Quel "piano B" da incubo: resistere fino alle urne

Renzi dice che non si farà "rosolare", ma in realtà non esclude un percorso che gli assicuri la permanenza

Ancora una volta, la Corte costituzionale ci mette lo zampino per tentare di influenzare i tempi della politica. La sentenza sull'Italicum è pronta da tempo, da prima ancora del referendum. Ma i giudici della Consulta la avevano rinviata a subito dopo per non «influenzare» la campagna elettorale. Ora, guarda caso dopo l'annuncio di dimissioni di Renzi, la Corte fa sapere che non consegnerà il suo responso prima del 24 gennaio. Un chiaro tentativo di mettere una zeppa all'agenda pro elezioni del premier dimissionario. E infatti a Palazzo Chigi, incassato il nuovo intervento a gamba tesa delle alte magistrature, si rifanno i conti e si valutano i piani di riserva. Le alternative, ragionano in casa renziana, sono due: o si vota tra il 19 marzo e il 3 aprile, come chiedono i Cinque Stelle e la Lega, ma anche una parte del Pd, ed è il piano A. Oppure, si arriva al 2018. «È quello che vogliono Silvio Berlusconi e Massimo D'Alema», fa notare Renzi. «Ma per arrivare a fine legislatura ci vuole un governo, e lo devono fare insieme». Chi ha vinto il referendum sostenendo il No alle riforme, e Renzi lo ha detto subito dopo il voto, nel suo discorso notturno a Palazzo Chigi, deve prendersi «onori ed oneri» della situazione che ha contribuito a creare, tirando le conseguenze delle proprie scelte. Lui, di certo, non ha intenzione di restare appeso a «farsi rosolare» in attesa della Consulta.

Il piano B, dunque, prevede questo scenario: Renzi formalizza le sue dimissioni subito dopo l'approvazione con fiducia della legge di Stabilità al Senato, domani. Il Quirinale apre le consultazioni, e il segretario del Pd - forte del mandato della Direzione convocata per oggi - va a dire al capo dello Stato che il suo partito è disponibile solo a sostenere un «governo di tutti», inclusi i partiti del fronte del No, che abbia il compito di disegnare la nuova legge elettorale. Un modo per mettere tutti di fronte alle proprie responsabilità, lasciando la palla a Mattarella. E ben sapendo, come fa notare il renziano Roberto Giachetti, che nel fronte del No nessuno ha idee o piani condivisi: «Grillo, che fino a ieri diceva che l'Italicum era un obbrobrio incostituzionale, ora lo vuole allargare anche al Senato. Salvini vuol votare subito ma non col proporzionale. Brunetta invece dice che si può votare solo col proporzionale. Sel non vuole votare e non sa quale legge elettorale proporre». Una cacofonia totale, insomma. Mentre Mattarella fa sapere di considerare «inconcepibile» votare prima di aver «omogeneizzato» le leggi elettorali diverse di Camera e Senato. E a quanto pare è anche una risposta ad Alfano, che aveva evocato elezioni a febbraio e che ora aggiusta il tiro: per quanto riguarda il futuro della legislatura «l'ancoraggio resta il presidente, ci affidiamo a lui».

Oggi Renzi riunisce la direzione per farsi dare un «mandato pieno» con cui gestire la crisi, e per dire che o le forze uscite vittoriose dal referendum si prendono la responsabilità di fare un governo di scopo per la legge elettorale, oppure il Pd non teme le elezioni. E i renziani si aspettano un'adesione compatta, con l'isolamento della minoranza. Per capire quale sia il clima nella base del Pd, del resto, basta dare un'occhiata ai commenti sulla pagina Facebook di Pier Luigi Bersani, che con uno sconclusionato post rivendicava la propria battaglia per «non lasciare alla destra» il No. Uno sterminato elenco di interventi inferociti di militanti Pd che, nei casi più gentili, danno all'ex segretario del «Bertinotti» e del «Dibba», e che lo accusano di avere «per puro rancore personale» fatto saltare il governo del Pd. Un'autentica rivolta dell'elettorato democratico contro quel pezzo della sinistra che ha fatto la guerra al premier e alla riforma che in precedenza aveva votata.

Commenti

grazia2202

Mer, 07/12/2016 - 10:58

allora un governo con tutti i segretari dei partiti. visto che non c'è una maggioranza. chiedete alla consulta di fare uno sforzo visto quanto sono pagati e poi al voto. questo ha detto l'elettorato. Napolitano non ti nascondere ancora dietro le risibili comodità della consulta

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 07/12/2016 - 10:59

Non si può mica lasciare a metà il piano di sostituzione etnica!

Giunone

Mer, 07/12/2016 - 11:03

Incubo senza fine! Era tanto convinto di avere il SI totale, che non preparò (e tantomeno vuole preparare) la sua mente per lasciare il potere. L'extra potere acceca, ubbriaca e fa perdere il senso della misura e della realtà. Peccato che a pagare il conto sia ancora l'Italia tutta.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 07/12/2016 - 11:03

Come godo a vedere i rosiconi forzatamente alla finestra.

Ritratto di £inciuCcIo.

£inciuCcIo.

Mer, 07/12/2016 - 11:07

un altro Sgoverno di SCOPO, lo scopo è sempre lo stesso FREGARE L'ITAGLIOTA... l'INCIUCCIO pdpdl CONTINUA

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 07/12/2016 - 11:09

siamo tutti sotto dittatura. anche renzi.

bezzecca

Mer, 07/12/2016 - 11:09

Le opposizioni votando no hanno voluto cacciare Renzi ma l unico punto in comune che hanno è questo . Come mettere d accordo i vari Bersani , D Alema , Vendola , Salvini , Meloni , Berlusconi , Grillo su quando andare a votare e con quale legge elettorale ? Per me prima si va ' a votare meglio è , questo Paese è da troppo tempo in campagna elettorale , il rischio pero' è che non esca una maggioranza di governo dal voto

ccappai

Mer, 07/12/2016 - 11:12

Aiuto!!! Non riesco a credere che per la prima volta nella mia vita sono totalmente d'accordo con un articolo del "GIORNALE"!!

Duka

Mer, 07/12/2016 - 11:16

un pagliaccio fino all'ultimo respiro. E' sicuro che gli italiani gliela fanno passare liscia?

bernaisi

Mer, 07/12/2016 - 11:18

Ma questo è pazzesco e non è quello che hanno chiesto gli italiani ma è solo quello che vogliono i pagliacci in parlamento per maturare il furto della pensione

JosefSezzinger

Mer, 07/12/2016 - 11:19

Il problema non è nè la legge elettorale, nè quella costituzionale ma una classe politica che nella sua totalità non ha un minimo comun denominatore su temi vitali quali: economia, immigrazione, politica industriale. L'Italia è ancora un paese di Guelfi e Ghibellini e Mr. Renzi incarna plasticamente la situazione.

caste1

Mer, 07/12/2016 - 11:30

Chi mi sa dire che mestiere faceva renzi prima di entrare in politica? Date una risposta e, poi, vi renderete conto che questo è l'unico modo per campare che ha. Amen.

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 07/12/2016 - 11:31

E certo, in Italia mica comanda il Popolo, come la Costituzione sancisce. Comandano loro, i Magistrati Democratici. Loro hanno in mano le leve del potere e se ne servono come più gli aggrada. Se poi trovano i servi sciocchi, sistemati nei ruoli chiave, a partire dai più alti, il giochino è fatto.

elpaso21

Mer, 07/12/2016 - 11:46

"nel fronte del No nessuno ha idee o piani condivisi" ma allora le Riforme quando si faranno?

paolonardi

Mer, 07/12/2016 - 11:50

Questo era fin dall'inizio il piano A dell'ameba e del napoletano del quale il contadino era a conoscenza ancor prima del referendum e del finto addio strappalacrime. Sembra di essere tornati ai tempi della DC di Moro e del compromesso storico. Mi auguro che il piano non riesca e che alle elezioni gli italiani spazzino via questa melma che sa di vecchio lontano un centinaio di chilometri insieme al finto rottamatore con ambizioni dittatoriali.

saturnic

Mer, 07/12/2016 - 11:51

renzi ed il pd hanno già dimenticato che il NO ha vinto col 60% dei voti degli italiani. Infatti pensano che sono loro che hanno vinto e vogliono condizionare il futuro della politica. Penso che alla maggioranza degli italiani questa bulimia del potere non piaccia e che renzi si voglia scavare la fossa portandosi dietro (come sansone) tutto il suo cucuzzaro. Anche la consulta deve capire che gli italiani non possono aspettare la fine delle vacanze natalizie dei parlamentari, per avere la sua risposta, dato che sa già qual è la sort dell'italicum.

bernaisi

Mer, 07/12/2016 - 12:04

la legge elettorale fa parte delle grandi riforme del pagliaccio le altre sono anche peggio non per niente siamo corsi tutti a votare NO

BUBUCCIONE

Mer, 07/12/2016 - 12:10

XXX gzorzi……………..dear kompagno…..certo che sei messo male!!! Cerca di TROMBARE più spesso e lascia perdere la politica.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mer, 07/12/2016 - 12:10

Ci rendiamo conto che se siamo a questo punto è solo colpa di Renzi e di chi lo ha messo lì? Che riforme doveva fare? Con questa è riuscito solo ad incasinare ancora di più la situazione, solo perché lui e la Boschi si sono fatti guidare dalla loro arroganza e presunzione. Ora siamo nelle mani di un PD completamente sfaldato e di una Corte Costituzionale che sta fermando il paese. Renzi lo sapeva ma nonostante ciò ha tirato dritto e non ha mai pensato a cambiare atteggiamento.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mer, 07/12/2016 - 12:13

X caste1.Faceva la controfigura di Mr bean !!!!

Gattina58

Mer, 07/12/2016 - 12:15

Ma renzi, in un attimo di lucidità svanito come neve al sole, si era interrogato chiedendosi come mai gli italiani lo odiano così tanto... L'unica cosa che dovrebbe fare sarebbe quella di togliersi dai piedi e convincersi che non lo rimpiangerebbe nessuno.

puponzolo

Mer, 07/12/2016 - 12:18

La colpa è del centrodestra, che è così frammentato da non costituire alcuna alternativa. E basta con questa cosa delle lelezioni anticipate di Salvini! Ma scusate, fra noi che leggiamo e voi che scrivete...chi è il fesso che se fosse parlamentare accetterebbe di andare a casa prima che trascorrano cinque anni, rinunciando così alla pensione a vita? Realismo e onestà, per favore. Altrimenti Renzi resterà per sempre. Ci vogliono proposte alternative realmente attuabili.

tzilighelta

Mer, 07/12/2016 - 12:21

Eccoli qua i vincitori del No, hanno fatto bene a definirli un'accozzaglia, in realtà sono anche peggio, da Berlusconi a D'Alema passando per Grillo e Salvini il caos è totale, la vittoria del No vale quanto quella di Pirro, ma somiglia sempre di più ad una Caporetto!

unosolo

Mer, 07/12/2016 - 12:23

da molto tempo che sappiamo che sono stati messi personaggi legati all'ex per poter aprire o chiudere misfatti o aiuti al governo e di chi lo fa galleggiare , questo dimostra la completa sottomissione per ringraziamento e devozione verso l'ex che ancora comanda , peccato che il CDS attuale non entri a far rispettare l'urgenza della Nazione , i mercati ci credono e la borsa sale , sbrighiamoci prima di ricadere nel vuoto ., sappiamo della sentenza sulla Fornero mai fatta rispettare ed ora ci frenano il riscatto di rientrare in democrazia ?

vottorio

Mer, 07/12/2016 - 12:43

il Popolo italiano ha detto che te ne devi andare e che questa maggioranza artificiosa è illegale così come tutte le nomine fatte che devono essere annullate. nuove elezioni subito e nuova elezione di un Capo dello Stato.

ghorio

Mer, 07/12/2016 - 12:44

Il sogno di Renzi evidentemente è sempre quello di stare a galla!

agosvac

Mer, 07/12/2016 - 12:45

Come al solito renzi pecca di arroganza! Non è lui che può chiedere alle opposizioni di "prendersi" le loro responsabilità, è Mattarella che deve decidere. Di certo se decidesse di dare a renzi questa incombenza di un Governo di scopo, andrebbe contro il volere di tutti gli italiani che renzi lo hanno bocciato. Tra l'altro un Governo di scopo lo può guidare chiunque.

Una-mattina-mi-...

Mer, 07/12/2016 - 12:46

USURPATORE, BUFFONE, TRADITORE, VOLTAGABBANA, BUGIARDO... ho, come mi capita spesso ultimamente, finito con i complimenti.

VittorioMar

Mer, 07/12/2016 - 12:47

...questo parla ancora ??..e come disse qualcuno:PER QUANTO TEMPO ANCORA VUOI ABUSARE DELLA NOSTRA PAZIENZA ???

edo1969

Mer, 07/12/2016 - 12:55

insomma ci aspetta un bel governo D’Alemoni, che gioia

pecoranera

Mer, 07/12/2016 - 12:56

Memphis35 "sostituzione etnica" ho riso più del dovuto

abocca55

Mer, 07/12/2016 - 13:00

Adesso, se ci fosse della saggezza, ci sarebbe il tempo per fare una modifica radicale alla Costituzione, eliminando del tutto il senato, ma la verità è che i politici non vogliono segare il ramo sul quale sono seduti. Basterebbero pochi mesi e poi alle urne. Andare alle urne senza riforma vuol dire che dobbiamo mantennere il senato per altri cinque anni + più i conseguenti assegni di pensione.

manfredog

Mer, 07/12/2016 - 13:02

..si è 'dimesso' e poi si è..'rimesso', eh eh ..!! 'Mi dimetto' e poi..mi 'rimetto', col piano 'B'..(qui è meglio che non faccio..commenti..). mg.

Pensobene

Mer, 07/12/2016 - 13:05

Quindi dopo aver rilasciato le dimissione tira a durare ancora a lungo? A RENZISTERE? Quousque tandem abutere, Matteina, patientia nostra?

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 07/12/2016 - 13:05

L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA FONDATA SUI BUFFONI E GLI SCANSAFATICHE. I NOSTRI POLITICI SONO TALMENTE STUPIDI CHE NON SONO CAPACI DI FARE UNA LEGGE ELETTORALE DECENTE. SIAMO LA BARZELLETTA D'EUROPA E DE MONDO. SAREBBE BELLO SAPER COSA FANNO QUELLI DELLA CONSULTA DA OGGI FINO AL 24 GENNAIO...

giginonapoli

Mer, 07/12/2016 - 13:24

Te ne devi andare al piu`presto possibile, non ti vogliamo piu`vedere, buffone.

Ritratto di niki 75

niki 75

Mer, 07/12/2016 - 13:35

Costui è capace di tutto, nel senso negativo dell'espressione. Ciò premesso voglio rilevare che nessuno sei grandi cervelloni, politici e non, che hanno fatto infiniti esami critici sui risultati del voto ha avuto il coraggio di rilevare che una buona percentuale dei no derivano da coloro che non riescono a farsi una ragione della dissennata politica sull'immigrazione.

g-perri

Mer, 07/12/2016 - 13:41

Non cambia mai, ballista era e ballista bullo resta. Prima annuncia le dimissioni e poi prova a resistere. Prima approva con la fiducia leggi sballate (ad esempio italicum) rendendo impossibile andare al voto subito e poi ricatta il Parlamento se gli altri non fanno ciò che vuole lui. Provi pure a resistere finchè glielo lasceranno fare, tanto questi saranno gli ultimi suoi giorni di Presidente del consiglio (mai più gli italiani si augurano di riaverlo dove si trova adesso).

Cinele

Mer, 07/12/2016 - 13:49

Popolo del centro destra, scusatemi ma perché vi incazzate con Renzi? Sarà mica colpa sua sei i vostri capi (Berlusconi, Salvini...) non riescono ad avere un'unica linea circa le nuove elezioni. Questa volta stento veramente a comprendere le vostre ragioni.

baio57

Mer, 07/12/2016 - 14:34

Hanno ragione i cocomeriotas/sinistrati ,bisognava votare SI così si sarebbe scongiurato il crollo delle Borse con il + 4,5% ed il catastrofico aumento dello Spreeeeeaaaaadddd a 154 punti......

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 07/12/2016 - 15:25

@Cinele: non sforzarti con dei pensieroni più grandi di te. Lascia perdere, vai all'osteria per la birretta e la briscola.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 07/12/2016 - 16:26

Se riesce a tirare fino al 2018 saccheggeranno il poco rimasto fino a lasciare dell'itaglia solo macerie.

Cinele

Mer, 07/12/2016 - 16:46

Aresfin, già il modo in cui si rivolge ad una Signora la dice molto lunga sul suo livello. Inoltre, denota una totale incapacità di dialogo e sereno confronto. Ma perché invece di spiegare il proprio punto di vista, si preferisce insultare? Chiedo cortesemente alla redazione di pubblicare, favorendo così un civile scambio di opinioni.

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 07/12/2016 - 18:14

Si pootrebbe andare a votare lo stesso con le stesse regole, ma Mattarella fa opposizione e il gioco di Frottolo. L'unico modo per evitare questo incubo è che le opposizioni (da FI a Cinque Stelle passando per la Lega et altri, inclusa una parte del PD) facciano blocco per creare una nuova legge elettorale e poi si vedrà. E' la cosa più urgente. Altrimenti Renzi userà questa scusa per aggrapparsi alla poltrona fino alla FINE DEI TEMPI.