Il pezzo di carta non gli serve a fare il portiere

Altro che ragioniere. Maxi contratto da sei milioni di euro l'anno per cinque anni e via in vacanza ad Ibiza con un aereo privato messo a disposizione dal suo manager Mino Raiola. E la maturità? Nulla. Banco vuoto, troppa la tensione accumulata in questo mese, ha spiegato il suo entourage, troppo lo stress. Tante polemiche ma in fondo la scelta di Gigio è quella giusta. Forse andava solo spiegata meglio. Andava detto che il suo è un altro mestiere, che il «diploma» per ciò che dovrà fare nella sua vita lo ha già preso e che sui libri negli ultimi mesi tra campionato, mondiali under 21 e trasferte varie non è che si sia messo troppo. E allora perchè presentarsi davanti a una commissione d'esame? Per strappare un diploma che forse gli avrebbero regalato onoris causa sportiva con tanto di fotografi e televisioni pronte a riprenderlo? Meglio di no. Soprattutto per rispetto di tutti quei suoi coetanei che per l'esame di maturità studiano davvero, ci perdono le notti e il sonno.

Per tutti quei ragazzi che fanno sport, anche agonistico, ma trovano il modo di diplomarsi e laurearsi. Qualcuno (pochi) c'è anche nel calcio. Gigio ha fatto bene a non presentarsi ma avrebbe dovuto spiegarlo, raccontarlo, scriverlo, twittarlo come va di moda oggi. E magari qualcuno avrebbe potuto anche chiederglielo. Resta il fatto che per come è andata, non è andata benissimo. Donnarumma in questo ultimo mese, tra un contratto tribolato e una maturità «bigiata» ha dissipato un patrimonio di popolarità che non ha prezzo. E chissenefrega del contratto milionario che è riuscito a strappare. Sei, dieci trenta milioni? Perchè scandalizzarsi. Se c'è qualcuno che glieli ha dati ha fatto bene a prenderli, mica li ha rubati. Non ha colpe in tutta questa storia. E' l'etica del mercato, può piacere o meno, ma deve valere sempre. E se il calcio muove questi soldi un motivo ci sarà al di là della morale. Forse qualche responsabilità in più ce l'ha chi lo consiglia, il suo entourage si dice oggi.

Che vuol dir tutto e non vuol dir nulla: famiglia, manager e chi altri non so. Dev'essere passato il concetto che la maturità è un dettaglio con una carriera così davanti. Ed è sicuramente vero nel suo caso. Che ormai la strada è un'altra quindi tanto vale mettere due cose in valigia e andarsene a Ibiza. Che il diploma non serve perchè è un pezzo di carta che non vale certo il contratto appena firmato, che i ragionieri non esistono neanche più, che proprio pochi giorni fa è volato via anche Fantozzi. Ma andava spiegato meglio. Insomma, bastava dirlo.

Commenti

ilbelga

Ven, 07/07/2017 - 12:51

5*6 fanno trenta più quelli che verranno dopo ma scusate a cosa gli serve un diploma???

Malkolinge1603

Ven, 07/07/2017 - 16:21

Forse è l'unica cosa giusta che ha fatto. Prendere il diploma non solo non gli serve, ma è anche una presa in giro nei confronti di chi studia veramente e speranza che con quel titolo possa trovare un lavoro o accedere all'Università.