprio un paese di Pulcinella anche per questi la Europa ride di voi..

Lucky52

Mar, 19/04/2016 - 09:37

La magistratura dovrebbe essere apolitica in Italia invece è più politicizzata degli stessi politici e purtroppo a senso unico: sinistra,sinistra ed ancora sinistra. Questo magistrato dovrebbe se non licenziato essere spedito ad Orgosolo.

Cheyenne

Mar, 19/04/2016 - 09:48

tutti i delinquenti hanno il loro paradiso in italia (cvome a tomstone ai tempoi dei pistoleri) e si fanno sberleffi delle leggi. Se esiste il reato (come esiste) bisogna controllare ovviamente, ma per i nostri impiegati dello stato che si sentono dei non è così, d'altra parte hanno invece condannato varie persone con leggi inesistenti (v. coontrada). BRAVA la cgil (confedereazione generale idioti ladroni) per il suo essere sempre anti-italiana peggio dei peggiori nemici dell'italia. Rimpiango lama che, pur essendo comunista, almeno era una persona seria

Altaj

Mar, 19/04/2016 - 10:17

Se si vuole vivere da delinquenti, protetti dalla stato le soluzioni sono due : entrare nella CGIL o fare il magistrato.

fifaus

Mar, 19/04/2016 - 10:31

BASTA con questa magistratura! abbiamo diritto di vivere sicuri a casa nostra!

DuralexItalia

Mar, 19/04/2016 - 10:35

No comment.

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 19/04/2016 - 10:35

Questo paese è diventato il miglior Centro Allevamento Cxxxxxi al mondo.

Ritratto di Loudness

Loudness

Mar, 19/04/2016 - 10:58

Questi giudici che hanno come missione la tutela dello straniero, pensano che poi saranno ricambiati dallo straniero quando sarà libero di spadroneggiare sul nostro suolo?

Ritratto di PrigionieroPoliticoItaliano

PrigionieroPoli...

Mar, 19/04/2016 - 11:02

Provo una forte sensazione di VOMITO. Non ho parole per descrivere questa magistrata traditrice del popolo italiano. Maria d'Arpa... un'altro nome da ricordare

Ritratto di Svevus

Svevus

Mar, 19/04/2016 - 11:11

Queste prevaricazioni giudiziarie cominceranno a finire quando al posto di scrivere " la Procura aveva riaperto il caso..." si comincerà a scrivere " Il dr. Tizio Caio della Procura di ZW aveva riaperto il caso..." così come avviene per qualunque altra professione o impiego.

Raoul Pontalti

Mar, 19/04/2016 - 11:17

Premesso che processare oggi per fatti accaduti nel 2009 significa buttare tempo e denaro per la prescrizione incombente, va detto che quell'azione fu un'infamia degna di cialtroni permeati di razzismo. I quattro aapartamenti visitati (due perquisiti) erano occupati da immigrati regolari con visto d'ingresso e permesso di soggiorno e il presunto reato di clandestinità non permetteva né l'arresto, né tantomeno il fermo e neppure la perquisizione domiciliare d'iniziativa della polizia giudiziaria. Per la perquisizione domiciliare occorreva il mandato del magistrato e quindi le perquisizioni e le tentate (per opposizione degli interessati) perquisizioni furono azioni arbitrarie previste e punite dall'articolo 609 del codice penale.

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 19/04/2016 - 11:28

Questo paese è diventato il miglior Centro Allevamento Cre - ti - ni al mondo.

venco

Mar, 19/04/2016 - 11:39

Robe da matti, gli immigrati clandestini sono illegali, e non devono assolutamente avere gli stessi diritti dei cittadini.

giosafat

Mar, 19/04/2016 - 11:51

Al pm andrebbe strappata la toga sulla pubblica piazza e messo alla gogna. Nessuno però ha ancora puntato il dito contro chi ha denunciato il fatto, la Cgil, che ancora una volta ha dimostrato di stare sempre dall'altra parte, quella sbagliata e che aveva anche tentato di raggranellare qualche soldo con la costituzione di parte civile. Cgil + magistratura = il più micidiale dei veleni.

Rossana Rossi

Mar, 19/04/2016 - 12:03

Abbiamo già perso........alla luce di queste vergogne di cosa vogliamo parlare, dello schifo dei rossi? Della magistratura schierata? Dell'invasione che non esiste? Dello schifo che facciamo a permettere certe cose? Abbiamo perso, fatevene una ragione e un 'mea culpa'...........

billyserrano

Mar, 19/04/2016 - 12:04

Come si sono permessi quegli agenti di perquisire l'appartamento dei migranti? E se avessero scoperto che erano illegali? E se avessero scoperto anche delle armi? Che figura ci avrebbe fatto la magistratura che doveva indagare e controllare che tutto fosse in regola. E poi cè un fatto di lesa maestà nel riguardo dei giudici, che si sono sentiti scavalcati da dei semplici agenti. Subito risarcimento per i migranti, e un appartamento gratis a vita.

justic2015

Mar, 19/04/2016 - 12:30

Brava questa maria d'arpa a fatto bene condannare i vigili come anno potuto osare perquisire delle risorse senza ordine di uno schifoso magistrato mangia pane a tradimento chi penza di essere questa tizia togliere la scorta sarebbe la cosa piu esatta,cosi probabilmente qualche risorsa incontrandola per le vie potrebbe ringraziarla per il buo lavoro .

justic2015

Mar, 19/04/2016 - 12:42

Maria d'arpa brava merita un trofe` la condanna per quelli deficenti di vigili e giusta perche si son permessi di fare una indagine senza la firma di di un magistrato come dire un mandato fanno veramente pena questi poveri magistrati.

Tuthankamon

Mar, 19/04/2016 - 13:13

La dimostrazione che siamo uno Stato inetto!

Ritratto di gianky53

gianky53

Mar, 19/04/2016 - 13:15

Sempre la Cgil di mezzo. Questi sinistri parassiti anti italiani quando c'erano le tute blu con i sabotaggi che organizzavano sono riusciti a mettere fuori mercato il manifatturiero e adesso con l'industria in agonia si sono buttati sul sociale, per ingrassarsi e completare l'opera di distruzione della società che odiano.

Una-mattina-mi-...

Mar, 19/04/2016 - 13:38

UN PAESE DI CONTINUE FOLLIE

elpaso21

Mar, 19/04/2016 - 16:52

Ci penserà Berlusconi a risolvere tutto :-)

risorgimento2015

Mar, 19/04/2016 - 19:49

L'ITALIA e diventata peggio della svezia & Germania !!